Connect with us

Dai Comuni

Luce a intermittenza per strada: è “disco Tricase”

Pubblicato

il


La discoteca a domicilio? A Tricase si può.





Tutti chiusi in casa per il coprifuoco, ma in via Spallanzani (a qualche centinaio di metri dall’ospedale) ci si diverte comunque.





Le luci dell’illuminazione pubblica si accendono e si spengono a intermittenza (video a margine). Un problema che avevamo già notato in passato ma che, di solito, si verificava quotidianamente per qualche manciata di secondi solo al momento dell’accensione, nel primo pomeriggio.




Chissà che oggi non sia stato invece il freddo ad aver mandato in tilt l’impianto.





Alcuni residenti in zona la prendono con filosofia. Tanti i video sui social in cui si scherza chiamandola “discoteca in zona Draghi alta”, e così via. Qui di seguito il video di Francesco Longo con tanto di immancabile Gigi D’Agostino di sottofondo, con la mitica L’amour tojours. Non dimenticate di alzare il volume!






Attualità

Casarano: ok la cittadinanza a Zaki, però…

Patrick cittadino onorario casaranese? Ben venga! Insieme però a tutti gli altri che come lui sono innocenti ma che, per loro sfortuna, non hanno nemmeno l’onore di esser nominati a Sanremo e continuano a marcire in 6 in una cella in attesa che il giudice torni dalle ferie o dallo smartworking o nella speranza che il cancelliere non si perda una fotocopia del loro fascicolo

Pubblicato

il

La minoranza consiliare di Casarano non demorde e, dopo aver preso contatti con il Presidente del Consiglio Comunale, Giampiero Marrella, dopo una prima istanza dello scorso dicembre, è pronta a ripresentare l’Ordine del Giorno per il conferimento della cittadinanza onoraria a Patrick Zaki.

Probabilmente ormai tutti sapranno delle vicissitudini giudiziarie di questo ragazzo egiziano (la cui vicenda è stata ricordata anche da Amadeus dal seguitissimo palco di Sanremo): cittadino egiziano, studente dell’Università di Bologna,  attivista di opposizione e membro di un’Associazione per la difesa dei diritti umani, nel 2019 viene colpito da un ordine di cattura da parte del suo Paese, con l’accusa di  minaccia alla sicurezza nazionale, incitamento alle proteste illegali, sovversione, diffusione di false notizie, propaganda per il terrorismo.

Patrick continua comunque a studiare tranquillamente a Bologna ma il 7 febbraio di un anno fa, appena atterrato a il Cairo, viene arrestato in ottemperanza a quel provvedimento per il quale risultava essere latitante.

Da lì in poi, per il povero Patrick inizia un calvario giudiziario e procedurale che, a distanza di oltre un anno, lo vede ancora in uno stato di “carcerazione preventiva” in attesa di un vero e proprio processo.

Da lì in poi, su input di 26 europarlamentari italiani, tutta la comunità internazionale prende a cuore la difficile e ben poco invidiabile situazione di questo ragazzo, intimandone all’Egitto l’immediata scarcerazione.

Sulla scia di queste vicende quindi, l’iniziativa della minoranza consiliare casaranese e l’istanza di concessione della cittadinanza onoraria.

Ma la domanda che sorge è: perché? Ovviamente l’iniziativa è meritoria ed altrettanto ovviamente tutti noi ci auspichiamo che il ragazzo venga al più presto liberato e quindi la domanda completa è: “perché proprio lui?” o meglio, “perché solo lui?”.


Solo nel 2019 e solo nel nostro Paese, le Corti di Appello hanno ritenuto fondate oltre mille richieste di riparazione per ingiusta detenzione (fonte: errorigiudiziari.com) e noi contribuenti abbiamo pagato le relative e giuste compensazioni economiche, alle quali vanno aggiunte tutte quelle che rinunciano a ricorrere o che non riescono a dimostrarlo (attenzione: dati relativi al solo 2019).

La Corte di Strasburgo inoltre ha già più volte richiamato il nostro Paese per aver ecceduto, guarda un po’, proprio nell’istituto della custodia cautelare. E già il fenomeno comincia a toccarci un po’ più da vicino soprattutto se ricordiamo il periodo di “mani pulite” o certe maxi-operazioni anche più attuali che poi si risolvono in un nulla di fatto. Inoltre, non scordiamolo, il ragazzo è egiziano, detenuto in Egitto ed il provvedimento è emanato da uno Stato sovrano e quindi perfettamente legittimo da un punto di vista normativo anche a livello internazionale; oltretutto non si intravedono pericoli per la sua vita (le imputazioni infatti non prevedono la pena di morte) e pare che la madre lo abbia potuto incontrare.

Questo non toglie nulla all’auspicio che Patrick possa essere liberato, anche perché notoriamente le carceri egiziane non sono così confortevoli; ma accanto a lui auspichiamo che venga liberato anche Gennaro Esposito a Poggioreale, Ciccillo Cacace a San Vittore e tutte le centinaia di detenuti che aspettano per tantissimo tempo, il corso della giustizia.

Attenti poi a non cadere nella tentazione di pensare che sia un problema esclusivo dei nostri giorni in quanto il grande Nanni Loy, già nel 197,1 diresse Alberto Sordi in quell’inquietante film “detenuto in attesa di giudizio” che, in un certo qual modo, raccontava proprio gli stessi fatti.

Patrick cittadino onorario casaranese? Ben venga! Insieme però a tutti gli altri che come lui sono innocenti ma che, per loro sfortuna, non hanno nemmeno l’onore di esser nominati a Sanremo e continuano a marcire in 6 in una cella in attesa che il giudice torni dalle ferie o dallo smartworking o nella speranza che il cancelliere non si perda una fotocopia del loro fascicolo.

Perché, purtroppo, in una società come la nostra in cui quel che conta è solo l’evidenza mediatica, ed i problemi si risolvono solo se interviene Striscia la Notizia, sarebbe oltremodo ingeneroso, nei confronti proprio degli ultimi e dei dimenticati, continuare a dare ancora più evidenza a chi già ce l’ha o peggio, fare qualcosa soltanto perché va di moda e perché quella è la tendenza “politicamente corretta” del momento.

Antonio Memmi

Continua a Leggere

Cronaca

Tricase: 18 mesi al ladro d’auto fermato sulla SS 274

Processato per direttissima, ha patteggiato la pena (con revoca della misura cautelare)

Pubblicato

il

Processato per direttissima B.B., il 30enne, fermato sulla SS. 274 per Gallipoli, a bordo della Fiat Punto che aveva rubato a Tricase, in via Fenoglio (clicca qui).

L’uomo era chiamato a rispondere dei reati di furto d’auto e danneggiamento.

Il Giudice monocratico, Annalisa De Benedictis, ha accolto il patteggiamento che l’avv. Tony Indino, legale di B.B., aveva concordato con il Pm Massimiliano Carlucci.

Il 30enne tricasino è stato dunque condannato a 18 mesi con revoca della misura cautelare.

Continua a Leggere

Cronaca

Morta per covid o per abbandono? Il 5 marzo accertamento tecnico irripetibile

Il giudice deciderà se rinviare a giudizio i 22 tra medici e paramedici coinvolti nell’indagine, oppure se ritenere il decesso della donna causato dal covid senza alcuna responsabilità di medici e paramedici

Pubblicato

il

La vicenda della della signora Abbondanza Marra, 73 anni, di Ruffano, deceduta in ospedale a Lecce il 2 novembre scorso (clicca qui) finisce davanti al giudice che dovrà decidere se procedere con l’inchiesta per omicidio colposo e rinviare a giudizio i 22 tra medici e paramedici coinvolti.

A seguito della denuncia presentata dagli avvocati Alvaro Storella e Antonio Storella per conto dei fratelli Gravante (Marco, Massimo, Mauro e Manuela), il pubblico ministero di Lecce dott. Luigi Mastroniani ha individuato tutti i medici e paramedici (22 persone) che hanno tenuto in cura la signora Abbondanza Marra e disposto un accertamento tecnico medico legale irripetibile (ex artt 359-360 cpp). All’uopo è stato nominato il dott. Roberto Vaglio quale Consulente medico legale.

All’udienza fissata per dopodomani, venerdì  5 marzo, verranno formulati i quesiti ai quali il dott. Vaglio dovrà rispondere per verificare se il decesso della signora Abbondanza è avvenuto per cause legate al Covid oppure per omissioni da parte della struttura sanitaria di Lecce.


In quell’occasione, in pratica, il giudice valuterà se ci sono gli estremi per rinviare a giudizio i 22, tra medici e sanitari coinvolti nell’indagine, oppure se ritenere il decesso della donna dovuto al Covid senza responsabilità di medici e paramedici.

Ricordiamo che secondo i figli della vittima, che hanno dato mandato allo Studio degli avv.ti Alvaro Storella e Antonio Storella, di procedere per vie legali, «la nostra mamma è morta sola in ospedale. Non era autosufficiente, non è stata alimentata, né le hanno dato le medicine che solitamente prendeva. Alla fine è andata in coma e ci ha lasciato a 73 anni. Nessuno ci ha dato risposte convincenti su quanto avvenuto».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus