Connect with us

Attualità

Pale o non pale, questo è il dilemma

Divisioni e mal di pancia. Un impianto di 1,3 Gw di potenza e una produzione di 4Twh di energia significa sfamare un milione di persone, un quarto della popolazione pugliese

Pubblicato

il

Pale in mare sì, pale in mare no! Un progetto, quello di Odra Energia che continua a dividere, che ha suscitato continua a ispirare opinioni contrastanti, mal di pancia e divisioni, ma che tocca temi vitali come l’inquinamento paesaggistico, i problemi ambientali e l’effettiva

sostenibilità e, anche per questo, merita di essere approfondito.


PERCHÉ LE RINNOVABILI


L’energia eolica è la più avanzata tra tutte le fonti di energia rinnovabile (fotovoltaico, geotermico, idroelettrico). Con tale termine si intende il complesso di tecnologie con fonte non esauribile (in questo caso il vento), necessario per la riduzione di gas serra e sostanze inquinanti.

Da ciò nasce l’esigenza di incrementare la produzione di energia pulita che va ad affiancare, e sempre più a sostituire, la produzione da centrali a combustibili fossili; questa politica di decarbonizzazione è stata incentivata anche dagli Stati Europei.

In Italia il Piano Nazionale Integrato Energia e Clima (PNIEC) prevede entro il 2030 (in accordo con l’UE), una riduzione del 55% di emissioni venefiche rispetto al 1990: dopo 18 anni, nel 2018 la riduzione si è attestata solo al 17%.

Il Salento è terra di Sole, di Mare e Vento, e questo depone a favore delle nuove tecnologie, infatti, secondo l’Atlante Eolico, la nostra terra è “spazzata” da una velocità media annua di vento che va dai 6 ai 7 m/s (metri al secondo).


OCCHIO AI DATI


Tenendo conto dei dati pubblicati da Terna (l’ultimo bilancio elettrico), in Puglia nell’anno 2020 si è fatto uso di 15.562 Gwh (gigawattora) di energia, prosciugati da agricoltura, industria, servizi e domestico.

Per contro la produzione da fonte termoelettrica, derivante da centrali che utilizzano carbone, gas naturale ed altre materie prime ricavate da prodotti petroliferi, è pari a 17.793 Gwh.

Questa produzione soddisfa sì la domanda di energia interna, ma a quale prezzo? Nell’atmosfera vengono rilasciati gas serra, come CO2 (anidride carbonica), NOx (ossidi di azoto), e altre sostanze dannose. In Puglia sono presenti ben 5 impianti termoelettrici, con una potenza totale installata di 5.694 Mw (megawatt), di cui uno è ubicato a due passi casa nostra, a Cerano (Brindisi), eroga una potenza di 2.640 Mw (ovvero il 46% del totale), e funziona totalmente a carbone.

Queste produzioni dovranno essere sostituite in qualche modo, e quelle più efficaci ad oggi, avendo da tempo escluso la produzione da Nucleare, sembrano essere quelle da fonti rinnovabili. La Puglia nel corso del 2020 ha prodotto 4.802Gwh da eolico (con una potenza installata di 2.641Mw) e 3.839Gwh da fotovoltaico (con potenza installata di 2.900Mw), per un totale di 8.641Gwh.  Questi dati fanno capire come la sola produzione da fonte rinnovabile non riesce a soddisfare il fabbisogno energetico dell’intera Regione, ed è per questo che bisognerebbe abbracciare gli sforzi da parte di investitori nelle rinnovabili per ottenere una produzione di energia sempre più pulita.


GLI SVANTAGGI


Tutti vantaggi? No, anche qualche svantaggio: ad esempio, qualcuno obietta, sono brutte e non è piacevole osservare il sole sorgere trale pale eoliche. Vero,  ma non lo è neanche passeggiare tra i nostri tratturi e godersi campagne asfaltate da pannelli fotovoltaici; campagne incolte e godersi l’inquinamento atmosferico. Bisognerà valutare ogni posizione cercando di sfruttare al meglio questa situazione, non perdiamo questo treno: le pale garantiscono un significativo contributo per il raggiungimento degli obiettivi e degli impegni nazionali, comunitari e internazionali in materia di energia ed ambiente (transizione ecologica).

Pensiamo anche all’economia, questa scelta promuove la crescita economica e contribuisce alla creazione di posti di lavoro, dando impulso allo sviluppo, anche a livello locale.


CONCLUSIONE


Tiriamo le somme: parliamo di un impianto di 1,3 Gw di potenza e una produzione di 4Twh di energia, se saranno confermati questi dati, considerando il consumo medio per abitante pugliese che ammonta a 4.003 Kwh/ab (chilowattora su abitante), basterà fare una banale

divisone per capire che questo significa sfamare un milione di persone con questa energia, tradotto un quarto della popolazione pugliese. A chi giova questo tipo di progetto? Al futuro della nostra popolazione.

Vogliamo veramente rinunciare alle opportunità di sviluppo che può concederci?

Angelo Martella


Attualità

Primo Paese dell’UE opta per l’obbligo vaccinale per tutti

Pubblicato

il

Si fa strada sempre di più l’obbligo vaccinale. Se in Italia al momento è solo “parziale”, se Francia e Regno Unito allentano le misure, se la Repubblica Ceca lo ha introdotto salvo poi fare marcia indietro, l’Austria sarà il primo paese europeo ad imporrlo, senza distinzione d’età o di categoria.

Il parlamento austriaco ha approvato l’introduzione del vaccino obbligatorio. La misura entrerà in vigore il 4 febbraio.

Incentivi…a premio

Inoltre Vienna introdurrà una lotteria nazionale con premi da 500 euro per incoraggiare chi non si è ancora vaccinato contro il Covid a immunizzarsi: lo ha reso noto il governo, secondo quanto riporta il Guardian. Il governo stanzierà inoltre 400 milioni di euro per i Comuni ‘virtuosi’ con la più alta percentuale di immunizzati.

Continua a Leggere

Attualità

Cerco da tempo 50 operai ma non li trovo

Offresi posti di lavoro in una affermata azienda metalmeccanica ma nessuno risponde

Pubblicato

il

La Scandiuzzi Steel Constructions, azienda di Treviso, cerca 50 operai per la sede di Brindisi ma l’offerta non decolla.

Siamo pronti ad assumere 50 nuovi dipendenti con effetto immediato. Da qui il nostro appello a non perdere questa opportunità. Ovviamente siamo pronti ad effettuare un percorso di formazione per consentire ai nuovi assunti di acquisire la necessaria esperienza per operare in un ambito così importante come quello metalmeccanico”, sottolinea Fernando Parata, il direttore dello stabilimento di Brindisi. “Il problema non riguarda soltanto noi, visto che nell’ultimo direttivo della sezione Metalmeccanica di Confindustria, che presiedo, anche altre aziende hanno denunciato le stesse difficoltà nel reperire operai e tecnici specializzati per far fronte alle commesse già contrattualizzate”.

La Fim Cisl Taranto Brindisi, invece, chiede chiarezza. Secondo il segretario generale, Michele Tamburrano, bisognerebbe capire “se il lavoro offerto risponda ad una logica che dia l’opportunità ai tanti disoccupati o, piuttosto, vada in una logica sostitutiva, in cui si provi a cercare personale bello pronto e formato, già alle dipendenze di altre aziende, offrendo un inquadramento professionale e un trattamento economico inferiore a quello percepito».

Riteniamo sia utile che la Scandiuzzi unitamente a Confindustria faccia chiarezza sui profili ricercati e sulle modalità di assunzione evitando generalizzazioni. Siamo convinti che, puntando sulla formazione, si possa dare opportunità di riconversione e ricollocazione, in un’ottica di transizione sociale, ai tanti lavoratori che oggi sono fuori dal mondo del lavoro“.

Continua a Leggere

Attualità

Corsano azzera la Giunta e ne nomina una nuova

Giro di boa per l’amministrazione Raona. Nominata la nuova “giovane” giunta

Pubblicato

il

Al fine di dare un nuovo slancio all’attività istituzionale, il sindaco di Corsano, Biagio Raona, ha diramato, tramite un comunicato stampa, la nuova Giunta comunale che dovrà misurarsi con le attenzioni della cittadinanza e le esigenze del territorio, “mettendo alla prova giovani amministratrici che sono alla loro prima esperienza in seno al Consiglio Comunale“.

Nello specifico la nuova Giunta Comunale che ora è composta da: Francesco Caracciolo, Vice Sindaco che conferma anche le deleghe all’urbanistica, decoro urbano, attività produttive e protezione civile; Cosimo Bello, Assessore già in carica al quale sono attribuite le deleghe all’ambiente ed al verde pubblico; Enza De Francesco, nuova Assessore con delega ai servizi sociali ed all’ambito di zona e Sabrina Bisanti, neo Assessore con delega alla cultura, turismo, politiche giovanili e pubblica istruzione. Restano, invece, di competenza del Primo Cittadino le deleghe ai lavori pubblici, al bilancio, ai tributi ed al personale.

La decisione è avvenuta dopo aver preso atto della volontà di Antonella De Masi ed Antonella Nicolì di rassegnare le dimissioni dalle cariche assessorili per motivi strettamente personali e rinnovando la loro fiducia verso il Sindaco e la collaborazione all’intero della maggioranza.

La composizione della nuova Giunta Comunale – dichiara il Sindaco Biagio Raonasi inserisce nel percorso comune che abbiamo tracciato dinanzi ai cittadini e rappresenta la prosecuzione di un lavoro intenso che è stato svolto per due anni e mezzo mettendo a segno importanti risultati per il Paese, consentendo di intercettare ingenti finanziamenti e di stilare progetti che dovranno trovare attuazione nell’ultima parte della consiliatura. 

Il giro di boa di questa Amministrazione avviene con un consuntivo certamente ricco di impegni mantenuti e di progettualità di altissimo profilo, tutti tasselli che è stato possibile comporre grazie al lavoro di tutti, ivi compreso quello di Antonella De Masi ed Antonella Nicolì che ringrazio per quanto hanno dato, senza mai risparmiarsi, dal punto di vista istituzionale ed umano. La loro volontà di continuare a collaborare, anche da semplici consigliere comunali, è la conferma della passione genuina di cui faremo tesoro”.

Sono convinto – conclude il Sindaco Raona – che il nuovo Esecutivo cittadino, caratterizzato, ancora una volta, da un mix di esperienza e novità, saprà avere buona memoria della strada finora percorsa e potrà imprimere lo slancio necessario per realizzare gli interventi importanti di cui Corsano ha bisogno e che i cittadini attendono (vedasi, tra gli altri, la realizzazione della fognatura, le opere di riqualificazione del centro storico, l’acquisto ed il recupero del Palazzo Baronale). Per questa ragione intendo rivolgere alla nuova Giunta un in bocca al lupo ed, in particolare ai nuovi assessori, Enza De Francesco e Sabrina Bisanti, rivolgo un augurio di buon lavoro per il compito impegnativo e avvincente che le attende e che sono sicuro sapranno svolgere con lo stesso entusiasmo che le ha caratterizzate sin dal loro ingresso in Consiglio Comunale. Oggi ripartiamo insieme con rinnovato impegno, chiarezza di idee ed obbiettivi condivisi”.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus