Connect with us

Lecce

Lecce: proposto un tavolo permanente sul carcere

Di fronte al progressivo aggravarsi della situazione all’interno del Carcere di Lecce, la Direttrice dott. Piccinni ha convocato per oggi, su proposta della Confsal-Unsa di Puglia

Pubblicato

il

Di fronte al progressivo aggravarsi della situazione all’interno del Carcere di Lecce, la Direttrice dott. Piccinni ha convocato per oggi, su proposta della Confsal-Unsa di Puglia, un incontro allargato a Sindacati, rappresentanze interne dei dipendenti, responsabili dei servizi, quadri dirigenti amministrativi e della polizia penitenziara. “Alcune ore di discussione”, commenta Giovanni Rizzo, segretario regionale della Confsal-Unsa, Giovanni Rizzo, “non hanno fatto che rendere ancora più palese la sensazione di disagio e di allarme esistente. Una popolazione detenuta triplicata (1500) rispetto al tollerabile (500 ); organico di polizia penitenziaria sottodimensionato di circa 200 unità; carenza di servizi sanitari che provocano poi superlavoro al personale; turni sempre più faticosi; personale amministrativo diminuito del 35 % in pochi anni; carenza di interventi e di fondi, tanto da tendere moroso l’Istituto nei confronti dell’INPS edell’INAIL; sempre più ridotte le attività di “trattamento”, che consentono di impegnare i detenuti costruttivamente abbattendone l’aggressività causata dalla reclusione, con conseguente aumento dei problemi di sicurezza. Sono solo alcuni punti dolenti della situazione”, aggiunge Giovanni Rizzo, “del resto ormai noti anche all’esterno. Ho quindi proposto, nel corso dell’incontro che era appunto tra addetti ai lavori, di superare le dinamiche dell’esplosione episodica di ‘casi’ e di avviare un confronto continuativo: un tavolo permanente paritetico, continuativo come continua è l’emergenza. Il tavolo permanente tra Sindacati, Amministrazione, operatori, centrerebbe molti obiettivi. Primo, quello di dare all’esterno la consapevolezza dell’urgenza e dell’emergenza, tale da imporre l’analisi e l’iniziativa unitaria. Secondo, la mancanza di frazionismi, rivalità, protagonismi individuali o collettivi. Terzo, l’analisi dei problemi e l’elaborazione finale di una serie di punti critici e di proposte quanto meno organizzative e poi di livello più elevato per ottenere le risorse necessarie: non è sbagliato rivolgersi alla mediazione e all’intervento del Prefetto. L’emergenza”, conclude Rizzo, “causa anche un irrigidimento nei rapporti tra amministrazione e personale. Lo stress, il sovraccarico, il disagio possono portare a un rilassamento dei servizi, cui si può pensare di riparare con una disciplina più rigida. Motivo di più per confrontarsi e agire concordemente, e anche presto”.

Attualità

«Centrosinistra, prendi esempio dal Salento…»

Politiche 2022, Il presidente della Provincia Minerva: «Sconfitta netta a livello nazionale. Come prevedibile, risultato territoriale influenzato dall’incapacità e dalla mancanza di lungimiranza nazionale. Improrogabile il rinnovamento della classe dirigente così come già accaduto in provincia di Lecce».

Pubblicato

il

«Abbiamo atteso i dati ufficiali, come è giusto che sia, per poter iniziare a riflettere su ciò che è accaduto. E i numeri parlano chiaro: il centrodestra unito, spinto dal vento nazionale che soffiava a favore di Fratelli d’Italia e di Giorgia Meloni, ha vinto le elezioni».

Non usa mezzi termini Stefano Minerva, il presidente della Provincia di Lecce, nel fare il punto sul voto del 25 settembre. E lo fa ribadendo che «non ci sono scusanti o attenuanti che tengano. Quando ci si presenta agli elettori senza offrire prospettive, sogni, con il fine ultimo dell’autoconservazione dei dirigenti e dei capicorrente, ecco che la disillusione ha il sopravvento».

Una sconfitta nazionale chiara, dunque.

Secondo Minerva, però, «in un quadro nazionale così delineato, la comunità democratica e progressista della Provincia di Lecce registra proporzionalmente il miglior risultato di Puglia, andando oltre le percentuali nazionali e regionali, sia alla Camera che al Senato».

Come leggere questo dato in controtendenza? Sicuramente, aggiunge Minerva «ciò accade quando una comunità sa parlare ai propri elettori, attua il rinnovamento generazionale, ascolta i cittadini quotidianamente e si apre alle forze riformiste del territorio».

Un risultato che offre un barlume di speranza, per cui il presidente della Provincia ringrazia innanzitutto «i militanti e i volontari di questa campagna elettorale. Abbiamo dimostrato ancora una volta che i valori e le idee sono le radici su cui poggia il nostro agire politico e ciò non era semplice, né scontato. Eppure insieme ci abbiamo messo la faccia, anche quando era scomodo farlo».

Minerva poi sottolinea «l’impegno del segretario provinciale del PD Ippazio Morciano, dei segretari di circolo del Partito Democratico della provincia di Lecce, degli amministratori e dei rappresentanti dei partiti, degli attivisti dei movimenti civici guidati da Alessandro Delli Noci, che hanno scelto la coalizione progressista, impegnandosi come se fossero candidati in prima persona».

Secondo Minerva, infatti, «quello messo in campo è lo spirito di servizio che ci contraddistingue da sempre e che ci spinge a fare sempre meglio e più del dovuto».

Uno spirito di servizio che secondo il presidente della Provincia «ha visto nei candidati, e in particolar modo in quelli del PD la dimostrazione di quanto sia forte il senso d’appartenenza ad una storia comune che doveva essere raccontata, strada per strada, piazza dopo piazza».

Poi un vero e proprio confronto fra la dimensione territoriale e la dimensione nazionale.

«In questa provincia, abbiamo messo in campo i valori e le idee. E non lo abbiamo fatto solo nei pochi giorni di questa campagna elettorale. Lo abbiamo fatto negli anni, con giovani amministratori cresciuti nella dimensione politica dei partiti e che hanno rivendicato e conquistato lo spazio che meritavano, lo abbiamo fatto nei Comuni, con il 70% delle nostre città amministrate dalla comunità democratica e progressista grazie alla fiducia incondizionata da parte dei cittadini».

Il risultato provinciale a dire di Minerva è stato influenzato «dalla mancanza di lungimiranza e dall’incapacità di leggere il cambiamento a livello nazionale. Poteva essere scritta un’altra storia, ma si è deciso di non farlo».

L’appello poi alla comunità democratica e progressista: «Non fermiamoci, continuiamo il cammino iniziato da tempo. Serve riflettere sugli errori commessi e sui punti di forza, serve mettere al centro le idee, i volti e le storie dei territori. Occorre lasciare spazio ad una generazione che ha dimostrato sul campo quanto la passione e i sogni incidano positivamente sui risultati. Lo faremo insieme, così come lo abbiamo sempre fatto».

«L’unica storia che vogliamo raccontare è il futuro» ha concluso il Presidente Minerva, augurando a Claudio Stefanazzi, «buon lavoro, certo che Claudio saprà rappresentare al meglio il territorio e a farsi portavoce delle istanze della nostra terra, così come ha già dimostrato, con competenza, professionalità e passione».

Continua a Leggere

Attualità

Curiosità e record sul campionato di Serie A: migliori squadre, calciatori e allenatori

Ecco chi sono i calciatori che hanno totalizzato più presenze in Serie A

Pubblicato

il

Ci sono tantissimi motivi se le statistiche di Serie A sono sempre prese in considerazione per le scommesse calcio su betfair, così come la storia dei club, il percorso dei calciatori e tantissime altre curiosità inerenti alle partite giocate. Alcune squadre e tantissimi calciatori hanno lasciato il segno nella storia del calcio, ecco tutte le curiosità e record all time del campionato di Serie A, che riguardano calciatori, allenatori e squadre.

pastedGraphic.png

I calciatori che hanno vinto più scudetti sono italiani e tutti della Juventus

Non è un caso che sui siti di scommesse sportive come Betfair, difficilmente si trovano quote sfavorite su Juve, Inter e Milan, squadre che hanno dominato soprattutto in Italia e in Europa (nel caso del Milan).

Il calciatore che ha vinto più scudetti in assoluto è Il Portiere per eccellenza, il Campione del Mondo Gigi Buffon con 10 Scudetti vinti. Seguono Bonucci e Chiellini con 9 Scudetti, Andrea Barzagli con 8 Scudetti, tutti con la Juventus.

I Migliori Cannonieri di Serie A che hanno segnato più di 200 gol in carriera

Il calciatore che ha segnato più reti in Serie A è Silvio Piola con 274 gol in carriera, segue Francesco Totti con 250 gol e al terzo posto c’è lo svedese Gunnar Nordahl con 225 reti.

Al quarto posto c’è Giuseppe Meazza con 216 gol, segue José Altafini con 216 e con 209 gol, al sesto posto c’è Totò Di Natale. Roberto Baggio è stabile al settimo posto della classifica con 205 gol segnati in carriera.

Chi sono i calciatori che hanno totalizzato più presenze in Serie A?

Al quinto posto c’è un portiere, Gianluca Pagliuca, con 592 presenze nella Massima Serie, segue Javier Zanetti con 615 partite giocate. Al terzo posto c’è Totti con 619 presenze in Serie A e al secondo posto c’è Paolo Maldini con 647 presenze in Serie A. Il calciatore con più presenze in assoluto è Gigi Buffon, con 657 presenze in Serie A.

Quali sono le squadre che hanno vinto più di 5 Scudetti?

Ci sono ben 3 squadre che hanno vinto in totale 7 scudetti e sono Torino, Bologna e Pro Vercelli. Il Genoa, che è anche la squadra più antica del campionato italiano, ha vinto 9 volte lo Scudetto, mentre a pari merito al secondo posto ci sono Milan e Inter, pronti a cercare di aggiungere la seconda stella sulla maglia: 19 scudetti vinti. La Juventus è la squadra che ha vinto più volte il campionato di Serie A: 36.

Allenatori più vincenti di sempre

Massimiliano Allegri è l’allenatore che ha vinto più campionati consecutivamente, ben 5 con la Juventus, mentre Giovanni Trapattoni possiede il record del maggior numero di Scudetti vinti con la stessa squadra, che è sempre la Juventus. Le vittorie del Trap sono 6 in totale con i Bianconeri.

Massimiliano Allegri ha vinto 6 Scudetti con due squadre diverse, 1 anche con il Milan, mentre Giovanni Trapattoni ha vinto 7 campionati con 2 squadre diverse, 1 con l’Inter.

Continua a Leggere

Attualità

Andare a scuola? Per i nostri ragazzi è un’odissea

«Per i ragazzi di Corigliano è un’impresa riuscire a raggiungere le scuole di superiori di Maglie, e servirebbe un adeguamento degli orari dei mezzi FSE. La linea Lecce-Otranto è rallentata a Zollino, snodo tra le due dorsali, a causa di lavori che durano da circa due anni. Il sud Salento, in particolare Tricase, non è raggiungibile da molti comuni dell’hinterland. Anche i collegamenti Galatina-Gallipoli lasciano molto a desiderare. Sovraffollamento e corse saltate anche sui mezzi della SITA, con disagi segnalati soprattutto sulla tratta Ugento-Casarano. Gli studenti pendolari si trovano a dover affrontare odissee quotidiane per arrivare a scuola e poi per tornare a casa, tra bus insufficienti e corse soppresse, fermate saltate e ritardi».

Pubblicato

il

Mentre tengono i banchi i conteggi per definire nuovi deputati e senatori dopo le elezioni politiche di ieri, a livello locale io nostri ragazzi sono costretti ad affrontare i problemi di sempre.

Come ha denunciato il consigliere regionale Paolo Pagliaro, capogruppo de La Puglia Domani, «mezzi pieni già alla partenza, studenti in piedi e ammassati, difficoltà a raggiungere le scuole, genitori e amministratori locali sul piede di guerra».

Un film già visto. «Il Covid non è ancora archiviato», ha evidenziato il presidente di Regione Salento, «e l’esperienza di due anni di pandemia dovrebbe aver insegnato regole di prudenza che invece non vengono applicate, così come i modelli sperimentati per garantire un trasporto scolastico efficace. Mentre monta la protesta, le società affidatarie del servizio di trasporto pubblico locale fanno orecchie da mercante».

Giusto per intenderci su quello che accade ogni giorno: «Per i ragazzi di Corigliano è un’impresa riuscire a raggiungere le scuole di superiori di Maglie, e servirebbe un adeguamento degli orari dei mezzi FSE. La linea Lecce-Otranto è rallentata a Zollino, snodo tra le due dorsali, a causa di lavori che durano da circa due anni. Il sud Salento, in particolare Tricase, non è raggiungibile da molti comuni dell’hinterland. Anche i collegamenti Galatina-Gallipoli lasciano molto a desiderare. Sovraffollamento e corse saltate anche sui mezzi della SITA, con disagi segnalati soprattutto sulla tratta Ugento-Casarano. Gli studenti pendolari si trovano a dover affrontare odissee quotidiane per arrivare a scuola e poi per tornare a casa, tra bus insufficienti e corse soppresse, fermate saltate e ritardi».

Per Pagliaro, è compito della Regione e delle società affidatarie assicurare un trasporto pubblico locale efficiente perciò sollecita l’assessora Anna Maurodinoia e i vertici di FSE e SITA affinché si diano da fare «per risolvere il problema, partendo da una fotografia reale della situazione e dall’ascolto degli utenti per trovare soluzioni ai tanti disagi lamentati».

Il Provveditorato di Lecce ha avviato un monitoraggio con le scuole e i dati si dovrebbero conoscere a giorni, ma «possibile», si chiede Paolo Pagliaro «che gli studi e i piani si debbano fare ad anno scolastico già iniziato, senza aver previsto per tempo soluzioni già collaudate come l’ingresso ritardato o scaglionato a scuola?».

Intanto, a fare le spese di questa disorganizzazione sono i nostri ragazzi. Chissà perché, poi, una volta maggiorenni, di andare a votare non ci pensano nemmeno…

*foto in alto di repertorio

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus