Connect with us

Attualità

Tricase, Francesca Sodero: «Ma quali regionali…!»

La consigliera del MoVimento 5 Stelle: «La verità è che vogliono confondere le idee ai cittadini per nascondere la loro scarsa credibilità politica»

Pubblicato

il

Dopo la presa di posizione degli altri componenti dell’opposizione Fernando Dell’Abate, Maria Assunta Panico, Alessandro Eremita, Nunzio Dell’Abate e Vito Zocco (clicca qui) in merito alla sua dichiarazione di intenti riguardo al futuro dell’amministrazione Chiuri (clicca qui e qui) arriva le replica di Francesca Sodero del MoVimento 5 Stelle.


«Dispiace registrare l’intervento scomposto dei colleghi della minoranza nel tentativo di infangarmi», esordisce la Sodero, «dicendo che il mio obiettivo nascosto sarebbe quello di candidarmi alle regionali del prossimo maggio, non si sono accorti che in realtà la nostra proposta di proseguire i lavori nel consiglio comunale per approvare il PUG va esattamente nella direzione opposta».


«Per le regole del MoVimento 5 Stelle», approfondisce, «essere in carica in un ruolo elettivo, com’è quello di consigliere comunale, significa non potersi candidare in altre competizioni elettorali. Perciò, se fosse vera la mia malafede», spiega, «avrei tutto l’interesse che si sciogliesse ora il consiglio comunale. La verità», attacca, «è che vogliono confondere le idee ai cittadini per nascondere la loro scarsa credibilità politica. Hanno promesso tutti in campagna elettorale l’approvazione dei PUG ma oggi si tirano indietro e si rimangiano tutto».


«Da tempo», l’affondo della consigliera dei 5 Stelle, «hanno smarrito il senso della loro missione in politica, ossia fare il meglio ed il massimo per Tricase e la sua comunità! Sono sempre in tempo per dimostrare il contrario e per rispondere ad una chiamata al senso di responsabilità», conclude, «smettendo di considerare le istituzioni comunali terreno di regolamenti di conti personali e di lottizzazioni partitiche».

A riprova di quanto dichiarato sulle regole per le candidature, la Sodero ci ha fatto pervenire uno stralcio del regolamento per le “regionarie” del M5S in Umbria che pubblichiamo sotto.



Attualità

Decreto Semplificazioni: la 275 esclusa dalle opere strategiche

Pubblicato

il

L’atteso Decreto Semplificazioni che permetterà di accelerare e snellire le procedure per le realizzazioni di grandi opere non includerà la 275.

Una chimera

Rischia di restare una chimera la realizzazione dei lavori di miglioramento e allargamento della Maglie-Leuca. L’ennesima puntata dell’eterna incompiuta la segna il Premier Conte che ha annunciato le opere strategiche incluse nel Decreto, senza inserire la 275.

Potenziamento ferroviario

Resta sull’altro piatto della bilancia un intervento ferroviario che prevede il potenziamento dell’asse Napoli-Bari-Lecce-Taranto.

Continua a Leggere

Attualità

La scrittrice Marina Di Guardo, mamma della Ferragni, si gode il Salento

Pubblicato

il

La scrittrice Marina Di Guardo, mamma di Chiara Ferragni, si gode il Salento.

Piatti tipici, mare, centri storici nostrani. Le sue storie instagram raccontano il suo soggiorno nel basso Salento tra Specchia, Presicce, Ugento ed altri centri del Tacco.

Ospite di un resort di Torre San Giovanni, risolleva il morale della marina di Ugento, oggi comparsa sulle pagine di cronaca di mezza Italia per l’arresto di un boss della camorra finito in manette proprio sulle sue spiagge.

Continua a Leggere

Attualità

Un biglietto per il Salento? Costa oro

Pubblicato

il

L’alternativa al Frecciargento? Più che il Frecciarossa, il Frecciaoro.

È ciò che si direbbe consultando i prezzi che stanno comparendo sul sito di Trenitalia per l’alta stagione.

Quest’estate non torno

Una nostra lettrice di Montesano ci segnala l’incredibile rincaro dei biglietti. Complice il Coronavirus e le misure antiassembramento che hanno ridotto i posti utilizzabili nelle carrozze, la disponibilità di sedute è dimezzata. Ma la richiesta non va di pari passo, anzi.

Dopo mesi di lockdown, sono tanti i salentini che ancora attendono di poter tornare a casa. Dal lavoro o dall’università. E molti di loro non potranno farlo in queste vacanze estive. Il motivo? Il costo dei biglietti. Prendere un treno per Lecce da Torino, un sabato di agosto, costa minimo 150€. Le tariffe volano vertiginosamente (non solo per chi arriva da Piemonte).

Come in foto, dal capoluogo torinese in agosto partiranno treni per i quali vi è sola disponibilità di biglietti executive con un prezzo indicibile: 304 euro.

Chissà che, con ancora 3 settimane di tempo, il costo non possa salire ancora da qui al fischio del capotreno.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus