Connect with us

Cronaca

Taurisano: cade dal camion e finisce sotto a carrello elevatore

Operaio 41enne in ospedale in prognosi riservata

Pubblicato

il

Incidente sul lavoro nel pomeriggio di ieri a Taurisano.


Nella zona industriale, un uomo, G.L. ha perso l’equilibrio mentre scaricava della merce da un camion con un carrello elevatore (noto anche come transpallet). Un collega lo ha trovato a terra, ferito sotto al peso del muletto.


Immediati i soccorsi e la corsa in ospedale a Casarano dove ora il 41enne è ricoverato in prognosi riservata. Avrebbe riportato alcune fratture e ferite alle gambe. L’uomo è originario della provincia di Bari, dalla quale era arrivato nel Salento per conto della ditta per cui lavora.

Sono scattate delle indagini attorno all’incidente: sul posto, oltre alla polizia di Taurisano, gli ispettori dello Spesal, Servizio Prevenzione e Sicurezza sugli Ambienti del Lavoro.


Cronaca

Rumori e ombre in casa: ragazza mette in fuga ladri a Tricase

Pubblicato

il


Non si ferma la scia di furti che da mesi interessa Tricase. Le festività “casalinghe”, causa lockdown natalizio, hanno paradossalmente concesso un periodo di tregua in un periodo che solitamente, negli anni addietro, registrava un intensificarsi dei colpi.





Ora invece l’intensità dei furti è diminuita a ridosso del Natale e vede riaccendersi il campanello d’allarme col ritorno alla parziale “libertà” che porta la gente ad allontanarsi dalle proprie dimore.





Non si sono fatti attendere i ladri che tengono sotto scacco Tricase da ormai mesi. Ammesso che siano sempre gli stessi, gli autori delle “visite” che hanno interessato bar, negozi, minimarket e abitazioni private, eccoli di nuovo in azione nella giornata di ieri.




Un tentativo di furto è stato registrato in pieno giorno, qualche minuto dopo il tramonto. Le 17e30 circa, un orario in cui il paese è ancora vivo. In una zona tutt’altro che periferica (nei pressi dell’ospedale “Panico”) una banda di malviventi si è intrufolata in un appartamento. Con tutta probabilità i ladri avevano tenuto d’occhio i proprietari, usciti da casa pochi minuti prima. Ma avevano fatto male i conti: non tutta la famiglia si era allontanata.





La figlia, infatti, ha improvvisamente udito dei rumori provenire dall’altra parte dell’appartamento. Il tempo di uscire dalla propria camera è stato sufficiente per realizzare cosa stesse accadendo: torce alla mano, delle ombre si aggiravano in fondo al corridoio. Due, forse tre persone che, una volta capito che la casa non era vuota, hanno girato i tacchi e se la sono data a gambe.





Nullo il bottino e nessuna conseguenza per la malcapitata ragazza, vittima fortunatamente solo di un grande spavento. Persiste però il problema furti e stupisce anche il modus operandi in evoluzione: i ladri non si fanno scrupoli nel colpire anche in orario pomeridiano.


Continua a Leggere

Cronaca

Tari illegittima: annullato avviso di accertamento ad albergo

Commissione Tributaria Provinciale di Lecce: annullato avviso di accertamento Tari di oltre 200mila euro ad un noto albergo di Gallipoli. Disparità di trattamento tra tariffa per utenze domestiche e quelle delle attività produttive

Pubblicato

il

Un’interessante sentenza della Commissione Tributaria Provinciale di Lecce – Sez. 1 – depositata il 12 gennaio in accoglimento delle eccezioni di diritto e di merito dell’avvocato Maurizio Villani, ha accolto parzialmente il ricorso avverso l’avviso di accertamento TARI 2018 del Comune di Gallipoli di € 227.959, notificato ad un noto albergo della città.

La Commissione ha disapplicato la Delibera del Comune di Gallipoli per l’applicazione della TARI per l’anno 2018 perché, nel ripartire i costi tra le utenze domestiche e quelle produttive, non avrebbe rispettato criteri razionali al fine di garantire un’idonea copertura dei costi reali del servizio e non un’atipica forma di prelievo sul reddito o sul patrimonio.

Infatti, il Comune di Gallipoli per la TARI 2018 (ma lo stesso principio si può estendere agli altri anni), contravvenendo a quanto suddetto, “del tutto illegittimamente ed arbitrariamente” ha ritenuto, ai fini della ripartizione dei costi del servizio, di dover applicare alle utenze domestiche una tariffa pari al 57% ed alle attività produttive una tariffa pari al 43%.

La scelta del Comune sulla ripartizione in quelle percentuali indicate appare “immotivata e quindi illegittima, non il frutto di un esercizio razionale della discrezionalità tecnica, bensì il frutto di un apodittico e non giustificato esercizio di discrezionalità amministrativa”.

In sostanza, il Comune di Gallipoli non avrebbe esposto una esauriente indicazione delle ragioni obiettive di carattere tecnico che sorreggano, nel rispetto del principio di proporzionalità, la scelta di differenziare, all’interno della stessa categoria legale e con margini di scostamento rilevantissimi, le aliquote relative alle diverse tipologie di immobili.

I giudici tributari hanno censurato il comportamento del Comune di Gallipoli, accogliendo parzialmente il ricorso della società e ridimensionando le richieste del Comune nel senso di porre a carico delle utenze non domestiche, come l’albergo, una percentuale pari al 25,11% dei costi TARI e non del 43% come in un primo momento accertato. Per Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, si tratta di «un significativo precedente in materia che riequilibra il rapporto tra ente impositore e contribuente verso più equi criteri di tassazione».

Continua a Leggere

Castrignano del Capo

Servì del brillantante a cliente del bar: assolta

Pubblicato

il


Quasi due anni dopo, è stata assolta la barista di Castrignano del Capo che, inavvertitamente, versò del brillantante ad un cliente al posto dell’acqua.
Era il 18 gennaio del 2019. Un cliente entrando nel bar, nel centro di Castrignano del Capo, chiese un bicchiere d’acqua per poter prendere un farmaco.
La 25enne barista prese la bottiglia sul bancone e ne versò il contenuto in un bicchiere, ignorando si trattasse di un prodotto chimico: la bottiglia (una comune bottiglia di plastica per l’acqua) non era nemmeno stata etichettata per indicarne il contenuto.
Il cliente finì in ospedale e partì subito una inchiesta che vede tuttora imputati anche, per lesioni personali colpose gravissime, un altro dipendente, M.G., 44 anni, e il titolare dell’esercizio commerciale, T.M., 41, anche questi di Castrignano. Bisognerà attendere ancora qualche mese per conoscere la decisione del giudice in merito alle accuse loro rivolte.




Sono ritenuti colpevoli, rispettivamente, il primo di aver svuotato il contenuto di una tanica contenente acido brillantante per lavastoviglie nella suddetta bottiglia anziché di custodirlo in un luogo sicuro; il secondo di non aver provveduto a disporre un manuale di autocontrollo adeguato al corretto utilizzo della macchina e per la procedura di pulizia, né di sistemi di protezione dei detersivi in modo da evitare il rischio della somministrazione ai clienti.
A proposito di clienti, il malcapitato che si ritrovò a bere il brillantante, un 29enne del posto, rischiò la morte e fu costretto ad una serie di interventi che gli hanno per sempre cambiato la vita.
Dell’accaduto però non è responsabile la giovane barista. In queste ore, il giudice della prima sezione penale Stefano Sernia, la ha assolta. Sulla scia di quanto sostenuto dalla difesa e dal pm incaricato, è stato stabilito che “il fatto non costituisce reato”. Le telecamere di sorveglianza hanno avvalorata la tesi difensiva: la barista stava preparando un caffè quando soddisfò la richiesta del malcapitato cliente attingendo alla bottiglia della quale non poteva conoscere il contenuto per i motivi prima specificati.


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus