Connect with us

Attualità

Salentini due volte fessi?

A Casarano siti abusivi dove si radunano solo frigoriferi, solo plastica, solo bottiglie di vetro o solo neon esauriti… Di chi è la responsabilità?

Pubblicato

il

Pensate un po’ a quanto potrebbe essere da persone intelligenti lanciare in alto un sasso e poi rimanere nella sua traiettoria aspettando che ricada in testa a chi l’ha lanciato. È ovvio ed addirittura palese che questo sarebbe un comportamento da stupidi!

discarica Eppure molti di noi, ogni giorno, attuano degli atteggiamenti che più o meno rispecchiano proprio quanto descritto. Non c’è salotto, tavolino da bar o fila alla posta in cui, chiacchierando, non si sia concordi nel dire che le campagne sono diventate delle discariche abusive diffuse e che il degrado ambientale della città è elevatissimo. E sono delle sacrosante verità. Basta, infatti, fare un giro nel circondario di Casarano per accorgersi di quanto reali siano queste lagnanze e di quanto tutta una serie di articoli di modernariato stiano radicalmente cambiando il nostro panorama rurale: dai frigoriferi ai televisori, dai più classici copertoni alle onde poco romantiche dell’eternit. Ogni civiltà ha la spazzatura che si merita. Ma dopo aver anche noi contribuito ad alimentare le lamentele da bar, analizziamo un po’ la situazione in maniera il più possibile obiettiva. Partiamo dal principio logico che se c’è spazzatura nelle periferie della città, sicuramente c’è qualcuno che quella spazzatura ve la porta; e a giudicare da quanto sudiciume c’è in giro, direi che a portarvela c’è anche più di qualcuno.
Se “analizziamo”, però, i vari siti abusivi, ci accorgiamo anche che c’è una doppia tipologia di caratterizzazione: la discarica confusa e quella differenziata. Può sembrare strano, infatti, ma, oltre alle piazzole che mettono insieme un materasso, un divano, vecchi secchi di vernice e specchi rotti, ci sono anche dei siti abusivi dove si radunano solo frigoriferi, solo plastica, solo bottiglie di vetro o solo neon esauriti. Possiamo definirla una sorta di evoluzione della discarica abusiva in chiave “ecologica”. Perdonate lo scetticismo, ma non crediamo poi molto in queste anomalie. L’azienda incaricata della raccolta dei rifiuti, assicura (in modalità assolutamente gratuita) la raccolta porta a porta dei rifiuti ingombranti, previa una semplice telefonata per fissarne l’appuntamento ed inoltre i tempi d’attesa non sono nemmeno biblici. Detto questo, analizziamo insieme la figura dell’idiota che invece preferisce caricarsi in macchina un vecchio frigorifero, portarlo in periferia e, con il rischio di essere scoperto, gettarlo ai margini di una campagna. Del suo acume inutile parlare ma di campioni di intelligenza così ce ne sono evidentemente tanti e bisogna prenderne atto ma, perdonate sempre il nostro scetticismo, che poi ci si metta anche d’accordo fra idioti per andare tutti insieme a gettare la stessa tipologia di rifiuto in un unico posto… onestamente è una teoria che offende l’intelligenza comune.
Ovviamente non è possibile formulare delle accuse precise e puntuali ma basterebbe elencare le figure di chi potrebbe esserne il beneficiario e quindi: gommisti, imprese ed impiantisti, negozi che ritirano l’usato… tutti personaggi che prendono dai clienti anche i soldi per un corretto smaltimento e poi… smaltiscono a modo loro. Nel richiamo alle responsabilità ovviamente non sono risparmiate le istituzioni.
Casarano, infatti, non è dotato di un eco-centro: quel luogo cioè dove un comune cittadino che magari sta pulendo la propria cantina o abbia intenzione di ripulire la propria campagna, possa recarsi a gettare in maniera consona tutti i propri rifiuti. L’azienda incaricata dello smaltimento avrebbe dovuto impiantarlo all’atto stesso dell’inizio della propria attività ma, ad oggi, è ancora tutto impantanato nelle sabbie mobili della burocrazia.
Ma questi richiami non siano la solita assoluzione generalizzata di chi pensa che sia sempre colpa degli altri… in quei salotti, in quei bar, in quella fila alla posta, fra chi si lamenta, proprio lì ci sono quei proprietari di cani che una paletta ed un sacchetto per ripulirne i bisogni non l’hanno nemmeno acquistata; proprio tra loro ci sono quelli che invece che dare 10 euro al gommista preferiscono gettare le proprie gomme usurate; tra loro, pensate, c’è anche chi deposita all’ingresso del cimitero due sacchi pieni di gusci di cozze con cui poi i cani han fatto festa…
E allora di colpo capiamo che di quegli idioti che lanciano in aria quel sasso ed aspettano che gli caschi in testa… ce ne sono davvero tanti!
Antonio Memmi

Continua a Leggere

Attualità

Montesano: ultimo giorno di scuola… a scuola!

Il sindaco Giuseppe Maglie: «Stiamo lavorando per un’aula all’aperto per i ragazzi a fine ciclo. Nei prossimi giorni vi faremo sapere…».

Pubblicato

il

Iniziativa dell’amministrazione comunale di Montesano Salentino che vorrebbe trovare il modo di realizzare un’aula all’aperto in totale sicurezza per i ragazzi a fine ciclo.

L’iniziativa è stata resa nota con un post dal sindaco Giuseppe Maglie, che premette: «Sono passati quasi tre mesi dal giorno in cui i cancelli della scuola si sono chiusi. Sono stati mesi in cui abbiamo convissuto con la preoccupazione, la paura, con l’angosciante consapevolezza di aver perso quella “normalità” che abbiamo imparato ad apprezzare e a desiderare e che, solo in quest’ultimo periodo, stiamo lentamente riassaporando».

«I nostri bambini e i nostri ragazzi», prosegue il primo cittadino, «sono riusciti a sopportare tutto ciò senza mai lamentarsi, senza demoralizzarsi e soprattutto senza mai rinunciare alla bellezza del sapere, anche attraverso un semplice schermo di un computer».

«Per questo», spiega Giuseppe Maglie, «abbiamo pensato che i bambini ragazzi che quest’anno saluteranno di insegnanti per andare incontro ad un nuovo percorso di studi, abbiano diritto ad avere il loro ultimo giorno di scuola, con la possibilità di guardarsi negli occhi con i loro insegnanti e potersi quantomeno salutare prima delle meritate vacanze».

Il sindaco promette: «Stiamo lavorando per questo: immaginare un’aula all’aperto per regalare loro un ultimo giorno di scuola in totale sicurezza. Nei prossimi giorni vi aggiorneremo…».

Continua a Leggere

Attualità

Primo giorno di spostamenti tra regioni: in migliaia in Puglia

Portale per le registrazioni in tilt con quasi 100mila accessi: compilati 6600 moduli già nel primo pomeriggio

Pubblicato

il

Tempo di primi bilanci al termine del primo giorno che ha segnato la riapertura agli spostamenti tra regioni dopo il lockdown da Coronavirus.

Gli ingressi in Puglia nella giornata odierna sono stati tantissimi, si presume abbiano raggiunto quota 10mila.

Ne è riprova il fatto che la piattaforma dove si deve registrare chi vi arriva ha segnato quota 6600 moduli di autosegnalazione già nel primo pomeriggio del 3 giugno.

Il sito della regione che tiene il registro degli arrivi in mattinata è andato in tilt. Il numero di accessi ha infatti toccato quota 80mila già a metà giornata.

L’ordinanza

Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha emanato una ordinanza, la num. 245, con decorrenza dal 3 giugno 2020: “Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19”. Obblighi di segnalazione per l’ingresso delle persone fisiche in Puglia”.

Allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19, si dispone:

Con decorrenza dal 3 giugno 2020, tutte le persone fisiche che si spostino, si trasferiscano o facciano ingresso, in Puglia, da altre regioni o dall’estero, con mezzi di trasporto pubblici o privati:

– segnalano lo spostamento, il trasferimento o l’ingresso mediante compilazione del modello di auto-segnalazione disponibile sul sito istituzionale della Regione Puglia;

– dichiarano il luogo di provenienza ed il comune in cui soggiornano;

– conservano per un periodo di trenta giorni l’elenco dei luoghi visitati e delle persone incontrate durante il soggiorno.

Foto stazione Lecce da instagram _iacovelligiuseppe_

Continua a Leggere

Attualità

Tricase, i commercianti: “Abbandonati al nostro destino”

Lettera aperta sottoscritta dalle presidenti dell’Associazione Commercianti e della locale delegazione di Confcommercio: “Non abbiamo mai avuto il piacere di relazionarci direttamente con sindaco e giunta ed avere degli impegni concreti e di prima mano”

Pubblicato

il

Neanche 24 ore dopo la mozione di sfiducia firmata da 9 consiglieri, arriva un’altra picconata destinata all’amministrazione in carica.

Una lettera aperta indirizzata “agli organi di stampa, ai propri associati ed alla cittadinanza” e sottoscritta, per il direttivo dell’Associazione Commercianti di Tricase, dalla presidente Stefania Palmieri e, per il direttivo della delegazione di Tricase di Confcommercio, dalla presidente Rosanna Zocco.

Il direttivo dell’Associazione Commercianti di Tricase dopo poco più di 15 mesi dal suo insediamento, si vede nella condizione di dover scrivere una lettera aperta”, si legge nella nota, “è questa la seconda, la prima era stata pubblicata dopo il primo mese dall’insediamento per presentarsi ufficialmente e rendere noti i propri obiettivi. Nella circostanza avevamo dato atto del nostro incontro con l’amministrazione comunale di Tricase (sindaco e giunta) e con la Confcommercio Lecce”.

All’amministrazione comunale”, proseguono Palmieri e Zocco, “avevamo chiesto di trovare un modo di dialogare e collaborare, in pratica un metodo per fare sistema nell’obiettivo comune di tutelare e far crescere il tessuto economico produttivo di Tricase, ossia Commercio, Turismo, Artigianato e Servizi. Alla Confcommercio Lecce avevamo chiesto una concreta e fattiva collaborazione in un’ottica di crescita e di consolidamento. Con la Confcommercio la collaborazione è partita e già la scorsa estate ha dato dei risultati lusinghieri; è stata creata la delegazione di Tricase che proprio in relazione all’emergenza Covid ha agito in sinergia con l’Associazione Commercianti e congiuntamente abbiamo cercato di relazionarci con l’amministrazione”.

“Difficoltà a dialogare con i vertici dell’amministrazione”

Non è andata altrettanto bene sull’altro versante: “Con i vertici dell’amministrazione abbiamo invece difficoltà a dialogare. Difficoltà che si è accentuata con l’emergenza sanitaria. Infatti, nonostante la nostra prima istanza ufficiale sia stata depositata a marzo, evidenziando già allora quelle che, a nostro modo di vedere, sarebbero state le conseguenze drammatiche dell’emergenza (che sono diventate problematiche riconosciute a livello nazionale ed internazionale anche se noi avremmo preferito sbagliarci) chiedendo di cominciare a pensare alle azioni di supporto e di contenimento delle conseguenze negative, non abbiamo mai avuto il piacere di relazionarci direttamente con il sindaco e la giunta ed avere degli impegni concreti e di prima mano. Abbiamo avuto due incontri, entrambi organizzati dal consigliere Vincenzo Chiuri (che ringraziamo per l’impegno e la serietà), nel primo era presente anche un membro della giunta, abbiamo portato le nostre richieste, abbiamo esaminato possibili interventi, ma a distanza di 60 giorni, dopo due mesi, non abbiamo ancora risposte! Dopo due mesi i vertici dell’amministrazione non ritengono di Relazionarsi direttamente con noi! Due mesi che la realtà produttiva del paese è lasciata in attesa! È lasciata in agonia! Eppure siamo gli stessi che con tasse e tributi riempiono le casse dell’Ente! Siamo quelli che abbiamo surrogato l’amministrazione, mettendo in campo il nostro impegno e la nostra credibilità per realizzare eventi in ogni periodo dell’anno, in estate come a Natale (notte di Ferragosto, iniziative in piazza, Tricase compra e vinci e relativa serata finale, luminarie, allestimento di piazza Pisanelli e Cappuccini con l’evento “il magico bosco di Natale”, per restare al solo anno 2019). Siamo quelli che per dare lustro alla comunità hanno messo mani al proprio portafogli per realizzare quanto sopra”.

Adesso che abbiamo bisogno noi, non per qualcosa che dipende da noi ma per qualcosa per cui deve necessariamente intervenire l’amministrazione”, lamentano, “ci evitano. Da oltre due mesi siamo in attesa di una risposta. Non ci sembra che si affrontino così le emergenze! Non ci sembra che ciò sia corretto nei nostri confronti e nei confronti della Città!”.

Il 31 maggio abbiamo protocollato una nuova richiesta”, raccontano, “come per le precedenti abbiamo dovuto sollecitare (anche questa volta) delle risposte. Risposte che dopo 60 giorni ancora non arrivano.

Il Commercio, l’Artigianato ed i Servizi costituiscono il tessuto produttivo di Tricase. Quando pensano di farci sapere cosa intendono fare? Di farci sapere come intendono muoversi? Di farci sapere come pensano di affrontare l’estate? Quali iniziative hanno programmato o hanno in cantiere? Quando pensano a Tricase e per Tricase?”, si chiedono i commercianti.

Peraltro”, rincarano la dose, “lo Stato e soprattutto la Regione si stanno muovendo. Riguardo allo Stato il “decreto rilancio” lo conosciamo o almeno noi ne abbiamo sentito parlare: l’amministrazione lo conosce? Perché L’art. 187 bis esonera dal pagamento della TOSAP e del COSAP per le concessioni esistenti e semplifica le domande di nuove occupazioni. Noi lo chiedevamo da due mesi ma sindaco e giunta ancora non si sono espressi. Le altre città già hanno messo in atto la disposizione e a Tricase neanche a parlarne. Riguardo la Regione, per restare alle iniziative, che ci riguardano, adottate negli ultimi giorni, va sottolineato che, al fine di supportare il commercio di prossimità e attuare politiche organiche di sostegno alle piccole imprese e alle comunità locali,  ha deliberato di consentire che tutti gli interventi previsti nell’ambito dei Distretti Urbani possano essere estesi anche agli esercizi di vicinato che si trovano al di fuori del perimetro del DUC, arrivando a coinvolgere, quindi, tutto il territorio comunale. Inoltre si è consentito di rimodulare il piano spese, presentato in sede di candidatura, puntando alla riapertura degli esercizi di vicinato anche attraverso un contributo “una tantum”, a fondo perduto, per le attività commerciali, commisurato alla dimensione del locale commerciale/artigianale (“alziamo le serrande”)”.

L’amministrazione comunale presiede il DUC di Tricase. Lo sa di questo strumento di supporto? Cosa sta facendo? Dopo oltre 20 giorni cosa aspetta?”.

Il Distretto Urbano del Commercio, è uno strumento di sostegno per riqualificare il territorio attraverso gli esercizi di vicinato e il contrasto alla desertificazione dei centri storici.

Se Tricase ha il suo D.U.C.”, rivendicano, “è anche grazie all’Associazione Commercianti che ha lavorato per tale obiettivo. Il 16 maggio la Giunta Regionale ha stanziato 20 milioni di euro per le imprese sociali. Stanziamento che sostiene progetti nell’ambito del: attrattività del territorio, turismo e accoglienza innovativa, agricoltura sociale, cultura, creatività, recupero mestieri e tradizioni locali, ecc. ecc.”.

“La Regione ha fatto il suo. E il Comune?

Il 26 maggio la Giunta regionale ha modificato la manovra approvata con DGR 524/2020 predisponendo una nuova manovra anti Covid-19 che prevede una dotazione finanziaria complessiva pari a 750 milioni di euro a valere interamente sul POR Puglia FESR FSE 2014-2020 con interventi a favore del sistema delle imprese, per il sostegno ai singoli professionisti e lavoratori autonomi delle fasce minori di reddito.

Con la stessa manovra ha inoltre destinato le risorse, riprogrammate in favore delle imprese per 551 milioni di euro, anche alle seguenti iniziative: Microprestito, rivolto alle microimprese e ai lavoratori autonomi; interventi a fondo perduto per le imprese dei settori turismo e cultura (con una dotazione di 45 milioni di euro).

I commercianti chiedono: “L’amministrazione comunale sa di questi stanziamenti? Si sta muovendo o intende muoversi per fare da volano alle imprese che potrebbero partecipare o anche solo per far conoscere gli interventi e dare supporto per parteciparvi? E se non fa questo ci spiega quale pensa che sia il suo compito in quest’ambito ed in questo momento?”.

E ancora: il 28 maggio la Giunta regionale in attuazione della legge regionale n.12 del 15 maggio 2020 ha assegnato ai Comuni Pugliesi € 9.473.693,00 (milioni di euro) in favore anche dei lavoratori autonomi risultati privi di qualsiasi reddito a causa della pandemia da Covid19.

E questo oltre ad approvare misure urgenti per il sostegno economico alle imprese con la modifica del regolamento degli aiuti “de minimis”.

“Tante domande, nessuna risposta”

Ed ecco che arrivano altre domande a cui i commercianti chiedono risposta: “Quanto è arrivato a Tricase? Come è stata stabilità la cifra? Quali sono le risorse disponibili? Quando e come l’Amministrazione la metterà a disposizione delle attività? O aspetta e le tiene da parte per pagare il funerale delle nostre aziende?”.

Tante domande, tante esigenze, un’emergenza in atto e nessuna risposta!”, concludono Palmieri e Zocco, “ogni volta dobbiamo chiedere noi, a loro, di prestare attenzione (volevamo scrivere “di prendersi cura” ma sarebbe chiedere troppo visto i precedenti) al tessuto economico e produttivo della nostra comunità per non trovarsi con seri problemi sociali nell’immediato futuro”.

LETTERA APERTA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI E CONFCOMMERCIO TRICASE – CLICCA QUI

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus