Connect with us

Attualità

Tricase, SS 275: “Martina faccia il presidente”

I consiglieri di “Cambiamenti per Tricase” bacchettano il presidente del consiglio comunale: “Sia super partes! Restiamo convinti di optare per la scelta maggiormente condivisa che, ad oggi, passa dalla Cosimina”. Il verbale della Commissione congiunta

Pubblicato

il

SS 275, un’infinita telenovela che oggi si arricchisce di una nuova puntata.


Come per le più famose e lunghe soap opera, ci si può anche distrarre qualche giorno, tanto nella realtà il tempo corre addirittura più veloce e non si rimane indietro.


Ci eravamo fermati a Tricase, diventata lo snodo principale per il secondo lotto, quello fino a Leuca.


In ballo due possibilità: il passaggio ad Est, “riqualificando” la Cosimina, o un nuovo tracciato ad Ovest.


La posizione del sindaco Carlo Chiuri e della maggioranza, condivisibile o meno, è stata chiara e netta sin dal primo momento: decide la città.


E la città, nel senso di gruppi consiliari, associazioni e cittadini, sembra aver deciso per il passaggio ad est, dalla Cosimina. Ora la decisione andrà ratificata, condividendo una mitigazione dell’intervento da concordare con i rispettivi tecnici comunali e di ANAS, con il contributo delle associazioni ed esperti locali.


La novità dell’ultima puntata è la presa di posizione dei componenti del gruppo consiliare “Cambiamenti per Tricase” che bacchettano il presidente del consiglio comunale Dario Martina (eletto proprio nella lista “Cambiamenti”), che chiedono al presidente di chiarire se la sua sia una posizione “super partes” o  “interpartes”.


I consiglieri di maggioranza Antonio Luigi Baglivo, Vincenzo Emanuele Chiuri, Francesca Longo hanno diffuso una dura nota in merito: “Dispiace che la dialettica interna sia stata interrotta bruscamente, dalle dichiarazioni del presidente del consiglio Dario Martina, il quale”, scrivono, “parlando a titolo personale, si è discostato dalla linea del gruppo consiliare “Cambiamenti per Tricase”. Il gruppo del quale fa parte il Presidente del Consiglio, è convinto di optare per la scelta che sia maggiormente condivisa dalla cittadinanza di Tricase,che non da ora, si è espressa per l’opzione del tracciato ad Est dell’abitato”.


Il mandato che ci è stato dato dai nostri elettori”, continuano i tre consiglieri di Cambiamenti, “ci impone di decidere per il meglio di Tricase senza alcuna ingerenza esterna per la tutela del nostro territorio. Inoltre”, attaccano, “il rischio idrogeologico paventato nelle scorse settimane da alcuni sindaci del Capo di Leuca, di fatto mette in dubbio il lavoro dei competenti tecnici dell’ANAS e sembra strano che solo ora  sia emerso questo problema, che non trova conferme in nessuna relazione pervenutaci da ANAS. È vero che ancora la decisione non è stata formalizzata ma è evidente la volontà dei cittadini, delle associazioni, dei professionisti e della commissione congiunta (Ambiente – Lavori Pubblici), quasi all’unanimità orientata verso la soluzione Est, che ricalca sostanzialmente la cosiddetta “Cosimina”.


Baglivo Chiuri e Longo poi puntano il dito: “Alla luce delle dichiarazione rilasciate pubblicamente dal  presidente del consiglio, nonché esponente del gruppo “Cambiamenti per Tricase”, chiediamo che egli chiarisca la sua posizione, se “super partes” o “interpartes”. L’essere eletti”, concludono, “non significa poter decidere da sé ma agire nel migliore dei modi per il bene comune”.


Intanto i presidenti delle commissioni consiliari Lavori pubblici e Ambiente Luigi Giannini e Francesca Longo hanno convocato un nuovo incontro per discutere ancora dell’argomento. E sarà anche l’occasione per ribadire de visu le posizioni di ognuno.


Nelle foto sotto il verbale della Comssione congiunta Ambiente -Lavori Pubblici






Attualità

Covid: sono 61 i nuovi positivi in provincia

In tutta la Puglia sono 213 i casi positivi su 11.623 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus registrati per un tasso di positività del 1,83%

Pubblicato

il

Sono 213 i casi positivi su 11.623 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus registrati per un tasso di positività del 1,83%.

Sono questi, insieme a quello dei 61 nuovi positivi in provincia di Lecce, i dati salienti dell’odierno bollettino regionale.

Sono stati registrati due decessi che vanno ad incrementare il bilancio delle vittime pugliesi con covid: uno in provincia di Brindisi, l’altro residente fuori regione.

IL RIEPILOGO

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 2.923.726 test.247.212 sono i pazienti guariti.2.585 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 256.468 di cui 27.796 nella Provincia di Lecce.

IL BOLLETTINO DEL 3 AGOSTO 2021

Continua a Leggere

Attualità

I Boomdabash conquistano un altro platino con “Mohicani” al fianco di Baby K

Il singolo lanciato l’11 giugno ha già venduto più di 50mila copie e collezionato milioni di views su youtube, sfornando anche un balletto virale su tik tok

Pubblicato

il

E’ ancora un’estate all’insegna del reggae salentino con il nuovo singolo di Boomdabash & Baby K che svetta nelle classifiche. Si scrive Mohicani, si legge disco di platino: il singolo lanciato l’11 giugno ha già venduto più di 50mila copie e collezionato milioni di views su youtube, sfornando anche un balletto virale su tik tok.

Questo traguardo premia la band che negli anni percorso un sentiero di evoluzione artistica arrivando a fondere sonorità reggae, pop, soul, drum & bass e hip hop. Mohicani segna così il ritorno in grande stile della band campione delle estati degli ultimi anni, incontrando a grande sorpresa Baby K, altra hitmaker italiana dai successi record.

Il videoclip, con 13 milioni di visualizzazioni all’attivo su youtube, rappresenta un accattivante biglietto da visita delle nostre coste, racchiudendo quell’atmosfera coinvolgente e un po’ retrò che rimanda ai tempi spensierati della gioventù. Accanto ad esso è disponibile anche una live session sotto il faro di Santa Maria di Leuca.

 

Continua a Leggere

Attualità

Ospedale Tricase: un lunedì di un giorno da cani

Assurdo: eppure dovrebbe essere chiaro a tutti in quali casi e condizioni ci si rivolge al pronto soccorso, “l’uomo smartphone” che inneggia alla tecnologia…

Pubblicato

il

pronto soccorso

Parlare di Sanità allo sbando è pura follia? Non direi, almeno stando a quanto ho appurato di persona stamane in ospedale. Siamo a Tricase, pronto soccorso, ore 9, ma potrebbe essere Lecce, Gallipoli, Casarano, Scorrano o fate voi: il colpo d’occhio è terrificante. Decine e decine di persone costrette ad attendere fuori dalla sala d’attesa causa Covid (immagino), cercano udienza, fresco e riparo dai 37 gradi che nostro Signore ha deciso di irraggiare di buon mattino per riscaldare il clima e le coscienze. 

Quattro ambulanze e 5 macchine in coda, medici e infermieri, come concierge di un 5 stelle, faticano a tenere l’onda d’urto della gente, pazienti che incalzano, pressano, istigano, chiedono di essere visitati, ascoltati, ricevuti, anche per un semplice scambio di opinioni; malati frastornati dal caldo e dall’ansia stesi su una barella, leggono nel soffio del vento una sicura divinazione e scambiano il personale medico e non per il Santo di turno (o una cartomante, una fattucchiera) che li salverà da morte sicura, li farà stare bene o quantomeno allontanerà da loro quella punizione divina dello star male. 

“Seccare” in attesa di ricevere soccorso è disumano, ma è ancora più crudele non ricevere aiuto quando si soffre e l’unico motore che gira a pieno regime, e registra ogni cosa, si sa è il cervello, ci siamo passati tutti, e senza risposte immediate e concrete è capace di tutto.

Una volta dentro cerchiamo di capire come mai tanta gente, che sembra in salute, condivide con noi quella via crucis.  Le risposte sono sconvolgenti: chi ha dovuto saltare una visita oncologica, chi è arrivato per un’emicrania, chi avverte una lieve pressione al petto, chi necessita di sfogare l’umore con qualcuno, chi non ascoltato dal proprio medico curante ha pensato bene di farsi un giro in ospedale. 

Assurdo: eppure dovrebbe essere chiaro a tutti in quali casi e condizioni ci si rivolge al pronto soccorso, “l’uomo smartphone” che inneggia alla tecnologia e ne fa uso ed abuso non riesce a digitare un semplice www ed aprire una semplice “Home” di qualsiasi servizio sanitario ed attenersi alle indicazioni?  

Voi, facebookiani di lungo corso, leoni da tastiera senza criniera, attenti alle critiche e pronti a rimarcare e correggere ogni virgola che come bava vi cade dalla bocca, non riuscite a leggere i più banali consigli di chi si appresta in un pronto soccorso, afferrare che se siete lì senza motivo usurpate il posto a qualcuno che ha più bisogno di voi? Lo faccio io per voi, questo è quanto recita la pagina di un qualsiasi servizio sanitario nazionale: “Deve rivolgersi al Pronto Soccorso: una persona che si trova in condizioni cliniche di possibile immediato pericolo di vita, chi se non sottoposta a terapie mediche specifiche in breve tempo, potrebbe incorrere in elevati rischi per la propria salute; persone con danno traumatico o con sintomi acuti che interferiscono con le normali attività. Non ci si deve rivolgere al Pronto Soccorso: per evitare liste di attesa nel caso di visite specialistiche non urgenti; ottenere la compilazione di ricette; ottenere controlli clinici non motivati da situazioni urgenti; evitare di interpellare il proprio Medico curante; ottenere prestazioni che potrebbero essere erogate presso servizi territoriali (Medico di Famiglia, Poliambulatori, Guardia Medica); per comodità, per abitudine, per evitare il pagamento di ticket”. 

Questo, sia chiaro, non per gettare la croce solo su qualcuno, ma perché se tutti rispettano i propri ruoli, assolvono il proprio dovere (anche di paziente), aiutano medici ed infermieri a far funzionare meglio la macchina, sostengono i sanitari, sotto stress, a non commettere errori, ad auscultare con pazienza i pazienti,  a regolare la loro attività senza pressione, spesso vero detrimento e causa di marchiani sbagli.

Non ultima registro la voce di alcuni medici e infermieri che, meno accaldati per via dell’aria condizionata, ma paonazzi e fuori dalle grazie di Dio, operano nel pronto soccorso e che, forse, aspettavano la goccia (io) per fare traboccare il vaso delle lagnanze, per lamentare la scarsità di personale, i turni massacranti, gli orari  da stalking da lavoro, l’ansia crescente come una sonata di Rossini e l’affluenza, già sopra i limiti ed insostenibile, aumentata causa chiusure di altri pronto soccorso, le frotte di turisti arrivati in Salento, tutto questo ha fatto lievitare gli interventi quotidiani, già colmi, di un ulteriore 20%! E non se ne può più! 

Nonostante tutto la mattinata è filata liscia, panta rei, direbbe il filosofo; nel complesso nell’arco della mattinata la sfilata delle ambulanze è continuata, come rider in un pit-stop arrivavano “consegnavano” e ripartivano, tutti sono stati regolarmente assistiti, ognuno, almeno fino all’una, si è prodigato perché filasse tutto liscio, unica nota stonata il forno del clima che continuava a “cuocere” a tutte le ore e che, forse, ha contribuito si a riscaldare gli animi, ma anche a sfornare una denuncia che, diversamente, non sarebbe mai nata.

Luigi Zito

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus