Connect with us

Cavallino

Guerra a Cavallino per l’amianto

Il sindaco si difende: “Decisione non nostra. Voi, retrogradi”

Pubblicato

il

In 4 contro uno. Il Comune di Cavallino si trova a fronteggiare gli attacchi di ben 4 sindaci di comuni limitrofi per l’impianto di trattamento dell’amianto presente sul suo territorio.

Si tratta dei primi cittadini di San Cesario, Lequile, Lizzanello e San Donato che puntano il dito contro l’amministrazione cavallinese rea di aver lasciato aprire, nei pressi delle due discariche di rifiuti solidi urbani già insistenti sulla zona, l’impianto proposto dalla società Project Resources Abestos, una srl nell’orbita della Geoambiente srl, responsabile della gestione di una delle due discariche adiacenti.

Il casus belli, oltre alla collocazione in una zona già altamente esposta a ovvi rischi ambientali, è la modalità di avvio delle attività. I 4 sindaci infatti contestano al sindaco di Cavallino l’aver permesso l’avvio delle attività lo scorso dicembre con una semplice SCIA, sfruttando la decisione di un decreto del Ministero dell’Ambiente grazie alla quale l’apertura dell’impianto non ha dovuto passare prima da una Valutazione di Impatto Ambientale.

Ecco quindi la decisione dei sindaci di San Cesario, Lequile, Lizzanello e San Donato di impugnare dinanzi al Tar del Lazio il decreto, mettendo in dubbio la legittimità della SCIA per una decisione di questo genere e di questa portata.

Da Cavallino arriva prontamente la risposta del sindaco Gorgoni, che spazza subito via le voci sulla società in questione: “Innanzitutto va precisato che l’iniziativa di realizzare l’anzidetto impianto è stata adottata esclusivamente da un soggetto privato, P.R.A. Srl, quindi, la stessa non è certamente e sotto qualsivoglia profilo, riferibile all’Amministrazione Comunale di Cavallino. Alla luce di quanto riferito dall’Ufficio tecnico comunale, l’utilizzo dello strumento di SCIA, adottato dalla Società“, aggiunge poi, “risulta rispondente alla tipologia dell’intervento edilizio a suo tempo proposto dalla medesima. In definitiva” sottolinea Gorgoni, “questo Comune non poteva legittimamente inibire l’iniziativa, in quanto è assolutamente conforme alla normativa vigente. Tra l’altro si presenta come laboratorio sperimentale di trascurabilissima portata ed entità, avente una durata limitata nel tempo di soli 24 mesi”.

Per poi chiosare: “Tale modo di agire impedisce lo sviluppo e la crescita  del nostro Mezzogiorno“.

Non si sottraggono alla polemica 3 dei 4 primi cittadini attivatisi contro l’impianto: a stretto giro arriva infatti la replica dei sindaci di San Cesario, Fernando Coppola, di Lequile, Vincenzo Carlà, e di Lizzanello, Fulvio Pedone. “Le nostre comunità hanno già pagato un tributo pesantissimo ed è ovvio che, se sempre in quella zona si vuole realizzare pure un impianto per l’amianto, esse – al pari di ARPA e ASL – chiedano una Valutazione di Impatto ambientale proprio considerata la specifica collocazione territoriale. La VIA garantirebbe solo il coinvolgimento delle nostre comunità, eventualmente rassicurandole sulla eventuale assenza di fattori di impatto o rischio ambientale. Per questo davvero non comprendiamo perché PRA S.r.l. dimostri di temere e fugga come la morte una semplice VIA, cui al suo posto ci saremmo già sottoposti. Allo stesso modo non comprendiamo perché presentare di soppiatto una SCIA anziché chiedere una autorizzazione unica ambientale per la messa in esercizio dell’impianto“.

Ed in merito alla frecciatina sulla mancanza di lungimiranza, rispondono: “Non siamo contro lo sviluppo, ma per uno sviluppo sostenibile, che passi attraverso l’utilizzo (e non la fuga) dei procedimenti maggiormente partecipativi e pubblici, idonei ad assicurare a popolazioni già sottoposte da decenni a enormi pressioni ambientali il necessario e tempestivo coinvolgimento e le massime garanzie per la salute del nostro ambiente e dei cittadini“.

Cavallino

Ritrovata refurtiva di rapina a sartoria

I carabinieri hanno rinvenuto in un casolare abbandonato, in località Simini, agro di Cavallino, il bottino di una rapina effettuata a Lecce 10 giorni fa

Pubblicato

il

I carabinieri della locale Stazione hanno rinvenuto in un casolare abbandonato, in località Simini, agro di Cavallino, numerosi sacchi contenenti articoli di merceria, due macchinari adibiti a lavorazioni sartoriali e 12 espositori in legno completi di merce varia.

Il materiale ritrovato è il bottino di un furto avvenuto a Lecce il 15 maggio scorso presso una sartoria di via Marconi, regolarmente denunciato.

La refurtiva è stata restituita al legittimo proprietario.

Continua a Leggere

Attualità

Scomparsa dell’On. Gorgoni, i messaggi di cordoglio

Si è spento nella sua Cavallino a causa di una crisi respiratoria l’On. Gaetano Gorgoni, aveva 87 anni. I messaggi di cordoglio dal mondo della politica

Pubblicato

il

Sono tanti i messaggi di cordoglio giunti in redazione per ricordare la figura del l’onorevole Gaetano Gorgoni, scomparso a causa di una crisi respiratoria all’età di 87 anni.

Esponente del Partito Repubblicano Italiano, venne eletto parlamentare nel 1983 alla Camera dei deputati, carica che mantenne fino al 1994.

Nella sua lunga carriera politica è stato anche consigliere provinciale e comunale nei Comuni di Lizzanello, Vernole e Lecce.

Negli ultimi anni l’azione amministrativa si è concentrata sul suo paese di origine, Cavallino, di cui è stato sindaco dal 1992 al 2006 e vicesindaco nel 2011.

Tra i primi a scrivere il suo cordoglio il governatore di Puglia Michele Emiliano: “Sono vicino alla famiglia Gorgoni e all’intera comunità di Cavallino per la scomparsa dell’onorevole Gaetano Gorgoni. Se ne va un uomo e un politico dall’indiscusso valore umano e professionale. Gentiluomo e politico appassionato. Ricorderò la cortesia, il garbo e la gentilezza che manifestava nelle occasioni pubbliche nelle quali capitava di incrociarsi. Un validissimo rappresentante di quella generazione di “politici di razza” che al rispetto dei valori universali sapeva unire un sincero amore per la propria terra. Sentite condoglianze alla famiglia e alla comunità di Cavallino”.

Anche Raffaele Fitto ha fatto pervenire sin dalle prime ore il suo messaggio: “Con la scomparsa di Nini Gorgoni la politica salentina perde un riferimento importante, un uomo delle Istituzioni. Una vita politica che lo ha visto per molti anni con ruoli di grande prestigio a livello nazionale in Parlamento e nel governo e successivamente caratterizzata dal suo impegno di amministratore locale e dal grande amore per la sua Cavallino. Da sindaco ha cambiato il volto del suo Comune facendolo diventare uno dei centri più importanti della provincia di Lecce”.

Il coordinatore provinciale di Forza Italia, Paride Mazzotta: “Con la scomparsa dell’Onorevole Gaetano Gorgoni, politico illuminato, uomo delle istituzioni e da sempre artefice della crescita e dello sviluppo di un intero territorio, oggi il Salento rimane orfano di un’altra figura di altissimo livello. Ai familiari e all’intera Comunità di Cavallino giungano le più sentite condoglianze”.

Il presidente di Italia in Comune alla Regione Puglia, Paolo Pellegrino ricorda “un amministratore e un politico di lungo corso, che ha sempre difeso strenuamente le ragioni del Sud e della sua terra. Con la scomparsa dell’onorevole Gaetano Gorgoni la Puglia e il Salento perdono un pezzo importante della storia repubblicana. Un uomo che ha saputo, in ogni sede, portare avanti le istanze delle comunità con passione civica e con l’alto senso delle istituzioni. Con Ninì ho avuto l’onore di vivere stagioni politiche dedicate e di aver sempre riscontrato in lui saggezza e signorilità. Come Italia in Comune esprimiamo il nostro più sentito cordoglio alla sua famiglia e a tutte le comunità nelle quali Gorgoni ha svolto l’incarico di consigliere comunale e di sindaco”.

L’ex sindaco di Lecce Paolo Perrone: “Gorgoni è stato, senza dubbio, uno dei punti di riferimento per la mia generazione politica in Puglia e nel Salento. Ho sempre apprezzato la passione e la dedizione con cui ha interpretato il suo impegno nelle istituzioni locali e nazionali, ricambiato da un consenso elettorale personale sempre molto ampio. Ho avuto modo di conoscerlo meglio negli anni in cui sono stato vicesindaco e poi sindaco di Lecce e lui guidava l’amministrazione di Cavallino. Una figura di grande esperienza, sempre lucida, con cui era facile collaborare e da cui tutti abbiamo imparato qualcosa. Ai familiari e alla comunità di Cavallino il mio pensiero affettuoso in questo momento doloroso.

Continua a Leggere

Calimera

Omessa sorveglianza sanitaria a carico dei lavoratori: due denunce

Controllate complessivamente quattro aziende e tredici posizioni lavorative; rilevate la presenza di cinque lavoratori irregolari, elevate ammende per un importo totale euro 9.800 euro

Pubblicato

il

I carabinieri della Compagnia di Lecce unitamente al Nucleo Ispettorato Lavoro sempre dei carabinieri, nell’ambito dei controlli alle attività produttive, industriali e commerciali sull’attuazione delle misure di contenimento dell’emergenza da covid 19, hanno denunciato due persone di 43 anni, rispettivamente l’amministratore unico ed il legale rappresentante di una società.

Nel corso dell’ispezione presso alcune aziende sul terriotrio compreso tra Calimera, Cavallino e Lizzanello, i carabinieri hanno riscontrato violazioni di natura penale per omessa sorveglianza sanitaria a carico dei lavoratori.

Nel corso del servizio sono state controllate complessivamente quattro aziende e tredici posizioni lavorative; rilevate la presenza di cinque lavoratori irregolari, elevate ammende per un importo totale euro 9.800 euro e impartite disposizioni atte ad osservare la normativa vigente covid 19.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus