Connect with us

Cronaca

Spacciava acqua potabile per terapeutica: indagato per frode

Su consiglio di urologo, anziano acquista prodotto e poi fa scattare inchiesta

Pubblicato

il

Normale acqua potabile venduta come acqua terapeutica e acquistabile on line per quasi 2 euro a bottiglia.


Deve rispondere di frode in commercio un 54enne di origine leccese ma residente in Svizzera, indagato dalla procura di Milano in qualità di legale rappresentante di Setthim SA, società con sede a Bioggio.


Si tratta dell’imprenditore G. A., da tempo residente in Svizzera, iscritto nel registro degli indagati dalla Procura della Repubblica di Milano a seguito di un’attività investigativa eseguita negli ultimi mesi. La vicenda nasce a seguito della denuncia sporta da un uomo di 82 anni. L’anziano, lo scorso 27 marzo, si è infatti presentato presso gli uffici dell’Agenzia di tutela della salute della Città metropolitana di Milano e ha raccontato di aver comperato delle confezioni di “Acquauro”, questo il nome del prodotto messo in commercio, su suggerimento del suo urologo di fiducia.


Quest’ultimo avrebbe espressamente indicato in quell’acqua una valida cura e misura preventiva contro distrubi renali e urologici. L’anziano ha lamentato il costo delle bottiglie, ordinabili soltanto al numero verde con una richiesta di un minimo di 4 confezioni da sei bottiglie, per un totale di 42 euro. Il sapore però, sempre a detta dell’anziano, era simile a quella del rubinetto di casa. “Acquauro” sarebbe stata messa in commercio come prodotto poco mineralizzato e povero di sodio e in grado di stimolare la diuresi, prevenire la formazione di calcoli.

Sul depliant, anche precisi consigli sul dosaggio: “Bere almeno due bicchieri al giorno per risolvere il tuo problema: coliche renali e/o infezioni allevie urinarie”.


“La giudice per le indagini preliminari (gip) Anna Calabi, su richiesta del pubblico ministero (pm) Mauro Clerici”,evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, “ha disposto il sequestro preventivo dei lotti di AquaUro e AquaEndo, «realizzate con le acque in esubero dello stabilimento Fonti di Vinadio spa prive di effettive indicazioni terapeutiche accompagnandole con depliant pubblicitari, distribuiti tramite medici urologi ed endocrinologi, in cui venivano esaltate sedicenti proprietà curative». Acque indicate per specifiche patologie e messe in vendita on line con indicazione di «acque terapeutiche»”.


Cronaca

Temporale e allagamenti: fiumi d’acqua a Parabita

Pubblicato

il

Temporale estivo, ma di quelli forti.

Raffiche di vento, acquazzoni e fulmini. Particolarmente colpito il basso Salento, con il casaranese in ginocchio.

Allagamenti nella zona. Colpita fortemente Parabita dove i tombini sono letteralmente saltati in aria spinti dalla furia dell’acqua. Un uomo è rimasto ferito, soccorso dai vigili del fuoco. Seguono video di alcune strade del paese e del circondario completamente allagate.

Numerose le vetture sommerse dall’acqua anche a Casarano. Le foto di via Poerio, ex area mercatale, lo raccontano. A margine una galleria di immagini della Protezione Civile che testimoniano lo scioccante pomeriggio.

Immagine in evidenza da canale Telegram Protezione Civile Salento

Continua a Leggere

Cronaca

Rientra allarme al Fazzi: torna normalità in Chirurgia toracica

Pubblicato

il

Riprende a pieno regime l’attività del reparto di Chirurgia toracica dell’ospedale Vito Fazzi di Lecce.

È rientrato infatti l’allarme scattato dopo la ripositivizzazione di un paziente che aveva portato la direzione sanitaria al blocco dei ricoveri.

Dopo la santificazione dei locali, i test sul personale e gli altri pazienti ed i nuovi test sul paziente positivo, nella serata di ieri il ritorno alla normalità.

L’episodio conferma nuovamente la tendenza alla riposivittazione fittizia dei pazienti guariti.

Continua a Leggere

Cronaca

Guerra alle infrazioni: raffica di nuovi autovelox in arrivo in Salento

Pubblicato

il

Arrivano nuovi autovelox sulle strade del Salento.

In uno dei punti più trafficato della provincia i macchinari che con tutta probabilità scatteranno più “foto”: sulla Lecce-Maglie nei pressi del centro commerciale di Cavallino.

Nuove installazioni a Galatina, sulla via di Collemeto, e sulla Lecce-Gallipoli. Uno a Copertino, mobili invece sulla via del mare, da Lecce a Vernole.

Il tema della sicurezza stradale è stato dibattuto anche oggi in Prefettura a Lecce dove è stato chiesto un maggiore impegno per il controllo e il coordinamento a tutte le polizie locali. Complici gli innumerevoli gravi incidenti di questo periodo, si prospetta un periodo di rigidità sul rispetto delle norme stradali.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus