Connect with us

Attualità

Tricase Solidale: Comune e volontari in aiuto di anziani e ammalati

“Per piccole commissioni indispensabili e improcrastinabili”. Da lunedì servizio di supporto alle fasce deboli e fragili della popolazione organizzato dal Comune in collaborazione con la Pro Loco e le associazioni di volontariato

Pubblicato

il

La giunta comunale di Tricase ha deliberato in favore dell’istituzione, con la collaborazione della Pro Loco e delle associazioni di volontariato di un servizio di supporto alle fasce deboli e fragili della popolazione (anziani e ammalati).

Il servizio si svolgerà, a partire da lunedì prossimo, attraverso un call-center gestito da volontari che forniranno informazioni e coordineranno le richieste per la consegna di prodotti (es. alimentari o per la cura della persona) a domicilio e coordineranno le commesse a favore delle categorie dei cittadini che rientrano nelle fasce deboli e fragili della popolazione.

Le informazioni saranno fornite ai cittadini interessati per via telefonica.

Sono attivi tre numeri telefonici di rete mobile per l’accesso al servizio: 339/2048853, 334/7479514 e 392/4511787.

Il servizio è attivo dal lunedì al sabato ed osserva i seguenti orari di disponibilità al pubblico:

  • mattina: dalle 10 alle 12
  • pomeriggio: dalle 16 alle 18

L’amministrazione comunale con un impegno di spesa di duemila euro si farà carico della fornitura di dispositivi di sicurezza individuali per i volontari (mascherine, guanti, ecc.), dei telefoni cellulari con relativa SIM dedicati al Servizio, nonché di un rimborso spese per il consumo di carburante.

Abbiamo ascoltato le Associazioni di volontariato operanti sul territorio”, si legge in una nota del Comune, “le quali hanno espresso la loro disponibilità a collaborare per l’organizzazione, in favore di chi non può provvedere in autonomia (anziani  e  ammalati),  di  un  servizio   che  preveda  lo svolgimento di piccole commissioni  indispensabili e improcrastinabili”.

Considerato il comprensibile senso di smarrimento in tutti noi indotto dal momento di difficoltà che stiamo vivendo”, si legge ancora, “oltre alla consegna dei beni di prima necessità presso il domicilio dei richiedenti, il servizio vuole anche essere un’occasione di relazione umana che assuma la forma, seppur elementare, di supporto psicologico. Per questo motivo abbiamo chiesto a i volontari che donano la loro preziosa collaborazione in questa iniziativa, di predisporre il proprio stato d’animo in tal senso, ognuno con le proprie sensibilità, nella relazione diretta con i cittadini con cui entreranno in contatto.

 

Attualità

Tricase, anche il sindaco conferma caso positivo

Carlo Chiuri: “Si tratta di un paziente già seguito dai competenti servizi ASL, che aveva osservato un primo periodo di quarantena e, in attesa dell’esito degli esami, su indicazione del Comando di Polizia Locale e della ASL, rimasto con alto senso di responsabilità e seppur in assenza di ulteriori indicazioni ufficiali, in auto-isolamento in casa”

Pubblicato

il

Si dirada la nebbia sul mistero che per una notte ha accompagnato l’annuncio di un caso positivo al covid 19 a Tricase.

L’ANNUNCIO DEL SINDACO CHIURI

In mattinata è arrivato l’annuncio del sindaco Carlo Chiuri su facebook: “A seguito dei necessari approfondimenti effettuati nella nottata appena trascorsa e nella mattinata odierna, informo la cittadinanza che anche a Tricase, purtroppo, vi è un caso di contagio da covid-19”.

Poi i particolari per rassicurare la cittadinanza: “Si tratta di un paziente già seguito dai competenti servizi ASL, che aveva osservato un primo periodo di quarantena e, in attesa dell’esito degli esami, su indicazione del Comando di Polizia Locale e della ASL, rimasto, con alto senso di responsabilità e seppur in assenza di ulteriori indicazioni ufficiali, in auto-isolamento in casa”.

Il sindaco ha poi invitato tutti “a continuare ad osservare scrupolosamente le disposizioni precauzionali già adottate a livello locale e nazionale”.

Il sindaco Carlo Chiuri (foto di repertorio)

Sulla falla comunicativa nel passaggio Asl, protezione civile, task force regionale, Comune di competenza, che non gli ha permesso di avere subito certezze, il sindaco esprime il suo “rammarico per l’assenza di informazioni ufficiali al momento in cui scrivo e vi assicuro il mio costante impegno a tutela di tutta la comunità”.

Proprio a causa di questo black out comunicativo, per alcune ore l’annuncio da parte della Regione dei nuovi contagi e la cartina geografica che indicavano Tricase con un caso positivo si sono tinte di giallo.

Mentre le nostre verifiche, confermavano con sempre più certezza il caso di positività in paese confermando quanto risultava dal bollettino epidemiologico della Regione Puglia, l’ultima notizia ufficiale dal fronte interno era il post su facebook delle 22,27 del sindaco Carlo Chiuri: “Informo la cittadinanza che sto seguendo personalmente il caso di contagio da covid 19 segnalato in Tricase. Quale Autorità Sanitaria Locale ad ora non ho ricevuto alcuna comunicazione ufficiale. Sono in corso tutte le necessarie verifiche e vi terrò costantemente aggiornati”.

CACCIA AL CONTAGIATO: NON SI FANNO NOMI!

Nel frattempo in paese è esplosa l’assurda caccia al contagiato con tanto di nome e cognome su whatsapp e sui social del presunto positivo.

Senza avere pensieri cattivi che ci indurrebbero a sospettare una morbosa curiosità limitrofa al pettegolezzo, ribadiamo a chi insiste a voler sapere chi sia il contagiato (“per avere certezze di non aver avuto contatti con il positivo a con qualcuno a lui vicino“) che: sia per la persona che ha contratto il virus che per gli altri entrati in contatto con lui, Asl e autorità preposte attivano una procedura di messa in quarantena a tutela di tutti. Quindi, per essere chiari, non vi è assolutamente bisogno di sapere “chi è”!

Detto e ripetuto per l’ennesima volta che chi dovesse risultare positivo non ha nessuna colpa ed è tutelato, com’è giusto che sia in un Paese democratico, dal diritto alla privacy, dovesse ancora accadere a Tricase o in altri paesi,  evitiamo questo rincorrersi di pettegolezzi e se ci vogliamo giocare ai Soliti Ignoti, facciamolo con Amadeus in Tv.

Altrimenti si corre il rischio di conferme o smentite senza verifica (e brutte figure, anche a mezzo stampa) che contribuiscono solo a fare confusione, l’ultima cosa di cui in questi giorni si sente il bisogno.

Giuseppe Cerfeda

Continua a Leggere

Attualità

Coronavirus: sette pazienti salentini guariti e dimessi

Anche altri sono in procinto di tornare a casa. I dati dei guariti ed i farmaci utilizzati

Pubblicato

il

Nell’Ospedale Vito Fazzi di Lecce 5 persone si sono negativizzate e quindi sono state dimesse guarite: due il 20 marzo, uno il 21, uno il 24, due il 26. A tutti questi pazienti è stato consigliato l’isolamento fiduciario a casa, al fine di migliorare le condizioni generali nella fase di convalescenza. In questo momento, 3 pazienti risultati negativi sono ancora ricoverati, in attesa del secondo tampone negativo che, in base alle linee guida attuali, certifica la completa guarigione e la non contagiosità“.

L’annuncio dell’Asl leccese è l’unica nota lieta di una giornata trascorsa a rincorrere i contagiati, i Comuni di residenza ed i soliti incoscienti che ancora si ostinano a non prendere sul serio le restrizioni anti contagio.

Ieri è stato forse il giorno più duro dall’inizio dell’emergenza, con 152 nuovi contagi e 4 decessi in Puglia.

Anche il Salento ha visto il numero dei positivi crescere vertiginosamente.

In una giornata così triste, dunque, c’è spazio anche per la speranza perché, come più volte abbiamo avuto modo di ascoltare dai colleghi che si occupano di altri territori, dal coronavirus si guarisce.

In totale sono sette i pazienti salentini che erano ricoverati e, dal 20 al 26 marzo, hanno potuto lasciare le strutture anti covid che li ospitavano. Tra di loro anche una bimba di pochi mesi di età e la mamma e due ultraottantenni. Confermato il dato che vede prevalere il numero di donne guarite, in linea con il dato riscontrato su territorio nazionale che evidenzia una maggiore protezione delle donne nei confronti dell’infezione.

Le dimissioni sono state rispettivamente 5 al “Vito Fazzi” di Lecce (24 posti letto dedicati alle malattie infettive), uno a Galatina (26 posti letto al reparto malattie infettive) e un altro a San Cesario, ospedale dove sono ricoverati i malati in fase post acuta e che ospita ancora 18 pazienti.

Tutti sono risultati negativi al tampone per due volte ed ora sono in isolamento fiduciario presso le loro abitazioni, con monitoraggio del medico di base e del Servizio di Igiene Pubblica.

Infine i farmaci utilizzati, che sono quelli approvati dalla Simit (Società Italiana di Malattie Infettive):

l’associazione di un antimalarico (Idrossiclorochina) con alcuni farmaci antiretrovirali (utilizzati per combattere l’ HIV, l’Aids per intenderci), Lopinavir/Ritonavir (Kaletra) oppure Darunavircobicistat (Rezolsta);

il Remdesivir, che è un antivirale ritenuto potenzialmente efficace nei confronti nella lotta al covid 19;

il Tocilizumab, l’ormai famoso farmaco utilizzato contro l’artrite reumatoide, che nelle patologie con gravi difficoltà respiratorie, aiuta con le sue proprietà anti-infiammatorie.

Continua a Leggere

Attualità

“La Regione attivi ulteriori misure per contrastare la povertà”

Emergenza Covid-19: Anci Puglia chiede alla Regione risorse aggiuntive in favore dei Comuni, che consentano di attivare una misura di ultima istanza in favore di quelle famiglie che, nonostante gli altri strumenti di sostegno, versino ancora in situazioni di indigenza

Pubblicato

il

In una nota odierna a firma congiunta del presidente Domenico Vitto e del delegato welfare Pasquale Chieco, Anci Puglia ha sottolineato alla Regione la necessità di adottare misure eccezionali e immediatamente operative, per fronteggiare quella che si avvia ad essere una vera e propria emergenza umanitaria.

Il persistere dello stato di emergenza  sanitaria  relativo alla pandemia da Covid-19, sta provocando e sempre più provocherà, inevitabili e drammatiche ripercussioni economiche per le fasce più fragili delle nostre comunità, in termini di povertà, disagio e forte aumento dei bisogni socio-sanitari.

Pertanto, tenuto conto degli ammortizzatori sociali in atto (integrati dalle misure de D.L. n.18/2020) e degli strumenti ordinari di contrasto alla povertà (Reddito di Cittadinanza e RED), Anci Puglia ritiene indispensabile  introdurre con urgenza una o più misure generali che sostengano i soggetti esclusi da detti strumenti e ancora, di prevedere per i prossimi mesi, lo stanziamento di risorse aggiuntive in favore dei Comuni, che consentano di attivare una misura di ultima istanza in favore di quelle famiglie che, nonostante gli altri strumenti di sostegno, versino ancora in situazioni di indigenza.

Anci Puglia ha chiesto alla Regione di esaminare quanto proposto, nella imminente riunione sulla Programmazione ordinaria delle azioni di contrasto alla povertà che si terrà nei prossimi giorni.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus