Connect with us

Cronaca

Scia di violenza apre strada ad indagine: blitz ad Ugento contro associazione dedita a spaccio

Maxi operazione in corso col supporto di elicotteri, antidroga e anti-esplosivo

Pubblicato

il


Dalle prime luci dell’alba è in corso un’attività di indagine, con l’esecuzione di un provvedimento di custodia cautelare emesso dal GIP del Tribunale di Lecce, nei confronti di 13 persone (di cui 11 in carcere e 2 agli arresti domiciliari).





Alla base dell’operazione, la caccia ad un’associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, quali cocaina e marijuana, operante nell’area di Ugento e nelle zone limitrofe.





L’indagine sviluppata sul territorio Ugentino è stata condotta dai Carabinieri della Compagnia di Casarano e della Stazione locale, coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Lecce, dall’inizio del 2019 sino all’estate del 2020.





L’esecuzione del provvedimento sta impegnando oltre 70 carabinieri in forza ai reparti dipendenti dal Comando Provinciale di Lecce, con il concorso dello Squadrone Eliportato Cacciatori “Puglia” e le unità antidroga e anti-esplosivo del Nucleo Carabinieri Cinofili di Modugno.





Da quanto riportato dai carabinieri, queste le modalità comportamentali associative protese all’affermazione egemonica dell’organizzazione sul territorio: l’esercizio della forza intimidatrice, correlata in parte anche allo spessore criminale di alcuni soggetti, con derivante condizione di  assoggettamento e omertà sofferta da terze persone.





L’operazione trae origine da alcuni episodi di violenza risalenti alla fine dell’anno 2018, quando alcuni soggetti, in distinte occasioni, non essendo più in grado di far fronte ai propri debiti di droga (in taluni casi superiori a 3mila euro), sono stati oggetto di violenti pestaggi nonché di minacce aggravate dall’uso di armi da fuoco ad opera di alcuni degli associati.





I successivi sviluppi, basati su tradizionali pragmatismi investigativi e affiancati da intercettazioni telefoniche e ambientali, hanno delineato i contorni dell’associazione criminale, definendo i vari ruoli (capo e promotore, coordinatore, gestore dell’attività di vendita della sostanza e relativi corrieri), e accertato numerosi episodi di flagrante cessione della sostanza stupefacente, i quali – grazie alle dichiarazioni rese da alcuni assuntori – hanno consentito di decodificare il linguaggio criptico (metri, minuti, nafta, caffè) utilizzato dai sodali per comunicare tra loro e con gli acquirenti.




L’accertamento di plurimi reati ha, per altro verso, disvelato gli indici di un’associazione criminosa, dettati da stabili rapporti di frequentazione, sistematicità nell’attività di spaccio (secondo un modus agendi sedimentato), elezione di luoghi dedicati all’illecito scambio, esistenza di basi logistiche (un maneggio dei cavalli ove venivano impartite le direttive ai gregari, alcune abitazioni devolute alla coltivazione e al confezionamento della droga, esercizi pubblici per l’attività di smercio), creazione di una cassa comune (utile per rifornire di carburante i mezzi di movimento), disponibilità di uomini, mezzi nonché di armi.





L’attività investigativa, nella sua totalità, ha consentito di:






  • arrestare in flagranza 3 persone e deferirne altrettante per detenzione illecita di sostanze stupefacenti;

  • arrestare in flagranza 3 persone per detenzione abusiva di armi;

  • segnalare all’Autorità Amministrativa 7 persone quali assuntori;

  • sequestrare complessivamente, quale riscontro ai singoli episodi di spaccio, 25 gr. di cocaina, 2,2 gr. di marijuana, 7,8 di hashish;

  • recuperare 3 pistole, 3 fucili (di cui un fucile a pompa) e 90 munizioni;





rinvenire e distruggere n. 1 piantagione di canapa indiana per un totale di 181 piante






Cronaca

Aumentano i contagi ma le terapie intensive restano (quasi) vuote

Sono 1.562 i nuovi positivi solo in provincia di Lecce. Secondo l’ultimo aggiornamento dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali che monitora la pressione nei reparti Covid,, percentuale di posti letto occupata è ferma al 2% in rianimazione

Pubblicato

il

Tornano ad essere meritevoli di una certa considerazione i numeri del contagio in provincia di Lecce. Va detto però che al momento non preoccpua la situazione per quel che riguarda ospedali e terapie intensive. Nessun allarme, quindi, ma solo la giusta attenzione.

IL BOLLETTINO DELLA REGIONE

I dati dell’odierno bollettino epidemiologico ci raccontano di  7.387 i tamponi positivi su 23.371 test effettuati nelle ultime 24 ore in Puglia.

Di questi 1.562 sono i salentini finiti in isolamento.

Il totale dei pugliesi attualmente positivi è di 39.692 (3.967 più di ieri). Il totale dei guariti sale a 1.145.489 (3.415 più di ieri).

Da registrare nuovi 5 decessi con covid che portano il totale delle vittime da inizio pandemia ad 8.609.

IN OSPEDALE

i pazienti ricoverati in area non critica sono passati da 269 a 270. In terapia intensiva i posti letto occupati sono 10, esattamente come ieri.

Secondo l’ultimo aggiornamento dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali che monitora la pressione nei reparti Covid, la percentuale di posti letto occupata è ferma al 2% in rianimazione.

Stabile al 10% il tasso di occupazione in malattie infettive, medicina generale e pneumologia.

Come si legge sul Portale dell’Agenzia, i dati non tengono conto delle differenze nella composizione della popolazione (per sesso, età, fattori di rischio) o per gravità di sintomi e condizioni cliniche, che possono determinare una diversa propensione alla ospedalizzazione e/o ricovero in terapia intensiva.

Continua a Leggere

Cronaca

Controlli a tappeto nel Capo di Leuca

Servizio coordinato di controllo del territorio da parte della Compagnia dei Carabinieri di Tricase con l’ausilio di un elicottero. Denunciate tre persone per dentenzione e spaccio, effettuati 25 controlli a persone sottoposte agli arresti domiciliari e controllati 124 automezzi; 104 le persone identificate; 28 le contravvenzioni al codice della strada  elevate;  due le  patenti di guida ritirate e due gli autoveicoli sequestrati

Pubblicato

il

In tanti si chiedevano ieri del motivo di quell’elicottero dei carabinieri che girava in lungo e largo nel Capo di Leuca.

Il motivo era un servizio coordinato di controllo del territorio da parte della Compagnia dei Carabinieri di Tricase con ausilio proprio dell’unità aerea del 6° Nucleo Elicotteri di Bari Palese

I carabinieri hanno denunciato tre persone per dentenzione e spaccio, effettuato 25 controlli a persone sottoposte agli arresti domiciliari e controllati 124 automezzi; 104 le persone identificate; 28 le contravvenzioni al codice della strada  elevate;  due le  patenti di guida ritirate e due gli autoveicoli sequestrati.

Tre di loro per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti: A.R., 59 anni, seguito di perquisizione domiciliare, lo hanno trovato in possesso di 3,50 grammi di cocaina, 1,20 grammi di eroina, un bilancino di precisione perfettamente funzionante; A. C., 24 anni, durante la perquisizione domiciliare, i carabinieri hanno rinvenuto  5,53 grammi di cocaina, un barattolo in vetro contenente 5,20 grammi di marijuana, un barattolo in plastica contenente 2,20 grammi di hashish, un bilancino di precisione perfettamente funzionante.

Denunciata anche una persona di 41 anni, trovata in possesso di 0,22 grammi di hashish, 0,12 di marijuana, nonche’ una piantina essiccata sempre di marijuana.

Per guida in stato di ebrezza denunciati: D. B., 41 anni, ed M.S., 50 anni; per entrambi auto sottoposta a sequestro amministrativo, patente ritirata.

Per porto di armi abusivo, a Salve denunciato F.N. che, all’interno di un esercizio pubblico, in evidente stato di ubriachezza, aveva minacciato ed infastidito i clienti con un coltello a serramanico. I carabinieri, giunti sul posto, sono riusciti a disarmarlo.

Nel corso dell’operazione sono stati impiegati complessivamente 25 militari, un elicottero, dieci automezzi.

Continua a Leggere

Cronaca

Il tricasino Biagio Morciano tra i primi pokeristi al mondo alle WSOP di Las Vegas

Sfiorata l’impresa, ma è comunque nella storia: 4o posto in categoria Senior e montepremi da capogiro

Pubblicato

il

A Tricase in queste ore non si parla d’altro: c’è un tricasino che a Las Vegas ha toccato il tetto del mondo del poker con un dito!

È Biagio Morciano, player conosciutissimo negli ambienti live e con una collaborazione con una concessionaria di gioco online.

Morciano ha preso parte al Campionato del Mondo Senior 2022 di poker a Las Vegas.

È arrivato al tavolo finale chiudendo al quarto posto. Una cavalcata storica la sua, che lo vede tornare in Salento con la fama di uno tra i più conosciuti e “temibili” pokeristi del pianeta.

Tagliato quasi fuori dai giochi all’inizio Day 3, è riuscito ad incrementare progressivamente il proprio stack fino ad arrivare al tavolo finale. Tavolo cui si entra già da vincitori di un montepremi minimo da capogiro: 186mila dollari, a fronte di un gettone d’ingresso di mille.

A Morciano non è riuscita l’impresa di portare a casa il braccialetto del primo classificato. Tuttavia, il suo quarto posto è un risultato eccezionale, che oltre alla fama gli vale un bottino di oltre 244mila dollari.

Ha commentato la sua impresa con poche parole ed un pizzico di rammarico: “È stato un viaggio bellissimo…peccato”.

L’evento Senior del 53esimo World Series Of Poker, intanto, ha battuto il record di iscrizione pre pandemia, che ha visto sfidarsi 5918 players nel 2018.

Quest’anno si sono contate 7188 entries ed un montepremi di ben 6.397.320 dollari.

Questi di seguito i premi riservati ai primi classificati (al primo di categoria sono andati quasi 700mila dollari).

Lorenzo Zito

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus