Connect with us

Attualità

La postazione dei tamponi per rientranti si sposta da Lecce a San Cesario

Pubblicato

il


Comunicazione dell’Asl di Lecce in merito allo spostamento di una sede per i tamponi Covid. La nota:





“Da martedì 22 settembre la postazione di Lecce per l’esecuzione dei tamponi per la ricerca del SARS-CoV-2 verrà trasferita presso l’ex Ospedale di San Cesario “A. Galateo” in via Croce Lecce.





Da Martedì 22 settembre la postazione per l’esecuzione del tampone per chi rientra da Croazia, Grecia, Malta, Spagna e Sardegna, già attiva nella Cittadella della Salute ingresso Via Miglietta 5-Lecce, verrà trasferita presso l’ex Ospedale di San Cesario “A. Galateo” in via Croce Lecce. Gli orari di accesso sono invariati:
il servizio è attivo tutti i giorni dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 20.





La scelta si è resa necessaria perché la sede di Lecce, allestita all’interno di un gazebo e all’aperto, non è più compatibile con le mutate condizioni meteorologiche.





L’altra postazione in cui poter effettuare il tampone è l’Ospedale Panico di Tricase, nei locali limitrofi al Pre-Triage (in prossimità della portineria – ingresso principale Piazza Cardinale Panico).
Il servizio è attivo tutti i giorni dalle 8 alle 19.30.




Tutti coloro che arrivano o rientrano in Puglia da questi luoghi devono:





-scaricare il modulo di autosegnalazione dal sito della Regione Puglia https://www.sanita.puglia.it/autosegnalazione-coronavirus





-compilarlo e inviarlo come indicato nell’autosegnalazione





-stampare una copia del modulo e recarsi, non prima di 72 ore dall’arrivo in Puglia (termine utile per avere il massimo valore predittivo) direttamente con una copia del modulo, in una delle due postazioni di San Cesario o Tricase.





Ricordiamo che le due postazioni sono destinate esclusivamente alle persone che rientrano da Croazia, Grecia, Malta, Spagna e Sardegna”.


Appuntamenti

Niente Fiera ad Ortelle

La Fiera Regionale di San Vito, una delle Fiere più antiche del meridione, non si farà. Sulla pagina facebook della Fiera sarà comunque pubblicato il programma degli appuntamenti che si potranno seguire in modalità remota

Pubblicato

il

La Fiera di San Vito, in programma dal 22 al 25 ottobre, non si farà.

Il dpcm dello scorso 19 ottobre non lascia più alcuno spazio di manovra rendendo vani gli sforzi profusi nelle scorse settimane per cercare di adeguarla e riorganizzarla in forza delle disposizioni introdotte via via nell’ultimo periodo per l’emergenza covid.

«Una decisione difficile e amara ma inevitabile perché la salute delle persone viene prima di ogni altra cosa», hanno fatto sapere gli organizzatori.

Anche di una tradizione vecchia di secoli.

Quella tradizione che ha reso la Fiera di San Vito una delle Fiere più antiche del meridione, certamente quella sentita in tutta l’area salentina come la Fiera per antonomasia, quella che non ha bisogno di date perché si sa che si svolge, da quando è nata, ogni quarta domenica di ottobre.


Il Comune di Ortelle ha voluto, comunque, mantenere, anche se a distanza, alcune delle iniziative programmate che potranno essere seguite nei prossimi giorni sulla pagina https://www.facebook.com/fierasanvitoortelle/.

Un modo di far vivere la Fiera parlando della sua storia e di alcuni dei temi ad essa legati come l’agroalimentare, il cibo, la musica, la devozione per San Vito.

Sulla pagina facebook della Fiera sarà comunque pubblicato il programma degli appuntamenti che si potranno seguire mentre chi vorrà partecipare al concorso fotografico “Luigi Martano” potrà inviare, entro domenica 25 ottobre, due foto in alta risoluzione all’indirizzo di posta elettronica fierasanvitortelle@gmail.com.

Sarà un concorso, gioco forza diverso dai precedenti, ma altrettanto interessante e impegnativo perchè ogni scatto avrà il valore di un documento, di una testimonianza di qualcosa che non è mai accaduto prima.

Continua a Leggere

Attualità

Bollettino Covid: 324 casi, il totale dei positivi sfiora i 6mila

Tamponi positivi a Lecce, Tricase, Caprarica di Lecce, Castrignano dei Greci, Sannicola, Collepasso ed Ortelle

Pubblicato

il


Altri 10 positivi in provincia di Lecce tra i 324 riportati dall’odierno bollettino epidemiologico della Regione Puglia.


I Comuni di residenza dei nuovi contagiati risultano Lecce, Tricase, Caprarica di Lecce, Castrignano dei Greci, Sannicola, Collepasso ed Ortelle.


Di seguito il bollettino della Regione Puglia.


Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano sulla base delle informazioni del direttore del dipartimento Promozione della Salute Vito Montanaro, informa che oggi mercoledì 21 ottobre in Puglia, sono stati registrati 5.300 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 324 casi positivi: 123 in provincia di Bari, 26 in provincia di Brindisi, 38 nella provincia BAT, 61 in provincia di Foggia, 10 in provincia di Lecce, 61 in provincia di Taranto, 5 residenti fuori regione.





Sono stati registrati 2 decessi in provincia di Bari.





Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati  502.331 test.





5.690 sono i pazienti guariti.





5.991 sono i casi attualmente positivi.





Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 12.325, così suddivisi:





5.183 nella Provincia di Bari;




1.160 nella Provincia di Bat;





933 nella Provincia di Brindisi;





2.911 nella Provincia di Foggia;





974 nella Provincia di Lecce;





1.064 nella Provincia di Taranto;





94 attribuiti a residenti fuori regione;





6  provincia di residenza non nota.





I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.


Continua a Leggere

Attualità

Scuola di via Pertini a Tricase: tutti negativi anche al secondo tampone

Anche il secondo giro di test conferma lo scampato pericolo. La dirigente scolastica Rina Mariano: « I buoni comportamenti aiutano a contenere il contagio. Attenerci in modo scrupoloso alle regole di prevenzione dei protocolli sulla sicurezza per gli alunni, i docenti ed il personale scolastico alla fine ha pagato».

Pubblicato

il

Ora è ufficiale: anche al secondo giro di tamponi sono risultati tutti negativi alunni, docenti e componenti del personale scolastico del plesso di via Pertini (all’Istituto comprensivo di via Apulia) sottoposti a tampone.

Le sensazioni erano buone già da ieri quando man mano arrivavano le singole comunicazioni ai diretti interessati e non vi erano notizie di casi positivi.

Ora però tutti possiamo tirare un sospiro di sollievo, a partire dalla dirigente scolastica, Rina Mariano, che ringrazia il dipartimento di prevenzione di Tricase dell’Asl «in particolare il dottor Flavio D’Ambrosio e la dottoressa Patrizia Legari che ci hanno seguito con grandi tatto e attenzione».

Allo stesso modo  la dirigente ringrazia il sindaco Antonio De Donno «sempre rimasto al nostro fianco» e le famiglie «per  la pazienza e la collaborazione. Soprattutto però consentitemi di ringraziare le maestre per come hanno saputo affrontare l’emergenza e tutti i nostri bambini che per l’occasione si sono davvero comportati da piccoli… supereroi!».


«La nostra scuola», ha concluso orgogliosa la professoressa Mariano, «ha dimostrato ancora una volta che i buoni comportamenti aiutano a contenere il contagio. Attenerci in modo scrupoloso alle regole di prevenzione dei protocolli sulla sicurezza per gli alunni, i docenti ed il personale scolastico alla fine ha pagato».

«Ottima notizia per tutta la comunità!», ha postato il sindaco De Donno che poi ha voluto ringraziare «le famiglie che sono state disponibili e comprensive in un momento di grande difficoltà per tutti e soprattutto per loro che hanno affrontato l’emergenza con sacrificio ma tanto coraggio!».

Infine l’annuncio: «La scuola riaprirà venerdì 23 ottobre».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus