Connect with us

Cronaca

Gallipoli: niente larghe intese

Pare che il Pd stia per ratificare l’appoggio all’ex vicesindaco, su cui convergerebbero anche altre forze moderate

Pubblicato

il

In riva allo Jonio, tra malumori e polemiche, fervono i lavori in vista delle prossime Amministrative. Nel centrosinistra si opera per cementare la candidatura di Francesco Errico, lanciata dall’asse dei moderati che fa capo all’ex primo cittadino Giuseppe Venneri. Pare che il Pd stia per ratificare l’appoggio all’ex vicesindaco, su cui convergerebbero anche altre forze moderate e alcune liste civiche. In attesa che si pronuncino i segretari provinciali di Pd e Udc, Salvatore Capone e Totò Ruggeri, i democratici tirano il freno sull’apertura trasversale al Pdl proposta da Giuseppe Coppola. Quindi niente larghe intese per ora, in attesa di definire le strategie politiche e le azioni programmatiche per iniziare la scalata a Palazzo Balsamo. Controversie molto animate, invece, nel centrodestra laddove si è registrato uno sfogo del referente cittadino della Ppdt, Giovanni De Marini, il quale nei giorni scorsi, nel tentativo di smuovere la prolungata situazione di stallo, aveva dato la propria disponibilità alla candidatura a sindaco lanciando anche l’idea delle Primarie. In sostanza, De Marini rivendica più autonomia del suo movimento rispetto al Pdl e chiama in causa anche il responsabile regionale, Raffaele Fitto, ponendo una serie di interrogativi tesi a verificare la posizione della Ppdt in seno alla coalizione. Con una perentoria entrata a gamba tesa, De Marini chiede: “Cos’è la Ppdt? È un movimento partitico, sia pure su scala regionale, quindi con pari dignità nei confronti del Pdl oppure è una succursale di tale partito nazionale? E se la risposta, come ovvio attendersi, è che la pari dignità non si discute, come mai la ricerca del candidato Sindaco viene praticamente fatta nell’ambito esclusivo del Pdl? Forse perché si vuole dare spazio a soluzioni giovani, ma non nuove, di scarsa esperienza, che però purtroppo sono fortemente concorrenziali tra loro, non essendoci al loro interno chi viene percepito come più autorevole. O forse perché si vuol dar credito a chi millanta di riuscire a creare un riavvicinamento di pecorelle smarrite”. Non ci sta De Marini e non le manda certo a dire, dichiarando senza mezzi termini che in assenza di risposte convincenti “bisognerà valutare se restituire la Ppdt al mittente con gli auguri di un futuro successo”. E in questo pesante clima che si fa strada la voce sempre più insistente che il Pdl, con la benedizione di Vincenzo Barba, sarebbe pronto a lanciare la candidatura di Alberto Leopizzi, ingegnere e cofondatore del movimento “Gallipoli è tua”.  Chi invece va per la sua strada è Tommaso Scigliuzzo, candidato sindaco dell’Idv, il quale, ritenendo oramai alquanto improbabile la paventata intesa con Pd e Udc, prosegue la sua corsa solitaria verso la poltrona di primo cittadino. Nel frattempo, su altri fronti cominciano a prendere forma alcune proposte alternative. I circoli cittadini della Dc e di Fli, guidati rispettivamente da Roberto Gabellone e Roberto Cataldi, hanno confermato la volontà di presentarsi uniti alle prossime consultazioni elettorali, non escludendo la possibilità di allargare l’alleanza ad altre forze moderate quali Udc e Api. “La speranza”, dice Cataldi, “è che si formi un polo moderato che possa individuare le persone migliori che garantiscano il massimo impegno per individuare le soluzioni ai tanti problemi che assillano la nostra cittadina senza lasciarsi condizionare da antagonismi personali e da invidie e gelosie che nulla hanno a che fare con la gestione della cosa pubblica”.


m.a.

Cronaca

Si intrufola al Vito Fazzi e svuota portafoglio, arrestato

Gli agenti di polizia hanno fermato pluripregiudicato che si era introdotto in uno degli uffici interni del Centro di Ricerca Interdisciplinare sul Linguaggio, del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università del Salento, con sede presso l’ospedale Vito Fazzi e si era impossessato di 160 euro dal portafoglio, custodito in un marsupio, del responsabile del centro di ricerca

Pubblicato

il

Gli agenti in servizio presso la Sezione Volanti della Questura di Lecce, hanno tratto in arresto M.D.L., pluripregiudicato leccese di 45 anni, per furto aggravato ed evasione.


Dalla ricostruzione dei fatti è emerso che l’uomo, eludendo la vigilanza, si era introdotto in uno degli uffici interni del CRIL, Centro di Ricerca Interdisciplinare sul Linguaggio, del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università del Salento, con sede presso l’ospedale Vito Fazzi (peraltro, area interdetta al personale non autorizzato) e si è impossessato furtivamente della somma di 160 euro prelevandola dal portafoglio, custodito in un marsupio, del responsabile del centro di ricerca.


Proprio il responsabile, accortosi della presenza dell’estraneo ha chiesto spiegazioni, mai date. Tale atteggiamento ha insospettito il professionista che dopo un rapido controllo ha compreso quanto accaduto, mettendosi immediatamente all’inseguimento del ladro, raggiunto poco dopo all’altezza degli uffici del “118”.


Qui, il derubato, notati dei poliziotti, lì presenti per una manifestazione, ha chiesto il loro aiuto. Immediatamente è intervenuta anche una pattuglia della Sezione Volanti che, a seguito della perquisizione sull’uomo, ha rinvenuto, accartocciate e nascoste negli slip indossati, le banconote appena sottratte.

I successivi accertamenti hanno anche rilevato che l’uomo, già sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari e diffidato ad una corretta osservanza delle priscrizioni dall’A.G., all’ora del fatto sarebbe dovuto essere nella propria residenza.


Alla luce di quanto emerso il DLM è stato tratto in arresto e, come disposto dal magistrato di turno, ristretto agli arresti domiciliari.


Continua a Leggere

Cronaca

Spaccio di droga: due arresti in città

Fermati un parrucchiere 48enne in zona Casermette ed un disoccupato di 41 anni del rione San Pio

Pubblicato

il

In zona Casermette, a Lecce, tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti G.N., un parrucchiere di 48 anni.


A seguito di perquisizione personale e domiciliare, è stato trovato in possesso di 76,2 grammi di marijuana, 21,3 grammi di hashish, un bilancino e 1.160 euro in banconote da vario taglio.


L’uomo è stato posto agli arresti domiciliari.


Per lo stesso reato, nel rione San Pio è stato fermato anche A.P., 41enne disoccupato del posto.

È stato trovato in possesso di 1.404 grammi di marijuana, 45,5 grammi di hashish, 30 grammi di cocaina, sostanza da taglio, un bilancino e 1.900 € in banconote da vario taglio.


Anche per il 41enne del rione San Pio arresti domiciliari.


Continua a Leggere

Attualità

Più di mille nuovi casi e tasso di positività al 13,49%

Nella sola provincia di Lecce sono 79 i tamponi risultati positivi nelle ultime 24 ore

Pubblicato

il

Oltre mille positivi in Puglia e nuova impennata del tasso di positività.


Sono questi i numeri più importanti del bollettino epidemiologico regionale di quest’oggi.


Sono in tutto 1.104 i tamponi risultati positivi su 8.179 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus registrati. L’incidenza è del 13,49% ben più alta rispetto a quella degli ultimi gironi.


Riguardo al sola provincia di Lecce sono 76 i nuovi positivi.


Si aggrava il bilancio delle vittime pugliesi con 22 decessi, 3 dei quali in provincia di Lecce.


IL RIEPILOGO


Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 1.540.574 test.


108.948 sono i pazienti guariti.

32.039 sono i casi attualmente positivi.


Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 144.874, di cui 12.298 nella sola provincia di Lecce.


IL BOLLETTINO EPIDEMIOLOGICO DEL 26 FEBBRAIO 2021






Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus