Connect with us

Attualità

Confindustria e Prefettura: patto per le imprese

Confindustria fungerà da raccordo e da filtro per le richieste provenienti dalle imprese associate, in modo da contribuire alla corretta interpretazione delle norme. Ai sensi di quanto previsto dalla normativa, valutato anche il parere tecnico di Confindustria Lecce, la Prefettura rilascerà o meno autorizzazioni operative ad hoc per imprese/filiere ritenute essenziali, anche se non ricadenti nei Codici Ateco indicati

Pubblicato

il

In questo momento di emergenza sanitaria dovuta al dilagare nel Paese e nel mondo dei contagi da Covid-19, gli imprenditori salentini stanno affrontando gli effetti di una situazione straordinaria con l’obiettivo di tutelare i propri cari, i lavoratori, le imprese e, allo stesso tempo, cercare di porre un argine alle pesanti ripercussioni economiche.


Confindustria Lecce sta elaborando “proposte concrete da condividere con le istituzioni, sia per governare l’attuale fase critica, sia per prepararsi a cogliere l’auspicata prossima ripresa”.


Il sistema economico e produttivo del Salento necessita”, afferma il Presidente di Confindustria Lecce Giancarlo Negro (foto grande in alto), “di un attento piano per evitare che le sue fragilità strutturali, logorate dalle attuali difficoltà nazionali e globali, portino ad un irreversibile collasso economico e sociale. Il quadro normativo di riferimento è comprensibilmente in continua evoluzione, ma non sempre è possibile avere risposte chiare e certe ai problemi che le imprese stanno attraversando. Confindustria Lecce, pertanto, sta cercando di farsi interprete dei fabbisogni delle imprese e sta presentando ai vari livelli istituzionali un quadro di sintesi delle istanze del territorio”.

In tale ambito rientra l’accordo tra Confindustria Lecce e Prefettura di Lecce grazie al quale, con riferimento al Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) del 22 marzo e ai numerosi dubbi interpretativi emersi ai fini della continuazione o meno di molte attività produttive territoriali, Confindustria leccese fungerà da raccordo e da filtro per le richieste provenienti dalle imprese associate, in modo da contribuire alla corretta interpretazione delle norme. Ai sensi di quanto previsto dalla normativa, valutato anche il parere tecnico di Confindustria Lecce, la Prefettura rilascerà o meno autorizzazioni operative ad hoc per imprese/filiere ritenute essenziali, anche se non ricadenti nei Codici Ateco indicati nell’Allegato n.1 del DPCM.


La collaborazione con la Prefettura è un tassello importantissimo”, conclude Negro, “solo la sinergia proattiva tra Istituzioni e Territorio, nel senso più ampio del termine, può infatti assicurare la tenuta del sistema economico di fronte ad una emergenza sanitaria che avrà ricadute purtroppo enormi sulle attività produttive e non solo. Attraverso il canale dedicato con la Prefettura, l’Associazione darà risposte certe e in tempi brevi alle imprese associate, provvedendo altresì a segnalare eventuali condizioni che autorizzino o meno a mantenere aperte le attività produttive”.


Attualità

Spostamenti tra Regioni: 17mila le autocertificazioni in Puglia

I dati Asl dallo scorso 3 giugno

Pubblicato

il

Calano i numeri del Covid (anche oggi dati confortanti) e crescono gli spostamenti tra Regioni. Il dato Asl racconta che dal 3 giugno sono più di 17mila le auto-segnalazioni che hanno raggiunto il Dipartimento di prevenzione, con una media giornaliera di 500 comunicazioni spontanee inviate via mail da parte di turisti o da pugliesi di rientro.

Il direttore del Dipartimento di Prevenzione della ASL di Bari, Domenico Lagravinese, spiega:“La concentrazione recente di alcuni casi positivi al Covid registrati in Puglia in soggetti provenienti da Bulgaria, Albania e Perù ha determinato l’opportunità di sollecitare l’auto segnalazione che ci permette, una volta raccolti i dati dell’utente, di prenotare ed eseguire su base volontaria il tampone”. Il referto viene inviato a distanza di sole 24 ore dall’ esecuzione del test”.

Continua a Leggere

Attualità

La Puglia verso la doppia preferenza di genere

Ernesto Abaterusso (Senso Civico): “La mia battaglia sta per diventare legge”

Pubblicato

il

Appare ormai certo la Regione Puglia corre spedita verso l’approvazione della doppia preferenza (si tratta della possibilità di dare due voti alle elezioni amministrative o regionali purché riguardanti due candidati di sesso diverso ma della stessa lista, pena l’annullamento della seconda preferenza).

Ulteriore passo avanti  quest’oggi con l’approvazione in VII Commissione.

Esprime tutta la sua soddisfazione il consigliere regionale di Patù Ernesto Abaterusso (Senso Civico – Un nuovo Ulivo per la Puglia): «Si va nella direzione da noi da tempo auspicata: quella di rimuovere gli ostacoli all’accesso delle donne in Consiglio regionale. È un risultato, quello di oggi, frutto di un lavoro di sintesi da parte di tutti i consiglieri regionali che ci ha permesso di raggiungere, dopo un percorso lungo e articolato, un primo importante traguardo in una battaglia di civiltà per riaffermare quei principi di equità e democraticità che la massima assise pugliese non poteva continuare ad ignorare».

Ora la parola passa al Consiglio regionale.

«Ci auguriamo», ha aggiunto Abaterusso, «che anche in quella sede prevalga il buonsenso e vi sia la più ampia convergenza di tutte le forze politiche presenti in Aula affinché si possa contribuire, insieme, alla stesura di una bella pagina di democrazia e partecipazione».

Continua a Leggere

Attualità

Coronavirus: anche oggi Puglia immune

Cresce il numero dei guariti che ora sono 3.926 mentre gli attualmente positivi in tutta la Puglia restano appena 68

Pubblicato

il

Nessun nuovo caso positivo (2.496 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus registrati) e nessun decesso anche nelle ultime 24 ore.

Così la Puglia conferma il suo trend positivo che tiene a distanza pericoli imminenti di focolai e contagio nella nostra regione.

Intanto crescono i numeri dei guariti che ora sono 3.926 mentre gli attualmente positivi in tutta la Puglia restano appena 68.

Dall’inizio dell’emergenza sanitaria sono stati effettuati 207.413 test.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 4.541, di cui 525 nella provincia di Lecce.

IL BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus