Connect with us

Miggiano

Zona industriale di Tricase – Miggiano-Specchia: spettacolo poco edificante

Una serie di foto testimoniano l’abbandono incontrollato di rifiuti e il degrado della zona

Pubblicato

il

Una segnalazione di una nostra lettrice con tanto di foto a corredo.


Questa è la situazione che si presenta su di un piazzale riguardante la zona industriale di Tricase – Miggiano-Specchia, facilmente raggiungibile dalla statale 275, altezza prima rotatoria a destra.


«Tutelare l’ambiente», scrive la nostra lettrice, «è la cosa primaria per il benessere della salute di ogni singolo cittadino, l’abbandono incontrollato di quanto si può intravedere dalle foto scattate in mattinata, è il degrado dell’intero territorio».

Quindi l’invito a «chi ha la competenza territoriale», ad «intervenire per il recupero del materiale presente e vigilare affinchè non accada più».


Semplicemente perché il territorio va tutelato e amato.






Attualità

Miggiano: 700mila euro per il campo sportivo

Interventi mirati al recupero funzionale ed estetico dell’intera area sportiva attrezzata del campo sportivo “G. Palma”

Pubblicato

il

Il Comune di Miggiano destinatario di due importanti finanziamenti  per un totale di 700mila euro.

Il progetto finanziato prevede interventi mirati al recupero funzionale ed estetico dell’intera area sportiva attrezzata del campo sportivo “G. Palma”.

Tra le altre opere, («la più importante, attesa da generazioni di appassionati di calcio», come ha sottolineato il sindaco Michele Sperti) é la posa del manto in erbetta artificiale di ultima generazione.

Sempre con lo stesso importo sarà effettuato il rifacimento della recinzione e degli spogliatoi («che saranno energeticamente efficientati») e sarà realizzata, l’illuminazione con fari led per l’intera struttura.

«E perché lo sport sia davvero espressione di inclusione», aggiunge orgoglioso Sperti, «la struttura sarà ripulita dalle barriere architettoniche».

«L’impegno continua e le soddisfazioni anche», commenta infine il primo cittadino, «noi continueremo a lavorare per creare sviluppo e rendere servizi a tutta la comunità».

Continua a Leggere

Attualità

Miggiano, don Luca e il senatore De Giuseppe discettano su La Pira

Oggi alle 21, a Miggiano, Ante Theatrum, presentazione del libro Unire le Città per unire le Nazioni

Pubblicato

il

Oggi alle 21, a Miggiano, Ante Theatrum, presentazione del libro Unire le Città per unire le Nazioni, l’idea e la funzione della città in Giorgio La Pira, libro scritto da don Luca De Santis, assistente spirituale dell’Università Cattolica di Roma.

Dopo i saluti del sindaco di Miggiano Michele Sperti, dialogherà con l’autore il senatore magliese Giorgio De Giuseppe; modererà l’incontro Luigi Zito, direttore de il Gallo.

Chi sono:

Don Luca De Santis – Presbitero della Diocesi di Ugento – Santa Maria di Leuca (Le). Assistente pastorale presso Università Cattolica Roma e Docente di dottrine politiche e sociali presso l’ISSR «Don Tonino Bello» di Lecce, ha conseguito il dottorato in Dottrina sociale della Chiesa presso la Pontificia Università Lateranense in Roma, con una tesi sul federalismo municipalista secondo la prospettiva teologico-pastorale di don Luigi Sturzo.

Tra le sue pubblicazioni: Autonomismo e persona, Federalismo, autonomia e sociologia del soprannaturale nel pensiero di don Luigi Sturzo, Effatà editrice, Torino, 2018. Unire le città per unire le Nazioni, Giorgio La Pira l’idea e la funzione di città, Cantagalli, Siena, 2020.

Giorgio De Giuseppe – Nato il 20 marzo 1930 a Maglie (Le), Residente a Maglie, Professione: Avvocato, docente universitario. Elezione: 3 giugno 1979

Avvocato, docente di istituzioni di Diritto Pubblico all’Università di Lecce, provveditore agli studi di Lecce. Dal 28 maggio 2010 è difensore civico della Provincia di Lecce, dove è stato eletto all’unanimità dei voti di centrodestra e centrosinistra. È presidente dell’Associazione per gli scambi culturali ed economici tra l’Italia e la Repubblica di Corea.

De Giuseppe ha ricoperto numerosi incarichi nella sua lunga militanza politica:

  • delegato provinciale e regionale del Movimento giovanile della Democrazia Cristiana;
  • segretario provinciale della D.C. dal 1968 alla candidatura al Senato nel 1972;
  • senatore della Repubblica, eletto nel collegio di Galatina-Gallipoli ininterrottamente per sei legislature, dal 1972 al 1994. Quando scomparve la Democrazia Cristiana si ritirò volontariamente dalla politica attiva rinunziando alla riconferma della candidatura;
  • presidente del gruppo parlamentare dei senatori della D.C. dal 1980 al 1983;
  • vicepresidente vicario del Senato per tre legislature dal 1983 al 1994;
  • presidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sulla dignità e la condizione sociale dell’anziano, istituita dal Senato nel 1989. La relazione conclusiva venne votata all’unanimità;
  • per contrastare il correntismo all’interno del partito, propose dal 1983 l’incompatibilità per i Democratici Cristiani tra mandato parlamentare ed incarico di governo: la proposta trovò attuazione soltanto nel 1992 con il governo Amato I e, nel 1993, con il governo Ciampi, troppo tardi per contrastare la crisi del partito.

Candidato alla presidenza della Repubblica nel 1992 al primo scrutinio per l’elezione del Presidente della Repubblica ottenne 296 voti, non sufficienti per farlo eleggere.

Continua a Leggere

Attualità

Buona pensione Ispettore

Dopo 41 anni l’Ispettore Superiore della Polizia di Stato Donato Causio si colloca in quiescenza per raggiunti limiti di età. Il sindaco di Miggiano Michele Sperti: « Ci ha sempre inorgoglito l’attività professionale del nostro concittadino»

Pubblicato

il

Dal Commissariato di Taurisano, l’Ispettore Donato Causio lascia la Polizia dopo 41 anni di servizio.

Quando alla fine del corso, iniziato il 15 ottobre 1980 presso la Scuola Allievi Agenti di Polizia di Trieste, l’Ispettore Superiore della Polizia di Stato, Sostituto Ufficiale di Pubblica Sicurezza, giurava fedeltà alla Repubblica Italiana, probabilmente non immaginava nemmeno l’eredità che avrebbe lasciato ai suoi colleghi in termini di diligenza ed elevata dignità nello svolgimento delle proprie funzioni.

Il 1° agosto 1981, dopo il corso presso la Scuola Allievi Agenti di Trieste, è stato assegnato al V Reparto Celere di Torino ove ha acquisito competenze professionali nella gestione dell’ordine pubblico; a far data dal 04 aprile 1982 è stato poi trasferito presso la 1a Zona Polizia di Frontiera Piemonte – Valle d’Aosta e Liguria con sede a Torino aquisendo nuove capacità operative in termini di controllo dei viaggiatori italiani e stranieri oltre che di merci in arrivo o in partenza.

Il 24 giugno 1988, lasciava definitivamente il Piemonte e veniva trasferito, nell’ambito dello stesso settore, presso l’Ufficio Polizia di Frontiera – Scalo Marittimo ed Aereo di Taranto ove permaneva sino al 03 marzo 1992, data in cui decideva di dare una svolta alla propria carriera professionale, allocandosi alla Squadra Volante della Questura di Taranto ove, difatti, conseguiva diversi risultati negli anni di “piombo” della malavita locale.

In questo periodo gli vengono assegnati numerosi riconoscimenti tra cui due premi conferiti direttamente dall’allora Capo della Polizia Prefetto Fernando Masone: il primo, del 16 ottobre 1992, per aver arrestato, dopo uno spericolato inseguimento con l’autovettura, due pericolosi malviventi responsabili di porto abusivo di pistola con relativo munizionamento; il secondo, del 10 marzo 1994, per aver condotto una attività investigativa conclusasi con l’arresto di quattro pregiudicati responsabili di detenzione di armi da fuoco e sparo in luogo pubblico.

Nel 1995, risultato vincitore al concorso per Ispettore della Polizia di Stato, ha poi frequentato, l’anno successivo, il relativo corso di istruzione presso la scuola di Caserta, al termine del quale è stato nuovamente assegnato all’Ufficio della Squadra Volante della Questura di Taranto ma sino al 1999, data in cui veniva trasferito al Commissariato Distaccato di Pubblica Sicurezza di Manduria ed assegnato presso la Squadra di Polizia Giudiziaria con ruolo di Ispettore Capo conseguendo, anche qui, numerosi e brillanti risultati operativi.

Il 17 agosto 2001 è stato trasferito presso l’Ufficio di Polizia di Frontiera di Otranto per combattere il fenomeno dello sbarco illegale degli albanesi conseguendo numerosi risultati con l’arresto di numerosi scafisti.

L’ 8 ottobre 2005 veniva definitivamente trasferito presso il Commissariato di Polizia di Taurisano ed assegnato presso la squadra di Polizia Giudiziaria nel ruolo di Ispettore Capo, responsabile delle misure di prevenzione, conseguendo, anche qui, numerosi risultati operativi che hanno fregiato di lustro l’Amministrazione di appartenenza, attraverso l’arresto di vari personaggi di spicco della malavita organizzata ricevendo, anche in questo caso, numerosi riconoscimenti dai diversi Capi della Polizia che si sono susseguiti.

Dopo 41 anni di onorato servizio l’Ispettore Superiore della Polizia di Stato, Donato Causio lascia da “Poliziotto” l’amministrazione di appartenenza collocandosi in quiescenza, dal 1° settembre 2021, per raggiunti limiti di età; rimane tuttavia nell’ambiente ma da “sindacalista” per continuare a supportare i colleghi. Causio infatti, ha rivestito, fin dal 1988, numerose cariche da dirigente sindacale.

Parole di profonda stima sono state espresse anche da Michele Sperti, sindaco di Miggiano, paese in cui è nato e  vive l’Ispettore Causio: «Ci ha sempre inorgoglito l’attività professionale del nostro concittadino Donato Causio. La sua grande passione, il raro intuito, la sagacia, hanno fatto di lui un brillante poliziotto. Esprimo pertanto il plauso per la preziosa opera svolta dall’Ispettore in tutti questi anni. Giungano a lui i più fervidi auguri, perché prosegua con la stessa dedizione il suo impegno nel sindacato con l’auspicio si possa  godere, con i suoi cari,  un po’ di riposo».

Anche il Sindaco di Taurisano, Raffaele Stasi ringrazia l’Ispettore Causio per «la professionalità, il senso del dovere e l’opera assidua e costruttiva che ha sempre profuso per la comunità di Taurisano e dei paesi della zona».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus