Connect with us

Attualità

Perché volare? Le origini, dai Fratelli Wright alla Grande Guerra

“Cento anni di impegno dell’Aeronautica Militare al servizio dell’Italia”: si è tenuto a Lecce il primo di una serie di incontri finalizzati a far conoscere la storia e il ruolo della Forza Armata. L’iniziativa rientra tra le attività propedeutiche ai festeggiamenti per il Centenario dell’Arma Azzurra

Pubblicato

il

L’aula congressi del campus universitario “Ecotekne” di Lecce ha ospitato, nella mattinata del 25 novembre, il convegno “Perché volare? Le origini, dai Fratelli Wright alla Grande Guerra“, organizzato dall’Associazione Arma Aeronautica — Aviatori d’Italia. Quello di Lecce è stato il primo di una serie di 15 incontri, che si terranno in altrettante città italiane per ripercorrere i 100 anni dell’Aeronautica Militare e preparare il terreno alla celebrazione del centenario dell’Arma Azzurra che ricorrerà il 28 marzo 2023.


«Con questo progetto l’Associazione Arma Aeronautica intende contribuire alla diffusione, nella società civile e soprattutto tra i giovani, della conoscenza dell’apporto che l’Aeronautica Militare ha fornito e fornisce, con grande professionalità, senso del dovere e spirito di sacrificio, a difesa degli interessi nazionali e, soprattutto, della serena convivenza e operosità di tutti i cittadini italiani e di quelli dei Paesi aderenti alla NATO», ha spiegato il Generale Ispettore Capo Nazzareno Cardinali, presidente della sezione Roma 2 “Luigi Broglio”, ideatrice del progetto, realizzato in cooperazione con il Centro Studi Militari Aeronautici (CESMA).


La conferenza, che ha avuto come moderatore il Dott. Antonio Liguori, si è svolta nel rigoroso rispetto delle misure precauzionali imposte dall’emergenza sanitaria in atto.



Il Generale di Squadra Aerea Giulio Mainini, Presidente dell’Associazione, ha invitato i ragazzi a perseguire i propri sogni aeronautici con determinazione per poter superare le inevitabili difficoltà e prove. «La selezione è dura ma la soddisfazione di riuscire è enorme», ha sottolineato «Non cambierei un minuto dei miei quarantaquattro anni in Aeronautica».


Il Colonnello Paciaroni ha trattato il tema “Dalla Belle Epoque a Vittorio Veneto; cinquant’ anni che hanno rivoluzionato la Storia, la Società, la Scienza, la Tecnologia e l’Arte“.

A seguire il Prof. Giulio Avanzini, dell’Università del Salento, ha parlato de “La nascita dell’aviazione: dal sogno del volo ai fratelli Wright e ai pionieri del volo italiani“. L’ing. Antonio Zilli, del Distretto Tecnologico Aerospaziale, ha affrontato il tema “Aeroporto di Grottaglie e sfide per l’industria aerospaziale: UAS e volo suborbitale. L’innovazione coordinata dal Distretto Tecnologico Aerospaziale“. L’ultimo intervento è stato del Colonnello Filippo Nannelli, Comandante del 61° Stormo di Galatina, che ha illustrato l’argomento “La Puglia terra di addestramento di piloti: da ieri ad oggi“.


«Il convegno è un’occasione da non perdere per conoscere meglio il passato e il presente dell’Aeronautica Militare, protagonista di eventi importanti e cruciali della storia italiana», ha sottolineato il Generale Cardinali a chiusura dell’attività, «ma anche per approfondire temi estremamente concreti ed attuali dei settori militare e industriale dell’aerospazio e della difesa italiani legati alla realtà pugliese e salentina».


La platea, composta principalmente da ragazzi degli Istituti di Istruzione Secondaria Superiore di Lecce, si è dimostrata estremamente attenta alle tematiche trattate e, al termine degli interventi, gli studenti hanno rivolto numerose domande al Gen. Mainini e al Col. Nannelli. Quest’ultimo, nel ricordare il motto dell’Aeronautica Militare “Con Valore verso le Stelle”, ha incoraggiato i giovani «ad affrontare con valore ogni sfida che vi si porrà davanti. Non fermatevi mai dinnanzi al primo ostacolo: solo così potrete raggiungere gli obiettivi prefissati e realizzare i vostri sogni».


 


Attualità

Previsioni per lunedì: possibili fioccate di neve all’alba

Pubblicato

il

Imperversa il freddo sul Salento. Correnti gelide che stanno attraversando tutta la Puglia.

Supermeteo pubblica le previsioni meteorologiche per la giornata di domani, lunedì 24 gennaio, in merito al Tacco d’Italia.

Secondo quanto riportato, sarebbero “confermate le fioccate di neve”.

Accompagnate dalla mappa, ecco le previsioni: “Freddo intenso per la giornata di domani, accompagnato da rovesci di neve sparsi, con possibilità di locali e temporanee spolverate in caso di fenomenologia intensa.
In figura, gli accumuli stimati dal nostro modello tra le ore 4 e le 7 di domani mattina”.

Continua a Leggere

Attualità

Primo Paese dell’UE opta per l’obbligo vaccinale per tutti

Pubblicato

il

Si fa strada sempre di più l’obbligo vaccinale. Se in Italia al momento è solo “parziale”, se Francia e Regno Unito allentano le misure, se la Repubblica Ceca lo ha introdotto salvo poi fare marcia indietro, l’Austria sarà il primo paese europeo ad imporrlo, senza distinzione d’età o di categoria.

Il parlamento austriaco ha approvato l’introduzione del vaccino obbligatorio. La misura entrerà in vigore il 4 febbraio.

Incentivi…a premio

Inoltre Vienna introdurrà una lotteria nazionale con premi da 500 euro per incoraggiare chi non si è ancora vaccinato contro il Covid a immunizzarsi: lo ha reso noto il governo, secondo quanto riporta il Guardian. Il governo stanzierà inoltre 400 milioni di euro per i Comuni ‘virtuosi’ con la più alta percentuale di immunizzati.

Continua a Leggere

Attualità

Cerco da tempo 50 operai ma non li trovo

Offresi posti di lavoro in una affermata azienda metalmeccanica ma nessuno risponde

Pubblicato

il

La Scandiuzzi Steel Constructions, azienda di Treviso, cerca 50 operai per la sede di Brindisi ma l’offerta non decolla.

Siamo pronti ad assumere 50 nuovi dipendenti con effetto immediato. Da qui il nostro appello a non perdere questa opportunità. Ovviamente siamo pronti ad effettuare un percorso di formazione per consentire ai nuovi assunti di acquisire la necessaria esperienza per operare in un ambito così importante come quello metalmeccanico”, sottolinea Fernando Parata, il direttore dello stabilimento di Brindisi. “Il problema non riguarda soltanto noi, visto che nell’ultimo direttivo della sezione Metalmeccanica di Confindustria, che presiedo, anche altre aziende hanno denunciato le stesse difficoltà nel reperire operai e tecnici specializzati per far fronte alle commesse già contrattualizzate”.

La Fim Cisl Taranto Brindisi, invece, chiede chiarezza. Secondo il segretario generale, Michele Tamburrano, bisognerebbe capire “se il lavoro offerto risponda ad una logica che dia l’opportunità ai tanti disoccupati o, piuttosto, vada in una logica sostitutiva, in cui si provi a cercare personale bello pronto e formato, già alle dipendenze di altre aziende, offrendo un inquadramento professionale e un trattamento economico inferiore a quello percepito».

Riteniamo sia utile che la Scandiuzzi unitamente a Confindustria faccia chiarezza sui profili ricercati e sulle modalità di assunzione evitando generalizzazioni. Siamo convinti che, puntando sulla formazione, si possa dare opportunità di riconversione e ricollocazione, in un’ottica di transizione sociale, ai tanti lavoratori che oggi sono fuori dal mondo del lavoro“.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus