Connect with us

Cronaca

Torre Pali: sblocco e redistribuzione dei sedimenti di sabbia sequestrati

Pubblicato

il


Sono stati avviati i lavori di sistemazione e redistribuzione, lungo l’arenile di Torre Pali, dei sedimenti di sabbia sottoposti a sequestro lo scorso anno dalla Procura. Lo annuncia il sindaco di Salve, Francesco Villanova, dalla pagina Facebook del Comune.





“Il sequestro”, scrive Villanova, “è stato revocato grazie all’impegno solerte dell’Amministrazione Comunale, che ha prontamente sollecitato gli enti interessati affinché la questione trovasse una soluzione adeguata e definitiva.

E’ stato, infatti, autorizzato l’intervento di ripascimento della spiaggia attraverso il riutilizzo della sabbia, dopo aver fatto eseguire le analisi batterio-chimiche della stessa, che era stata rimossa per liberare le foci del canale. I lavori iniziati nella notte proseguiranno nei prossimi giorni. E’ stato così conseguito,- continua il sindaco- per la prima volta nella storia amministrativa di Salve, un duplice risultato: un notevole risparmio economico a vantaggio delle casse comunali, dal momento che l’intervento è stato finanziato, per una somma pari a 41.480,00 euro, dal Consorzio Ugento li Foggi; il rafforzamento, l’ampliamento e il livellamento dell’arenile, in virtù del nuovo ripascimento, eseguito nel pieno rispetto delle linee guida della Regione e con l’elaborazione di un apposito progetto comunicato agli organi competenti e dopo aver acquisito le relative autorizzazioni”.

Il tutto “nel segno della legalità e dell’impegno concreto, tenace, non curante delle inutili strumentalizzazioni di parte e rivolto al bene del patrimonio paesaggistico, nonché della collettività, come si è sempre fatto dal giorno dell’ insediamento”, concludono dal Comune, aggiungendo che “corre l’obbligo di ringraziare per l’ottimo risultato conseguito i responsabili del Consorzio Ugento li Foggi, nelle persone del Dott. Borzillo, del Commissario Caputo, dell’Ing. Silvia Palumbo e del Geom. Angelo G. Lanza”.

















Cronaca

Un’auto e due barche in fiamme: notte d’incendi a Gallipoli

Pubblicato

il

Due incendi nella notte a Gallipoli.

Alle ore 21:35 circa una squadra dei vigili del fuoco del locale Distaccamento è intervenuta presso lo scalo di Alaggio, zona Canneto, per un incendio che stava interessando due imbarcazioni.

Spente le fiamme e messo in sicurezza la zona operazioni i vigili del fuoco hanno avviato le indagini, tuttora in corso, per stabilire le cause che hanno generato il rogo.

Qualche ora più tardi, attorno alle 2e30, intervento del 115 l nel centro storico per un incendio d’auto. A bruciare, una Fiat Freemont.

All’arrivo della squadra dei vigili del fuoco l’incendio era generalizzato e l’irraggiamento delle fiamme stavano coinvolgendo un portone d’ingresso di un’abitazione un’insegna pubblicitaria ed un palo della pubblica illuminazione.

Spente le fiamme e messo in sicurezza la zona interessata dall’evento i vigili del fuoco hanno avviato le indagini, tuttora in corso, per stabilire le cause dell’incendio.

Continua a Leggere

Cronaca

“Non abbiamo più rispetto nemmeno per Lui!”

Spazzatura abbandonata accanto alle edicole votive della via Crucis su via Maddona di Fatima a Tricase

Pubblicato

il

Foto del giorno, giunta in Redazione. Un lettore ci invia lo scatto, accompagnati da un eloquente commento, di alcuni sacchi di spazzatura abbandonati a Tricase. Siamo su via Madonna di Fatima, la strada che porta sulla omonima collina, accompagnando chi passa con le edicole votive della via Crucis.

Continua a Leggere

Cronaca

Svaligiata casa del sindaco a Ruffano

Il colpo nella serata di ieri: ladri in fuga indisturbati

Pubblicato

il

Ladri in casa del sindaco a Ruffano nella serata di ieri, venerdì 25 novembre.

La dimora del primo cittadino, Antonio Cavallo, è stata raggiunta attorno alle 21, mentre nessuno era in casa.

Sono stati portati via oggetti preziosi ma anche elettrodomestici. Il bottino è da quantificare.

I carabinieri, intervenuti sul posto, indagano sull’accaduto. Si attende di capire se vi siano immagini utili, immortalate da telecamere di sorveglianza presenti in zona.

Il fatto che il furto sia avvenuto a colpo sicuro, forzando un infisso da una strada laterale, e l’ingombro di quanto asportato, fanno pensare che chi ha colpito sia più di una persona, a bordo probabilmente di un furgone.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus