Connect with us

Cronaca

«Sono il Comandante dei Carabinieri e pago quanto dico io»

Indagato per concussione luogotenente del sud Salento e comandante di Stazione in un centro della provincia. Avrebbe vessato con controlli e sanzioni un imprenditore edile allos copo di ottenere un corposo sconto sui lavori di risatrutturazione effettuati in casa

Pubblicato

il

Avrebbe usato la sua posizione dei comandante di stazione dei carabinieri per non pagare o quanto meno pagare meno i lavori che una ditta edile aveva svolto nella sua abitazione.


Nei guai un luogotenente dei carabinieri del basso Salento che ricopre il ruolo di comandante di una stazione della provincia.


Dovrà rispondere del reato di concussione.


A denunciarlo proprio l’imprenditore la cui ditta ha svolto i lavori, sembrerebbe che a fronte di un conto finale di 45mila e 628 euro il carabiniere ne voleva pagare abbia pagato appena 11mila.


Cosa che all0imprenditore ovviamente non sarebbe andata giù e per questo avrebbe chiesto il pagamento completo dei lavori.


Da quel momento secondo quanto risulta dell’indagine condotta dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile di Lecce, il comandante dei carabinieri avrebbe continuato a negare il pagamento e avviato una sorta di campagna persecutoria nei confronti del creditore con controlli e sanzioni a getto continuo.

Con la solita minaccia: «Non hai capito che devi finire il lavoro, fai quello che ti dico io altrimenti se non finisci non ti faccio più lavorare».


In realtà i controlli erano partiti già a luglio del 2019 quando l’imprenditore aveva completato il massetto.


E quando sospese i lavori, subì una serie di ripicche: una contravvenzione perché sorpreso sul motociclo senza casco e una seconda per guida di un mezzo sottoposto a fermo amministrativo.


Un vero e proprio accanimento accompagnato dalla minaccia inequivocabile, «fai quello che ti dico io altrimenti se non finisci non ti faccio più lavorare».


Cronaca

Taurisano, operaio morto al lavoro: condannato Scarlino

Condannato a sette anni per omicidio colposo l’amministratore unico del Salumificio taurisanese Attilio Scarlino.
Quattro anni al fratello Antonio. L’azienda ha già annunciato l’appello

Pubblicato

il

Omicidio colposo con violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro: condannato a sette anni l’amministratore unico del Salumificio Scarlino di Taurisano, Attilio Scarlino, 61 anni. Quattro anni al fratello Antonio di 52 anni.

La vicenda all’esame dei giudici era quella dell’agosto 2013, quando Mario Orlando, operaio 51enne di Taurisano rimase stritolato in un’impastatrice nel salumificio taurisanese.

Assoluzioni e prescrizioni per gli altri imputati.

Deciso anche il risarcimento delle parti civili, cioè la moglie, i due figli e i sei fratelli di Orlando, in separata sede. Per moglie e due figli, inoltre, una provvisionale di 50mila euro ciascuno.

Infine, Attilio Scarlino è stato interdetto in perpetuo dai pubblici uffici, mentre Antonio per cinque anni.

Il comunicato dell’azienda

“La rimozione delle cautele antinfortunistiche, infatti, non avrebbe avuto alcuna incidenza causale sulla produzione dell’evento”, si legge in una nota diffusa dall’azienda.

Già annunciato il ricorso in appello.

Continua a Leggere

Botrugno

Ennesimo incidente sulla SS 275 Maglie – Leuca

Auto in coda e traffico rallentato all’altezza dello distributore di carburante, all’inizio della due corsie

Pubblicato

il

Ennesimo incidente sull’asfalto della statale 275 Maglie-Leuca

Questa volta il sinistro se verificato sul tratto tra Maglie e Montesano Salentino, nei pressi del distributore di benzina, praticamente all’inizio della “due corsie”.

Almeno due le auto coinvolte.

Non risulterebbero feriti gravi, intanto si registrano auto in coda e traffico rallentato.

Continua a Leggere

Cronaca

Scontro tra auto e bici, anziano morto sul colpo

A causa delle ferite riportate dopo la caduta sull’asfalto. La vittima Santo Biagio Schiattino, di 79 anni di Specchia Gallone

Pubblicato

il

Incidente mortale lungo la strada provinciale che collega Poggiardo a Minervino di Lecce, nei pressi della frazione di Minervino, Specchia Gallone.

Ad avere la peggio Santo Biagio Schiattino, 79 anni, di Specchia Gallone, che era in sella alla sua bici, quando, in circostanze ancora in fase di ricostruzione, è entrato in collisione con una Ford Focus, alla cui guida vi era un uomo di 40 anni di  Cutrofiano.

la rovinosa caduta sull’asfalto non ha lasciato scampo all’anziano morto sul colpo.

Sul posto sono arrivati quasi subito i sanitari del 118 ma per l’uomo non vi era più nulla da fare.

Sul posto oltre a i vigili urbani sono intervenuti i carabinieri della stazione di Minervino di Lecce per i rilievi di rito.

Come sempre accade in queste circostanze richiesti anche i test alcolemici e tossicologici per il conducente dell’auto.

 

 

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus