Connect with us

Salve

“Night Seminar” a Salve: Programmazione Neurolinguistica

Giovedì 2 dicembre, dalle 19,30, nella sala convegni del Palazzo Municipale, il “Night Seminar”, che rappresenta un’opportunità per conoscere l’efficacia della Programmazione

Pubblicato

il

Giovedì 2 dicembre, dalle 19,30, nella sala convegni del Palazzo Municipale, il “Night Seminar”, che rappresenta un’opportunità per conoscere l’efficacia della Programmazione Neurolinguistica per ottenere dei cambiamenti finalizzati ad un migliore utilizzo delle proprie risorse interiori. La Programmazione Neurolinguistica è infatti un validissimo strumento per migliorare i rapporti personali nelle relazioni, avere una comunicazione efficace, pianificare e raggiungere obiettivi di natura professionale. La PNL può essere utilizzata anche per creare una ottimale armonia e benessere Psico Fisico. Durante il Night Seminar si avrà modo di comprendere specificatamente come la conoscenza della PNL può aiutare ogni persona a realizzare una qualità di vita migliore ed aumentare anche i risultati professionali anche nei momenti di difficoltà. Numero di posti limitato, solo su prenotazione on-line. Info: claudia.borrello@poste.it; cell. 328/6793907.


Claudia Borrello, Psicologa


Si occupa di formazione e gestione delle risorse umane,lavora per enti pubblici e privati e svolge consulenze individuali e di gruppo. Da anni si occupa di progettazione ed attuazione di percorsi formativi. Si è sempre interessata alle dinamiche relazionali e allo sviluppo delle risorse personali, per questo dopo un percorso formativo in   PNL (Programmazione Neurolinguistica), ha deciso di ampliare i suoi orizzonti professionali, formandosi e collaborando con Formazionecommunity.

Il Trainer Luigi Turchiarulo


Personal Coach, Master in P.N.L. ed esperto in motivazione e sviluppo delle risorse umane. Dopo aver vissuto per vari anni a Roma operando nel settore commerciale e delle pubbliche relazioni, inizia un percorso di crescita personale e professionale sia in Italia che all’estero specializzandosi in Programmazione Neuro Linguistica con certificazione, n° L-64185, rilasciata direttamente dal Dott. Richard Bandler. La sua passione per la continua crescita personale lo hanno portato a seguire alcuni dei Trainers più famosi al mondo come Anthony Robbins, Roy Martina, Deepak Chopra, Richard Bandler e John Grinder (co-creatori della PNL), John Gray, Bruce Lipton, Gregg Braden, Joe Dispenza, Robert Cialdini  e altri ancora. Per la sua formazione sulla Psicologia e strategie per la Libertà Finanziaria ha frequentato le più importanti scuole internazionali, tra cui quella di T. Harv Eker, Brian Tracy e Robert Kiyosaki. Di questa sua passione per la crescita personale ne ha fatto una professione nel Corporate Training, formando risorse umane di svariate aziende leader, sia a livello nazionale che internazionale, come Tecnocasa, Kiron, Tecnorete, Ina Assitalia, Monte dei Paschi di Siena, Remy Automotive (divisione General Motors) e altre ancora. Per gli aspetti legati alla crescita personale “individuale”, emergono rapidamente le sue grandi capacità nel Coaching, frutto della determinazione e totale convinzione della capacità di ogni persona ad attingere al potenziale insito in se stessa, e di utilizzarlo per l’ottenimento di nuovi e più entusiasmanti risultati.


Attualità

Spiagge libere attrezzate a Salve: botta e risposta con l’amministrazione

Bagnini, tari, parcheggi ecc: le perplessità degli operatori del settore ed il parere del vicesindaco

Pubblicato

il

Salve si fregia anche quest’anno della Bandiera Blu, un riconoscimento conferito dalla Foundation for Environmental Education alle località costiere d’Europa che soddisfano criteri di qualità relativi ad una serie di parametri che vanno dalla pulizia delle acque di balneazione e ai servizi offerti.

La Bandiera Blu è una forte attrattiva per l’utenza: una garanzia per i vacanzieri. Al contempo, è anche una responsabilità ed una sfida costante per Comuni ed operatori del settore che ne beneficiano.

Motivo per cui spesso possono emergere divergenze di vedute sulle scelte gestionali.

All’attenzione della nostra Redazione, in questi bollenti giorni di inizio estate, sono state sottoposte alcune criticità rilevate dagli operatori delle spiagge libere attrezzate delle marine di Salve, che hanno ritenuto preferibile mantenere l’anonimato.

Le abbiamo prese in esame e discusse con l’amministrazione comunale.

Le perplessità

«Le perplessità che evidenziamo sono uno slancio costruttivo per il superamento di alcuni ostacoli alla crescita della marina ed al lavoro di attività, come le nostre, che offrono servizi non solo alla clientela e che, annualmente, garantiscono lavoro a dozzine di operatori del settore. Compartecipando a costruire il prestigio conseguito in questi anni dalla marina di Salve».

«In primis», ci scrivono, «ci troviamo ancora una volta a fare i conti con le tempistiche del servizio di salvataggio in mare. Il Comune si fa carico del servizio “bagnini” solo dal 15 giugno al 15 settembre. Un ampliamento di questo periodo agevolerebbe la possibilità di lavorare (e continuare ad offrire i servizi già offerti al turista) in periodi che ora, su spiaggia libera, rimangono scoperti, nonostante comunque la buona affluenza».

La seconda questione riguarda la Tari. «Oltre ad essere onerosa», dichiarano, «non ci appare congrua: paghiamo un’intera annualità a fronte di una licenza dalla durata semestrale».

Infine, perplessità vengono espresse circa le aree di sosta. «È comprensibile la necessità di normare al meglio l’utilizzo delle aree di sosta private, ma gli ultimi regolamenti in materia, che richiedono l’installazione di una serie di dispositivi (dalle barriere, meglio se automatiche, ai pannelli segnaposto, meglio se elettronici) rischiano di trasformarsi in spese eccessivamente onerose per gli operatori. Le nostre aree di sosta andrebbero sostenute e non falcidiate, vista la loro importanza a fronte della costante carenza di parcheggi che soffre la marina».

Le risposte

Il punto di vista dell’amministrazione lo espone Giovanni Lecci, vicesindaco con deleghe all’urbanistica ed ai lavori pubblici.

Giovanni Lecci, vicesindaco di Salve

«Va fatta in primo luogo una precisazione», esordisce Lecci rispondendo alle sollecitazioni sul servizio di salvamento, «i lidi hanno concessione demaniale, e quindi hanno tutto il diritto di installare le torrette di salvamento nella loro concessione demaniale senza alcuna autorizzazione; per quanto concerne invece i gestori del servizio di affitto di attrezzature balneari, mi preme ricordare che questa amministrazione, già dal 2019, ha tolto un balzello su questi operatori: quello del pagamento della TARI in virtù degli ombrelloni dichiarati dati in fitto. Abbiamo ritenuto ingiusta, e quindi rimosso, tale tassazione. Ad ogni buon conto (ricordando che sul tema la Regione Puglia emette per ogni stagione balneare una ordinanza circa il periodo da coprire, cui il Comune di Salve si attiene), il servizio di salvamento, che ci pare un servizio di alto profilo civile e sociale considerato la proficua attività e risultati che esso ottiene ogni anno, è indirizzato unicamente alle spiagge libere del litorale del nostro Comune. E da un punto di vista economico ha un notevole peso sull’economia del nostro bilancio, considerato anche che siamo passati dalle cinque postazioni del 2018 alle quasi otto postazioni nell’attuale stagione. Comunque l’operatore che fitta le attrezzature non viene limitato nel periodo in cui questo servizio è assente in quanto le spiagge possono comunque essere fruite prima del 15 giugno e dopo il 15 settembre, pur in mancanza del servizio di salvataggio».

Per quanto concerne la Tari, il vicesindaco spiega: «Non è stata mai modificata da questa amministrazione. Piuttosto, cercare di mantenere gli stessi servizi senza aumento della tassazione, anzi andando come detto a togliere il balzello sugli ombrelloni, lo reputo un grande risultato».

«Quello dei parcheggi di tipo privato nelle marine», continua Lecci, «è davvero un grosso problema urbanistico che coinvolge il nostro Comune. Dobbiamo considerare che il nostro territorio è regolamentato con uno strumento urbanistico del 1976, superato e non più consono alle attuali esigenze. Proprio per questo si sta redigendo (e siamo alle battute finali) il nuovo PUG: uno strumento urbanistico che si pone l’obiettivo di andare a risolvere il problema dei parcheggi nelle marine. I parcheggi ora sono autorizzati in deroga allo strumento in vigore. E il livello di occupazione degli stalli deve essere visibile a tutti, tanto per le attività di controllo da parte delle autorità competenti, quanto per i cittadini che in questo modo hanno subito contezza della disponibilità di parcheggio è satura o meno. Quando si va in deroga, come suddetto, in quanto in assenza dello strumento attuativo, l’ente ha l’obbligo di mettere in essere tutta una serie di accorgimenti orientati alla sicurezza rispetto alla fruizione di un’area destinata originariamente ad altro».

Continua a Leggere

Cronaca

Lavori tra San Gregorio e Lido Marini: “Situazione di grande pericolo”

Interventi non ultimati e strade sconnesse e parzialmente chiuse: la lettera di un turista alla redazione

Pubblicato

il

All’estate manca ancora qualche ora, ma la stagione turistica è già decollata per il Salento, che non sempre si fa trovare pronto.

I lavori (per alcuni milioni di euro) che hanno interessato il litorale dalla marina di Patù sino a quelle di Ugento, ancora non sono del tutto ultimati ed in alcuni tratti rendono il percorso impervio.

Il disagio è palese, e si trasforma in imbarazzo quando sono proprio i turisti a doverlo segnalare.

Ha scritto alla nostra redazione un lettore che annualmente trascorre le sue vacanze in Salento, soggiornando proprio in questa zona.

“Vengo in Salento dall’Olanda ogni anno. E questa volta ho trovato una spiacevole sorpresa”, ci scrive.

“La condizione in cui si trova la strada tra Lido Marini e Torre Pali, a causa dei lavori non ancora ultimati, è di grande pericolo: a causa del manto stradale sconnesso su una corsia e non ancora ripristinato, gran parte delle auto invadono la corsia opposta per evitare le buche “.

Le sole strisce gialle che indicano il pericolo non sono sufficienti. Inoltre il tratto di litoranea tra Torre Vado e San Gregorio, interdetto al traffico, è attraversato ogni notte da auto e moto che ignorano il divieto”.

Ma la zona più pericolosa”, continua il nostro lettore, “è quella vicino a Lido Marini, dove la sconnessione stradale è indicibile”.

Nella lettera alla nostra redazione, il turista chiede “un rapido intervento per una strada già carente dal punto di vista della sicurezza: manca di per sé dell’illuminazione ed in molti tratti di adeguati attraversamenti pedonali: nei pressi di un lido a Pescoluse, qualche giorno fa, sono quasi stato investito”.

Di cosa parliamo

I lavori che interessano questo tratto di costa sono interventi di Aqp per allacci di acqua e fognatura.

In questo momento, in alcuni tratti è in corso la stesura delle nuove condutture. In altri è stata già ultimata.

Dopo la stesura, l’azienda che opera i lavori per conto dell’acquedotto è tenuta a ripristinare il manto stradale. L’asfalto tuttavia non viene rifatto prima che le singole utenze si allaccino alla rete pubblica.

Tra il ripristino e l’allaccio, però, vi è un fondamentale momento intermedio: il collaudo della nuova conduttura da parte di Aqp.

Lo stato di avanzamento dei lavori su buona parte della litoranea è proprio in questa forbice: tra la stesura e l’attesa del collaudo. Al punto che alcuni Comuni, essendo sul loro territorio stata portata a termine la stesura, han chiesto il collaudo del tratto di loro interesse per poter accelerare e procedere con la procedura di allaccio delle utenze singole.

Nel frattempo, laddove il ripristino temporaneo sia comunque non idoneo o pericoloso i singoli Comuni possono e devono monitorare, pretendendo un intervento di adeguamento della stessa ditta che esegue i lavori.

Per l’asfalto invece, onde evitare di bucarlo nuovamente non appena fatto, dovrà passare ancora del tempo. Bisognerà come detto attendere che a lavori ultimati, venga collaudata la conduttura e si effettuino i singoli allacci ad essa.

Lor. Z.

Continua a Leggere

Attualità

Rachele Andreoli, “Fimmana de mare” prima di “Leuca”

Il nuovo singolo e videoclip anticipano l’uscita del primo lavoro discografico solista della cantante, autrice e polistrumentista di Salve

Pubblicato

il

Su Youtube è disponibile il videoclip di “Fimmana de mare“, singolo che anticipa “Leuca“, primo lavoro discografico da solista della cantante, autrice e polistrumentista di SalveRachele Andrioli. In uscita giovedì 24 giugno per FinisTerre, all’interno della linea di produzione dedicata alle nuove proposte della world music internazionale, il cd rientra nella programmazione Puglia Sounds Records 2022 della Regione Puglia (POC Puglia 2007-2013 – Azione Sviluppo di Attività Culturali e dello Spettacolo).
Fimmana de mare” è un brano che sin dal titolo mette in evidenza il concetto di genere e la relazione con il mare, un mare che simboleggia lo scambio, le culture che si veicolano attraverso la musica e, in questo caso, con sole voci e mani: quelle di Rachele Andrioli (anche alle percussioni) e di Adele BenlahouarGiovanna Paola ArianoGiulia Piccinni e Giada Chiara Magagnino, quattro componenti del laboratorio polivocale femminile “Coro a Coro”, un ensemble di circa 40 voci di donne fondato e diretto dalla stessa Andrioli.
Le immagini del videoclip, diretto e montato da Giuseppe Rutigliano e Cosimo Pastore, con la regia di Rachele Andrioli Marcelo Bulgarelli, mostrano facce corrispondenti alle tante realtà, alla nostra responsabilità e a quella dei modelli da cui prendiamo ispirazione, in cui ci identifichiamo a volte, le nostre piccole e grandi azioni che si compiono nel quotidiano, nella vita, nella Storia. Azioni che ci hanno toccato e da cui prendiamo riferimenti, maschere di noi stessi che lasciano spazio a riflessione. “Fimmana de mare” è anche una necessità di leggerezza, di lasciar fluire, di lasciare il giusto spazio all’espressione senza imposizioni o forzature. La parola “Jeu”, ovvero “Io” nel dialetto del Capo di Leuca, risuona nel brano quasi a sottolineare il senso di appartenenza al proprio luogo di nascita, e la continua trasformazione di noi, di questa nostra terra.
Leuca” è stato presentato dal vivo alla stampa ieri al Teatro Villa Pamphilj di Roma nell’ambito del Festival Popolare Italiano . il bis giovedì 14 luglio (alle 17) al Medimex di Bari.

Il tour di presentazione – sostenuto nella programmazione Puglia Sounds Tour Italia 2022 – partito da Rieti (22 giugno) approderà a Venezia (9 luglio), Formia (10 luglio), Poggio Torreggiana (26 luglio) e Gombola (28 luglio).
Cantautrice e polistrumentista, Rachele Andrioli ha acquisito un ruolo importante nell’ambito delle nuove proposte artistiche pugliesi testimoniato da una intensa attività concertistica in Italia e all’estero. Vanta la partecipazione a prestigiosi festival, in solo e con varie formazioni musicali di world music, jazz e classica collaborando con importanti artisti internazionali quali Arto Lindsay, Piers Faccini, Baba Sissoko, Roopa Mahadevan. Nel suo lavoro di ricerca per uno sviluppo della voce secondo stilemi della tradizione utilizzando tecniche innovative, Rachele Andrioli parte dal repertorio popolare pugliese per fonderlo abilmente con altri mondi musicali. Nel live, accompagna la sua voce con tamburi a cornice, flauti armonici, scacciapensieri, strumenti a corde, facendo un uso sapiente dell’elettronica. Realizza laboratori di canto polifonico in Italia e nel mondo e ha fondato il laboratorio corale femminile “Coro a Coro”, che accoglie tante donne da tutto il Salento.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus