Connect with us

Attualità

Credito alle imprese? In tv il grido d’allarme di alcuni imprenditori tricasini

La storia di tre imprenditori tricasini alle prese con le conseguenze del lock down nella trasmissione “L’aria che tira”, su La 7.
L’avv. Pietro Nuccio: “Banche ipergarantite ma per ottenere un prestito devi affrontare una montagna di carte…” E ancora: “Delegata l’agenzia delle entrate nell’eventualità di un default di pagamento del prestito concesso…”

Pubblicato

il

Credito alle imprese una corsa ad ostacoli: era il titolo eloquente di un servizio registrato a Tricase ed andato in onda nel corso della trasmissione “L’aria che tira”, su La 7.


Piccole e medie imprese allo stremo dopo il lockdown. Soprattutto nel sud del sud, dove le imprese sono soprattutto a carattere familiare ed hanno bisogno di liquidità giornaliera per sopravvivere.


La trasmissione di La 7 ha raccontato al storia di tre imprenditori tricasini (Stefania Palmieri, titolare di un Caffè Letterario oltre che di Simbiosi Farmabio e presidente dell’Associazione Commercianti di Tricase; Gianluigi Protopapa di GRS e Massimo Lisi di Tessiture Tre Campane) che posso essere considerate esemplari delle difficoltà che gli imprenditori stanno affrontando.


Insieme alle loro parole anche quelle dell’avvocato tricasino Pietro Nuccio che, da noi contattato, ha raccontato come questa sorta di “comitato dal basso” per proporre soluzioni sia nato in piena emergenza sanitaria, quando il Presidente del Consiglio Conte aveva chiesto l’aiuto di tutti.


In quel periodo”, ricorda Nuccio, “vi era scarsa reperibilità di dispositivi di protezione individuale così le Tessiture Tre Campane al pari di una ventina di altre attività della zona si sono date da fare e, senza neanche il bisogno di convertire la loro attività, hanno prodotto mascherine in attesa della famosa certificazione. Poi le buone intenzioni si sono perse nei meandri della burocrazia mentre l’Italia acquistava mascherine prodotte in altri Paesi e a prezzi maggiorati!”.


Quella però era solo la prima fase e la prima occasione… persa! Ora siamo alla cosiddetta Fase 2, nella quale le aziende devono ripartire e farlo subito se non vogliono scomparire.


Ma serve la famosa liquidità per la quale il Governo ha garantito presso le banche prestiti fino a 25 mila euro.


Banche che non perdono nulla”, attacca l’avv. Nuccio, “anzi stanno facendo un sacco di soldi prestando denaro garantito al 100% da noi stessi (Lo Stato)!”.


Non solo: “Per ottenere un prestito c’è una burocrazia incredibile con tante di quelle pratiche che ti postano via tempo e denaro. Infine è stata delegata l’agenzia di riscossione nell’eventualità di un default di pagamento del prestito concesso. E sappiamo benissimo”, conclude Nuccio, “come agisce l’agenzia delle entrate…”.


Condizioni tutt’altro che… agevolate dunque. Anche perché rispetto a prima non è cambiato il modus operandi: il prestito te lo danno ma solo se con determinate (altre!) garanzie.

Sono stata in banca”, ha detto Stefania Palmieri, “la risposta è sempre la stessa: se non c’è un fatturato alle spalle è inutile insistere”.


Stefania, un anno fa ha sostenuto delle spese per aprire un caffè letterario ed una struttura turistica.


Ora anche lei fa i conti con la terra bruciata che ha fatto il lockdown ed ha chiesto un prestito.


Prestito che le è stato negato perché il fatturato del 2019 non le è sufficiente per accedere al credito.


La mia partita Iva è ferma, le mie attività sono ferme”, denuncia Stefania, “quindi per me la liquidità resta una chimera”.


L’imprenditore va in banca perché vuole riprogrammare la propria attività”, ha detto Gianluigi Protopapa di GRS ai microfoni di La7, “però sembrano venire meno le promesse che lo Stato ha fatto nel corso delle ultime settimane. Si è parlato di tassi vicini allo zero, invece sono più vicini al 2%.


Alle telecamere di La7, invece, Massimo Lisi ha mostrato i macchinari di “Tessiture Tre Campane”, rigorosamente fermi per mancanza di ordini: “Una situazione del genere non l’abbiamo mai vissuta con tanto materiale fermo in deposito”.


Lisi aggiunge poi che “in tanti abbiamo provato a chiedere aiuto ma le porte le abbiamo trovate chiuse. Siamo sempre soli; le banche fanno solo i loro interessi. Noi piccoli artigiani come tutti gli altri lavoratori abbiamo dato tanto a questo Stato… accettiamo tutto e andiamo avanti…”.



Attualità

Conferenza nuovo Dpcm: “Una sola dose di vaccino a chi ha avuto il Covid”

Pubblicato

il


Si è tenuta la conferenza stampa del Governo sul nuovo Dpcm. Ecco le principali dichiarazioni.





“Nel decreto sostegno abbiamo previsto risorse per 200 milioni di euro” per supporto alle famiglie sul tema dei congedi parentali”. Lo dice il ministro per gli Affari Regionali Maria Stella Gelmini in conferenza stampa a Palazzo Chigi. “Non parlerei di chiusura delle scuole: l’intendimento è tenerle aperte, tutti le vogliamo aprire. C’è la volontà di giocare la partita dalla parte della scuola, ma è chiaro che c’è un problema legato alle varianti che non si acuisce nei bambini ma crea una problematica nel contagio. Laddove strettamente necessario per le varianti si impone la sospensione dell’attività in presenza” precisa la ministra Gelmini. “La scuola è una funzione essenziale del Paese, faremo di tutto per garantirne il funzionamento. La scuola a distanza è un’estrema ratio” precisa Speranza.




Per quanto riguarda i soggetti che sono stati già infettati in passato da Sars-Covid 2 domani verrà diffusa una circolare del dipartimento generale della prevenzione” del ministero della Salute, “per la quale c’è stato un parere sia dell’Aifa sia del Css, in cui per i soggetti già infettati ci sarà una sola dose di vaccino in quanto l’infezione svolge di fatto un ruolo di “priming”. Questo con la sola eccezione dei soggetti immunodepressi”. Lo dice il presidente del Css Franco Locatelli in conferenza stampa a Palazzo Chigi.





Il “Dpcm è stato firmato dal presidente del Consiglio pochi minuti fa ed è in vigore dal 6 di marzo al 6 di aprile”. Lo dice il ministro della Salute Roberto Speranza in conferenza stampa a Palazzo Chigi. “Il principio guida del nuovo dpcm, adottato dopo confronto ampio con Parlamento e Regioni, è la tutela della salute come questione fondamentale e faro, linea guida essenziale. Per ricostruire il Paese, per lo sviluppo del Paese, bisogna vincere la pandemia.


Continua a Leggere

Attualità

Terme di Santa Cesarea, sindacati chiedono tavolo a Regione e Comune

Grande partecipazione al sit-in di protesta organizzato da Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil di Lecce che si è svolto questa mattina davanti al municipio.  “Incontro subito per discutere il futuro di 115 lavoratori. Siamo stanchi di essere ignorati”

Pubblicato

il

Si è svolto questa mattina un sit-in di protesta dei lavoratori delle Terme di Santa Cesarea, davanti alla sede del Comune, per rivendicare certezze sul futuro lavorativo e sulle prospettive di ripartenza della stagione 2021.

I lavoratori sono ancora in attesa del pagamento della 14esima, parte della 13esima e della retribuzione di gennaio 2021.

Schierate al loro fianco le organizzazioni sindacali Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil di Lecce.

«Qui c’è in gioco il futuro di 115 lavoratori e delle loro famiglie e la loro situazione non può continuare ad essere ignorata, soprattutto alla luce della pandemia che sta aggravando la crisi economica e mettendo in ginocchio il settore», dicono Mirko Moscaggiuri (Filcams), Carmela Tarantini (Fisascat) e Antonio Palermo (Uiltucs).


«Abbiamo chiesto al sindaco risposte immediate sulla ripresa delle attività e l’apertura di un tavolo istituzionale», spiegano, «per affrontare in maniera decisa i problemi esistenti, al fine di garantire stabilità nel medio e lungo termine ai lavoratori e alle lavoratrici. Riguardo ai pagamenti degli stipendi arretrati», fanno sapere, «venerdì scorso il sindaco ha incontrato il Capo di Gabinetto e ha comunicato che la Asl dovrebbe erogare nei prossimi giorni una anticipazione sulle somme dovute per le cure erogate in convezione con il Sistema Sanitario per l’anno 2020».

Nell’esprimere soddisfazione per la grande adesione dei lavoratori che ha caratterizzato la manifestazione odierna, i rappresentanti di Filcams, Fisascat e Uiltucs annunciano che saranno programmate altre iniziative di carattere sindacale per tutelare il lavoro e la dignità di tutti i lavoratori coinvolti.

Continua a Leggere

Attualità

Nuovi positivi: oltre mille in Puglia, oltre 100 in Salento

Tasso di positività al 10,95%. Aaltri 40 decessi con Covid in Puglia, uno in provincia di Lecce

Pubblicato

il

Dopo aver incassato l’RT al ribasso (0,95 contro 1,2 della settimana precedente) a conferma di una fase in cui i numeri del contagio in tutta la Puglia sono stati tutto sommato contenuti, il bollettino regionale odierno ci racconta di altri 1.021 casi positivi su 9.322 test registrati con un tasso di positività pari al 10,95%.

Riguardo alla sola provincia di Lecce sono invece 105 i nuovi tamponi positivi.

Ancora tristemente corposo il bilancio delle vittime: altri 40 decessi con Covid in Puglia, uno in provincia di Lecce.

Il riepilogo

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 1.571.274 test.

111.599 sono i pazienti guariti.

33.111 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 148.702, di cui 12.629 nella Provincia di Lecce.

Aggiornamento sui vaccini

Alla Puglia sono state consegnate 388.225 dosi di cui ne sono state somministrate 269.135 pari 69,3%.

Il bollettino regionale del 2 marzo 2021

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus