Connect with us

Alessano

Rally dei 5 Comuni: i risultati

Cronaca e classifiche della due giorni di rally tra Alessano, Corsano, Gagliano, Specchia, Tiggiano e Tricase

Pubblicato

il

Un pubblico numeroso e caloroso, in piazza dei Cappuccini a Tricase, ma anche lungo i percorsi delle prove speciali, ha accolto gli equipaggi protagonisti della settima edizione del “Rally dei 5 Comuni”, gara a validità nazionale, penultima prova del Campionato Regionale ACI Sport 2016 di 5a zona (Puglia, Molise, Basilicata e Campania), appena conclusa.


Al termine di 9 Prove Speciali, di cui 3 in notturna, con 36 equipaggi partiti e 19 arrivati, la vittoria è stata conquistata da Mauro Adamuccio, di Ruffano in coppia con Riccardo Melillo, di Alessano, a bordo di una Peugeot 207 Super 2000. Il 42enne pilota portacolori della Scuderia Salento Motorsport ha completato i 79,50 chilometri dei tratti cronometrati in programma  in 54’02”7, primo in 7 prove su 9 e sempre al comando della classifica. E festeggia il suo primo successo in carriera! Alle spalle del dominatore indiscusso della due giorni salentina, il duello per guadagnare gli altri due gradini del podio è stato serratissimo e si è risolto solo nel finale, con clamorosi exploit e uscite di scena. Con un distacco di 1’34”.8, per il secondo posto, l’ha spuntata la Skoda Fabia R5 condotta da Gabriele Passaseo e Pasquale Fiorito (scuderia Salento Motori). Sono stati autori di una gara avventurosa i terzi classificati, Patrizio Forte e Maurizio Iacobelli su Renault Clio Super 1600, che hanno concluso a 1’40”.3 grazie ad una rimonta straordinaria. Sono stati sfortunati, invece, Massimo De Rosa e il nipote Marco, i quali a bordo di una Renault Clio Wiliams A7, mentre erano secondi assoluti, nella penultima ps sono stati costretti al ritiro per un incidente. E’ stata un’ottima gara anche per il leccese Ivan Pisacane, con al fianco il biellese Stefano Ottino, su Renault Clio Williams A7, già tra i protagonisti delle prove in notturna e infine quarti assoluti, con un gap di3’43”.5.


La due giorni salentina è iniziata ieri sera (sabato 17 settembre) da piazza dei Cappuccini con i fari supplementari delle auto accesi ed una festosa partenza. I concorrenti sono stati subito chiamati alla tripla prova speciale in notturna “Corsano” di 5,14 km, fino a mezzanotte. Mauro Adamuccio si è imposto già dal primo passaggio, determinato e convinto della sua macchina. Il pilota di Corsano Patrizio Forte, che giocava in casa e conosceva il percorso palmo a palmo, ha portato la sua Renault Clio al secondo posto. Gabriele Passaseo, alla sua prima gara con la Skoda Fabia, nel primo passaggio non ha forzato, poi ha preso confidenza con la prova, accelerando al secondo e al terzo, e chiudendo la serata in terza posizione. La classifica di ieri dal quarto al nono posto si è raccolta in 2-3 decimi, all’insegna del massimo equilibrio tra i piloti. In quinta posizione si è fatto avanti Massimo De Rosa, rientrato in una gara rally dopo 5 anni di stop: si è presentato su Renault Clio Williams portando alle note il nipote 20enne Marco De Rosa. La loro prestazione è stata un crescendo. E’ partito bene Pisacane,  su Renault New Clio, in ritardo di appena 3 decimi su De Rosa, così come Davide Stefanelli, più accorto nel primo passaggio, più sicuro nei successivi.


Il programma di corse di oggi (domenica 18 settembre) è stato molto intenso: gli equipaggi hanno dovuto percorrere tre volte le P.S. “Tiggiano”, di 11,76 km, e “Specchia”, di 9,63 Km, quest’ultima con un tracciato molto selettivo.

Adamuccio è partito, riuscendoci, con l’obiettivo ci consolidare il vantaggio acquisito alla prima tornata.  Alle sue spalle, Forte è stato all’altezza di mantenere la seconda posizione. Nella PS 4, la Skoda Fabia di Passaseo si è spenta sul tornante in salita e nella ripartenza ha perso tempo. La PS5 “Specchia”, si è dimostrata ostica per diversi concorrenti: lo stesso Adamuccio non è stato particolarmente a suo agio perché non aveva molto grip e anche Forte ha faticato non poco. Stefanelli, terzo in classifica dopo la PS4, ha compiuto un dritto negli ultimi metri, costretto al ritiro.  Pisacane ha riscontrato invece alcuni problemi alla pompa di benzina.
Con appena poco più di un minuto in cui sì è venuto a spalmare in classifica generale il gap tra Adamuccio, Forte e Passaseo, ma anche De Rosa, la lotta al comando si è ulteriormente accesa. Ci ha pensato Adamuccio a riprendere l’allungo, con la complicità della sfortuna occorsa a Patrizio Forte, che a metà percorso della PS7 “Tiggiano” ha forato un pneumatico, ha scelto di proseguire senza sostituirlo perdendo oltre 1 minuto e scendendo al 4° posto nella classifica del dopo prova. Questo episodio ha modificato la situazione in zona podio: con Adamuccio sempre in testa, Passaseo non è riuscito a salire in seconda posizione perché nel frattempo i  De Rosa sono balzati al secondo posto, per appena un secondo di vantaggio, grazie al miglior piazzamento relativo nella PS6.

Ed è arrivato il momento in cui si sono mischiate le carte, quello dei colpi di scena che hanno comunque contribuito a rendere avvincente il finale di questa gara: Forte aveva deciso di tentare il tutto per tutto per recuperare e così ha fatto, aggiudicandosi le ultime due prove speciali. Nel frattempo, i De Rosa al 3° km della penultima ps (Tiggiano) hanno sbattuto lungo una discesa, riuscendo a malapena ad arrivare con la vettura malconcia al termine della prova.


Alla cerimonia di premiazione della manifestazione, organizzata dalla Scuderia Automobilistica Salento Motor Sport di Ruffano con i patrocini di Automobile Club e CONI di Lecce, dei Comuni di Tricase, Tiggiano, Specchia e Corsano, e con il supporto di “InEvent Offire”, presenti tra le autorità anche il sindaco di Tricase Antonio Coppola, il presidente dell’Automobile Club Lecce, Aurelio Filippi Filippi, insieme al Direttore Teresa Sambati.


CLASSIFICA ASSOLUTA:  1. ADAMUCCIO-MILELLO (PEUGEOT 207) in 54’02.7; 2. PASSASEO-FIORITO (SKODA FABIA) a 1’34.8; 3. FORTE-IACOBELLI (RENAULT CLIO) a 1’40.3; 4. PISACANE-OTTINO (RENAULT NEW CLIO) a 3’43.5; 5. DE NUZZO-LONGO (RENAULT CLIO RS) a 4’18.0; 6. PEPE-PANICO (MITSUBISHI EVO IX) a 4’21.1; 7. SANTANTONIO-SCORRANO (CITROEN DS3 MAX) a 5’31.6; 8. MARTINA-CAPOCCIA (PEUGEOT 106) a 6’51.3; 9. STANCA-BARONE (RENAULT CLIO) a 7’37.3; 10. LIGUORI-CENTONZE (CITROEN SAXO VTS) a 10’43.1; 11. FERILLI-PICCININO (PEUGEOT 106) a 11’09.7; 12. BRANCA-TUNDO (PEUGEOT 106) a 12’29.4; 13. MURCIANO-RUSSO (CITROEN SAXO VTS) a 13’23.4; 14. SARCINELLA-COLETTA (PEUGEOT 106) a 14’41.4; 15. DELLA MONACA-DI TOTERO (PEUGEOT 106) a 14’42.4; 16. FALCONIERI-BORGIA (RENAULT CLIO) a 17’29.6; 17. GIANGRECO-GALLO (PEUGEOT 207) a 17’57.6; 18. LEGITTIMO-FOSSANOVA (PEUGEOT 106) a 18’22.5; 19. MELCARNE-MARZO (PEUGEOT 106) a 20’49.5;


Alessano

Alessano è un “in-canto” per Touring Club

Pubblicato

il


Alessano sulla prestigiosa rivista che si occupa di turismo, cultura e ambiente “Touring Club”.





Articoli, foto, pagine intere dedicate alle bellezze, alle tradizioni, alla storia del centro del Capo di Leuca.





Francesca Torsello commenta così:




“Sono riuscita a far pubblicare questo bellissimo pezzo su Alessano sul numero di novembre della prestigiosa rivista del Touring Club Italiano. Si parla di storia, monumenti, paesaggi, patrimonio immateriale, accoglienza, e anche della nostra visione e dei nostri progetti. L’autrice, che ho accompagnato sui luoghi più belli della nostra comunità, è stata così gentile da inviarci delle copie cartacee in Comune: vi posto l’articolo di seguito in formato cartaceo e il link di riferimento. Grazie infinite a Clelia, a Vincenzo e alla famiglia del Touring per l’amore con cui raccontano i luoghi e la disponibilità ad ascoltarci!”

Qui il link all’articolo:

http://www.touringmagazine.it/articolo/5178/alessano-canto-salentino






Continua a Leggere

Alessano

Mercato coperto ed ecosostenibilità: doppio finanziamento per Alessano

Pubblicato

il


L’Amministrazione Comunale di Alessano comunica di essere beneficiaria “di due finanziamenti nell’ambito dei bandi GAL Capo di Leuca sul Programma di Sviluppo Rurale della Regione Puglia 2014-2020”.

“Si tratta”, si legge sulla pagina Facebook del Comune, “di un primo finanziamento di 135mila euro per il progetto di riqualificazione e valorizzazione del mercato coperto comunale,
sito in via Rimembranze; al Comune è stato riconosciuto anche un finanziamento di 29.945 euro per la dotazione di piccoli mezzi di locomozione ecosostenibili, con i quali ci si potrà addentrare con facilità tra i centri abitati e le strade di campagna, anche per fruire di itinerari di “village life” nell’ottica di un turismo esperienziale”.

Continua a Leggere

Alessano

Centro d’ascolto per le famiglie a Tricase

In via Leonardo Da Vinci nuovo centro ascolto di sostegno alla famiglia e alla genitorialità dell’Ambito territoriale di Gagliano del Capo

Pubblicato

il

L’Ambito Territoriale di Gagliano del Capo (a cui fanno riferimento i Comuni di Gagliano, Alessano, Castrignano Del Capo, Corsano, Miggiano, Montesano, Morciano, Patù, Presicce-Acquarica, Salve, Specchia, Tiggiano, Tricase ed Ugento) ha avviato il Centro Ascolto per le famiglie e servizi di sostegno alla genitorialità CONdividiAMO la cui gestione è stata affidata, tramite procedura di gara, alla Comunità San Francesco di Ugento.

Il Centro sarà operativo presso la sede di Tricase in via Leonardo Da Vinci, n.2.

Il Centro di ascolto per le Famiglie/Servizi di sostegno alla genitorialità è un servizio flessibile che interviene in maniera specifica per promuovere il benessere dell’intero nucleo familiare ed ogni singolo componente nelle fasi del ciclo di vita, facilitando la formazione di un’identità genitoriale finalizzata ad una scelta consapevole e responsabile della maternità e paternità, favorendo la capacità dei genitori di relazionarsi con l’ambiente circostante, stimolando la capacità di organizzarsi e l’autonomia di ognuno, nonché l’elaborazione e la conduzione di progetti di vita in armonia con il proprio ruolo genitoriale. È, altresì, volto alla riorganizzazione delle relazioni familiari e alla risoluzione o attenuazione dei conflitti in caso di separazione che, attraverso attività di mediazione familiare, consente alla coppia in crisi di raggiungere in prima persona accordi condivisi e prevenire il disagio dei minori coinvolti in tali situazioni.

Il servizio, peraltro, mira a prevenire situazioni di conflitto che si sviluppano in famiglia, nel rapporto di coppia e nelle relazioni genitori-figli, e a supportare i casi afferenti l’ambito della giustizia ordinaria e minorile.

Particolare rilievo assume nella realizzazione del servizio, la gestione di uno spazio neutro da dedicare specificatamente alla ricostruzione del rapporto genitori-figli.

GLI OBIETTIVI

Gli obiettivi del servizio sono i seguenti.

Valorizzare e sostenere le responsabilità familiari. Il sostegno alla genitorialità rappresenta un’occasione, un’opportunità di riflessione per l’intero nucleo familiare e contribuisce ad un miglioramento della qualità della vita di ogni suo singolo componente, attraverso interventi mirati e percorsi di sostegno alla genitorialità e alla comunicazione intergenerazionale, individuale e di gruppo (counseling di coppia, gruppi auto-mutuo-aiuto, incontri genitori-enti pubblici e privati).

Tutelare i diritti del minore. La tutela dei soggetti più deboli quali figli e coniuge “svantaggiato” avviene attraverso una consulenza legale intesa come momento di informazione, laddove necessaria, sulla normativa vigente, indispensabile al fine di comprendere i propri diritti e doveri.

Offrire “spazi neutri” di incontro e attività di mediazione familiare. Lo “spazio neutro” basa il proprio intervento sul riconoscimento del minore di vedere tutelata la relazione con i propri genitori (separati o divorziati, privati della potestà genitoriale, soggetti a provvedimenti restrittivi della libertà) o con altri familiari e i legami che ne derivano. L’obiettivo è quello di rendere concretamente possibile l’incontro tra genitori e tra quest’ultimi e i figli, ponendo la massima attenzione alle dinamiche che si sviluppano.

Il servizio viene svolto in un luogo sicuro e neutrale rispetto alla conflittualità dei genitori.

Laddove richiesto, esiste inoltre la possibilità di osservazione degli incontri con l’ausilio di uno specchio unidirezionale per una valutazione da parte di professionisti delle competenze genitoriali.

La mediazione familiare è un servizio a sostegno della riorganizzazione delle relazioni familiari in presenza di una separazione/divorzio o di una crisi nei rapporti di coppia. Attraverso la mediazione si cerca di aiutare le parti a trovare accordi durevoli e condivisi, che tengano conto dei bisogni di ciascun componente della famiglia e particolarmente di quelli dei figli, in uno spirito di corresponsabilità dei ruoli genitoriali. L’attività viene effettuata attraverso l’utilizzo di strumenti quali l’ascolto, l’empatia, l’accoglienza dei bisogni delle parti in lite.


Formazione ed informazione alle famiglie. Azioni mirate a fornire informazioni sui servizi presenti sul territorio, e non solo, e a definire l’identità genitoriale, attraverso interventi formativi mirati.

Implementare la rete tra i servizi. Consolidare il lavoro di rete fra tutte le istituzioni favorisce la realizzazione di interventi multidisciplinari, individualizzati ed integrati a favore del singolo e dell’intero nucleo familiare. Inoltre, promuovere forme di cooperazione stabile e propositiva con soggetti istituzionali e non, consente di porre in essere azioni mirate e capillari di sensibilizzazione su tutto il territorio. Di fatto le attività poste in essere dal Centro dovranno essere realizzate attraverso Azioni Integrate, di Supporto e di Raccordo tra i Servizi Sociali territoriali,

l’ASL, il Tribunale, le Equipe specialistiche di Affido/Adozione e di Prevenzione e Contrasto al maltrattamento e alla violenza, il Centro Antiviolenza (CAV), il Servizio di Educativa Domiciliare e tutti i servizi di Ambito attivi sul territorio, le Istituzioni Scolastiche, le Associazioni di Volontariato, ecc., in virtù di una logica concertativa che coinvolge tutti gli attori per il raggiungimento di un obiettivo condiviso.

È opportuno sottolineare come, ai fini educativi, sia importante il raccordo tra Centro Ascolto ed Istituzione Scolastica.

Il ruolo attivo della scuola, infatti, rappresenta un valore

aggiunto al sostegno della genitorialità, in quanto la cooperazione delle famiglie con essa costituisce un fattore determinante per il successo formativo-educativo dei propri figli.

Il rapporto tra istituzione scolastica e genitori può strutturarsi positivamente sulla base della condivisione di due aspetti fondanti: il primo è che migliorando lo stile educativo dei genitori si creano le condizioni ottimali perché migliorino anche i figli nei loro apprendimenti e nel successo scolastico (riduzione dispersione

scolastica); il secondo aspetto è che quanto più mature diventeranno le relazioni tra scuola e famiglia tanto maggiore vantaggio ne ricaverà la scuola nello sviluppo dei suoi obiettivi educativi e formativi.

I servizi offerti sono: sportello orientamento e formazione; consulenze specialistiche (psicologiche, socio pedagogiche-legali); mediazione familiare; spazio neutro

Attività di sensibilizzazione.

Il servizio di sostegno alla famiglia e alla genitorialità è garantito dalle seguenti figure professionali: psicologo; psicoterapeuta; assistente sociale; legale; mediatore;  educatore

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus