Connect with us

Attualità

Triplo fiocco azzurro a Corsano

Parto trigemellare all’ospedale Panico di Tricase: sono nati Andrea, Simone e Federico

Pubblicato

il

Nella notte tra martedì 12 e mercoledì 13 il triplo lieto evento al “Card. Panico di Tricase”.


Sono nati Simone e Federico che condividevano la stessa sacca e pesano 1,8 kg a testa e Andrea che invece pesa 2,26 kg.


Tutto è andato bene e sia i tre bimbi che mamma Emanuela godono di ottima salute.


I neonati, dopo la stabilizzazione dei parametri vitali, come accade in questi casi sono nelle rispettive incubatrici; le loro condizioni generali e cardiorespiratorie sono però buone, così come quelle della mamma.

L’annuncio è stato dato sulla pagina face book “Città di Corsano: “Un evento tanto raro quanto prezioso, un evento che accade una volta ogni 8mila parti circa in Italia e che a Corsano è accaduta, oggi, per la seconda volta nella storia… sono venuti alla luce Simone, Andrea e Federico, e noi insieme a tutta la cittadinanza, non possiamo che essere lieti di dare il benvenuto ai tre neonati, e fare le nostre più sentite congratulazioni alla loro coraggiosissima mamma Emanuela… al suo grande e forte papà Giacomo e alle rispettive famiglie. Un avvenimento, che evoca un gran inno alla vita!”.


La famiglia dunque diventa più numerosa. Emanuela e Giacomo infatti erano già genitori Debora, 6 anni, e Gabriele di 1 anno e 5 mesi.


Grande festa ovviamente a Corsano che ha fatto sentirre il su abbraccio caloroso ad Emanuela e Giacomo. Alla notizia della tripla nascita il parroco don Luca De Santis ha fatto suonare le campane a festa per tre volte di seguito e così tutti hanno saputo del lieto evento. Sicuramente la notizia che tutto sia andato bene avrà fatto felice anche il vescovo mons. Vito Angiuli, che nel corso di una sua visita in paese, dopo aver saputo della tripla attesa si era recato in casa dei nascituri per pregare insieme alla famiglia e dare tutto il suo incoraggiamento.


Attualità

Decreto Semplificazioni: la 275 esclusa dalle opere strategiche

Pubblicato

il

L’atteso Decreto Semplificazioni che permetterà di accelerare e snellire le procedure per le realizzazioni di grandi opere non includerà la 275.

Una chimera

Rischia di restare una chimera la realizzazione dei lavori di miglioramento e allargamento della Maglie-Leuca. L’ennesima puntata dell’eterna incompiuta la segna il Premier Conte che ha annunciato le opere strategiche incluse nel Decreto, senza inserire la 275.

Potenziamento ferroviario

Resta sull’altro piatto della bilancia un intervento ferroviario che prevede il potenziamento dell’asse Napoli-Bari-Lecce-Taranto.

Continua a Leggere

Attualità

La scrittrice Marina Di Guardo, mamma della Ferragni, si gode il Salento

Pubblicato

il

La scrittrice Marina Di Guardo, mamma di Chiara Ferragni, si gode il Salento.

Piatti tipici, mare, centri storici nostrani. Le sue storie instagram raccontano il suo soggiorno nel basso Salento tra Specchia, Presicce, Ugento ed altri centri del Tacco.

Ospite di un resort di Torre San Giovanni, risolleva il morale della marina di Ugento, oggi comparsa sulle pagine di cronaca di mezza Italia per l’arresto di un boss della camorra finito in manette proprio sulle sue spiagge.

Continua a Leggere

Attualità

Un biglietto per il Salento? Costa oro

Pubblicato

il

L’alternativa al Frecciargento? Più che il Frecciarossa, il Frecciaoro.

È ciò che si direbbe consultando i prezzi che stanno comparendo sul sito di Trenitalia per l’alta stagione.

Quest’estate non torno

Una nostra lettrice di Montesano ci segnala l’incredibile rincaro dei biglietti. Complice il Coronavirus e le misure antiassembramento che hanno ridotto i posti utilizzabili nelle carrozze, la disponibilità di sedute è dimezzata. Ma la richiesta non va di pari passo, anzi.

Dopo mesi di lockdown, sono tanti i salentini che ancora attendono di poter tornare a casa. Dal lavoro o dall’università. E molti di loro non potranno farlo in queste vacanze estive. Il motivo? Il costo dei biglietti. Prendere un treno per Lecce da Torino, un sabato di agosto, costa minimo 150€. Le tariffe volano vertiginosamente (non solo per chi arriva da Piemonte).

Come in foto, dal capoluogo torinese in agosto partiranno treni per i quali vi è sola disponibilità di biglietti executive con un prezzo indicibile: 304 euro.

Chissà che, con ancora 3 settimane di tempo, il costo non possa salire ancora da qui al fischio del capotreno.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus