Connect with us

Attualità

Il Salento e la “Fiusis” su Forbes!

Con la semplicità disarmante, tipica del giornalista britannico Johnny Wood, il sito di Forbes spiega ai suoi milioni di lettori cosa realmente fa la Fiusis e perché il suo lavoro sia così importante

Pubblicato

il

La salentina Fiusis su Forbes! La pluripremiata azienda di Calimera divenuta ormai un modello di ecosostenibilità per tutta Europa, è stata al centro di un articolo pubblicato dal noto giornalista inglese Johnny Wood sulla prestigiosa e storica testata statunitense.

La strada per un’agricoltura sostenibile non consiste solo nel dire addio ai pesticidi e nei fertilizzanti chimici e nel diventare biologici”, scrive Johnny Wood, “nella regione pugliese produttrice di olio d’oliva nell’Italia meridionale, gli olivicoltori stanno convertendo i rifiuti agricoli in una fonte di energia pulita.

Marcello Piccinni, amministratore della Fiusis di Calimera

I rami abbattuti durante la raccolta delle olive vengono raccolti dalle foattorie che circondano la cittadina di Calimera e trasformati in trucioli di legno. I trucioli sono usati come biocarburanti che alimentano la caldaia di una centrale elettrica locale. Ma a differenza di altre centrali a biomassa, questo sistema non utilizza l’acqua calda della caldaia per pilotare una turbina a vapore.

Invece, l’acqua passa attraverso uno scambiatore di calore, che contiene un fluido separato con un punto di ebollizione inferiore rispetto all’acqua, operando in un circuito chiuso. Il vapore risultante aziona una turbina a ciclo organico di Rankine (ORC), ruotando a un regime di giri relativamente lento. Questo sistema può generare energia da temperature più basse, rendendolo più efficiente dal punto di vista energetico.

Queste turbine producono sia calore che elettricità (…) aziende nell’intero comune locale di Calimera.

Oltre alla generazione di elettricità, l’impianto sfrutta il calore residuo dalla combustione di biocarburanti per essiccare altri residui di legno e produrre pellet di legno.

Le ceneri delle scaglie bruciate vengono utilizzate per produrre eco-pellet contenenti biofertilizzanti, che completano il ciclo aiutando a concimare i campi di ulivo per una nuova coltura e fornire un reddito aggiuntivo per l’economia locale”.

Con la semplicità disarmante, tipica del giornalista britannico, il sito di Forbes spiega ai suoi milioni di lettori cosa realmente fa la Fiusis e perché il suo lavoro sia così importante.

L’ennesimo successo, meritato, per l’amministratore Marcello Piccinni e per tutti coloro che con competenza e lavoro hanno portato l’azienda salentina ai vertici mondiali.

Attualità

Bollettino covid: +11 in Puglia ma il Salento resta vergine

Dall’inizio della pandemia è di 4.458 il totale dei contagiati: sono 2.178 i pazienti guariti, 1.793 i casi attualmente positivi

Pubblicato

il

Altri 11 contagi in Puglia ma il Salento resta ancora esente da nuovi contagi.

Eseguiti nelle ultime 24 ore 1.832 test: il tasso di positività su tutto il territorio regionale è dello 0,60% in aumento rispetto allo 0,45% di ieri ma sempre contenuto.

Sottolineato che gli ultimi casi riguardano soprattutto la Capitanata (7) e il barese (3) ieri è stato registrato un altro decesso di Pugliese con covid nella provincia Bat.

Dall’inizio della pandemia sono stati effettuati 103.570 test.

Sono 2.178 i pazienti guariti; 1.793 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia dall’inizio dell’emergenza sanitaria è di 4.458, di cui 511 nella provincia di Lecce.

IL BOLLERTTINO EPIDEMIOLOGICO DEL 24 MAGGIO

 

Continua a Leggere

Attualità

“Aiutaci a ripartire in sicurezza”, il video di Confcommercio Lecce

Da Confcommercio Imprese Lecce, un video per sensibilizzare sull’uso corretto delle mascherine, sul mantenimento della distanza sociale e sugli assembramenti

Pubblicato

il

IL VIDEO DI CONFCOMMERCIO IMPRESE PER L’ITALIA LECCE

Continua a Leggere

Attualità

Muro Leccese: aiutiamo Gianpiero

L’appello dei figli: “Lotta da due anni contro un raro tumore al cervello. In Germania è possibile un intervento presso l’International Neuro Science Institute di Hannover che può restituirgli la vita…”

Pubblicato

il

Come per il caso di Andrea il 35enne magliese che è stato operato con successo ad Hannover (in quel caso la campagna di raccolta fondi fu lanciata dalla fidanzata Giovanna di Corigliano d’Otranto) anche Francesco e Stefano di Muro Leccese, lanciano una campagna di raccolta fondi su gofundme per aiutare il papà Gianpiero.

Siamo Francesco e Stefano”, scrivono nel loro appello, “il nostro papà Gianpiero lotta da due anni contro un male che ora mette in pericolo la sua vita. Si tratta di un raro tumore al cervello che in Italia non trova rimedi efficaci. In Germania, invece, è possibile un intervento presso l’International Neuro Science Institute di Hannover che può restituirgli la vita. Per questo chiediamo il vostro aiuto economico, per affrontare i costi dell’intervento che serve a salvare il nostro papà Gianpiero. Aiutateci!”.

Chiunque voglia aiutare Gianpiero e raccogliere l’appello di Francesco e Stefano può utilizzare l’iban: IT45Q0526279720CC0030401810;

intestatario Grande Emilio

(Indicare nella causale DONAZIONE AIUTIAMO GIANPIERO)

 

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus