Connect with us

Attualità

L’impasse della Regione blocca la riabilitazione dei bimbi autistici: l’appello dei genitori

Pubblicato

il


Riceviamo e pubblichiamo l’appello dei genitori di bambini autistici dei Centri ambulatoriali di Matino e Lizzanello





Da anni aspettavamo con trepidazione l’accreditamento da parte della Regione Puglia e della ASL di Lecce nei confronti della nostra Associazione “AMICI DI NICO” ONLUS che ci permettesse di frequentare un Centro specializzato per i nostri figli, l’unico sul territorio in quanto riconosciuto per gli Interventi specialistici e per la decennale esperienza nella presa in carico di bambini con autismo.





Quando a fine settembre 2020 ci è stato reso noto della possibilità di accedere a questi servizi di eccellenza a totale carico della ASL, abbiamo tirato tutti quanti un sospiro di sollievo poiché potevamo finalmente concedere ai nostri figli il massimo delle possibilità di recupero senza dover subire, oltre al peso di una diagnosi infausta, anche la beffa di rinunciare alla cura ideale per loro!





La convenzione sottoscritta tra la ASL di Lecce e i Centri Ambulatoriali per l’Autismo “Amici di Nico” Onlus e il CAT (Centro Territoriale per l’autismo della stessa ASL di Lecce) ci ha permesso di accedere a interventi specialistici ai nostri bambini in età molto precoce, molti dei quali al di sotto dei 5 anni di età.





L’equipe di “Amici di Nico” Onlus sì è prodigata ad attivare per tempo l’assistenza specialistica individuale con supervisioni costanti e supportandoci con cicli di “Parent Training” e “Teacher Training”.





Sebbene tale Convenzione fosse scaduta lo scorso 31/12/2020, per doverosa continuità assistenziale e nel rispetto del programma semestrale autorizzato, i suddetti programmai riabilitativi sono proseguiti per tutto il mese di gennaio e febbraio 2021, benché la struttura fosse priva di ogni rinnovata sottoscrizione, confidando in una imminente revisione del Fondo Regionale per la Asl e nella successiva proroga delle Convenzioni.





A fronte un’assenza di impegno di spesa della Regione e di impossibilità da parte della ASL di Lecce di ristorare il servizio già attivato, la struttura si è vista costretta a ridimensionare se non sospendere  direttamente gli interventi, costringendo i nostri bambini a rinunciare ad alcune ore di intervento, importantissime ai fini riabilitativi e di ottenimento degli obiettivi previsti o ancor peggio, per alcuni di noi , addirittura a vedere interrotto quanto appena intrapreso, compromettendo il sacrosanto diritto alla salute e alla continuità terapeutica! 





“L’interruzione o la riduzione delle terapie in corso suscita forti preoccupazioni in noi genitori, ma sconvolge anche i precari equilibri a fatica ottenuti da parte dei nostri piccoli! Purtroppo, un atto irresponsabile che potrebbe esporre i nostri bambini a regressioni con gravi ed irreparabili danni”.




“Chiediamo che ai nostri figli sia garantito la continuità di ciò che abbiamo già potuto esperimentare: un percorso terapeutico assolutamente virtuoso sotto la vigilanza di un supervisore dedicato per ogni fascia di età e con terapisti di grande esperienza professionale e umana, capaci di evidenziare sin dai primi mesi di intervento ottimi risultati, che la stessa ASL di Lecce ha periodicamente accertato, certificandone la valenza con proroghe in forma semestrale!”





“I NOSTRI FIGLI NON POSSONO ESSERE DIMENTICATI DA CHI SI OCCUPA DI SANITA’ E DA CHI LAVORA IN NOME E PER CONTO DELLE PERSONE PIU’ FRAGILI!”





“CI RIVOLGIAMO AL PRESIDENTE DELLA REGIONE PUGLIA  MICHELE EMILIANO, ALL’ASSESSORE ALLA SANITA’ PIERLUIGI LOPALCO, AL DIRETTORE DELLE POLITICHE SANITARIE LUCIA MONTANARO, A TUTTA LA GIUNTA REGIONALE E NON ULTIMI AI FUNZIONARI ADDETTI ALLE SUDDETTE POLITICHE CHIEDENDO UN SOLLECITO URGENTE AFFINCHE’ VENGA RISTABILITO IMMEDIATAMENTE UN CONGRUO STANZIAMENTO REGIONALE ALL’UNICO CENTRO MERITATAMENTE ACCREDITATO IN PROVINCIA DI LECCE E CHE SI CONFERMINO CON PROVVEDIMENTI URGENTI TUTTI GLI INTERVENTI IN ATTO REGOLARMENTE PRESCRITTI DAL “CAT” DI LECCE”.





“NESSUNO DEVE RIMANERE INDIETRO





NESSUNO DI NOI PUO’ PIU’ ASPETTARE





L’AUTISMO NON ASPETTA MA…AVANZA!”





Contatto genitori:





gruppogenitoriautismo@amicidinico.it 


Attualità

La Regione stanzia 3 milioni di euro per gli inquilini delle case popolari

Si tratta di un corposo stanziamento della Regione Puglia, di cui 500 mila euro per la provincia di Lecce. Agli aventi diritto verrà rimborsato l’importo pari a 3 mensilità del canone corrisposto.

Pubblicato

il

La regione Puglia ha approvato una misura di sostegno affitti per l’emergenza da covid-19 a beneficio degli inquilini delle Case Popolari della Provincia di Lecce. Si tratta di un corposo stanziamento della Regione Puglia pari a 3 milioni di euro, di cui 500 mila euro per la provincia di Lecce. Agli aventi diritto verrà rimborsato l’importo pari a 3 mensilità del canone corrisposto.

Il Sindacato Inquilini Casa e Territorio attraverso un comunicato stampa fornisce i dati utili per poter richiedere il sussidio: a partire dal 26/07/2021 e fino al 30/09/2021 è possibile presentare domanda per il rimborso pari a 3 mensilità del canone corrisposto.

I REQUISITI PER OTTENERE IL RISTORO

1. Assegnatari in regola con i censimenti reddituali e con i pagamenti alla data del 31/12/2019 e che non abbiano già beneficiato del contributo regionale;

2. Assegnatari inoccupati e/o non percettori di ammortizzatori sociali (es. CiG, ecc.);

3. Assegnatari con pensione sino ad € 7.000,00 annuali;

4. Assegnatari che abbiano nel nucleo familiare uno o più portatori di handicap, risultante/i dal verbale di riconoscimento dell’invalidità pari al 74%;

5. Assegnatari o loro familiari colpiti da Covid 19.

Le domande potranno essere presentate esclusivamente su piattaforma elettronica dal sito di Arca Sud Salento, oppure rivolgendosi alle organizzazioni sindacali degli
inquilini come il Sicet – Cisl di Lecce che provvederanno alla necessaria assistenza dell’inquilino e all’inoltro della domanda.

Continua a Leggere

Attualità

Autovelox Melpignano: «Giudice di Pace non ha bocciato photored ma contestato circolare del Ministero»

In particolare non è andato giù quanto dichiarato da Adiconsum. Secondo il il responsabile delle relazioni esterne di Italtraff, Antonio Marzo, «Il Giudice Trane ha contestato la proroga decisa dal Ministero oltre il termine annuale previsto per la taratura di questo tipo di apparecchiature e non l’apparecchiatura Photored»

Pubblicato

il

Antonio Marzo, responsabile delle relazioni esterne Italtraff ha ritenuto di dover intervenire in merito al nostro all’articolo dal titolo “Autovelox Melpignano, altra multa annullata”, pubblicato il 27 luglio scorso.

In particolare non è andato giù quanto dichiarato da Adiconsum Lecce ed oggetto virgolettato del nostro sottotitolo «Vittoria per un associato Adiconsum Lecce – L’ennesima dimostrazione di come l’apparecchiatura utilizzata dal Comune di Melpignano non sia correttamente idonea per sanzionare gli automobilisti».

 Secondo Marzo, trattasi di «affermazioni gratuite che gettano ingiusto discredito sul buon nome della scrivente, oltre ad essere anche foriere di possibile pregiudizio economico, ci è d’obbligo fare le dovute precisazioni a tutela del buon nome della società e della validità e legittimità dell’apparecchiatura Photored F17Dr».

«L’asserzione di Adiconsum così come la lettura proposta della decisione del Giudice di Pace, Avv. Silvano Trane, sono fuorvianti», attacca, «oltre che gratuitamente denigratorie dell’apparecchiatura Photored F17Dr e, quindi, di Italtraff srl, quale costruttrice dell’apparecchiatura medesima».

Prima di entrare nello specifico, Marzo reputa «necessari piccoli ragguagli: l’apparecchiatura Photored F17Dr è regolarmente omologata dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ed è conosciuta in tutto il mondo oltre che in Italia (la città di Modena utilizza diciotto apparecchiature Photored dal 2002 – i paesi arabi sono i maggiori acquirenti utilizzatori dei nostri Photored). La prima omologazione ministeriale risale al lontano 1986, sostenuta con entusiasmo ai fini della sicurezza del traffico veicolare dall’allora sottosegretario ai Lavori Pubblici, compianto on. Avv. Gaetano Gorgoni. Italtraff srl sin dal 1986 costruisce a Manduria le apparecchiature Photored con l’ausilio di circa quaranta tra dipendenti e collaboratori di alto profilo professionale. Ha un capitale sociale di 2.420.000 euro. Il marchio “Photored” è registrato a nome di ITALTRAFF, sin dal 1986, all’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi presso il Ministero delle Attività Produttive».

Riguardo la sentenza, «da una piana lettura della decisione», secondo Marzo, «emerge in maniera molto chiara che il Giudice di Pace Silvano Trane non ha inteso “bocciare” l’apparecchiatura Photored bensì contestare la circolare prot. 300/A/3743/20/144/5/20/5/ del 27 maggio 2020 con cui il Ministero degli Interni ha (ri)disciplinato la “Taratura dei dispositivi di rilevazione della velocità e proroghe della validità annuale” in occasione dell’emergenza COVID-19».

Per il responsabile delle relazioni esterne di Italtraff, «il Giudice ha invero semplicemente inteso disapprovare la proroga, stabilita con la circolare di cui innanzi, del periodo di validità della taratura (prevista per legge con cadenza annuale), siccome disposta ope legis, che, secondo lui, non garantirebbe sufficientemente la certezza del rilevamento delle infrazioni degli automezzi che viaggiano a velocità superiore a quella prescritta nel tratto di strada interessato. Il Giudice Trane ha contestato la proroga decisa dal Ministero oltre il termine annuale previsto per la taratura di questo tipo di apparecchiature e non l’apparecchiatura Photored».

Sicché secondo Marzo non è facile arguire la vera ragione ispiratrice delle dichiarazioni di Adiconsum, che, «travisando, con ogni evidenza, la sostanza della sentenza, giunge con fin troppa faciloneria a concludere che si tratterebbe de: “L’ennesima dimostrazione di come l’apparecchiatura utilizzata dal Comune di Melpignano non sia correttamente idonea per sanzionare gli automobilisti”».

«Trattasi di affermazione tanto gratuita quanto malevola», conclude Antonio Marzo, «che getta ingiusto discredito sul buon nome della Italtraff e dell’apparecchiatura Photored F17Dr. Quanto innanzi al fine di far ben intendere le ragioni di Italtraff a scanso di forzature e disinformazioni di cui non si comprendono le finalità».

Continua a Leggere

Attualità

Covid, 248 casi in Puglia nelle ultime 24 ore: il punto sui contagi

In aumento il numero dei contagiati in Puglia rispetto alla giornata di ieri, ben 248 casi registrati, sui 163 precedenti, secondo le informazioni rilasciate dal Dipartimento Promozione Salute

Pubblicato

il

In aumento il numero dei contagiati in Puglia rispetto alle scorse 24 ore: ben 248 casi registrati, sui 163 precedenti, secondo le informazioni rilasciate dal Dipartimento Promozione Salute.

Il numero di positivi è il risultato di 11.859 test, che hanno rilevato 33 casi in provincia di Bari, 21 in quella di Brindisi, 35 nella provincia BAT, 69 nel foggiano, 70 nella provincia di Lecce e 13 in quella di Taranto.

IL RIEPILOGO

Dall’inizio della pandemia sono stati effettuati 2.885.860 tamponi. I pazienti guariti sono 246.971, quelli attualmente positivi invece 2159.

Il totale dei casi Covid in Puglia è di 255.799, così suddivisi: 95.749 nella Provincia di Bari; 25.817 nella Provincia di Bat; 20.088 nella Provincia di Brindisi; 45.487 nella Provincia di Foggia; 27.641 nella Provincia di Lecce; 39.760 nella Provincia di Taranto; 851 attribuiti a residenti fuori regione; 406 provincia di residenza non nota.

IL BOLLETTINO

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus