Connect with us

Attualità

Galatina brevetta 5 piloti del Kuwait

L’aeroporto “F. Cesari” si conferma centro di addestramento internazionale nel settore della formazione al volo militare

Pubblicato

il

Si svolgerà venerdì 30 gennaio, alle ore 11, presso l’aeroporto “F. Cesari” di Galatina, alla presenza del Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare, Gen. Pasquale Preziosa, e dell’Ambasciatore del Kuwait a Roma, Sheikh Ali Khaled Al-Sabah, la cerimonia di “Consegna delle Aquile” a 5 allievi piloti dello Stato asiatico.

Gli allievi piloti del Kuwait

Gli allievi piloti del Kuwait

Il momento più significativo dell’evento, che rappresenta la conclusione formale di un iter addestrativo lungo e impegnativo, sarà quello in cui i giovani brevettandi appunteranno sull’uniforme l’Aquila Turrita, simbolo ed emblema del pilota militare.  La cerimonia gratifica gli sforzi portati avanti dal 61° Stormo e dall’Aeronautica Militare per consentire la fruizione con profitto, anche da parte di allievi stranieri, dei corsi di formazione al volo militare svolti a Galatina. Negli ultimi anni infatti, a seguito del forte interesse che molti Paesi, anche al di fuori del contesto Unione Europea e Nato, hanno dimostrato nei riguardi delle metodologie e delle capacità addestrative italiane, il reparto aeronautico salentino è stato interessato da un importante processo di internazionalizzazione che si è concretizzato nella predisposizione di tutte le attività volte a far sì che la Base fosse in grado di offrire, oltre all’addestramento vero e proprio, strutture logistiche (mense, alloggi, infermeria, ecc.), personale e manuali addestrativi idonei ad accogliere allievi di altre Nazioni.

Due sono i fattori principali che, al momento, rendono l’offerta addestrativa dell’aeroporto di Galatina unica nel panorama internazionale di settore: innanzitutto il consolidato bagaglio di esperienze e professionalità di cui è depositaria la Scuola di Volo salentina che, sin dal 1950, addestra allievi piloti stranieri. L’altro punto di forza è rappresentato dall’imminente introduzione del T-346, il nuovo velivolo trainer dell’Aeronautica Militare le cui caratteristiche tecnologiche e prestazionali, oltre a portare ad un concreto incremento qualitativo nella formazione finale dei piloti “jet”, consentiranno di ridurre notevolmente i costi dell’addestramento permettendo al personale di padroneggiare in tempi considerevolmente inferiori i velivoli di ultima generazione, che hanno un maggior costo per ora di volo.

Lo sviluppo del processo di internazionalizzazione della Scuola di Volo di Galatina e la scelta degli Stati esteri di investire nel Salento, oltre a rappresentare una fondamentale fonte di ritorno economico per il territorio locale, costituisce motivo di orgoglio per l’Aeronautica e per il Paese.

Attualmente, oltre agli allievi del Kuwait, il cui numero nell’immediato futuro andrà a crescere, presso l’aeroporto militare di Lecce sono presenti anche piloti greci, argentini, francesi, e austriaci.

Per il Colonnello Paolo Tarantino, Comandante del 61° Stormo, “la consegna del brevetto di pilota militare rappresenta il momento conclusivo di un ciclo addestrativo e quindi, già di per sé, è fonte di grande soddisfazione per il personale del reparto che vede così concretizzati i propri sforzi e premiato il gioco di squadra; in questo caso, la circostanza che l’aquila sia consegnata a piloti stranieri amplifica la gratificazione e costituisce motivo di orgoglio non solo per gli uomini e le donne dell’aeroporto ma per tutto il Paese e, in particolare, per il territorio salentino, che da sempre ospita e supporta una base aerea in possesso di capacità uniche nel panorama internazionale”.

I nuovi piloti della Kuwait Air Force, che hanno un’età compresa tra i 26 e i 28 anni, proseguiranno il proprio addestramento presso il 61° Stormo frequentando il corso “Lead In to Fighter Training”, propedeutico al successivo impiego su velivoli aerotattici.

 

Continua a Leggere

Attualità

Tricase, commissione urbanistica: le richieste dell’opposizione

“La messa in sicurezza dell’incrocio tra via Einaudi e via Mons. Martella sulla strada per Depressa e, nella stessa frazione la realizzazione di opere di raccolta acque meteoriche su via Einaudi”

Pubblicato

il

Con una nota inviata al presidente della seconda commissione lavori pubblici e urbanistica, Luigi Giannini, i consiglieri comunali di opposizione membri della stessa chiedono, nella seduta convocata per giovedì 28 maggio, l’inserimento e la trattazione di alcuni argomenti considerati “impellenti per i bisogni della cittadinanza e che fermi da tempo dimostrano l’inerzia dell’amministrazione Chiuri”.

I consiglieri Fernando Dell’Abate, Giuseppe Peluso, Vito Zocco, Maria Assunta Panico e Alessandro Eremita, anche a nome dei colleghi Federica Esposito, Dario Martina e Nunzio Dell’Abate, chiedono che siano affrontati, nello specifico, i seguenti punti:

  • “La messa in sicurezza dell’incrocio tra via Einaudi e via Mons. Martella che, immettendo nella frazione di Depressa con provenienza dal capoluogo, è stato teatro di tanti incidenti anche mortali. Dopo 6 mesi dal Consiglio, che aveva visto l’assenso per la realizzazione della rotatoria di Lucugnano con i voti determinanti della minoranza, nel quale lo stesso Giannini aveva garantito l’immediata discussione in commissione dell’incrocio in oggetto nulla ancora si è mosso”;
  • Sempre nella stessa frazione la risoluzione, attraverso la realizzazione di opere di raccolta acque meteoriche, dell’annoso problema che vede via Einaudi, alla prima pioggia, divenire una insidia per la sicurezza degli automobilisti in transito e dei residenti nella zona. La maggioranza ha sempre ritenuto questo un tratto stradale di competenza provinciale senza rendersi conto che, invece, ricadendo in un’area urbana, gli ambiti di intervento sono esclusivamente a carico del comune;

Questi insieme a tanti altri argomenti mai approfonditi”, attaccano il consiglieri di opposizione, “dimostrano l’incapacità della maggioranza nell’affrontare e portare a soluzione problemi che impattano quotidianamente sulla vita dei nostri concittadini i quali attendono, ormai invano, una seria risposta”.

Viste le attuali norme vigenti nel contrasto all’epidemia da Covid-19 e poiché le commissioni sono pubbliche, gli stessi Consiglieri chiedono che la seduta, convocata in videoconferenza, “sia trasmessa in diretta streaming e a questa sia data idonea pubblicità”.

Continua a Leggere

Attualità

L’esilarante video di don Flavio, parroco di Tricase, a Striscia la Notizia

Pubblicato

il

Dal paese alla ribalta nazionale.

Il simpatico video di don Flavio, parroco della chiesa matrice di Tricase, è finito tra i “pasticcini” di Striscia la Notizia.

Il programma di Antonio Ricci manda in onda ogni sera chicche prese dal web. Oggi, tra queste, rientra lo sketch di Don Flavio che, in corrispondenza della riapertura delle chiese ai fedeli sotto precise disposizioni anticovid, ha pubblicato sui social un video in cui impartisce istruzioni a mo’ di assistente di volo.

Continua a Leggere

Attualità

Covid: anche oggi provincia di Lecce indenne

Bollettino regionale: 11 nuovi casi positivi un Puglia, 9 nel barese e due in provincia di Taranto. Sale a 2.298 il numero dei guariti; quello degli attualmente positivi scende a 1.678

Pubblicato

il

Undici nuovi casi positivi un Puglia, proprio come ieri. E proprio come ieri nessun caso in provincia di Lecce.

A cambiare è soprattutto il tasso di positività salito fino all’1% perché è diminuito il numero dei test registrati (1.091) ma va sottolineato che 7 dei 9 casi si sono registrati in provincia di Bari, gli altri due in provincia di Taranto.

Quattro i decessi con covid: 3 nella Bat, uno in provincia di Foggia.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 104.670 test.

Sono 2.298 i pazienti guariti; 1.678 gli attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia dall’inizio della pandemia è di 4.467, di cui 511 nella Provincia di Lecce.

IL BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO DEL 25 MAGGIO

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus