Connect with us

Attualità

Casarano e Gallipoli: Ospedali Riuniti?

Così lascerebbero intendere alcune rivelazioni di Ernesto Abaterusso nel corso di un incontro organizzato dal circolo cittadino di “Articolo uno” , il partito di sinistra che ha come segretario nazionale il Ministro della Sanità Roberto Speranza

Pubblicato

il

C’è una speranza concreta per l’Ospedale “Ferrari” di Casarano.

Certo, ogni promessa fatta a qualche mese da qualsiasi elezione ha sempre quel l’odore acre del sospetto  e la prima reazione è quella del sorriso beffardo di chi è abituato alle promesse di ogni tipo; ma questa volta (forse) qualcosa di concreto sembra esserci.

Ad illustrare lo stato delle cose riguardo la situazione dell’ospedale casaranese, nell’ambito di uno specifico incontro organizzato dal circolo cittadino di “Articolo uno” e moderato da Rocco Morgante, segretario cittadino,  è stato Ernesto Abaterusso, consigliere regionale ma soprattutto referente regionale di “Articolo Uno” il partito di sinistra che ha come segretario nazionale proprio quel Ministro Roberto Speranza, in questi giorni in prima linea in quanto titolare del dicastero della Sanità.

Non è un’indicazione superflua quella del collegamento così prossimo fra Abaterusso ed il Ministro perché è proprio grazie a questa amicizia che è stato possibile organizzare un incontro che dona concrete speranze al futuro del “Ferrari“.

Il primo incontro avvenne già il 23 novembre dello scorso anno quando il Ministro Speranza venne a Lecce per presentare proprio il libro di Abaterusso; in quell’occasione fu avanzata la proposta che era già nell’aria da tanto tempo, quella proposta lanciata anche da noi dalle colonne di questo giornale, la proposta ovvia, naturale, avanzata dalla gente comune e dagli esperti del settore, dai medici e dai sindacalisti: creare un unico ospedale dato dall’unione dell’ospedale di Casarano e quello di Gallipoli, dividendosi con criterio i reparti.

Il Ministro Speranza è un tipo sveglio e lo si sta capendo proprio in questi giorni di isterismo collettivo dovuto a questo virus e quindi, dopo averci pensato un attimo disse: “perché no?“.

Ovviamente una cosa così complessa non poteva essere liquidata con semplicità così su due piedi e quindi a quel primo approccio è seguito uno studio serio ed un conseguente secondo incontro fra i portavoce delle esigenze casaranesi (tra cui Claudio Casciaro, presidente del comitato pro-Ferrari) ed i dirigenti del ministero che hanno confermato senza riserve la possibilità di creare gli “Ospedali Riuniti” costituiti appunto dall’unione dei due nosocomi salentini.

Sembrerebbe quindi che la strada giusta sia stata questa volta intrapresa; dopo un susseguirsi di tentativi che si sono scontrati sempre contro un Emiliano determinato a non retrocedere dalla propria decisione di declassare il Ferrari e quindi in un sostanziale nulla di fatto.

Come detto in apertura, diffidare delle promesse elettorali è d’obbligo e su questa stessa linea si sono mantenuti tutti gli interventi successivi a quello di Abaterusso.

A partire da Gabriele Caputo (che, a sorpresa, è stato indicato quale candidato alle prossime elezioni regionali proprio nella lista civica formata dall’Unione di “Senso Civico” e “Articolo Uno” ) e che ha sottolineato in maniera netta come la definizione di questi ospedali riuniti dovrà essere ufficializzata e formalizzata ben prima delle elezioni regionali perché una semplice promessa non sarebbe sufficiente ma soprattutto non più nemmeno credibile.

Che sia questa la volta buona per mettere fine all’annosa questione sanitaria e far riavvicinare altresì le comunità casaranesi e gallipoline? Lo vedremo già nelle prossime settimane…

Antonio Memmi

Attualità

“La Spesa a Casa Tua”: da oggi anche dolci pasquali

Ordini con una telefonata o un messaggio (al 375 62 85 738) e ricevi direttamente a casa beni di prima necessità, consegnati nel rispetto delle norme anti-contagio

Pubblicato

il

Da oggi una vasta selezione di dolci Venchi e Caffarel si aggiunge ai prodotti disponibili per la consegna a domicilio mediante il servizio “La Spesa a Casa Tua“.

Si tratta di prodotti pasquali: uova, colombe, cioccolatini e tanto altro per tutti i gusti.

Il servizio è disponibile grazie a Dolce e Salato di Massimo Dell’Abate (Tricase).

Come usufruire del servizio

“La Spesa a Casa Tua” è attivo su Tricase e Comuni limitrofi e ti permette di acquistare tutto ciò che ti occorre senza muovere un passo da casa, chiamando o scrivendo (SMS o Whatsapp) al numero 375 62 85 738.

È possibile ricevere a domicilio beni di prima necessità di vario genere: alimentari, carni, dolci, frutta, verdura, surgelati, prodotti per l’igiene della casa e della persona, prodotti per animali, libri e tanto altro.

Basta telefonare dalle 9e30 alle 19 al numero 375 62 85 738. Oppure, inviare un messaggio WhatsApp o un SMS allo stesso numero richiedendo il servizio “La spesa a casa tua” per essere richiamati gratuitamente.

Un operatore risponderà alle vostre domande e raccoglierà il vostro ordine al telefono (secondo l’elenco di prodotti disponibili nelle attività aderenti) e vi fornirà tutte le informazioni circa le modalità ed i tempi di erogazione del servizio.

La consegna a domicilio (entro i tempi concordati telefonicamente) sarà effettuata nel rispetto delle misure di sicurezza imposte dal DPCM del 09/03/2020 da un operatore munito dei dispositivi di sicurezza anti-contagio da Coronavirus.

Le attività che permettono la realizzazione sono:

– Supermercato SuperDay di Tricase

– Azienda agricola AgriPispero di Tricase

– Libreria Mondadori Point di Tricase

Dolce e Salato di Massimo Dell’Abate di Tricase

“La spesa a casa tua” ha lo scopo di venire incontro alle necessità del particolare momento storico: evitare code o assembramenti in supermercati ed attività commerciali, scongiurare l’isolamento di quanti sono impossibilitati a muoversi da casa e agevolare la riduzione del rischio contagio da Covid-19.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare il numero 375 62 85 738.

Continua a Leggere

Attualità

Uniti per la vita: a Tricase test precoci a chi lavora nei settori di pubblica utilità

Il sindaco Carlo Chiuri “Test agli asintomatici necessari. Aderiamo da subito al progetto. Ho il dovere morale di cogliere al volo l’opportunità di mettere in sicurezza quei lavoratori del mio Comune che operano nei settori di pubblica utilità”

Pubblicato

il

Test rapido gratuito per Forze dell’Ordine, Medici di Famiglia, Operatori Ecologici, dipendenti di supermercati ed attività commerciali aperte al pubblico che operano a Tricase.

Lo ha annunciato il sindaco Carlo Chiuri sottolineando anche che “siamo i primi nel Salento mentre in Puglia, per ora si fanno solo a Bari“.

È da settimane che la pandemia da COVID-19 registra numeri importanti anche in Puglia.

Ci troviamo di fronte ad un nuovo agente infettante, nei confronti del quale il nostro organismo non ha ancora avuto modo di sviluppare le dovute difese immunitarie; né esiste la possibilità di vaccinazione.

Parimenti, il suo comportamento è differente rispetto a quello di altri virus, tale da poter essere trasmesso anche da individui covid-positivi, ma asintomatici.

Ecco perché è importante avere la possibilità di identificare i soggetti covid-positivi, asintomatici, potenziali diffusori dell’infezione.

Come ha spiegato il sindaco di Tricase però, “ricorrere all’uso “a tappeto” dei tamponi diagnostici è difficilmente proponibile; sia per ragioni di natura logistico-organizzativa, sia per il fatto che l’esame del tampone è un dato puntuale, che può essere negativo nel momento dell’esecuzione, ma non esclude una possibile successiva positivizzazione (il che spiega le remore delle autorità sanitarie ad eseguire i tamponi diagnostici in maniera generalizzata su tutta la popolazione)”.

Avere a disposizione dei test sierologici rapidi, in grado di rilevare la risposta anticorpale dell’organismo eventualmente esposto al virus, permette di avere una informazione più circostanziata, dal momento che essi vanno a cercare la presenza nel sangue del soggetto analizzato di anticorpi contro il virus (sia anticorpi precoci, le IgM, sia anticorpi tardivi, le IgG).

Lunedì 31 marzo: il sindaco di Tricase Carlo Chiuri rispetta il minuto di silenzio indetto in turra Italia in onore delle vittime del contagio

Ben venga, quindi, il lavoro di “Uniti per la Vita”, sottolinea il sindaco di Tricase, “sostenitore” dell’associazione, “grazie al quale metteremo a disposizione gratuitamente il test precoce Covid-19”.

Tale test è regolarmente iscritto al Ministero della Salute come Dispositivo Medico IVD n° 1936723 (con tasso di sensibilità intorno al 90%), per il quale sono sufficienti poche gocce di sangue e 5 minuti di tempo, come pre-screening per riconoscere soggetti recentemente esposti al virus (IgM-positivi) e dunque suscettibili di test di conferma con tampone.

Il primo cittadino non ha dubbi: “Ho il dovere morale di cogliere al volo l’opportunità di mettere in sicurezza quei lavoratori del mio Comune che operano nei settori di pubblica utilità. Lavoratori ai quali spesso non si è prestata la necessaria attenzione, messi in ombra da figure professionali “più in vista”, ma che in realtà, in un contesto emergenziale come quello che stiamo vivendo, sono i soggetti che stanno reggendo l’economia di base e l’ordine del nostro Paese e della nostra Comunità”.

Ho già contattato il dott. Mauro Minelli e, dopo aver valutato la proposta dell’associazione”, annuncia Carlo Chiuri, “ho comunicato la mia attiva volontà di effettuare il test COVID-19, in prima battuta in prima istanza a coloro che operano nelle Forze dell’Ordine, ai Medici di Famiglia, agli Operatori Ecologici, ai dipendenti dei supermercati ed attività commerciali aperte al pubblico. Successivamente, valuteremo se estendere il test ad altre categorie professionali”.

Continua a Leggere

Attualità

Il bollettino: 18 nuovi positivi e 5 decessi nel Salento

Dall’inizio della pandemia, il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 1.946 , di cui 321 nella sola provincia di Lecce. Il totale dei decessi è 129. Salgono a 57 i pazienti guariti

Pubblicato

il

Nel consueto bollettino epidemiologico del pomeriggio risultano 143 nuovi positivi in Puglia (effettuati 1.136 test), di cui 18 solo nella provincia di Lecce.

Sono purtroppo stati registrati altri 19 decessi, di cui 5 in provincia di Lecce.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 15.209 test.

Salgono a 57 i pazienti guariti.

Mentre il totale dei decessi è 129.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 1.946, di cui 321 nella sola provincia di Lecce.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus