Connect with us

Attualità

Piantati oltre 100 alberi nella nuova rotatoria di Lucugnano

I volontari di Ecospo, nella giornata di ieri, hanno ripristinato il verde nella famigerata rotatoria della 275 alla periferia di Tricase

Pubblicato

il

La maxi rotatoria realizzata sulla SS 275 tra Lucugnano e Miggiano è un obbrobbrio ambientale, tecnico, infrastrutturale oltre che simbolo dello spreco di denaro pubblico. La rotatoria ha un diametro di 150m ed una circonferenza di mezzo chilometro e si estende per quasi 2 ettari.


Per costruirla, oltre che spendere fior di euro, si sono estirpati ulivi secolari, asfaltando migliaia di metri quadrati di terreno, incidendo così anche sull’assetto idrogeologico. In cambio, l’opera non dà alcun vantaggio né alle pochissime aziende ormai rimaste nella zona industriale di Tricase, né a chi viaggia sulla 275, che anzi vede aumentato il suo percorso, né alle popolazioni del luogo. In compenso ha devastato il territorio cancellando un intero ecosistema perché tolti gli alberi è venuto meno l’habitat di molti animali (uccelli, volpi, talpe, ricci, serpenti, lucertole, ramarri, farfalle e tutti quegli organismi necessari alla vita e alla salubrità della terra).


L’associazione ECOSPO Specchia con un’azione da ‘guerriglia pacifica’ ha voluto ridare dignità a questo territorio martoriato ripristinando il verde. Nella mattinata di ieri, domenica 13, i volontari ECOSPO hanno piantato 120 alberi circa tra pini mediterranei, cipressi, carrubi, corbezzoli e tuije, in tutta l’area della rotatoria, riservandosi di ritornare per piantare altre essenze arboree e realizzare per un raggio di circa 6/7 metri dal ciglio un cuscinetto fatto solo da cespugli quali: lavanda, rosmarino e lantane. Quell’obbrobbrio deve diventare un piccolo paradiso terrestre dove torneranno anche gli animali.


Data la triste coincidenza dell’intervento sulla rotonda con la tragedia che ha colpito il consigliere regionale Cristian Casili, ECOSPO chiederà di dedicare questo lembo di terra ridato a vita nuova alla piccola Viola Casili, volata in cielo troppo presto. I volontari ECOSPO sono determinati e  terranno fede al loro impegno costi quel che costi

Anna Laura Remigi



Attualità

Collemeto: iniziano i lavori per il postamat

Dal 6 al 31 luglio l’Ufficio Postale della frazione di Galatina resterà chiuso per consentire l’effettuazione dei lavori di installazione dell’ATM Postamat e di restyling interno

Pubblicato

il

Poste Italiane comunica che dal 6 al 31 luglio l’Ufficio Postale di Collemeto resterà chiuso per consentire l’effettuazione dei lavori di installazione dell’ATM Postamat e di restyling interno.

Per tutti i servizi postali e finanziari, compreso il ritiro delle raccomandate, è disponibile  la vicina sede di Galatina Centro, in Piazza F. Cesari, con il seguente orario: 8,20 – 19,05 dal lunedì al venerdì; 8,20 – 12,35 il sabato.

A Galatina è operativo anche l’ufficio di Via Corigliano 19, aperto dalle 8,20 alle 13,35 dal lunedì al venerdì; dalle 8,20 alle 12,35 il sabato.

Continua a Leggere

Attualità

Calimera: Fiusis conquista anche l’Oriente

Uno spot della Mistubishi indica l’azienda salentina come esempio mondiale di Sampo Yoshi (antichissima filosofia giapponese di  sviluppo sostenibile)

Pubblicato

il

Il colosso nipponico Mitsubishi realizza uno spot di un minuto, indicando la Fiusis di Calimera come esempio mondiale di Sampo Yoshi (antichissima filosofia giapponese di  sviluppo sostenibile).

Un altro meritato riconoscimento per l’azienda salentina guidata da Marcello Piccinni e dalla Commissione europea per dare un contributo fattivo alla realizzazione dell’agenda europea sull’ecosostenibilità per i prossimi 20 anni.

La Fiusis produce energia elettrica grazie alla combustione di cippato di legno vergine, raccolto nelle campagne del Salento come scarto della potatura degli alberi di ulivo.

Il loro impianto adotta la tecnologia più moderna presente attualmente in Europa e consta essenzialmente di una caldaia a griglia mobile, fornita da Uniconfort, in cui, tramite un nastro trasportatore, viene conferito il cippato (legno vergine di ulivo proveniente dagli scarti di potatura, raccolto e triturato).

Successivamente il calore viene veicolato attraverso un fluido che arriva ad azionare la turbina, fornita da Turboden, che produce energia elettrica.

La struttura e la composizione della caldaia non è idonea a bruciare alcun tipo di materia prima che non sia biomassa legnosa.

Fiusis produce energia da fonte rinnovabile, quindi il rispetto dell’ambiente costituisce  una priorità. Tutte le ceneri generate dall’impianto calimerese, in seguito alla combustione della biomassa legnosa, vengono raccolte e direttamente consegnate ad aziende specializzate nello smaltimento nel totale rispetto dell’ambiente.

Continua a Leggere

Attualità

Tutto pronto a Diso: parte il progetto per mappare il Covid

Pubblicato

il

Parte il progetto per mappare il Covid sottoscritto da 15 Comuni della provincia di Lecce e di cui vi avevamo parlato martedì.

Apre il Comune di Diso, con le candidature per effettuare il test sierologico.
Potranno presentare il consenso ad effettuare il test:
– Volontari di Protezione Civile
– Forze dell’Ordine
– Dipendenti pubblici che non hanno usufruito di smart working
– Medici di base
– Farmacisti
– Operatori sanitari
– Altri cittadini individuati dall’Amministrazione Comunale

Per domande sul test sierologico leggi le FAQ: http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/dettaglioFaqNuovoCoronavirus.jsp?lingua=italiano&id=236

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus