Connect with us

Caprarica di Lecce

Assalto al blindato sulla Statale 16 Lecce-Maglie

Nonostante la pioggia di proiettili l’autista con coraggio, inserisce al retromarcia, sperona l’auto che gli stava alle costole e, dopo un testa coda, si da alla fuga

Pubblicato

il

Assalto al portavalori sulla statale Lecce – Maglie, all’altezza del Supermercato Le Clerc, subito dopo lo svincolo per Cavallino. È accaduto alle prime luci dell’alba di mercoledì 2 gennaio. Nel mirino dei banditi il blindato della Sveviapol Sud con il suo prezioso carico di contanti destinati agli uffici postali della zona. I banditi (secondo fonti investigative erano in 7-8) armati di kalasnikov hanno affiancato il blindato con due BMW digrossa cilindrata. Nel frattempo erano stati dati alle fiamme due furgoni (risultati rubati) per impedire l’accesso alle due corsie della superstrada ad eventuali passanti. Recintato il luogo dell’agguato i banditi hanno costretto il blindato a fermarsi a colpi di mitra sembra sparati da una BMW X6 bianca e successivamente da uno dei banditi sceso dalla stessa auto. Nonostante i proiettili abbiano colpito cofano, fiancate e pneumatici del blindato, l’autista dimostra grande prontezza e coraggio, inserisce al retromarcia sperona l’auto che gli stava alle costole e dopo un testa coda si da alla fuga svoltando allo svincolo per Lizzanello. Nel frattempo era già partito l’allarme e i malviventi resisi conto di non avere più chance si sono dati alla fuga dando alle fiamme la BMW X6 usata per l’assalto e fuggendo dall’uscita per Martignano sulla seconda BMW (anche questa poi ritrovata bruciata dalle fiamme) e cambiando successivamente auto per far perdere le proprie tracce.

Attualità

Cantieri ActionAid di Caprarica di Lecce: operazione “Galattica”

Da spazio rigenerato a “Nodo” della Rete Giovani Puglia. Il sindaco Paolo Greco: «I Cantieri rappresentano la dimostrazione di un continuo lavoro svolto con serietà e passione che mette assieme il recupero degli spazi e la proposta di contenuti validi. Il finanziamento è frutto di questo binomio ed è una grande opportunità per il nostro paese»

Pubblicato

il

Sono passati solo due anni da quando, grazie alla partecipazione del Comune di Caprarica di Lecce all’iniziativa regionale “Luoghi Comuni”, lo spazio pubblico Ex Auditorium Comunale di Caprarica rinasceva come “Cantieri ActionAid”.

Da quel momento il soggetto gestore, ActionAid Lecce, con la collaborazione dell’amministrazione comunale, ha lavorato incessantemente per favorire il protagonismo giovanile con attività e servizi, anche durante il periodo della pandemia.

È nata una webradio giovanile, è stato allestito un palco per eventi, conferenze e incontri pubblici ed è stata attrezzata un’area di socializzazione con giochi da tavolo e giochi di società.

Lo spazio esterno è stato rivalutato grazie a laboratori di street art, openday e attrezzature sportive per street soccer, street basket e volley. Sono stati promossi corsi e laboratori per grandi e piccoli: skateboard, parkour, basket, chitarra, disegno, zumba, laboratori di riciclo del legno e videomapping.

Grazie all’iniziativa “Spazi di Prossimità” lo spazio è diventato, durante la chiusura degli istituti scolastici, un luogo sicuro e attrezzato per seguire le lezioni a distanza o studiare durante il pomeriggio.

Per permettere la partecipazione anche ai minori in situazione di disagio economico e sociale, tutte queste attività si sviluppano in stretta connessione con tutti i soggetti della comunità educante di riferimento.

Da qualche giorno la notizia che tutto questo farà parte della rete “Galattica”, la nuova iniziativa per le politiche giovanili della Regione Puglia, presentata qualche mese fa dal presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e dall’assessore regionale Alessandro Delli Noci.

Regione Puglia e ARTI mirano a creare una rete di luoghi fisici nei comuni pugliesi supportata da una piattaforma web per fornire alle giovani generazioni servizi per l’informazione, l’accompagnamento, il supporto all’attivazione e a promuovere azioni di animazione territoriale tra pari all’interno di spazi pubblici già attivi sul territorio.

Il progetto presentato tra i primi in Puglia dal Comune di Caprarica di Lecce e da ActionAid Lecce è stato valutato positivamente e i “Cantieri ActionAid” diventeranno un Nodo della Rete Giovani Puglia, accompagnati da un Piano Locale di attività, un programma regionale itinerante di workshop e laboratori, un  gruppo di “youth worker” in grado di sollecitare e mettere in rete le risorse del territorio, far emergere i talenti inespressi e generare scambi di pratiche e di esperienze, un portale web regionale in grado di accogliere e diffondere opportunità per giovani anche a livello internazionale, la possibilità di entrare a far parte del circuito del Servizio Civile Regionale e il supporto del Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale Nazionale e dell’Agenzia Nazionale Giovani che svolgerà attività e fornirà servizi anche oltre Regione.

Questa notizia si accompagna con l’importante finanziamento che il Comune di Caprarica di Lecce ed ActionAid Lecce – con capofila la Cooperativa Il Dado Gira, gestore della locale biblioteca – hanno ottenuto dall’Agenzia per la coesione territoriale per mettere a frutto percorsi di contrasto alla povertà educativa.

Le attività mirano a dare opportunità di crescita, di gioco, di educazione, di formazione, di libertà di espressione, a tutti i bambini, con particolare attenzione alla fascia d’età 5-10 anni.

Le parole del sindaco Paolo Greco: «I Cantieri rappresentano la dimostrazione di un continuo lavoro svolto con serietà e passione che mette assieme il recupero degli spazi e la proposta di contenuti validi. Il finanziamento è frutto di questo binomio ed è una grande opportunità per il nostro paese».

Francesco Falco, presidente ActionAid Lecce: «Le risorse arrivano a conclusione delle attività finanziate da Luoghi Comuni e Spazi di Prossimità. Insieme al Comune abbiamo lavorato per dare sostenibilità allo spazio e potenziarlo con servizi e attività frutto di un lavoro di ascolto dei giovani e delle famiglie. Tutto questo cercando di non escludere nessuno e di impattare minimante o per niente sulle economie delle famiglie».

Continua a Leggere

Attualità

Adottiamo un ulivo due anni dopo

In occasione del secondo compleanno annuncia l’importante collaborazione con Greeninfinity Foundation

Pubblicato

il

A due anni dalla nascita, l’iniziativa lanciata nell’ottobre del 2020 dal Comune di Caprarica di Lecce nel Salento e promossa dall’Associazione Nazionale Città dell’Olio, viene sposata anche da Greeninfinity Foundation con sede in Austria.

Per celebrare il compleanno, proprio a Caprarica di Lecce, si è svolta una festa dedicata alla piantumazione di ulivi nel terreno messo a disposizione dal Comune.

Oltre al primo albero adottato tramite la fondazione Greeninfinity da Karin Ernsthofer in Austria, 13 studenti sardi del corso in Tourism Strategy and Management di CRIS, Cittadella Universitaria di Poggiardo hanno piantato il loro alberello, con tanto di etichetta riportante il loro nome che resterà per sempre legata alla pianta.

L’attenzione all’ambiente è da sempre uno dei principali obiettivi che la fondazione Greeninfinity con sede in Austria, attiva dal 2011, si dedica alla protezione dell’ambiente, all’attuazione di progetti climatici innovativi e alla promozione dell’uso delle energie rinnovabili.

Tra le finalità principali anche  quella di stabilire una consapevolezza ecologica, garantire la conservazione degli habitat naturali e aiutare le persone nelle regioni svantaggiate.

Dopo una serie di incontri nel mese di agosto con la Presidente Heidemarie Kipperer e la Project Manager Manuela Azim Zadeh, la collaborazione è diventata ufficiale ed è stata annunciata da un post sulla pagina facebook della Fondazione: «Siamo incredibilmente felici di annunciare l’inizio di una nuova collaborazione con l’iniziativa italiana Adottiamo un Ulivo! Il nostro nuovo progetto congiunto ci sta molto a cuore, in quanto riguarda la protezione degli uliveti nel sud Italia!».

Da quando è partito il progetto Adottiamo un ulivo ha impiantato 250 giovani alberi d’ulivo in un’area messa a disposizione dal Comune Caprarica.

Già dal mese di maggio è stato messo a disposizione un secondo sito viste le richieste che sono pervenute.

Nel momento in cui una persona viene a conoscenza dal dramma causato dalla Xylella nel Salento decide di sostenere il progetto adottando un albero.

Sulla pianta resterà per sempre il nome dell’adottante, che riceve un certificato di adozione, il numero del suo albero e delle bottiglie d’olio extravergine d’oliva.

«L’aspetto che più colpisce è l’emozione degli occhi di ogni adottante quando vede, tocca, parla con il suo albero», dichiara il prof. Roberto De Donno, ideatore del progetto ed esperto di Marketing territoriale, «ci sono state coppie di genitori che hanno deciso di mettere il nome del figlio. Futuri sposi hanno voluto celebrare la data del matrimonio sul loro albero e donare una bottiglia come bomboniera. Abbiamo avuto adozioni dedicate a persone che non ci sono più, in un ricordo tangibile attraverso la nuova pianta di ulivo».

Appena nato il progetto a ottobre del 2020, il Comune di Caprarica di Lecce, Città dell’olio, ha coinvolto nell’iniziativa all’Associazione Nazionale che ha subito sposato il progetto, presentandolo  nel maggio scorso a Trieste nel corso della manifestazione Olio Capitale, il più importante evento  sull’olio che si volge in Italia.

«La Xylella non riguarda solo il paesaggio del Salento e la sua agricoltura», afferma il sindaco di Caprarica Paolo Greco, «è un fenomeno di portata storica ed ambientale. Ricostruire il territorio significa fermare un epocale desertificazione del nostro territorio. Ogni contributo per questa finalità ha un grande valore».

Le adozioni provengono anche dall’estero, non solo da privati ma anche con alcune importanti aziende

che hanno deciso di regalare ai propri dipendenti e manager un albero d’ulivo. Sinora l’iniziativa è stata diffusa tramite il passaparola e mediante l’azione divulgativa del prof. Daniele Manni che è di fatto l’ambasciatore di Adottiamo un ulivo.

In occasione del compleanno è stato pubblicato anche il sito www.adottiamounulivo.it dove si potrà approfondire il progetto e decidere di adottare, dando un segno concreto alla riforestazione del Salento.

Continua a Leggere

Alessano

Troppi incidenti stradali: Osservatorio convocato in Prefettura

La nostra la provincia pugliese interessata dal maggior numero di incidenti stradali mortali. Condivisa l’opportunità di adottare misure finalizzate alla messa in sicurezza delle strade, al contrasto dei comportamenti irresponsabili e all’ educazione alla guida sicura

Pubblicato

il

Focus sull’emergenza incidenti stradali nel Salento.

Nel 2021 la nostra è stata la provincia pugliese interessata dal maggior numero di incidenti stradali mortali.

La Prefettura ha convocato l’Osservatorio per il monitoraggio degli incidenti stradali e per l’individuazione e adozione di misure di prevenzione e contrasto delle principali cause.

L’osservatorio, presieduto dal Prefetto di Lecce Maria Rosa Trio, ha visto la partecipazione dei vertici delle Forze di Polizia, dei rappresentanti degli enti proprietari delle strade del territorio provinciale, nonché degli Enti locali, dell’Associazione “Alla conquista della vita” e di tutte le istituzioni a vario titolo interessate alle problematiche della sicurezza stradale.

Partendo dall’esame dei dati statistici elaborati da ASSET, è stata elaborata una mappatura dei tratti stradali più esposti all’incidentalità.

Il Prefetto ha evidenziato la necessità di una riflessione corale, sottolineando come «la complessità del fenomeno renda necessario assicurare sin da subito risposte di sistema da sviluppare con un approccio integrato, che elabori un quadro organico di interventi utili alla prevenzione ed al contrasto delle condotte di violazione del Codice della Strada, che rappresentano spesso le principali cause di incidenti stradali anche gravi».

Solo nel 2021, a seguito dell’attività di accertamento svolta su strada dalle Forze di Polizia, sono stati adottati dalla Prefettura circa 500 provvedimenti di sospensione cautelare della patente per guida in stato di ebbrezza per uso di alcool e sostante stupefacenti.

Al termine dell’incontro, i presenti hanno condiviso l’opportunità di porre in essere un’azione sinergica con misure finalizzate alla messa in sicurezza delle strade utilizzando i proventi delle sanzioni amministrative ( e quindi miglioramento della segnaletica e dell’illuminazione degli attraversamenti e dei percorsi pedonali, diffusione di dissuasori di velocità), implementazione del contrasto dei comportamenti irresponsabili (come guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di stupefacenti, uso di telefono cellulare, eccesso di velocità), interventi informativi, di sensibilizzazione e di educazione alla guida sicura (in raccordo con le Istituzioni scolastiche).

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus