Connect with us

Attualità

La Carta di Leuca

Educare alla vita in comunità con un documento aperto all’evoluzione e che tenga aperte le menti al diverso e la porta a sud del Salento all’homo viator, così come è sempre stata

Pubblicato

il

De Finibus  Terrae diventa zona di partenza per abbattere le frontiere, quelle reali del Mediterraneo e quelle culturali tra i popoli dello stesso, e inizia dal Punto Zero.

Si tratta della prima edizione di un nuovo cammino verso un sentimento di unione più forte, l’abbattimento dei muri tirati su dalla paura del diverso, che è per noi innata e da sempre sfocia in atti di cattiveria che mettono in risalto le nostre più cupe debolezze.

I giovani sono invitati ad agire per poter cambiare la situazione: dall’11 agosto, gli insegnamenti sul vivere come fratelli, datici in eredità da Don Tonino Bello, saranno lo sfondo di un evento di quattro giorni organizzato dal nuovo Parco culturale ecclesiale “Terre del Capo di Leuca – De Finibus Terrae”.

Il tutto è proiettato verso l’alba del 14 agosto, che nascerà di pari passo con la Carta di Leuca: si tratta di un documento aperto, che si evolverà negli anni insieme alla nostra Terra, e che ha il compito di educare alla vita in comunità, di aprire le menti verso chi è lontano dal modo di vivere a cui siamo abituati sapendolo accogliere, perché la punta del Salento continuerà ad essere porta aperta all’homo viator, così come è sempre stata.

Giovedì 11, giornata di inizio della manifestazione, vedrà protagonisti i giovani, di svariate nazionalità, che da Roma arriveranno a S. Maria di Leuca lungo la via Francigena del sud per partecipare all’evento. In serata, assieme al vescovo Angiuli e al presidente della provincia Emiliano, si potrà assistere alla presentazione di #cartadileuca.0 , a Tricase presso Palazzo Gallone. Nello stesso luogo, venerdì 12, Gianfranco Cattai e il vescovo Ricchiuti di Pax Christi esporranno delle relazioni sul tema della pace e dello sviluppo, il tutto dopo un’ escursione nell’entroterra per imparare qualcosa in più sui luoghi del Salento.

È prevista per la sera stessa la partecipazione di tutti i giovani alla notte bianca di Specchia. Sabato 13, la Carta prenderà forma nella splendida Santa Cesarea Terme durante i “tavoli della convivialità”, e alle 22 ci sarà ad Alessano il concerto “Mediterraneo di pace”. Alle 2.30 partirà dall’insediamento rupestre di Macurano la camminata fino al Santuario, che sarà conclusa dalla proclamazione e approvazione della Carta di Leuca, alla presenza del prefetto di Lecce Claudio Palomba, quando i primi raggi di sole riscalderanno un (forse) nuovo avvenire.

Continua a Leggere

Attualità

Covid: anche oggi provincia di Lecce indenne

Bollettino regionale: 11 nuovi casi positivi un Puglia, 9 nel barese e due in provincia di Taranto. Sale a 2.298 il numero dei guariti; quello degli attualmente positivi scende a 1.678

Pubblicato

il

Undici nuovi casi positivi un Puglia, proprio come ieri. E proprio come ieri nessun caso in provincia di Lecce.

A cambiare è soprattutto il tasso di positività salito fino all’1% perché è diminuito il numero dei test registrati (1.091) ma va sottolineato che 7 dei 9 casi si sono registrati in provincia di Bari, gli altri due in provincia di Taranto.

Quattro i decessi con covid: 3 nella Bat, uno in provincia di Foggia.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 104.670 test.

Sono 2.298 i pazienti guariti; 1.678 gli attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia dall’inizio della pandemia è di 4.467, di cui 511 nella Provincia di Lecce.

IL BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO DEL 25 MAGGIO

Continua a Leggere

Attualità

“Il turismo oggi: una sfida difficile, ma esaltante”

Lettera del Vescovo di Ugento – S. Maria di Leuca, Mons. Vito Angiuli agli operatori e alle operatrici del turismo

Pubblicato

il

Mons. Vito Angiuli ha scritto una lettera a tutti gli “operatori ed operatrici del turismo”: “Voi avete la grande responsabilità di guarire le persone dalla paura che ora le attanaglia

Di seguito la lettera del Vescovo di Ugento – Santa Maria di Leuca.

Carissimi operatori e operatrici nel mondo del turismo, in  questo  momento  delicato  di  ripresa,  seppur  con  tante  incertezze,  vorrei farvi  sentire  la  vicinanza  e  il  sostegno  della  nostra  Chiesa  di  Ugento  –  S.  Maria  di Leuca.  Homo  viator,  diceva  il  filosofo  francese  Gabriel  Marcel. 

Con  questa definizione, egli intendeva dire che è nella stessa natura dell’uomo essere viandante e viaggiatore.

“Viator”  è colui che si mette in cammino e  percorre la via, un sentiero ben tracciato  e individuabile nel territorio.  Ed  è  nel viaggio che  si  aprono orizzonti di senso  attraverso  l’incontro  con  l’altro  e  con  la  bellezza  che  ci  circonda,  con  la maestosa  luminosità  del  nostro  territorio,  dei  nostri  monumenti  e  delle  nostre Chiese barocche.

Mons. Vito Angiuli

In questo tempo, però, tutto ci sembra incredibilmente più difficile. Infatti, la fatica  di  pianificare,  gli  spostamenti  bloccati  e  il  distanziamento  sociale  rendono difficile non solo il viaggiare ma anche l’accogliere.

Vorrei,  però,  invitarvi  a  guardare  a  questo  tempo  come  a  un’occasione  di creatività e di alleanza per costruire buone pratiche di valorizzazione del bello e di fruizione del nostro territorio. Voi, operatori e operatrici nel turismo, oggi avete la grande  responsabilità   –  attraverso  le  esperienze  e  i  servizi  che  proponete  –   di guarire  le  persone  dalla  paura  che  le  attanaglia  e  dalla  diffidenza  nei  confronti dell’altro attraverso l’offerta di una bellezza che guarisce.

Voglio  assicurarvi  che  come  Chiesa  vi  siamo  vicini:  è  il  momento  in  cui  la creatività e lo spirito di sacrificio, che hanno sempre caratterizzato la nostra terra, ed i tesori  artistici  e  paesaggistici  che  custodiamo,  possono  spingerci  a  guardare  con fiducia ai prossimi mesi.

Sarà una stagione economicamente difficile, ma vogliamo sperare che sia umanamente arricchente.

Ritorneremo  a  viaggiare  ma  anche  ad  accogliere,  cominciando  dalla  nostra terra per poi raggiungere presto anche mete lontane. Ma ciò che aiuterà il mondo del turismo a rinascere sarà il rendere possibile l’esperienza di quella “Bellezza che salva il mondo e l’umanità” e che sapremo tradurre in racconti e in proposte.

Si  apre  davanti  a  tutti  noi  una  difficile,  ma  esaltante  sfida  da  non  perdere!

Soprattutto  se  sapremo  affrontarla  insieme  per  il  bene  della  nostra  terra  e  della nostra gente”.

Continua a Leggere

Attualità

Bollettino covid: +11 in Puglia ma il Salento resta vergine

Dall’inizio della pandemia è di 4.458 il totale dei contagiati: sono 2.178 i pazienti guariti, 1.793 i casi attualmente positivi

Pubblicato

il

Altri 11 contagi in Puglia ma il Salento resta ancora esente da nuovi contagi.

Eseguiti nelle ultime 24 ore 1.832 test: il tasso di positività su tutto il territorio regionale è dello 0,60% in aumento rispetto allo 0,45% di ieri ma sempre contenuto.

Sottolineato che gli ultimi casi riguardano soprattutto la Capitanata (7) e il barese (3) ieri è stato registrato un altro decesso di Pugliese con covid nella provincia Bat.

Dall’inizio della pandemia sono stati effettuati 103.570 test.

Sono 2.178 i pazienti guariti; 1.793 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia dall’inizio dell’emergenza sanitaria è di 4.458, di cui 511 nella provincia di Lecce.

IL BOLLERTTINO EPIDEMIOLOGICO DEL 24 MAGGIO

 

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus