Connect with us

Attualità

La nuova arena del mare sul Lungomare di Leuca

Sentenza del Tar: ok allo sgombero dell’area mercatale sul lungomare Cristoforo Colombo. Finanziamento di 135mila euro da parte del GAL, da destinare alla manutenzione e rigenerazione dell’area demaniale

Pubblicato

il

Con la recente sentenza pubblicata il TAR di Lecce, Prima Sezione, presidente Antonio Pasca, ha accolto le tesi del Comune di Castrignano del Capo, patrocinato dall’avv. Giuseppe Mormandi, sulla dibattuta questione dello sgombero dell’area mercatale, intervenuto nel 2018 sul lungomare di Leuca,  dove è in via di realizzazione una nuova Arena a seguito del finanziamento del GAL ottenuto dall’attuale amministrazione comunale nell’ottobre scorso.


Alcuni titolari di autorizzazione e concessione di posteggio per l’esercizio dell’attività di commercio su area pubblica all’interno del Mercatino Stagionale di Santa Maria di Leuca, ubicato nel piazzale a valle del lungomare C. Colombo, nel 2018 avevano agito innanzi al TAR di Lecce per chiedere l’annullamento della deliberazione di giunta nr. 200 del 20.12.2017 e della deliberazione di Consiglio Comunale n. 6 del 28.2.2018, con cui il Comune di Castrignano del Capo aveva deciso di sgomberare l’area mercatale.


Il TAR di Lecce già nel 2018 aveva rigettato le domande cautelari dei commercianti ritenendo legittime le deliberazioni e le determinazioni comunali.


Anche il Consiglio di Stato, in sede di appello cautelare, sempre alla fine di luglio del 2018,  aveva rigettato in quanto aveva ritenuto manifestamente infondate le istanze dei commercianti.


Invero, il Comune aveva verificato che la Concessione Demaniale Marittima, con cui la Regione Puglia aveva concesso al Comune di Castrignano del Capo di occupare l’area demaniale da adibire ad area mercatale, era scaduta il 31 dicembre 2007 e mai più rinnovata.


Per cui gli esercenti l’attività mercatale non erano più legittimati ad occupare l’area demaniale, non essendo titolari di specifica concessione.

Peraltro, gli accertamenti compiuti dalla Polizia Municipale con propria “relazione di analisi criticità area mercatale” hanno messo in evidenza problematiche in materia di viabilità e di traffico, tant’è che il TAR aveva sancito che l’interesse economico dei ricorrenti dovesse essere  ritenuto recessivo rispetto all’interesse pubblico alla tutela della sicurezza e della incolumità dei cittadini, ritenendo peraltro insussistente il pregiudizio grave ed irreparabile atteso che l’attività commerciale poteva continuare ad essere svolta dagli istanti, seppur ubicata in luogo diverso.


Da parte del Comune è stata prospettata individualmente ai ricorrenti l’alternativa a proseguire l’attività lavorativa in altro luogo, per assicurare loro la prosecuzione del proprio esercizio, senza purtroppo sortire  effetto alcuno,  se non quello di constatare il ricorso al TAR  da parte degli esercenti, principalmente di quelli operanti nel settore alimentare, con richiesta peraltro di  risarcimento dei danni.


Nel contempo il Comune ha ottenuto prima la temporanea consegna in uso, ai sensi dell’art. 34 del Cod. Nav. dell’area demaniale marittima da parte del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, per il tramite della Capitaneria di Porto di Gallipoli, avendola individuata come area di libera fruizione e di pubblico interesse per tutte quelle attività che creano immagine e presenze ad una località a vocazione turistica, qual è la Marina di Leuca, conseguendo poi  il beneficio di un finanziamento di 135mila euro da parte del GAL, da destinare alla manutenzione e rigenerazione dell’area demaniale in questione.


Quindi con tale sentenza il Tar di Lecce, definitivamente pronunciando sul ricorso e sui motivi aggiunti ha disposto sia l’estinzione  del giudizio che il rigetto del risarcimento danni richiesto dai ricorrenti.


Attualità

Nasce un Lilt Point nel Municipio di Patù

Pubblicato

il


Assistenza, servizi e consulenze oncologiche urgenti gratuiti: Lega Tumori Lecce attiva un LILT POINT presso il Comune di Patù.

Da oggi è possibile contattare Valeria Calabrese (cell. 339.2208150) per avere informazioni sui servizi gratuiti.

LILT POINT è presente nell’atrio del Municipio dove si potran ritirare gratuitamente anche la rivista e gli opuscoli informativi.





Continua a Leggere

Alessano

Sono 2.121 i salentini attualmente positivi

La distribuzione dei casi Comune per Comune, il numero dei degenti, dei ricoveri e il numero dei vaccinati, distribuiti in base al Comune di residenza

Pubblicato

il

Sono 2101 gli attualmente positivi in provincia di Lecce. Lo riporta il report settimanale dell’Asl Lecce. Il report evidenzia la distribuzione dei casi in tutto il Salento, indicando in rosso quei paesi cui la media di positivi è superiore a quella provinciale oggi attestatasi a 2,6 ogni mille abitanti.

POSITIVI: A SAN CASSIANO, SCORRANO E TIGGIANO LE MEDIE PEGGIORI

I Comuni con media peggiore sono in ordine San Cassiano (20 attualmente positivi ed una media di 10 casi ogni mille abitanti) Scorrano (65 attualmente positivi; 9,5 ogni 1.000 abitanti); Tiggiano (27 attualmente positivi; 9,4 ogni mille abitanti); Bagnolo del Salento (21 attualmente positivi; 8,8 ogni mille abitanti), Alessano (52 attualmente positivi; 8,30 ogni 1.000 abitanti), Gagliano del Capo (42 attualmente positivi; 8,3 ogni mille abitanti), Matino (85 attualmente positivi; 7,5 ogni mille abitanti).

Per l’andamento del virus negli altri Comuni consultare le tabelle all’interno del Report pubblicato in basso.

LA CAMPAGNA VACCINALE

Riguardo ai vaccini somministrati fino ad oggi in provincia sono stati in totale 11.608. Le medie più alte sono quelle di Andrano (43,2 ogni mille abitanti), Tricase (39,8) Poggiardo (38,1), Spongano (34,4) e Montesano Salentino (31,4).

Se si guarda il valore assoluto, invece, il maggior numero di vaccini sono stati somministrati a Lecce (1.690), Tricase (690), Gallipoli (479), Galatina (441), Copertino (426), Nardò (409).

Il numero dei vaccini somministrati negli altri Comuni nelle stesse tabelle della Distribuzione per Comune dei casi da infezione da Covid 19.

Riguardo alla diffusione per fasce di età i vaccini sono stai fino ad ora così suddivisi: il 15% da 0-35 anni; il 30% da 36 a 49 anni; il 53% da 50 a 69 anni; l’1%da 70 a 79 anni.

Nel report in basso potete trovare anche il numero dei degenti, dei ricoveri e dei decessi con la distinzione per genere ed età.

Il report, in allegato, è a cura del Dott. Fabrizio Quarta, Direttore U.O.C. Epidemiologia e Statistica ASL Lecce.

IL REPORT COMPLETO DELL’ASL LECCE



 

Continua a Leggere

Attualità

Fulmine “brucia” semaforo a Gagliano: c’è da attendere per rivederlo in funzione

Comune ha ordinato nuovo impianto, ma i tempi sono lunghi. E la Provincia intanto: “Per la rotatoria è ancora presto”

Pubblicato

il


Ormai da qualche giorno tiene banco a Gagliano del Capo la questione semaforo spento all’incrocio adiacente il cimitero comunale.


Il Comune oggi ha fornito dei chiarimenti circa il mancato funzionamento dell’impianto su quello che è uno degli incroci più trafficati, nonché pericolosi, in paese. In quel punto infatti è di recente stato aperto un importante discount, andando ad accentuare il viavai di auto già intenso, visto lo snodo per Santa Maria di Leuca e per Castrignano del Capo

Si tratta di un guasto, come spiega l’amministrazione, “dovuto al maltempo. Siamo a conoscenza dei disagi subiti da chi ogni giorno percorre quel tratto di strada molto frequentato“, spiegano dal Comune, aggiungendo: “Purtroppo a causa di un fulmine, il danno ha riguardato la centralina semaforica. Occorre, pertanto, acquistarne una nuova, con costi ingenti per il Comune“.

Fatalità ha voluto, però, che ad esser fulminato fosse il semaforo di un incrocio prossimo a cambiare. Qui, dovrà a breve sorgere infatti una rotatoria. “Prima di procedere all’ordine, abbiamo contattato la Provincia, chiedendo se i lavori avverranno a breve, cercando di evitare una spesa che sarebbe risultata inutile. Ci é stato comunicato che ci vorranno dei mesi prima dell’inizio di tali lavori e, quindi, abbiamo proceduto al relativo ordine, ma i tempi di consegna non saranno imminenti”.


Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus