Connect with us

Dai Comuni

Ciak si gira: anche Tricase “chiude” per Dior?

Una ordinanza impone limitazioni al traffico a partire da sabato per permettere delle riprese nel centro storico di Tutino

Pubblicato

il

“Riprese cinematografiche” in vista a Tricase nel weekend e fino a lunedì.


Il centro storico della frazione di Tutino sarà interessato da modifiche al traffico in alcuni punti per permettere a delle troupe di girare delle scene tra le bellezze tricasine.


Come recita l’ordinanza emessa ieri in merito, saranno vietate sosta e fermata in determinate vie per consentire lo svolgimento delle riprese cinematografiche.


Si vocifera saranno immagini girate per Dior, la maison francese che sta catalizzando l’attenzione mondiale sul Salento in queste settimane e che stasera terrà il suo grande evento a Lecce in Piazza Duomo.


Per quanto riguarda Tricase dovrebbero esser previsti dei ciak anche al mare, nel porto.


Di seguito un sunto dell’ordinanza numero 94 di ieri che interessa Tutino.


L’ordinanza

Nelle giornate del 25, 26 e 27 Luglio 2020, l’interdizione della sosta e della fermata, fatta eccezione per i veicoli appositamente autorizzati e facenti capo alla produzione che esporranno apposito pass:


1. nell’ambito di ambedue le corsie di marcia del tratto della Via San Tommaso D’Aquino compreso dall’intersezione con Via Tarantino all’intersezione con Via De Ruggiero;


2. nell’ambito del tratto e della corsia di marcia di Via Dei Fiori, rispettivamente, individuato e prospiciente ai civici dal 44 al 54 della stessa Via;


3. nell’ambito della porzione di Piazza Castello dei Trane prospiciente ai civici 16 e 17.


La segnaletica stradale mobile occorrente sarà collocata sul posto e rimossa a cura degli organizzatori della manifestazione“.


Attualità

Autovelox Melpignano: «Il Giudice di Pace non ha bocciato il photored ma contestato la circolare del Ministero»

In particolare non è andato giù quanto dichiarato da Adiconsum. Secondo il il responsabile delle relazioni esterne di Italtraff, Antonio Marzo, «Il Giudice Trane ha contestato la proroga decisa dal Ministero oltre il termine annuale previsto per la taratura di questo tipo di apparecchiature e non l’apparecchiatura Photored»

Pubblicato

il

Antonio Marzo, responsabile delle relazioni esterne Italtraff ha ritenuto di dover intervenire in merito al nostro all’articolo dal titolo “Autovelox Melpignano, altra multa annullata”, pubblicato il 27 luglio scorso.

In particolare non è andato giù quanto dichiarato da Adiconsum Lecce ed oggetto virgolettato del nostro sottotitolo «Vittoria per un associato Adiconsum Lecce – L’ennesima dimostrazione di come l’apparecchiatura utilizzata dal Comune di Melpignano non sia correttamente idonea per sanzionare gli automobilisti».

 Secondo Marzo, trattasi di «affermazioni gratuite che gettano ingiusto discredito sul buon nome della scrivente, oltre ad essere anche foriere di possibile pregiudizio economico, ci è d’obbligo fare le dovute precisazioni a tutela del buon nome della società e della validità e legittimità dell’apparecchiatura Photored F17Dr».

«L’asserzione di Adiconsum così come la lettura proposta della decisione del Giudice di Pace, Avv. Silvano Trane, sono fuorvianti», attacca, «oltre che gratuitamente denigratorie dell’apparecchiatura Photored F17Dr e, quindi, di Italtraff srl, quale costruttrice dell’apparecchiatura medesima».

Prima di entrare nello specifico, Marzo reputa «necessari piccoli ragguagli: l’apparecchiatura Photored F17Dr è regolarmente omologata dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ed è conosciuta in tutto il mondo oltre che in Italia (la città di Modena utilizza diciotto apparecchiature Photored dal 2002 – i paesi arabi sono i maggiori acquirenti utilizzatori dei nostri Photored). La prima omologazione ministeriale risale al lontano 1986, sostenuta con entusiasmo ai fini della sicurezza del traffico veicolare dall’allora sottosegretario ai Lavori Pubblici, compianto on. Avv. Gaetano Gorgoni. Italtraff srl sin dal 1986 costruisce a Manduria le apparecchiature Photored con l’ausilio di circa quaranta tra dipendenti e collaboratori di alto profilo professionale. Ha un capitale sociale di 2.420.000 euro. Il marchio “Photored” è registrato a nome di ITALTRAFF, sin dal 1986, all’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi presso il Ministero delle Attività Produttive».

Riguardo la sentenza, «da una piana lettura della decisione», secondo Marzo, «emerge in maniera molto chiara che il Giudice di Pace Silvano Trane non ha inteso “bocciare” l’apparecchiatura Photored bensì contestare la circolare prot. 300/A/3743/20/144/5/20/5/ del 27 maggio 2020 con cui il Ministero degli Interni ha (ri)disciplinato la “Taratura dei dispositivi di rilevazione della velocità e proroghe della validità annuale” in occasione dell’emergenza COVID-19».

Per il responsabile delle relazioni esterne di Italtraff, «il Giudice ha invero semplicemente inteso disapprovare la proroga, stabilita con la circolare di cui innanzi, del periodo di validità della taratura (prevista per legge con cadenza annuale), siccome disposta ope legis, che, secondo lui, non garantirebbe sufficientemente la certezza del rilevamento delle infrazioni degli automezzi che viaggiano a velocità superiore a quella prescritta nel tratto di strada interessato. Il Giudice Trane ha contestato la proroga decisa dal Ministero oltre il termine annuale previsto per la taratura di questo tipo di apparecchiature e non l’apparecchiatura Photored».

Sicché secondo Marzo non è facile arguire la vera ragione ispiratrice delle dichiarazioni di Adiconsum, che, «travisando, con ogni evidenza, la sostanza della sentenza, giunge con fin troppa faciloneria a concludere che si tratterebbe de: “L’ennesima dimostrazione di come l’apparecchiatura utilizzata dal Comune di Melpignano non sia correttamente idonea per sanzionare gli automobilisti”».

«Trattasi di affermazione tanto gratuita quanto malevola», conclude Antonio Marzo, «che getta ingiusto discredito sul buon nome della Italtraff e dell’apparecchiatura Photored F17Dr. Quanto innanzi al fine di far ben intendere le ragioni di Italtraff a scanso di forzature e disinformazioni di cui non si comprendono le finalità».

Continua a Leggere

Cronaca

Oltre un chilo di marijuana in casa

Si sono aperte le porte del carcere per Francesco Bruno, 45 anni, leccese

Pubblicato

il

Arrestato in flagranza di reato Francesco Bruno, 45 anni, leccese per  detenzione  e spaccio di sostanze stupefacenti.

Una perquisizione nella sua abitazione ha consentito ai carabinieri di rinvenire 21 barattoli in vetro contenenti oltre un chilo di marijuana (1.057 grammi), 1,34 grammi di hashish e materiale vario per il confezionamento dello stupefacente.

L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato accompagnato  presso la casa circondariale Borgo San Nicola di Lecce.

Continua a Leggere

Appuntamenti

Tuglie all’Anno Zero

Per l’estate 2021 una serie di incontri culturali che iniziano questa sera con la presentazione del libro “Vedi de fa poco ‘o spiritoso” di e con Luca Palmaroli (edito da Rizzoli); modera Luciano De Francesco. Rinviata all’anno prossimo Arte in Corte

Pubblicato

il

L’Amministrazione Comunale di Tuglie propone la nuova Rassegna – Anno Zero, edizione 2021: una serie di incontri culturali che iniziano questa sera con la presentazione del libro “Vedi de fa poco ‘o spiritoso” di e con Luca Palmaroli (edito da Rizzoli); modera Luciano De Francesco.

Venerdì 6 e domenica 22 agosto la Biblioteca Comunale ospiterà, nell’ambito del Book Tasting – Degustazioni di Cultura, rispettivamente Simone Franco con il suo Juke Box Letterario e la Band Valentina Grande Quartet, in collaborazione con l’Associazione Compagnia del Libro. Musica, libri e degustazioni saranno protagonisti della serata.

Un nuovo incontro è previsto per sabato 7 con Luoghi d’allerta“, in collaborazione con il Fondo Verri. Durante la serata sarà possibile visitare i luoghi più suggestivi di Tuglie, in cui si esibiranno anche degli artisti locali.

Saranno aperte le porte del “Museo della civiltà contadina”, che ospiterà la presentazione del libro “È come stare tra vecchi amici”, con alcuni contributi di Maurizio Nocera e di Antonio L. Verri. (Ed. Calamaro).

Si potranno visitare il Museo della Radio e la Biblioteca Comunale “F.T. Gnoni”, in cui sarà possibile ascoltare le letture di Antonio Calò e, in chiusura, il concerto “Di pena e d’amore” di e con Marco Tuma, Emanuela Gabrieli e Raffaello Liguori.

Domenica 8 agosto l’appuntamento dedicato ai bambini dai 6 ai 10 anni, con Maira Marzioni e il suo “Chiedi alla natura. Laboratorio di mani e parole per menti curiose”.

Martedì 10 sarà la volta del primo dei due appuntamenti con “Armonia Estate”, la rassegna estiva del “Festival Armonia. Narrazioni in Terra d’Otranto”, organizzata da associazione Narrazioni e Libreria Idrusa, che, quest’anno, approda anche a Tuglie. Ospite della prima serata sarà Pinuccio, giornalista inviato di Striscia La Notizia, che presenterà il libro Annessi e Connessi. La vita al tempo dei social“, edito da Mondadori Electa. Dialogherà con l’autore la giornalista Federica Sabato.

Seconda ospite di Armonia Estate sarà la scrittrice Gabriella Genisi, dalla cui penna è nata Lolita Lobosco, protagonista dell’omonima fiction RAI e che, giovedì 19 agosto presenterà il romanzo, ambientato in Salento, Regola di Santa Croce”, edito da Rizzoli. Dialogherà con l’autrice Luciano De Francesco.

Anno Zero, edizione 2021 si concluderà sabato 28 agosto con un altro ospite d’eccellenza, Davide Santacolomba. Pianista nato a Palermo, che ha fatto della sua sordità un punto di forza, viene considerato dai luminari della scienza l’unico con problemi uditivi ad aver raggiunto un livello artistico professionale così alto e, per tale motivo, viene invitato spesso come testimonial in eventi di mondiale importanza.

«La splendida cornice di Piazza Garibaldi si appresta a rivivere finalmente le serate culturali», evidenzia Silvia Romano, assessore alla cultura di Tuglie, «ripartire dopo il periodo di pandemia non è per nulla facile. I fondi a disposizione sono praticamente pari a zero per i piccoli Comuni come il nostro, ma grazie all’apporto degli sponsor, siamo riusciti a garantire appuntamenti conviviali all’insegna della cultura, sempre nel rispetto delle norme anti covid. Proprio quest’ultime ci impediscono purtroppo di proporre “Arte in Corte” che è il nostro appuntamento di punta, a causa del gran numero di persone che vi parteciperebbe. Auspichiamo di poterlo riprogrammare nel 2022 e di lasciarci alle spalle le restrizioni. Nell’ambito del programma di valorizzazione turistica del centro storico, quest’anno, abbiamo introdotto alcune novità», spiega l’assessore, «il nostro borgo tra i Comuni del circondario gallipolino è quello che ospita il maggior numero di siti di interesse e si caratterizza per la forte identità legata all’antica civiltà contadina, le cui testimonianze sono ancora vive e presenti. Per questo, al calendario di eventi culturali previsti, si aggiunge la possibilità di fruire del patrimonio in maniera ordinaria e strutturata, valorizzando le istituzioni museali e creando percorsi virtuosi per connettere la città ai centri con maggiore afflusso turistico, grazie alla rete ferroviaria e al contributo delle associazioni. Presso il Frantoio Ipogeo di Via Trieste, aperto ogni giorno dalle 18 alle 22. grazie all’Associazione Rotaie di Puglia, sarà possibile trovare delle guide turistiche abilitate pronte ad accompagnare i turisti a scoprire le bellezze del borgo attraverso un biglietto unico (partenza della visita guidata alle 19). Tuglie, infatti, da quest’anno offre la visita a tre musei» conclude Romano, «Museo della Civiltà Contadina, Museo dell’Ulivo – Via Trieste e Museo della Radio – Via V. Veneto. A queste strutture museali si aggiungono i furneddhri, le corti, i vicoli del centro storico, le edicole votive e le grotte “Passaturi”. quest’ultime facenti parte del Museo della Civiltà Contadina».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus