Connect with us

Attualità

Ortelle, ritrovato dopo 63 anni

Ortelle. Abbiamo incontrato Giorgio, 73enne carabiniere in pensione, nato dal matrimonio di Pellegrino Florio con la sorella della moglie scomparsa nel bombardamento di Rovereto del 1944

Pubblicato

il

ESCLUSIVA


Missione compiuta! Avevamo lanciato l’appello dopo essere stati contattati da Maurizio Panizza, giornalista trentino che ha prodotto un documentario storico su di un “misterioso” bombardamento americano avvenuto in aperta campagna, nei pressi di Rovereto (Trentino), il 13 settembre 1944.


In quella tragedia, che causò la morte di 18 persone, perse la vita un’intera famiglia pugliese composta dalla madre, Maria De Luca (originaria di Ortelle), da due figli (Franco e Maria Rita) e dalla sorella di lei (Giorgina).


L’unico superstite fu il marito, Pellegrino Florio (nativo di Altavilla Irpina), che si trovava in quel momento in altra parte della città. Disperato, l’uomo (che era finanziere a Rovereto) si aggirò per giorni sul luogo della tragedia, invocando il nome della moglie e dei figlioletti.


Alcuni anni dopo venne in Puglia e le sue tracce si persero a Tricase nel 1947. Così, nella ricostruzione storica di Panizza, vi era un vuoto da colmare e riguardava proprio quell’uomo di cui non si avevano più notizie.


Dopo l’articolo sull’ultimo numero della nostra edizione cartacea ci ha contattato in redazione Giorgio Florio, figlio di Pellegrino. Un uomo di 73 anni dai modi gentili come forse non ve ne sono più che, insieme alla sua dolcissima signora, ci ha accolti nella sua casa di Ortelle per raccontarci ciò che conosce della vicenda che aveva cambiato per sempre la vita di suo padre e dell’intera famiglia.


Pellegrino Florio e la sua prima moglie, Maria De Luca

«Papà dopo la tragedia venne nel Salento per conoscere la famiglia della moglie scomparsa. Qui incontrò Teresa, mia madre, che allora era sua cognata, sorella di Maria e Giorgina ed i due finirono per sposarsi».


«Allora si usava che, se ad un uomo moriva la prima moglie», ammette candidamente la signora Florio, «spesso gli davano in sposa la sorella». Così Pellegrino provò a ricostruirsi una vita nel Salento dove prese servizio come finanziere a Tricase. Dal suo matrimonio con Teresa nacquero tre bambini, tra cui Giorgio che deve il suo nome alla zia Giorgina, scomparsa nel bombardamento del 1944, così come i suoi fratelli sono stati chiamati Rosa Rita e Franco, come i bimbi periti in Trentino.


Pellegrino è morto nel gennaio del 1965, aveva 59 anni; Teresa invece è deceduta nel marzo 2007, ad 84 anni. Giorgio, oggi sottoufficiale dei carabinieri in congedo, ci ha raccontato che quel poco che sapeva sulla tragedia di Rovereto lo aveva appreso «dalla nonna perché papà non era solito parlarne in casa. Però solo ora che ho letto il vostro articolo ho capito qualcosa in più di ciò che è accaduto».


Del ritrovamento abbiamo avvertito Panizza, l’autore del documentario storico, che si è detto molto felice del ritrovamento del signor Giorgio e sta già pensando a come incontrarlo e coinvolgerlo in un’iniziativa commemorativa sui luoghi che nel 13 settembre 1944 furono teatro di una così grande tragedia.


Giuseppe Cerfeda


Attualità

Cordoba, l’ex Inter in vacanza in Salento

Pubblicato

il

Ivan Ramiro Cordoba, ex calciatore dell’Inter, in vacanza in Salento.

Nel weekend appena trascorso è stato visto a Specchia. In un locale del centro storico specchiese, La Bettola, lo scatto che segue.

Difensore colombiano con passaporto italiano, Cordoba ha giocato nel campionato italiano per ben 12 stagioni. Sempre nell’Inter, che lo ha prelevato dal campionato argentino e portato in Europa. Con i nerazzurri si è aggiudicato il triplete nel 2010.

Continua a Leggere

Attualità

Il ritorno dei fenicotteri nel Salento

Pubblicato

il

Il Salento continua a rivelarci spettacoli incredibili che raramente accadono nell’area del Mediterraneo e ci riportano in posti esotici, quasi a volerci ricordare di quanto sia importante la preservazione e la protezione di un ambiente che non si vuole fare sopraffare dall’avanzata spietata delle attività umane.

Questa volta in un video, fatto da turisti, alle famose “Saline dei Monaci” in località Torre Colimena, nel Salento, al confine tra le provincie di Lecce e Taranto, alcuni degli ospiti d’eccezione che tanto fanno parlare di loro. Eccola la “passeggiata” di centinaia fenicotteri rosa che solcano le acque dell’oasi naturale. Spettacolare video di una estate salentina.

“E non possiamo non ringraziarli”, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, “per averlo voluto condividere con noi e con tutti coloro che amano il mare e l’ambiente e vogliono proteggerli dalle insidie dell’uomo cui sono sottoposti per poter ammirare anche nel futuro spettacoli mirabolanti e meravigliosi come quello accaduto poco al di quà delle acque antistanti la costa salentina. Infatti, Torre Colimena è un piccolo Borgo immerso nella Riserva Naturale della Salina Monaci. Si tratta di una frazione balneare del comune di Manduria, in provincia di Taranto, apprezzatissima per il suo mare e per la splendida natura che la circonda. Offre ampie spiagge libere (punta prosciutto) e non affollate, percorsi naturalistici e culturali, sagre con prodotti tipici e servizi di ogni genere; in particolare la zona di Torre Colimena è un posto ideale per vivere un’esperienza soli o accompagnati dalle vostre famiglie, offrendo svago e relax a pochi passi dal mare, in un ambiente d’altri tempi, abbracciati da una natura incontaminata”.

Ecco il link al video: https://youtu.be/N5yHIaSBkLc

Continua a Leggere

Attualità

Costo parcheggio raddoppiato, i turisti: “Non torneremo più”

Pubblicato

il

Un rincaro che diventa un salasso. Sta facendo notizia il costo della sosta in alcune zone costiere del Salento.

Dei turisti hanno postato una foto della ricevuta di pagamento di un parcheggio agli Alimini. Indignati hanno raccontato che il prezzo, rispetto all’estate passata, è raddoppiato. Dai 5 euro si è saliti ai 10. Un aumento del 100% per colpa del quale, affermano, “non torneremo più”.

Non un caso isolato

Come succede in questi casi, un post di denuncia è sempre una pietra gettata in uno stagno. In tanti si susseguono per raccontare la loro esperienza sulle due sponde salentine, a testimonianza del fatto che quello degli Alimini non è un caso isolato.

Foto di Leccesette

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus