Connect with us

News & Salento

“La Tares deve essere abrogata!”

Allarme-Tares dalla Confcommercio Puglia “per impedire l’ennesimo disastroso salasso ai danni delle aziende e delle famiglie italiane”. E poi: “Per i ristoranti la tassa aumenterà mediamente di quasi il 500% e per le discoteche aumenterà addirittura quasi del 700%”

Pubblicato

il

È impensabile che il settore dei pubblici esercizi possa essere ulteriormente gravato dall’aumento vertiginoso della tassazione sui rifiuti. Per i ristoranti la tassa aumenterà mediamente di quasi il 500% e per le discoteche aumenterà addirittura quasi del 700%”. L’allarme-Tares arriva direttamente dalla Confcommercio Puglia assieme ad una raccomandazione “alle forze politiche, ai parlamentari e ai consiglieri regionali, provinciali e comunali a far quadrato per impedire l’ennesimo disastroso salasso ai danni delle aziende e delle famiglie italiane“. La Tares, tributo previsto nel decreto “Salva Italia” che andrà a sostituire i tre prelievi sui rifiuti Tarsu, Tariffa di Igiene ambientale (Tia1) e Tariffa Integrata (Tia2), secondo Confcommercio “deve essere abolita. Mentre non solo inutile, ma addirittura dannoso appare il rinvio deciso da un Governo”, denuncia il direttore generale di Confcommercio Puglia, Giuseppe Chiarelli, “che di fatto ha scaricato ogni responsabilità sul sistema della imprese italiane. Infatti, se nel 2013, restano  in piedi i meccanismi della Tarsu e della Tia per le prime due rate, a maggio e settembre, il conguaglio sull’ultima rata non solo è praticamente certo, ma soprattutto la parte più consistente andrà sborsata insieme al saldo dell’Imu per l’abitazione principale e gli altri immobili, per un totale di 426 euro a nucleo familiare, senza considerare che a Natale si paga pure il secondo acconto Ires e Irpef per gli autonomi, e il conguaglio Irpef per i dipendenti”.

Secondo un’indagine della nostra Associazione”, spiega il presidente di Confcommercio Puglia, Alessandro Ambrosi, “la categoria del commercio più colpita in assoluto sarà quella relativa a discoteche e night club. Ristoranti, trattorie, pizzerie, osterie, pub sono al quarto posto. Non va molto meglio a bar e pasticcerie che assieme alle mense, birrerie e amburgherie potranno veder lievitare il costo per la raccolta dei rifiuti di ben oltre il 300%, con pesanti ripercussioni sia sui livelli occupazionale che sui costi. E di conseguenza con effetti disastrosi per i bilanci di tutte le famiglie”.

La nuova Tares comprende, oltre alla quota ambientale per lo smaltimento dei rifiuti, anche una quota “servizi” per sicurezza, illuminazione e gestione delle strade (i servizi indivisibili) e dovrà essere corrisposta da chiunque possegga, occupi o detenga a qualsiasi titolo, locali o aree scoperte suscettibili di produrre rifiuti. Nel determinare le tariffe, quindi dovrà tenersi conto sia della quota relativa al costo del servizio, sia di quella rapportata alla quantità di rifiuti relativi al servizio fornito e ai costi di gestione. Poi c’è la componente “servizi” che sarà calcolata in base al valore dell’immobile attraverso un’aliquota comunale, rappresentata da una maggiorazione di 30 centesimi per mq che i consigli comunali potranno aumentare fino ad un importo massimo di 40 centesimi, incassando così i 10 centesimi in più (i trenta di base vanno allo Stato).

Evidenzio”, aggiunge Ambrosi, “la necessità di un intervento normativo per l’avvio di un tavolo tecnico aperto alle principali associazioni di categoria per la determinazione di nuovi coefficienti che tengano conto anche della reale produzione dei rifiuti e, di conseguenza, chiediamo senza mezzi termini non il rinvio ma la totale abrogazione della tassa così come è stata concepita. Con l’augurio che diventa un vero e proprio appello per la sopravvivenza della nostra aziende, ad una svolta in tempi brevissimi da parte del Parlamento e del nuovo governo per trovare coperture alternative che non vadano a gravare ulteriormente sul peso fiscale, già a livelli oppressivi, per milioni di contribuenti  provati dagli effetti recessivi di interventi introdotti per far fronte alla crisi contingente, ma che di fatto hanno paralizzato e impoverito famiglie e imprese”.

News & Salento

La Regione acquista le prime 35mila mascherine FFP3

Emiliano: “Mettiamo al sicuro per qualche giorno la distribuzione nelle terapie intensive covid”. Sempre oggi arrivati dalla Protezione civile 1080 kit per  accesso vascolare

Pubblicato

il

Un piccolo segnale ma importantissimo: è stata effettuata questa mattina la prima consegna di mascherine Ffp3 grazie a una autonoma iniziativa della Regione Puglia. Come è noto questi rifornimenti non sono arrivati nei tempi previsti da parte della Protezione civile nazionale e nei reparti Covid c’è una urgenza assoluta di approvvigionamenti di mascherine Ffp3 così come degli altri DPI. Questa consegna ci consente di avere autonomia ancora per qualche giorno. Stiamo andando avanti con le nostre forze in attesa degli aiuti da parte dello Stato che spero arrivino presto nelle quantità sufficienti“.

Lo ha annunciato il presidente della Regione Michele Emiliano, appena ricevuta la notizia dal dirigente della sezione Protezione civile regionale Mario Lerario.

Le 35mila mascherine di tipo FFP3 sono arrivate oggi.

Sono di produzione cinese e provengono dal sistema di approvvigionamento regionale della rete dei fornitori Aforp (associazione dei fornitori ospedalieri della Regione Puglia).

L’ordine è del 22 marzo: sono partite dalla Cina in aereo, passando dal Sud Africa e poi da Amsterdam. Dopo hanno viaggiato su treno sino a Milano e poi ancora su camion per giungere in Puglia, a Bari.

Si tratta della prima fornitura di rilevante quantità dall’inizio della crisi, acquistata direttamente dalla Regione Puglia.

Le mascherine Ffp3 saranno distribuite con priorità ai reparti di terapia intensiva Covid e agli ospedali Covid.

Sempre oggi sono arrivati dalla Protezione civile anche 1080 kit per accesso vascolare.

Continua a Leggere

Attualità

L’esempio del sindaco di Maglie

Indennità di aprile devoluta alla protezione civile di Maglie. Ernesto Toma: “Penso di dover dare l’esempio, che mi auguro possa essere seguito da tutti quei concittadini “che possono” più di altri”. IBAN IT91U0306967684510749170154

Pubblicato

il

Il sindaco di Maglie Ernesto Toma vuole dare d’esemio e devolve la sua indennità di aprile alla locale protezione civile.

Chi mi conosce”, posta su facebook il primo cittadino, “sa bene che ritengo l’indennità degli amministratori uno strumento utile per consentire la partecipazione attiva di tutti i cittadini nelle Istituzioni. La gravità del momento, però, impone a ciascuno di noi scelte individuali a favore della nostra comunità e soprattutto a beneficio di chi soffre e di chi vive in una condizione di disagio economico tale da non essere in grado di affrontare , a maggior ragione in questo momento, la quotidianità”.

Ogni giorno”, racconta nel suo post Toma, “mi vengono segnalate situazioni familiari molto difficili, se non disperate, generate o aggravate dal blocco totale di tutte le attività economiche”.

Per questo il sindaco di Maglie ritiene di “dover dare come primo cittadino l’esempio, che mi auguro possa essere seguito da tutti quei concittadini “che possono” più di altri. Per queste ragioni ho deciso di donare la mia indennità del mese di aprile sul conto corrente della protezione civile di Maglie”.

Ne ho parlato con i responsabili della protezione civile”, ha aggiunto Toma, “che non finirò mai di ringraziare per le energie che stanno mettendo in campo. Sarà mia cura raccordarci con le parrocchie, con la Proloco, la Podistica Magliese e con le associazioni di volontariato, che già si stanno impegnando in tal senso e con chiunque lo vorrà. Per ottenere il miglior risultato possibile”, conclude il sindaco magliese, “e per dimostrare a chi ha più bisogno in un momento drammatico e difficile come questo, che la nostra comunità c’è”. .
Per contribuire: IBAN IT91U0306967684510749170154

Continua a Leggere

Cronaca

Veicolo ribaltato: paura in tangenziale

Di rientro da turno in ospedale, medico perde controllo auto su asfalto bagnato

Pubblicato

il

Brutto incidente sulla tangenziale est.

Un veicolo si è ribaltato nei pressi dell’uscita 8A per il mercato ortofrutticolo.

Il sinistro è avvenuto sulla carreggiata in direzione Brindisi. A bordo della vettura un medico di ritorno dall’ospedale, dopo aver appena concluso il proprio turno. Sull’asfalto reso umido dalla pioggerellina, l’uomo ha perso il controllo del mezzo finendo in un canale di scolo delle acque a bordo strada.

Fortunatamente nessuna ferita grave per lui

Sul posto soccorsi, forze dell’ordine e Protezione Civile.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus