Connect with us

Dai Comuni

La lettera del sindaco di Tricase al compianto don Eugenio Licchetta

Pubblicato

il


La lettera del sindaco di Tricase, Antonio De Donno, al compianto don Eugenio Licchetta





Rivolgere oggi a Don Eugenio l’estremo saluto della Città non è facile, non lo sarebbe da Sindaco, non lo è da uomo cresciuto anche grazie alla sua presenza.





Uomo forte, mai domo, mai banale, a volte irruento, ma con la forza del pensiero, il coraggio dell’azione, la potenza della carità. E soprattutto Uomo di Chiesa.





Quella Chiesa che ha amato e servito, a volte anche criticato, ma mai per distruggere, sempre per costruire.





Per primo hai capito che le nostre comunità avevano necessità di essere scosse dal torpore atavico che spesso riappare e hai incessantemente lavorato per creare reti solidali di pensiero, impegno, cultura, stimolo continuo a non farsi soggiogare dai tempi e dai forti di turno.
Hai realizzato con la tua presenza ingombrante ma mai invadente che la comunità aveva bisogno di luoghi in cui incontrarsi e crescere insieme, e non solo quella ecclesiale ma anche e soprattutto quella politica, verso la quale ti sei sempre posto con spirito critico ma costruttivo, alla quale hai sempre offerto occasioni di confronto per far crescere una coscienza cittadina all’insegna della pace sociale e della solidarietà.
Sei stato lievito indomito di confronti sociali e politici che hai alimentato di fede e speranza.
Ciò che era, ed è spesso tuttora, dibattito sterile di coscienze aride, tu avevi la capacità e la forza di trasformarlo in lievito per spiriti liberi.Per il bene di tutti,  vicini e lontani.
Già…la tua cara Albania.
Il primo luglio ti abbiamo ricordato e ringraziato insieme al Sindaco di Valona Dritan Leli, ed i suoi occhi erano pieni di lacrime quando abbiamo ricordato l’azione di solidarietà delle nostre Comunità nei momenti tristissimi oltre Adriatico. E abbiamo scoperto altre tue imprese silenziose, quelle degli uomini forti che non hanno bisogno di clamore.
Hai creduto nella tua fede indomita che fosse vero che nel piede di un mobile semidistrutto ci fosse ancora quell’Ostia consacrata nascosta ai tempi della persecuzione cattolica, e lì, guidato certamente dall’Alto, hai trovato ciò che cercavi, annerita dal tempo ma integra nella sostanza cristiana, e hai celebrato la Messa ai margini della chiesa Cattolica ormai distrutta di Valona, che il regime aveva trasformato in fabbrica di giocattoli e poi distrutto.
E hai mangiato quel simbolo della persecuzione, incarnando in quel gesto la forza della speranza.
E poiché eri tu, mai rassegnato alle sofferenze altrui, hai donato, nel silenzio più totale, il tuo trattamento di fine rapporto per la ricostruzione della Chiesa.
Il Sindaco di Valona e noi tutti ti ringraziamo ancora una volta per essere stato quello che eri.





Ti dobbiamo molto,  caro Don Eugenio, e ti chiediamo scusa se ti abbiamo trascurato negli anni della malattia.
Un tempo non sarebbe stato possibile trascurarti, perché eri sempre tu a fare il primo passo, quello più difficile.
Ed anche questo, oggi, ci rende più poveri, ci ha lasciato l’uomo di Chiesa che nelle avversità era sempre il primo ad arrivare e l’ultimo ad andarsene.




Queste gesta, e tante altre che non conosciamo o conosceremo nel tempo, scoprivano polsi e mani di una forza straordinaria, che non lesinavano il grande lavoro, alimentato da un pensiero fulgido, da una visione cristiana di fede e spirito critico, ma soprattutto da un grande cuore.





Perché tu eri soprattutto questo, caro Don Eugenio, un uomo buono, una forza quotidiana di pace sociale, un tessitore inarrestabile di coscienze operose, un costruttore di comunità mai domo al potere dei forti e baluardo dei diritti dei deboli.
E i tanti Grandi Uomini che ti hanno incontrato, sono rimasti intrisi dalla tua energia e dalla tua generosità, Don Tonino in testa a tutti.Così siamo cresciuti in tanti, abituati ad averti al fianco anche quando non c’eri, tale e tanta è stata la tua potenza educativa.
Uomo che non ha mai nascosto le sue debolezze o le sue contraddizioni a noi ragazzi. Pochi anni di scuola sono valsi per una vita.





Anch’io ho avuto l’onore di averti sull’altare al mio matrimonio, a mia moglie espressi il desiderio che a sposarmi a Casarano fosse chi, insieme a Don Tonino, mi ha fatto amare la Chiesa ed insegnato la forza dell’impegno. Tricase ti deve molto. Non solo la tua Caprarica, la tua famiglia quotidiana che ti ha amato e che hai amato e servito senza riserve. Ma tutta la Città.
Con il dolore nel cuore, ma con la gioia ed il tuo sorriso che dalla pace eterna ormai raggiunta continuerai a donarci, ti diciamo la cosa più semplice ma più intensa che possiamo: grazie di esserci sempre  stato, grazie per averci accompagnato alla consapevolezza della carità e dell’impegno, grazie, di vero cuore, per l’amore che ci hai sempre e senza riserve donato.
Riposa in pace.














Attualità

Tricase in bus, le perlessità del Cantiere Civico

Dura nota a firma dei Consiglieri comunali Zocco, Errico ed Elia: «Fine servizio alle 18,30 e nessuna corsa nelle ore serali e notturne; costi solo a carico dei cittadini e scelte tecniche discutibili»

Pubblicato

il

Lascia l’auto e goditi l’estate è il nuovo servizio di trasporto estivo promosso dal Comune di Tricase per collegare capoluogo, frazioni e marine.

Un progetto di mobilità pubblica voluto dall’amministrazione, in ottica di potenziamento dei servizi turistici del territorio.

L’annuncio ha suscitato reazioni diverse con molti plausi ma anche qualche naso storto.

Come quello dei consiglieri comunali del Cantiere civico: «Il tono troppo trionfalistico per il servizio estivo di trasporto pubblico verso le marine ci lascia perplessi», fanno sapere con una loro nota Carmine Zocco, Gianluca Errico e Giacomo Elia: «“Lascia l’auto e goditi l’estate”, recita lo slogan accattivante ribadito su tutti i media. Ma l’invito è per tutto il giorno? No, la durata delle corse è fino alle 18,30. Questo è il primo limite. Nessuna corsa prevista per le ore serali e notturne, come se le Marine dovessero essere solo meta diurna».

Altro punto sollevato dal Cantiere civico quello relativo ai costi. «Quanto investe l’amministrazione Comunale per un servizio che mira a fornire ai propri concittadini la salutare possibilità di svago della balneazione, cercando di attenuare lo stress del traffico, della mancanza di parcheggi e le emissioni inquinanti? Niente, neanche un euro. E non può essere certo usata come causa la mancanza di liquidità. Il Bilancio Consuntivo approvato il 22 giugno presenta, infatti, un avanzo di cassa (cioè di fondi da utilizzare) di quasi 2 milioni di euro.  Il servizio sarà, quindi, a totale carico dei cittadini che ne usufruiscono con il costo di 1,10 per ogni corsa singola. Facciamo un calcolo semplice: una famiglia di 4 persone per andare a al mare dovrebbe spendere 8,80 al giorno, circa 250 euro per un mese. Difficilmente sopportabile per chi sente i morsi della crisi e dell’aumento galoppante dei prezzi dei Beni di prima necessità».

Sottolineato che «il servizio di trasporto verso le marine non è una novità per il nostro Comune», dal Cantiere rimarcano che «in altri anni il medesimo servizio era gratuito». E chiedono: «Era proprio impossibile confermare questa modalità e potenziarla con la previsione anche di corse serali?».

Secondo i consiglieri di opposizione «era una scelta che si poteva compiere, considerando il servizio come spesa sociale per i valori che intende promuovere».

Nella nota poi si punta il dito su quelle che secondo il Cantiere sarebbero «altre scelte tecniche molto discutibili: la fermata di Marina Serra è al Santuario, a quasi 2 km dal mare. Inoltre, è noto che molti turisti giungono nel Salento senza mezzo proprio. Non sarebbe stato opportuno, quindi, pensare a una fermata presso la stazione ferroviaria?».

Dal Cantiere Civico si chiede quindi di «correggere la rotta. Di potenziare il servizio, ripristinando le corse serali fino a dopo la mezzanotte con mezzi più piccoli. E soprattutto alleggerire i costi per gli utenti. Si dovrebbe dimezzare il costo del biglietto per i cittadini e la restante parte dovrebbe essere corrisposta alla ditta dall’amministrazione in rapporto al numero dei fruitori».

«Questo servizio tanto declamato», l’affondo finale, «è l’emblema di un’estate affrontata senza una programmazione efficace e tempestiva.  Sono carenti i servizi di cura e manutenzione del territorio, essenziali per i nostri concittadini e per una decorosa accoglienza a turisti e visitatori. Affinché ai loro occhi non balzi il contrasto tra le bellezze architettoniche e ambientali del nostro territorio e l’incuria che emerge dalla mancanza dei servizi. In Consiglio Comunale abbiamo sollecitato iniziative rapide per migliorare la qualità delle proposte per l’estate e permettere l’accesso alla balneazione per le persone diversamente abili. Abbiamo avuto risposte evasive, in linea con l’impostazione approssimativa elaborata dal Sindaco e dalla Giunta. Risposte che rivelano un’idea di città buona per realizzare qualche spot, ma non sostenuta da un progetto integrato e una visione prospettica lungimirante».

Tanti temi in ballo, tante situazioni aperte e su cui eventualmente discutere e che potrebbero “scaldare” ulteriormente un inizio estate già di per sé torrido.

Continua a Leggere

Attualità

Lupiae Servizi: al via selezione per potatore

Pubblicato da Arpal l’avviso pubblico di avviamento per la selezione di un operaio potatore presso la società pubblica del Comune di Lecce: possibilità riservata a iscritti alle categorie protette, domande entro il 15 luglio

Pubblicato

il

L’Arpal Puglia, Ambito Territoriale di Lecce, ha bandito ieri l’avviso pubblico di avviamento per la selezione di un operaio specializzato-potatore da inserire nell’organico della Lupiae Servizi spa, la società che gestisce inhouse i servizi di manutenzione e custodia degli immobili comunali di Lecce.

L’avviso attiene ad un’assunzione a tempo determinato della durata di 12 mesi e parziale per 36 ore settimanali. Le attività richieste sono, principalmente, quelle di potatura, piantumazione, messa in opera di palificazione e staccionate e sfalcio con mezzi di potatura.

La risorsa dovrà essere selezionata tra persone appartenenti alle categorie protette di cui all’art.18 della L. 68/99 ed equiparate, persone iscritte, cioè, al Collocamento Mirato della provincia di Lecce e che rientrino in una delle seguenti casistiche: coniugi e figli di soggetti deceduti per causa di servizio, di lavoro o di guerra; coniugi e figli di soggetti riconosciuti grandi invalidi per causa di guerra, di servizio e di lavoro; profughi italiani rimpatriati; vittime del terrorismo, della criminalità organizzata e del dovere e loro familiari; orfani e vedove di deceduti per fatto di lavoro; testimoni di giustizia; orfani per crimini domestici; orfani della tragedia di Rigopiano. Si ricorda che nelle “categorie protette” ex art. 18 non rientrano, invece, le persone con disabilità ex art.1.

Altri requisiti, che devono essere posseduti alla data di presentazione della domanda di partecipazione, sono la maggiore età, la cittadinanza italiana o di altro Stato appartenente all’UE ed il diploma di scuola media inferiore.

La domanda dovrà essere trasmessa esclusivamente mediante posta elettronica certificata (Pec), all’indirizzo collocamentomirato.lecce@pec.rupar.puglia.it, a partire dalle ore 8.30 di lunedì 27 giugno 2022 alle ore 11.30 di venerdì 15 luglio 2022, utilizzando la modulistica allegata all’avviso pubblicato sul sito di ARPAL Puglia nelle sezioni “amministrazione trasparente” e “albo pretorio”, nonché sul portale SINTESI della provincia di Lecce e su Pugliaimpiego.

Per eventuali chiarimenti e/o informazioni sulle modalità di partecipazione all’avviso pubblico è possibile contattare l’Ufficio Collocamento Mirato di Lecce al seguente recapito: collocamentomirato.lecce@pec.rupar.puglia.it.

ARPAL Puglia – Agenzia Regionale Politiche Attive del Lavoro Puglia

L’Agenzia Regionale per le Politiche Attive del Lavoro della Puglia nasce con la Legge regionale n. 29 del 29 giugno 2018 e ha come obiettivo prioritario la più ampia inclusione nel mondo del lavoro. Gestisce i Centri per l’impiego; favorisce l’incontro tra la domanda e l’offerta di lavoro, in sinergia  con imprese e privati accreditati; promuove l’integrazione delle  persone con disabilità e fragilità; supporta l’osservatorio del mercato del lavoro; collabora alla programmazione dell’offerta formativa rispetto alle dinamiche del mercato del lavoro e dei fabbisogni professionali.

www.arpal.regione.puglia.it

 

Continua a Leggere

Andrano

Castiglione: ecco “La restanza”, il film con tutta la frazione protagonista

Sabato 2 luglio (ore 20) in piazza della Libertà la proiezione dell’anteprima preceduta da un incontro con la regista Alessandra Coppola e l’antropologo Vito Teti che presenterà il suo ultimo libro dallo stesso titolo del film

Pubblicato

il

La restanza” è un film tratto dalla vita di ogni giorno e che ha visto protagonista tutta la frazione di Castiglione d’Otranto.

Il documentario di Alessandra Coppola sarà proiettato in anteprima sabato 2 luglio (ore 20) proprio a Castiglione d’Otranto, in piazza della Libertà.

La proiezione sarà preceduta da un incontro con la regista Alessandra Coppola e l’antropologo Vito Teti che presenterà il suo ultimo libroLa restanza” edito da Einaudi.

Castiglione d’Otranto, profondo sud dell’Italia. Un gruppo di trentenni non accetta più che la soluzione ai problemi economici, ecologici e politici del territorio sia sempre “andare via”. Propongono allora a coloro che possiedono appezzamenti di terra incolta, spesso vissuti come un fardello, di metterli in comune per bonificarli e riportarli a produrre. A Castiglione si decide così di legare la propria vita alla terra e di investire sul valore del camminare insieme.

Castiglione diventa il paese della restanza: si coltivano i semi antichi e la biodiversità locale, si decide insieme, si sviluppa un’economia di prossimità.

Accettando le ombre del passato, si scopre la necessità, il desiderio, la volontà̀ di generare un nuovo senso dei luoghi creare un altrove proprio lì dove si è sempre stati.

Nel film: Donato Nuzzo, Tiziana Colluto, Rocco Botrugno, Fulvio Rifuggio e… tutti gli abitanti di Castiglione d’Otranto.

CLICCA QUI PER VEDERE IL TRAILER DEL FILM

 

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus