Connect with us

Dai Comuni

Le priorità dei candidati sindaco di Gagliano del Capo

Pubblicato

il

Abbiamo chiesto ai candidati sindaco dei paesi chiamati al voto quali fossero le loro tre priorità nel caso dopo le elezioni del 20 e 21 settembre fossero chiamati ad indossare la fascia tricolore.


Per Gagliano del Capo parola ai 3 in corsa.


Antonio Ercolani


Antonio Ercolani


“Gagliano Attiva impronterà tutta la sua attività amministrativa sulla trasparenza e sul dialogo continuo con la comunità, l’associazionismo e le imprese, per una politica al servizio dei cittadini”.


“Tra le priorità, particolare importanza riveste la pianificazione territoriale e valorizzazione urbana della città. All’interno del P.U.G., si propone lo sviluppo del “concetto” di Città rurale su tre livelli: ambienta-le, paesaggistico e di mobilità. 2. Turismo: puntare sul marchio “CAPO DI LEUCA”, sulla valorizzazione della nostra costa rendendo fruibili in sicurezza i tratturi “Cipolliane e Ciolo” e i restanti sentieri che si sviluppano lungo la costa fino a S. M. di Leuca, e sul recupero del Centro Storico facendo ricorso a tre strumenti: “Albergo Diffuso”; “Laboratorio di quartiere” e “Piano del colore e decoro urbano”. 3. Politiche sociali per giovani, famiglie e anziani: favorire punti di ascolto/incontro/orientamento per giovani e di aggregazione per gli anziani attraverso collaborazioni con la parrocchia e le associazioni attive sul territorio”.


Gianfranco Melcarne


Gianfranco Melcarne

“Istituzione di un servizio dedicato per lo sviluppo economico-produttivo interno e sportello al cittadino e alle imprese con personale qualificato alla progettazione per la partecipazione ai bandi. Tale servizio deve essere svolto da una figura professionale (interna o esterna) che riesca a monitorare, studiare e ad accompagnare il Comune nella partecipazione a tutti i bandi ai quali può essere interessato”.


“La creazione della compostiera di comunità che permetterebbe un sensibile aumento della differenziata evitando l’aggravio tariffario dato dall’Ecotassa per il mancato superamento del 30% di raccolta differenziata”.


“La promozione dell’invecchiamento attivo consentendo agli anziani, attraverso l’utilizzo degli spazi pubblici come il Centro Polivalente, di apprendere nuove informazioni, impegnarsi intellettualmente e socialmente, esercitare attività motoria, prendere parte a training cognitivi prevedendo luoghi di aggregazione e mediante l’intercettazione di finanziamenti per la costruzione di una rete aging friendly, che fornisca servizi per la terza età”.


Riccardo Monteduro


Riccardo Monteduro


“Rinascere Comunità ha in animo un rinnovamento integrale del paese sia nelle infrastrutture che nei servizi che sia da cornice ad uno sforzo strategico nella dimensione dello sviluppo economico. Detta finalità vuole essere raggiunta mediante una programmazione su diversi livelli caratterizzati da diversa priorità e valore strategico: 1) è necessario procedere ad un immediato risanamento delle emergenze critiche sia in ottica di pubblica sicurezza (anche veicolare su manto stradale) sia in ottica tutela ambientale con puntuale bonifica dei siti; 2) è necessario procedere ad un immediato ammodernamento infrastrutturale e decorativo del Paese anche con un potenziamento sensibile del verde cittadino e con la creazione di punti di fruibilità con particolare attenzione alla vita delle famiglie; 3) è necessario realizzare una progettazione di insieme del sistema viario e della pubblica illuminazione con interventi di breve, medio e lungo periodo per procedere alla ristrutturazione integrale del Paese, graduale ma coerente con un disegno unitario parallelamente ad un lavoro, coordinato con la Regione Puglia, di rimodulazione del sistema di regolamentazione della fascia ricadente nella Zona Parco Otranto Santa Maria di Leuca, per consentire anche un minimo sfruttamento economico”.


Attualità

Regione, Pendinelli: «Tuteliamo persone fragili»

Il consigliere regionale Mario Pendinelli presenta la proposta di Legge “interventi a favore dei soggetti fragili per l’accesso all’istituto dell’amministrazione di sostegno”. L’iniziativa mira a salvaguardare i diritti delle persone più fragili, privi di reddito, senza alcuna proprietà e a consentire ai giudici tutelari di operare con maggiore tranquillità

Pubblicato

il

Il Covid ha aggravato ancora di più le disuguaglianze nel nostro Paese. Nella lotta al virus le misure restrittive hanno imposto a tutti condizioni rigidissime, ma a pagare un prezzo molto alto sono state le persone più fragili già a rischio prima della pandemia e ancor di più oggi in conseguenza dell’aggravamento del contesto sanitario e finanziario.


«La Regione Puglia ha sempre dato grande attenzione alle situazioni di fragilità e di particolare debolezza delle persone», dichiara il consigliere regionale Mario Pendinelli, componente della commissione Sanità.


«In continuità con questa azione ho presentato un disegno di legge che mira a sostenere l’istituto dell’amministrazione di sostegno, un istituto che i giudici tutelari sono costretti ad utilizzare molto spesso e che interessa i servizi sociali dei Comuni e le Aziende sanitarie locali. Questa proposta di legge», precisa il consigliere regionale di Scorrano, «è finalizzata ad aiutare le persone che non hanno un reddito, senza alcun bene, che molto spesso devono essere oggetto di intervento da parte di qualcuno che si prenda cura di loro. In alcuni casi proprio i ritardi che si determinano sono un carico ulteriore per il Servizio ospedaliero regionale che è costretto a tenere in carico queste persone in attesa che si evolvano delle situazioni a loro sostegno. La Regione Puglia con questa proposta di legge può intervenire a salvaguardia dei diritti dei soggetti deboli e consentire ai giudici tutelari di operare con maggiore tranquillità»

La proposta di legge presentata, secondo Pendinelli, se approvata, «permetterà di aiutare soggetti fragili, privi di reddito, senza alcuna proprietà e, talvolta, senza alcun parente in grado di prendersi cura di loro, che per motivi psichici o fisici non sono in grado di badare a sé stessi; in tali situazioni di svantaggiate condizioni economiche e sociali il giudice è purtroppo costretto a far leva esclusivamente sulla disponibilità e sensibilità dell’amministratore di sostegno per la salvaguardia dei diritti di tali persone. L’intervento previsto nella proposta di legge costituirà un’opportunità per i soggetti più deboli e fornirà, nel contempo, un aiuto all’autorità giudiziaria che potrà realizzare un’azione mirata e tempestiva evitando spiacevoli conseguenze per i soggetti fragili o la presa in carico degli stessi in modo improprio e per tempi lunghi da parte del Servizio sanitario regionale».



Continua a Leggere

Cronaca

Nonna e papà ostetrici all’improvviso: parto in casa e grande gioia a Gagliano

Pubblicato

il


La vita non aspetta.





Lo sa bene una famiglia di Gagliano del Capo che ha festeggiato ieri l’arrivo di un pargoletto venuto al mondo tra le mura domestiche.





Nel cielo le prime luci dell’alba quando, all’improvviso, la giovane mamma ha accusato fitte e forti dolori. Il tempo di chiamare il 118, che il piccolo era già pronto a emettere il suo primo vagito.




Ecco allora che, con nervi saldi, nonna e papà si sono adoperati riuscendo a portare a termine quasi in autonomia il parto.





All’arrivo dell’ambulanza, il piccolo era già tra le loro braccia. Il personale del 118 ha reciso il cordone ombelicale ed è ripartito alla volta dell’ospedale di Tricase, con a bordo mamma e bebè. Qui sono stati effettuati una serie di controlli per appurare che tutto fosse andato bene.





Nel giro di pochi minuti una nuova vita ha colorato la giornata di Gagliano. Con un parto memorabile, alla vecchia maniera, che lascerà un ricordo indelebile in tutti i suoi protagonisti.


Continua a Leggere

Cronaca

Controlli sul lavoro: titolare di 3 aziende percepiva RdC

Pubblicato

il

Controlli ad ampio raggio dei Carabinieri nelle aziende salentine.

Il comando provinciale di Lecce, col supporto del nucleo Ispettorato del lavoro e della ITL, ha effettuato una serie di servizi finalizzati al contenimento della diffusione del contagio da coronavirus e al rispetto delle normative in ambito lavorativo.

Complessivamente sono state controllate 12 aziende.

A Ugento un’azienda che aveva occupato dei lavoratori in assenza della sorveglianza sanitaria e non li aveva sottoposto alla dovuta formazione anti-covid-19.
A Porto Cesareo e Santa Caterina al Bagno sono state riscontrate delle irregolarità in ambito edilizio. Alcune ditte stavano svolgendo dei lavori nonostante i committenti non avessero verificato i loro requisiti tecnico-professionali e risultassero non regolarmente iscritte alla Cciaa.

Telecamere di video-sorveglianza irregolari, invece, a Nardò. Un’azienda del posto le aveva installate senza la regolare autorizzazione preventiva della direzione territoriale del lavoro.

Singolare, infine, quanto accaduto a Lecce.  E’ stato identificato un imprenditore del posto che percepiva il reddito di cittadinanza, nonostante fosse titolare di tre società.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus