Connect with us

Attualità

Maturità, tutti i nodi vengono al pettine…

Tre le tipologie: analisi e interpretazione di un testo letterario italiano (nello specifico, la scelta andava fatta tra una poesia di Quasimodo e un brano di un romanzo di Moravia); analisi e produzione di un testo argomentativo (nello specifico la scelta riguardava brani dello storico Chabod, del giornalista Angela, della scrittrice Fallaci), riflessione critica di carattere espositivo-argomentativo su tematiche di attualità (nello specifico la scelta era tra una lettera aperta al ministro Bianchi sull’esame di maturità e un testo del giornalista Belpoliti sul tema della comunicazione online)…

Pubblicato

il

Iniziato, e concluso, con la prova scritta di Italiano, l’esame di Stato o di maturità come si diceva una volta.


Grande attesa e grande dibattito sui media.

Almeno da fine maggio non sono mancate, come da decenni accade, le articolate “indiscrezioni” sugli argomenti papabili.


Ma, a quanto ne so, tutte le tracce più o meno supposte sono state disattese ed è subito cominciata la discussione sulle tracce proposte.


Tre le tipologie: analisi e interpretazione di un testo letterario italiano (nello specifico, la scelta andava fatta tra una poesia di Quasimodo e un brano di un romanzo di Moravia); analisi e produzione di un testo argomentativo (nello specifico la scelta riguardava brani dello storico Chabod, del giornalista Angela, della scrittrice Fallaci), riflessione critica di carattere espositivo-argomentativo su tematiche di attualità (nello specifico la scelta era tra una lettera aperta al ministro Bianchi sull’esame di maturità e un testo del giornalista Belpoliti sul tema della comunicazione online).


In verità, si è offerta agli esaminandi una vasta gamma di scelte che si può considerare soddisfacente.


Certo, su tutto possono essere sollevate annotazioni e perplessità, ma anche questo rientra nella natura delle cose.


Se proprio si deve presentare qualche osservazione, in particolare da parte di coloro che tale prova hanno sostenuto in tempi assai lontani, è che la varietà e complessità delle opzioni richiede una piccola e non sempre facile, data la tensione della giornata, fase di orientamento.

Va inoltre notato che si è dato gran spazio alla contemporaneità.


Solo il testo di Chabod, sull’idea di nazione, andava a toccare una tematica molto sentita nell’Ottocento.


Gli altri in vario modo hanno sottolineato problematiche del presente, manifestando implicitamente l’attenzione al mondo del quotidiano, sul quale è opportuno meditare e che non è da considerare sempre come il migliore dei mondi possibili.


Di là da questo, a me sembra chiaro che l’esame scritto è un rito di passaggio necessario e imprescindibile in quanto segna la conclusione di un lungo percorso scolastico e per moltissimi diplomati l’avvio agli studi universitari.

Quest’ultima scelta una volta era decisa in maniera netta dopo l’esame di Stato; al presente invece alcuni test di ingresso a Corsi di laurea a numero programmato si svolgono già prima dell’esame di maturità e ciò non è propriamente un bene in quanto genera sicuramente dei problemi e del nervosismo all’interno dell’itinerario scolastico.


Tutto questo comunque non toglie che l’esame scritto di Italiano rappresenti un momento importante della vita.


NEL PASSATO


Una volta in tale occasione era prassi non dare del “tu”, ma del “lei” all’esaminando, confermando in tal modo che non solo si stava concludendo un cursus, ma che si stava per entrare in un’altra fase dell’età evolutiva.


Inoltre, rammento che ci fu consentito fumare in classe. Sono ricordi di tempi ormai lontani, con un esame svolto con tutti docenti esterni, con prove scritte delle diverse materie e non solo con tutte le materie alle prove orali, ma anche con i riferimenti ad argomenti dell’intero triennio.


Era un esame abbastanza severo, in tempi in cui non erano pochi gli alunni che a settembre dovevano sostenere gli esami di riparazione in varie discipline.


L’esame di Stato, col confronto con docenti esterni, mostrava agli esaminandi che essi non erano più adolescenti, bensì dei giovani che dovevano essere pronti a misurarsi con altre e più difficili prove.


Va inoltre detto che la cosiddetta prova di Italiano è quella che si presta ad una particolare verifica della personalità dell’esaminando come del suo modo e della sua capacità di argomentare un discorso in quanto la seconda prova scritta è collegata con discipline che caratterizzano la scuola che si frequenta, mentre il colloquio orale è di carattere multi e interdisciplinare.


Ecco: l’esame non deve essere inteso come un verdetto, ma come una serena valutazione di un percorso affinché ci si renda conto delle competenze acquisite, delle potenzialità più o meno latenti, delle lacune da colmare.


Un momento insomma di auto-conoscenza per meglio procedere nel pelago della vita.


Attualità

Casarano: la biblioteca che verrà

L’iniziativa è un po’ un racconto al contrario perché inizia dal realizzare i contenuti di un modello di biblioteca di comunità nell’attesa della tanto auspicata apertura di un luogo che ne sia il giusto contenitore

Pubblicato

il

E poi ci sono le idee… quelle che stanno lì, semplici da raggiungere ma che vengono in mente solo a qualcuno… perché la bellezza delle idee sta proprio in questo: nella capacità di ispirare e magari perché no, cambiare anche il modo in cui vediamo cosa e chi ci sta intorno o la nostra città.

A Casarano una biblioteca non c’è.

Ma poi cosa serve una biblioteca?

In fondo tutti i libri sono on line e magari non c’è neanche bisogno di leggerli perché tanto ciò di cui abbiamo bisogno ce lo serve un qualche motore di ricerca e adesso addirittura l’intelligenza artificiale a portata di smartphone; che idea insulsa impolverarsi con quei tomi di carta impolverata messi lì per argomenti ed in ordine alfabetico.

Ecco, questo il pensare comune di chi in una biblioteca non ci è mai entrato e non conosce le emozioni che essa riserva (e, fidatevi, non è solo una questione di età).

A Casarano una biblioteca non c’è e Dio solo sa quanto invece ce ne sarebbe bisogno, perché in questa città non manca semplicemente un edificio pieno di libri.

Manca un luogo di incontro, di crescita, di scambio di idee, manca quel tesoro di conoscenza che è ogni biblioteca, mancano quelli ambienti in cui andare in tanti e stare in silenzio perché ognuno è immerso nel suo mondo e sta facendo il suo viaggio, fino al momento in cui alza la testa e vede un’altra persona che sta facendo a sua volta un altro viaggio ma che, in quell’istante, si è fermato per un saluto, un sorriso, uno scambio di emozioni.

A Casarano una biblioteca non c’è, ma ci sono le idee ed una di queste idee ha un nome: “La biblioteca che verrà”.

Si tratta di un bel progetto in cui il primo fattore di bellezza risiede nelle tante associazioni, esercizi ed organismi istituzionali e non che hanno deciso di aderire e questo è già un grande risultato.

Promosso dal gruppo “Taglia Media” e con il patrocinio del Comune di Casarano, le librerie “La soffitta senza tetto” e “Dante Alighieri”, le Associazioni “Casarano bene comune” e l’Università Popolare, l’iniziativa è stata presentata alcuni giorni fa e rappresenta un po’ un racconto al contrario perché inizia dal realizzare i contenuti di un modello di biblioteca di comunità nell’attesa della tanto auspicata apertura di un luogo che ne sia il giusto contenitore.

La proposta è quindi un manifesto “vivo” di attività che va compilandosi man mano che l’idea si diffonde e gli appuntamenti si sommano; un’idea di offrire ai cittadini di tutte le età momenti di condivisione e di aggregazione tipici di una biblioteca perfino quando essa ancora non c’è.

L’idea non è certo sporadica in quanto “Taglia Media” è formata da un gruppo di volontari che da oltre due anni già portano avanti attività legate ai libri ed alla lettura e che quest’anno hanno voluto condividere con altre associazioni cittadine l’idea di partecipare attivamente a soddisfare una necessità ormai non più rimandabile: una biblioteca ma concepita, come detto, non come un banale contenitore di libri ma una sorta di rifugio per tutti (e magari, perché no, anche un luogo semplicemente bello in cui stare).

L’idea è stata quindi lanciata ed il programma è partito e, pur con la possibilità di esser via via integrato.

Si concluderà il 31 maggio con una grande festa a cui parteciperà la scrittrice Antonella Agnoli.

Forse è solo un piccolo passo o forse è solo uno stimolo a far qualcosa, sarebbe bello, però, valorizzarlo perché è importante per questa città.

Antonio Memmi

Continua a Leggere

Attualità

Destinazione Turistica Sud Salento

Manifestazione di interesse per la creazione di un elenco di operatori economici locali interessati ad essere inclusi negli itinerari volti alla promozione della destinazione

Pubblicato

il

Il Gruppo di Azione Locale GAL Capo di Leuca è affidatario del servizio di creazione di una rete di Operatori Locali nell’ambito del progetto “Promozione e valorizzazione dell’offerta turistica Sud Salento“.

Il Progetto prevede il coinvolgimento attivo degli operatori nella definizione della fruizione del territorio del Sud Salento, attraverso l’adesione ad una rete formalmente riconosciuta e la partecipazione a workshop formativi organizzati dal GAL.

Pertanto il GAL Capo di Leuca invita gli operatori economici locali a presentare la propria proposta di adesione al progetto attraverso la compilazione di un questionario di rilevazione (disponibile cliccando qui e attivabile cliccando nel primo commento), nel quale descrivere attività e servizi da includere negli itinerari turistici, ove richiesti.

Gli operatori economici devono avere sede legale o unità locale all’interno dei 16 Comuni dell’Area Interna Sud Salento (Alessano, Castrignano del Capo, Corsano, Gagliano del Capo, Miggiano, Montesano Salentino, Morciano di Leuca, Patù, Presicce-Acquarica, Ruffano, Salve, Specchia, Taurisano, Tiggiano, Tricase e Ugento).

Termine ultimo per l’adesione al progetto venerdì 1° marzo.

Per ulteriori info clicca qui

Continua a Leggere

Attualità

Gallipoli col vento in poppa

Il programma crocieristico. 18 le navi in arrivo. Il sindaco Stefano Minerva annuncia «novità importanti: per il 2025 la MSC ha espresso la volontà di entrare nel porto di Gallipoli»

Pubblicato

il

Grandi novità per Gallipoli: dopo le soddisfazioni della scorsa stagione, quest’anno saranno 18 le navi da crociera che da marzo a novembre attraccheranno nel porto di Gallipoli. Ad inaugurare il fitto programma crocieristico sarà la nave “Le Bouganville” che il 25 marzo sarà nel porto di Gallipoli.

A presentare le novità del 2024, il sindaco Stefano Minerva, la consigliera delegata al settore crocieristico Titti Cataldi e l’agente marittimo Sergio De Luca.

Tra i presenti anche il vicesindaco della città di Gallipoli con delega al Turismo Tony Piteo, il sottotenente di vascello Matteo Panico per la Capitaneria di Porto di Gallipoli, Giuseppe Coppola in qualità di componente della Giunta dell’ufficio di Presidenza di Confindustria con delega nazionale al turismo e all’economia del mare e Fernando Nazaro, vice presidente della sezione Confindustria Turismo di Lecce.

Così il sindaco Stefano Minerva: «Passo dopo passo realizziamo un sogno per la città di Gallipoli cioè quello di ampliare sempre più la fetta di turismo. Ormai, in realtà, parliamo di turismi poiché Gallipoli viene visitata da centinaia di migliaia di persone e perciò continuiamo a scommettere su questo progetto non con poca fatica e con tanto lavoro. È veramente una grande emozione vedere le maestose navi fare da sfondo alla nostra città che ci ricordano di questa scommessa vinta ed è per questo che ci tengo a ringraziare chi è stato protagonista di questo sogno insieme a noi. Inoltre, non mancano le novità importanti: per il 2025 la compagnia crocieristica MSC ha espresso la volontà di entrare nel porto di Gallipoli».

La consigliera con delega al settore crocieristico, Titti Cataldi si dice «molto orgogliosa di questo numero raggiunto; in questo senso è stata molta importante la caparbietà e l’intuizione del sindaco. Gallipoli ha le caratteristiche giuste per accogliere le navi e non possiamo negare quanto i comandanti delle varie navi siano sempre stupiti e incantati dalla bellezza della città. Inoltre il porto cittadino può anche vantare il terminal crocieristico inaugurato qualche mese fa che accoglie i turisti ed è un primo contatto molto importante per chi arriva. Ora siamo al lavoro per l’accoglienza dei passeggeri che saranno qui nei prossimi mesi».

Giuseppe Coppola, neo eletto componente della Giunta dell’ufficio di Presidenza con delega nazionale al turismo e all’economia del mare di Confindustria sottolinea «l’importanza di mettere a sistema un calendario di attracchi e di come l’obiettivo fondamentale sia quello di far restare, una volta giunti, quanti più turisti in città».

A tale input risponde Sergio De Luca, agente marittimo: «Un lavoro in sinergia importantissimo che è stato svolto in maniera egregia dall’attuale Amministrazione.  Città e squadra, essere insieme vuol dire portare risultati importanti. È necessario sottolineare quello che i dati ci dicono ovvero che, una volta giunta la nave nel porto, il 70% dei visitatori rimane a Gallipoli e solo il 30% va fuori. Tuttavia chi si sposta a visitare altri paesi poi torna a fare un’escursione nella città quindi Gallipoli ottiene quasi il 100% dei visitatori. Noi in qualità di operatori chiediamo sempre un feedback ai turisti e la risposta è sempre positiva».

Conclude, l’assessore al Turismo Tony Piteo: «Accogliamo con grande felicità la notizia di questi arrivi, ed è importante sottolineare quanto in questa direzione sia molto importante fare rete e lavorare sia in termini di marketing che economici per portare beneficio alla nostra città».

Nel 2024 approderanno nel porto di Gallipoli le seguenti navi: Le bouganville, Hebridean Sky, Austral, Evrima, Emerald Sakara, Seabourn Encor, World Traveler e Amera.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus