Connect with us

Attualità

Parlare d’impresa fra i detenuti. Confindustria a Borgo San Nicola

Favorire l’autoimprenditorialità tra i detenuti è un modo efficace per consentire loro di sviluppare capacità imprenditoriali e gestionali. Creare piccole imprese o partecipare a progetti…

Pubblicato

il

Il Pmi Day 2023, la giornata nazionale delle Piccole e Medie Imprese di Confindustria, continua il suo tour sui territori e fa tappa presso il Carcere di Borgo San Nicola per coinvolgere i detenuti che frequentano l’area educativa in un percorso di formazione e orientamento che possa essere utile nel processo di recupero e inclusione nella società.


L’idea nasce dalla collaborazione tra il Comitato Piccola Industria di Confindustria Lecce, la Direttrice del Carcere Maria Teresa Susca e la Responsabile Area Educativa Cinzia Conte, ed è finalizzata all’introduzione della cultura d’impresa tra i detenuti, come elemento chiave nel reinserimento sociale e nella promozione del riscatto individuale. Offrire programmi di formazione che insegnino le basi dell’imprenditorialità può aiutare i detenuti, infatti, a sviluppare competenze imprenditoriali fondamentali, come la gestione finanziaria, la pianificazione aziendale, la comunicazione e il problem solving. Parlare di cultura d’impresa nel carcere può incoraggiare la creatività e l’innovazione, stimolare l’inventiva tra i detenuti, offrire un’opportunità di espressione individuale e promuovere la capacità di trovare soluzioni alternative ai problemi, una skill utile nella possibile scelta dell’auto impiego dopo la pena.


Ho vissuto un’esperienza umanamente, emotivamente e professionalmente importante –  afferma Roberto Marti, Presidente di Piccola Industria Confindustria Lecce – perché portare la cultura d’impresa in carcere ha rappresentato non solo l’occasione di condividere conoscenze e competenze, ma soprattutto la grande possibilità di creare un impatto significativo nelle vite di coloro che si trovano in una fase così critica della loro esistenza, stimolando il ragionamento e la riflessione. L’incontro con i detenuti impegnati in percorsi di studio ha svelato un mondo di sfide e speranze, un contesto in cui l’autoimprenditorialità può diventare una chiave per la trasformazione personale e sociale. Ho visto occhi brillare di interesse e menti aperte alla possibilità di un futuro diverso, basato sulla responsabilità e sulla costruzione attiva di un percorso di vita migliore”.

Favorire l’autoimprenditorialità tra i detenuti è un modo efficace per consentire loro di sviluppare capacità imprenditoriali e gestionali. Creare piccole imprese o partecipare a progetti imprenditoriali in carcere può dare ai detenuti un senso di responsabilità, autostima e un’opportunità di apprendere competenze che potrebbero essere utilmente applicate successivamente. Diverse ricerche hanno attestato che l’occupazione durante e dopo la detenzione è associata a una riduzione della recidiva. Lavorare in carcere offre ai detenuti la possibilità di mantenere un senso di normalità e di costruire una storia lavorativa che può essere preziosa nella ricerca di un impiego una volta fuori.


Sono sicuro – conclude Marti – che favorire un ambiente di sostegno tra i detenuti interessati all’autoimprenditorialità può essere un elemento cruciale per il loro reinserimento. Collaborare con organizzazioni esterne, come associazioni di imprenditori, enti di formazione o agenzie di sviluppo economico, può ampliare le opportunità per tutti loro. Tali strutture possono infatti offrire risorse, mentoring e supporto nella fase post-pena. Integrare la cultura d’impresa nel contesto della detenzione non solo può offrire opportunità di apprendimento pratico, ma anche contribuire a cambiare la prospettiva dei detenuti sulle proprie capacità e sulle possibilità di successo future”.


Attualità

Bonus edilizi fittizi e riciclaggio di denaro, 13 arresti

Smantellato sodalizio criminale con al vertice il titolare di uno studio di consulenza della provincia di Lecce, esperto nei meccanismi di funzionamento del circuito bancario, finanziario e fiscale

Pubblicato

il

I finanzieri dei Comandi Provinciali di Lecce e di Napoli e del Nucleo Speciale Tutela Entrate e Repressioni Frodi Fiscali di Roma hanno eseguito una serie di misure di custodia cautelare personale, emesse dai G.I.P. del Tribunale di Lecce e da quello della città partenopea.

Le indagini, che si distinguono in due filoni collegati tra loro per alcuni elementi di convergenza, riguardano, per quello salentino, un’associazione a delinquere dedita alla cessione di crediti di imposta fittizi, derivanti da false pratiche di bonus edilizi ed al riciclaggio all’estero dei proventi illeciti.

L’ordinanza eseguita dalle fiamme gialle leccesi con il supporto del Nucleo Speciale riguarda 13 persone (4 in carcere e 9 ai domiciliari). Eseguite 25 perquisizioni, alcune anche in territorio estero (Lituania), e un sequestro preventivo di circa 3,9 milioni di euro, quale ulteriore provento dell’attività illecita rispetto ai 20 milioni di valori già sequestrati nel corso delle indagini.

GLI ARRESTATI

I destinatari della misura – emessa dal gip del Tribunale di Lecce Marcello Rizzo, su richiesta della pm della Procura della Repubblica Simona Rizzo –  sono: Andrea D’Ospina, 44 anni residente a Racale; Massimo Giannelli, 50 anni, e Monica Sansò, 49 anni, di Racale; Alessio Greco, 29 anni, e Michele Romano, 55 anni, di Castrignano del Capo; Donato Lezzi, 40 anni di Copertino; Giacinto Maffei, 51 anni di Solofra in Irpinia; Andrea Marotta, 47 anni di Gallipoli; Marcello Giorgio Monsellato, 48 anni di Presicce-Acquarica; Orazio Preite, 40 anni di Taurisano; Luigi Rossetti, 49 anni, e Celestino Andrea Scarlino, 37 anni di Melissano; Antonio Talema, 25 anni, domiciliato a Racale; Michele Scognamiglio, 40 anni di Napoli e domiciliato in Lettonia.

EASY BONUS

L’odierna operazione (convenzionalmente denominata “Easy Bonus”), giunta all’esito di quasi due anni di complesse indagini condotte dal Nucleo PEF (GICO) di Lecce e coordinate dalla Procura della Repubblica salentina, è il frutto di un’articolata investigazione di respiro internazionale originatasi da una sinergia tra l’Unità di Informazione Finanziaria italiana, la Financial Intelligent Unit (F.I.U.) della Lituania e la Guardia di Finanza circa ingenti somme di denaro bonificate in quel paese e provenienti da conti correnti postali italiani.

Le attività, svolte in co-delega con il Nucleo Speciale Tutela Entrate e Repressioni Frodi Fiscali, hanno consentito di individuare 71 percettori di fraudolenti bonus edilizi, prevalentemente Bonus facciate, che dopo la cessione del credito d’imposta a Poste Italiane sono riusciti a trasferire gran parte delle somme all’estero.

Tutti percettori delle suddette agevolazioni fiscali, in realtà, non avevano inviato alcuna comunicazione obbligatoria (CILA/SCIA) agli Uffici Tecnici dei comuni interessati, non avevano effettuato nessun intervento edilizio e, addirittura, in molti casi, non erano nemmeno proprietari di alcun immobile.

Le attività tecniche di intercettazione, sia telefoniche che ambientali, hanno consentito di acquisire un circostanziato e minuzioso quadro indiziario in ordine all’esistenza di un sodalizio criminale con al vertice il titolare di uno studio di consulenza della provincia di Lecce, esperto nei meccanismi di funzionamento del circuito bancario, finanziario e fiscale.

L’organizzazione, dopo aver individuato possibili beneficiari di bonus edilizi (soggetti indigenti, senza redditi, fiscalmente incapienti, alcuni con gravami penali e/o con l’erario, tutti residenti nella provincia salentina) provvedeva alla registrazione delle firme digitali (SPID), all’inserimento delle richieste sul portale dell’Agenzia delle Entrate oltre che all’accensione dei conti correnti presso Poste Italiane.

I capitali così ottenuti venivano trasferiti su conti correnti esteri e, attraverso laboriosi meccanismi di riciclaggio ed auto-riciclaggio finalizzati ad occultarne la provenienza, venivano fatti rientrare in Italia, anche attraverso lo sfruttamento di società costituite allo specifico scopo di gestire gli affari illeciti dei singoli promotori dell’organizzazione nonché dal capo del citato sodalizio.

Acclarata la transnazionalità delle condotte delittuose, e onde proseguire efficacemente le attività investigative all’estero, si è reso necessario costituire (nel mese di maggio 2022), una SICSquadra Investigativa Comune con le autorità giudiziarie della Lituania, Lettonia nonché con la Procura della Repubblica di Napoli e il Nucleo PEF partenopeo, sotto l’egida di Eurojust, con lo scopo di raccogliere prove oltre confine in quanto erano emerse numerose convergenze investigative con altri soggetti, prevalentemente campani, che avevano creato ad hoc un istituto bancario e finanziario con sede a Vilnius e alcune società a Riga per riciclare enormi quantità di denaro illecito proveniente dall’Italia.

Le indagini tecniche hanno permesso di accertare, come gli ingenti profitti derivanti dalle attività fraudolente descritte avessero generato l’interessamento di personaggi vicini alla criminalità locale.

I rapporti tra le propaggini criminali ed il capo dell’organizzazione si sono progressivamente deteriorati diventando di sempre più difficile gestione, tanto che, nel giugno 2022, quest’ultimo subiva l’incendio a titolo estorsivo della propria abitazione e, immediatamente a seguire, di quella dei propri genitori.

Nel corso delle indagini, già a dicembre 2022, sono state eseguite circa 100 perquisizioni e numerosi sequestri preventivi (anche nella forma per equivalente) delle somme illecitamente percepite (circa 20 milioni di euro e 62 beni immobili) nei confronti dei percettori dei fittizi bonus edilizi.

A novembre 2023, grazie al lavoro della Procura della Repubblica di Lecce, della squadra investigativa comune, e all’impegno delle fiamme gialle salentine, sotto costante coordinamento del desk italiano di Eurojust, è stato possibile addivenire al materiale rientro in Italia del denaro sequestrato in Lituania (circa 3,2 milioni), già confluiti nel Fondo Unico Giustizia.

Contestualmente alle suddette attività, a cura del Nucleo PEF di Napoli, sono in corso di svolgimento analoghe misure coercitive personali nei confronti di 8 persdone (4 in carcere, 2 ai domiciliari e 2 misure interdittive) nella provincia di Napoli emessa dal G.I.P. del Tribunale partenopeo, oltre che contestuali sequestri preventivi (diretti e per equivalente) per 25 milioni di euro in corso di esecuzione anche in Lituania e Lettonia.

Oltre 200 finanzieri sono stati impegnati sui vari target di cui circa una decina su obiettivi ubicati all’estero unitamente alle autorità giudiziarie e di polizia del posto.

La cornice di sicurezza dell’operazione sul territorio salentino è garantita da un elicottero della Sezione Aerea del Reparto Operativo Aeronavale di Bari nonché da alcune pattuglie di Baschi Verdi, mentre le perquisizioni sono eseguite avvalendosi dell’ausilio di due unità cinofile specializzate con il cosiddetto “cash dog” di Bari e di Brindisi nonché di sofisticate strumentazioni fornite dal Gruppo Mezzi Tecnici dello S.C.I.C.O.

Continua a Leggere

Andrano

Biciplan ad Andrano

Assemblea pubblica per presentare il Piano Urbano per la Mobilità Sostenibile, questa sera, dalle 18, nei locali della Biblioteca Don Giacomo Pantaleo

Pubblicato

il

Piano urbano per la mobilità sostenibile – biciplan – Un’assemblea pubblica presso la sede municipale per presentare il Piano urbano per la mobilità sostenibile – biciplan.

Appuntamento questa sera, dalle 18, nei locali della Biblioteca Don Giacomo Pantaleo.

Interverranno Biagio Martella, responsabile del servizio urbanistica – RUP, e Cirino Carluccio, progettista dell’associazione di promozione sociale “Città Fertile”.

Le conclusioni saranno affidate al sindaco di Andrano Salvatore Musarò.

Modererà l’incontro Rocco Surano, vice sindaco e assessore all’urbanistica.

«Biciplan è un progetto a cui teniamo tantissimo e che proietta Andrano nel panorama della mobilità sostenibile», ha evidenziato il sindaco Salvatore Musarò, «il nostro obiettivo primario è migliorare sempre la qualità di vita dei cittadini, da coniugare necessariamente con le politiche ambientali. Il cammino è lento, faticoso, ma ci crediamo ed oggi pomeriggio spiegheremo i passi principali della progettazione in programma assieme alla componente tecnica».

Continua a Leggere

Appuntamenti

Centro Sud Puglia, a Cutrofiano un incontro sul Consorzio di Bonifica

In un incontro organizzato dal Forum Amici del Territorio per giovedì 29 febbraio. Si discuterà di tutto ciò che rigurda il nuovo organismo che ha assunto le funzioni dei Consorzi di Bonifica soppressi: Arneo, Ugento Li Foggi, Stornara e Tara e Terre d’Apulia

Pubblicato

il

Il Forum Amici del Territorio, organizza un seminario tecnico sul nuovo Consorzio di Bonifica Centro Sud Puglia” operativo dal 1° gennaio 2024, che assume le funzioni dei Consorzi di Bonifica soppressi: Arneo, Ugento Li Foggi, Stornara e Tara e Terre d’Apulia.

L’intento è cercare una risposta ai seguenti quesiti:

  • cosa sono i bacini e i sub-bacini idrografici endoreici, per i quali si paga il tributo 630?
  • – in quale fase operativa si trova il nuovo Consorzio Unico?
  • – a che punto sono i nuovi Piani di Bonifica, di Riparto e di Classifica?
  • – quali saranno gli effetti della pesante eredità debitoria, degli ex consorzi soppressi, sul nuovo Consorzio di Bonifica?
  • che fine faranno le cartelle esattoriali già emesse dall’ex consorzio Ugento e “Li Foggi”?

Nel corso dell’incontro saranno evidenziate le criticità e le incongruenze emerse nella verifica, delle procedure e nell’applicazione della Legge Regionale n. 4/2012, relativa alla formazione dei vecchi piani di bonifica e di classifica, dell’ex Consorzio Ugento e “Li Foggi”.

L’incontro si terrà, giovedì 29 febbraio, a partire dalle ore 18, presso le Scuderie del Palazzo Filomarini in Piazza Municipio, a Cutrofiano.

Interverranno: Paolo Sansò (Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biologiche e Ambientali – DiSTeBA Osservatorio di Chimica, Fisica e Geologia Ambientali dell’Università del Salento); Cristian Casili (vice presidente del Consiglio e consigliere regionale della Puglia) e Carmen Antonaci (presidente provinciale della Lega Consumatori).

Modererà l’incontro Gianfranco Pellegrino, presidente del Forum Amici del Territorio.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus