Connect with us

Otranto

Adottadog, via alla campagna tesseramenti

L’associazione con sede ad Uggiano la Chiesa ed Otranto è nata nel 2010 e si è diffusa su gran parte del territorio salentino: «Non godiamo di alcun finanziamento pubblicoe senza il vostro sostegno nulla di tutto ciò sarà più possibile»

Pubblicato

il

Parte la campagna di tesseramento per il 2023 dell’Organizzazione AdottaDog Ets, associazione con sede ad Uggiano la Chiesa ed Otranto, nata nel 2010 e diffusasi su gran parte del territorio salentino.


Con oltre 30 volontari è quotidianamente accanto a tantissimi animali bisognosi garantendone cure tramite proprio veterinari nonché occupandosi del loro benessere psicologico con passeggiate e tanto affetto.


Obiettivo principale è quello di trovare idonea adozione ai tanti animali che vengono abbandonati alleviandone le sofferenze che una condizione di reclusione inevitabilmente comporta.


Numerosissime sono altresì le colonie feline sfamate giornalmente dai volontari e le adozioni dei gatti randagi abbandonati.


Un piccolo contributo donato quindi per un grande progetto, ovvero rendere anche il Salento terra amicale per i nostri amici a 4 zampe.

«Tramite veterinari associati garantiamo cure mediche a numerosi animali», spiegano dall’associazione, «sono tanti i cani reclusi in diversi canili che, grazie al vostro supporto, possono ricevere assistenza sanitaria alleviando così la sofferenza anche fisica che una reclusione comporta. I nostri volontari con infinito amore curano la loro anima, regalano loro passeggiate nella natura e curano il loro recupero per il tanto sperato inserimento in una famiglia che voglia adottarli. Dall’ inizio della nostra opera di volontariato sono oltre mille i cani che hanno trovato adozione. Sono numerosissime le colonie feline sfamate quotidianamente dai nostri volontari, che si occupa anche del soccorso e della cura di gatti vittime di incidenti o semplicemente bisognosi di cure. Tantissimi sono anche i gatti che hanno trovato adozione tramite la nostra organizzazione. Siamo promotori di attività di sensibilizzazione affinché anche il nostro amato Salento possa finalmente essere riconosciuto come terra ospitale per gli amici a 4 zampe. Siamo anche al fianco di chi, per reali problemi economici, non può provvedere al mantenimento del proprio animale domestico cercando di garantire loro cibo e , ove possibile, cure mediche».


«Non godiamo di alcun finanziamento pubblico», specificano infine, «e senza il vostro sostegno nulla di tutto ciò sarà più possibile».



Cronaca

Avvocato nasconde al fisco ricavi per oltre 200mila euro

il professionista era completamente sconosciuto al fisco in quanto evasore totale per gli anni d’imposta dal 2016 al 2022

Pubblicato

il

Nell’ambito dei controlli fiscali volti a contrastare l’evasione tributaria, disposti dal Comando Provinciale di Lecce, i Finanzieri della Compagnia di Otranto hanno individuato, anche a seguito di una mirata analisi di rischio, un avvocato completamente sconosciuto al fisco in quanto evasore totale per gli anni d’imposta dal 2016 al 2022.

L’attività ispettiva ha consentito di accertare che il predetto professionista, nel corso del periodo preso in esame, ha omesso di dichiarare all’erario consistenti compensi derivanti da prestazioni rese a numerosi clienti.

Al termine dell’attività di controllo, le Fiamme Gialle idruntine hanno quindi ricostruito l’effettivo volume d’affari dell’avvocato, quantificando in oltre 200mila euro i ricavi percepiti in nero durante lo svolgimento della professione legale.

L’evasione fiscale costituisce un grave ostacolo allo sviluppo economico perché distorce la concorrenza e l’allocazione delle risorse, mina il rapporto di fiducia tra cittadini e Stato e penalizza l’equità, sottraendo spazi di intervento a favore delle fasce sociali più deboli.

Continua a Leggere

Appuntamenti

“Race to Donate”, al volante contro le leucemie

L’ iniziativa nata a Varese incontra il Salento per supportare la ricerca di nuovi donatori di midollo che possono potenzialmente salvare una vita. Sabato 13 il pilota Alessandro Marchetti, ideatore di “Race to donate” incontrerà ad Otranto il motorsport salentino per promuovere ulteriormente l’iniziativa

Pubblicato

il

🔴 Segui il canale il Gallo 🗞 Live News su WhatsApp: clicca qui

Il pilota Alessandro Marchetti (nella foto in alto) è il promotore di Race To Donate, una iniziativa nata nel 2022.

Il pilota varesino, sabato 13 aprile, dalle 10, presso la sala triangolare del Castello Aragonese di Otranto incontrerà il motorsport salentino.

Uniti dallo spirito sportivo ma con una sensibilità particolare per supportare l’iniziativa di sensibilizzare in modo particolare i giovani sull’ importanza di diventare donatori di midollo osseo.

Le speranze di guarire dalla leucemia passano proprio per il trapianto di midollo, ammesso di trovare quello compatibile con la persona malata.

«Ogni nuovo iscritto all’IBMDR, il registro nazionale dei donatori di midollo osseo, può potenzialmente corrispondere a una vita salvata».

Così Alessandro Marchetti, dentista per professione e pilota per passione, è l’anima dell’iniziativa Race to Donat, nata dopo il suo ricovero in ospedale per una leucemia, debellata grazie al trapianto di midollo arrivato da uno sconosciuto signore di Genova, che Alessandro ha ribattezzato “Pesto”.

«Io “Pesto” non lo conosco, e per legge non lo posso conoscere. Ma chi si occupa di queste questioni a Genova, mi ha spiegato che lui partecipa alle iniziative nelle scuole e racconta dell’esperienza della donazione come la seconda gioia più grande della vita, dopo la paternità», racconta ancora Marchetti.

Race to Donate lavora quindi proprio con questo obiettivo: spingere le persone a iscriversi al registro e spiegare che la donazione è più semplice di quanto si pensi.

È facile e indolore e si risolve con un normale prelievo di sangue.

Come compiere questo passo di grande importanza e solidarietà?

«Per iscriversi all’IBMDR bisogna avere meno di 36 anni, pesare più di 50 chili e godere di buona salute: la prima cosa da fare è quella di compilare il modulo di preiscrizione, poi si viene chiamati dal trasfusionale del territorio di riferimento per effettuare un prelievo di sangue. Da qui viene ricavato il profilo HLA, la carta d’identità genetica di ognuno la quale viene inserita nel database italiano e mondiale. Da qui in poi, se c’è una necessità, si può essere chiamati sino all’età di 55 anni».

L’idea di avvicinare il Salento a Race to Donate è partita da Fabio Incalza di “Angels Salento Odv” di Scorrano, che tramite Adele Patrini, presidente dell’ associazione C.A.O.S. Centro Ascolto Operate al Seno Odv di Varese, ha contattato il pilota Alessandro Marchetti e chiesto di portare l’iniziativa in Provincia di Lecce, coinvolgendo Santo Siciliano, presidente della Scuderia Motorsport Scorrano e Mattia Trotto, presidente della Fratres di Otranto.

A marzo, in occasione della gara automobilistica, 3° Event Show Salento Circuit, le associazioni del territorio hanno portato il messaggio al pubblico presente nel circuito e hanno coinvolto tutti i piloti che hanno aderito mettendo il logo dell’iniziativa sulle vetture da corsa.

Angels Salento” ha così proposto un convegno per sancire l’incontro tra Varese e il Salento.

Gli amministratori di Otranto e in particolare Ursula Caroppo, assessore al Welfare e Parità, si sono messi a disposizione per supportare l’iniziativa.

Il congresso è patrocinato da Regione Puglia, Comune di Otranto, Comune di Scorrano, Comune di Muro Leccese, Comune di Torre Santa Susanna e Automobil Club Lecce.

Al tavolo interveranno: Alessandro Marchetti, pilota e referente @racetodontae; Aurelio Filippini, presidente OPI Varese; Anna Grazia Maraschio, assessore all’Ambiente e Territorio Regione Puglia; Giancarlo Dell’Atti, consulente medico dell’associazione “Angels Salento“; Nicola Calabro, referente coordinatore SIMT P.O.”V. Fazzi”; il dr. Maurizio Serra, direttore U.O.C. MeCAU P.O. “Veris Delli Ponti” e Francesco Tinelli, vice presidente Automobil Club Lecce.

Molte le autorità civili e religiose che saranno presenti: il Vescovo di Otranto, Monsignor Francesco Neri; Francesco Bruni, sindaco di Otranto; Mario Pendinelli, sindaco di Scorrano; senatore Michele Saccomanno, sindaco di Torre Santa Susanna; Antonio Lorenzo Donno, sindaco di Muro Leccese; Giovanni Casarano, dirigente dell’Alberghiero di Otranto che sarà accompagnato dagli alunni dell’isituto.

Automobil Club Lecce supporterà l’iniziativa nel prossimo evento sportivo: al “56° Rally del Salento”, prova del campionato italiano rally – TIR, che si svolgerà, con partenza da Lecce, in tutto il territorio salentino dal 23 al 25 maggio, saranno istallati box informazioni sulla centralissima Piazza Mazzini che ospiterà il Villaggio rally e nel circuito Pista Salentina in occasione della Prova Spettacolo del venerdì sera.

Continua a Leggere

Appuntamenti

Concerti d’estate: Anna Oxa ad Otranto

Pubblicato

il

In una delle location più suggestive della Puglia, il Fossato del Castello Aragonese di Otranto, un appuntamento imperdibile con la grande musica.

Il 5 agosto, dalle 21,30, sul palco Anna Oxa con una tappa del suo tour “Voce Sorgente”.

Uno spettacolo irripetibile, lo spettacolo dell’acqua, lo spettacolo della voce che non passa due volte nello stesso canto.

L’artista sale sul palco non provenendo se non da se stessa, seguendo il percorso naturale della necessità del canto.

Come un pugno di terra per un solo seme, un solo seme per un solo germoglio, così l’artista ha un solo canto per una sola canzone e un solo spettacolo per una sola serata.

Le canzoni non sono repertorio, sono urgenza sorgiva.

Come se prima non ci fossero mai state né più ci saranno dopo che sono scorse.

Non c’è impostazione, l’artista si disimposta ossia inizia da zero, che è l’unico vero, autentico inizio, l’inizio del canto, il primo movimento del canto appena sorto.

Una sorgente purezza, appunto.

E il canto crea il qui e ora, il luogo e il tempo.

Crea smarrimenti e decisioni dell’acqua, del canto, e pendenze e dislivelli e cambi di direzione, e anche ostacoli, che affronta per procedere, e anse e mulinelli e salti e rapide e cascate, e anche il corso ampio e disteso.

E tutto nasce da una goccia, da una nota d’acqua.

Un canto d’acqua che è un continuo fare e un continuo fare a meno: un flusso che è quel flusso perché passa.

Prevendite disponibili su Vivaticket.com (info 324 0917038; www.oxarte.net; www.arlive.it)

ANNA OXA

All’anagrafe Anna Hoxha (è italiana con cittadinanza albanese) ha una voce unica e inconfondibile ed è una delle icone della storia della musica, conduttrice televisiva italiana.

Protagonista dell’Arte oltre-tempo. In Italia ha saputo anticipare, ancora una volta, i tempi proponendo nei propri arrangiamenti quei sentori etnici, vivi, umani ed industriali allo stesso tempo che hanno caratterizzano le sonorità urban.

Anna Oxa, magnetica regina della voce e della sperimentazione autentica, già nel 2006, portava al Festival di Sanremo un brano come “Processo a me stessa”, un’opera scritta insieme al grande Pasquale Panella.

Una canzone quella capace di coniugare un’impegnata orchestrazione di violini e archi vari con isuoni etnici della parte ritmica e di creare un teso equilibrio emozionale sfruttando sonorità che oggi i saccenti critici e classificatori musicali definirebbero “urban” o “world”.

L’artista non ha soltanto anticipato i tempi di 10 anni, ha perseguito questa spinta alla ricerca sonora anche nei suoi lavori successivi portando alla massima realizzazione queste tendenze.

“Proxima”, album del 2010, altro non era che il preludio dei gioiellini musicali, de “L’America non c’è”, “Primo Cuore-Canto Nativo”, “Sali” brani scritti, anche, dalla stessa Oxa, e che rappresenta l’unico vero capostipite della ricerca vocale e sonora definibile “urban”. Il testo così intrinsecamente spiritual-filosofico si coniuga ad un arrangiamento sonoro tutto incentrato sulla parte ritmica dell’orchestrazione con
strumentalità a pelle che rievocano quei suoni tipici dell’esogenesi vitale ricercata con profondità anche dalla vocalità, sempre capace di nuove sfumature, cambiando la forma-canzone.

Ha collaborato con artisti internazionali.

Il suo nome appare nei primi posti dei nomi albanesi più importanti nel mondo, insieme a Madre Teresa di Calcutta, Papa Clemente XI ecc.

Ha raggiunto il suo pubblico sempre con amore ed autenticità.

Il 13 maggio 2015 al Teatro Donizetti di Bergamo Anna Oxa riceve il premio dal maestro Luis Bacalov, “Honor Artist a testimonianza del grande valore della sua Arte nella scena artistica del nostro tempo”.

Anna Oxa per questi meriti riconosciuti soprattutto dall’Amore del suo pubblico oltre confini geografici, appartiene alla storia della musica, infatti troviamo il suo nome anche nell’enciclopedia.

Nel 2023, in Svizzera ha ricevuto il premio alla carriera (oltre 45 anni).

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus