Connect with us

Montesano

Montesano riscopre il Santuario di San Donato

Prevista un’opera di rigenerazione riguardante un’area di circa 9000 metri quadri e interventi di recupero attraverso pavimentazioni, parcheggi, verde attrezzato e illuminazione

Pubblicato

il

Anche in questo paese risuona forte e chiara la coscienza della necessità di proteggere, conservare, valorizzare il patrimonio storico-architettonico, inteso quale responsabilità tanto indispensabile quanto imprescindibile nei confronti dei suoi cittadini e non solo. Rilanciare l’immagine di un paese significa dare nuova forza ai suoi luoghi simbolo che permettano di proiettarlo al futuro, restando però saldamente legati alle radici del territorio attraverso il recupero del patrimonio materiale e culturale. In quest’ottica il “Santuario San Donato” è di certo più di un luogo simbolo per gli abitanti di Montesano. In estate, infatti, si svolge in tale spazio la tradizionale fiera all’interno della festa patronale particolarmente cara alla comunità che in tale occasione esprime tutta la sua devozione al Santo Patrono.

L’intervento previsto perseguirà gli obiettivi di rivalutazione funzionale del complesso dell’area di San Donato, che potrebbe essere considerata un po’ la porta del Sud Salento per chi arriva da Maglie, con sviluppi pratici e efficienti di collegamento di quest’area periferica con il resto del centro urbano: saranno realizzate alcune strade ed altre già esistenti saranno adeguate in modo da poter usufruire di percorsi alternativi alla strada statale 275.Il progetto (finanziato nell’ambito del P.O. FERS – Azione 7.2.1. – Lavori di Rigenerazione Urbana e Territoriale – per un importo di circa 600.000 Euro), è entrato, dopo diverse vicissitudini, nella sua fase esecutiva. Esso prevede un’opera di rigenerazione riguardante una vasta area, di circa 9000 mq, in cui sono previsti interventi di recupero attraverso pavimentazioni, creazione di parcheggi, sistemazione a verde attrezzato e illuminazione che renderanno fruibile l’area in oggetto e amplieranno in maniera consistente gli spazi attrezzati destinati alla Fiera di S. Donato. Si  realizzerà una nuova viabilità dell’area che permetterà di raccordare al meglio la Fiera con la parte ovest (uscita per Ruffano) e collegare con il centro abitato una zona periferica ormai altamente urbanizzata denominata “ Pitine”.  “Con la realizzazione di questo progetto”, commenta il Sindaco Eusebio Ferraro, “si raggiunge un duplice obiettivo; da un lato si sistema e si valorizza una grossa area che crea i presupposti logistici per il definitivo decollo della Fiera di San Donato, già divenuta in questi anni Fiera Regionale, dall’altro creerà una nuova viabilità che permetterà agli abitanti della zona “Pitine” di raggiungere il centro abitato attraverso una via comunale senza dover necessariamente, come succede adesso,  percorrere la S.S. 275, i cui rischi, purtroppo, son ben noti alla nostra comunità. È una grande opportunità che si concretizza per il nostro Comune che, a breve, si coniugherà con l’altro progetto di Rigenerazione Urbana, già finanziato e prossimo alla cantierizzazione, riguardante il completamento del centro storico, ovvero la pavimentazione in basolato di parte di via S. Donato, dei Palmenti e delle vecchie corti. Come Amministrazione Comunale siamo davvero orgogliosi di questi risultati”, conclude il Sindaco.


In sostanza il progetto prevede di operare sui quattro sub sistemi principali individuati all’interno dell’ambito “Santuario San Donato”.

Largo Fiera: posta a nord-est dell’area interessata. Questa zona, adiacente al Santuario di San Donato e al cimitero comunale, si trova in pessime condizioni, non essendo fornita di adeguata pavimentazione. Gli interventi riguardano la realizzazione di zone per gli espositori in pavimentazione in prato carrabile in grigliato, mentre per i percorsi che collegano tali spazi saranno utilizzati dei masselli autobloccanti.  Il resto dell’area sarà realizzato con apporto di stabilizzato naturale. Davanti alla chiesa si pavimenterà con basoli di pietra di Soleto unito ad una zona fornita di terreno vegetale seminato con un tappeto erboso.

Zona Teatrino (a sud del Largo Fiera). In tale area di competenza del teatrino comunale all’aperto, vista la buona manutenzione della struttura e l’utilizzo frequente che se ne fa, non si prevede nessun tipo di intervento.

Villetta comunale a confine col centro abitato. In tale area il degrado è molto evidente e necessita, in sostanza, di adeguato ripristino a verde della parte centrale (piantumazione di diverse specie autoctone), vista la scarsa vegetazione arborea in modo da poter realizzare uno spazio sufficiente per lo sviluppo di rapporti sociali. Verranno installate panchine con schienale, fioriere di forma circolare e portabiciclette.

Pineta campo di calcio (sud-ovest, nord-ovest dell’ambito). In tale area sono previsti percorsi pedonali nella zona pinetata in modo da raggiungere, con un unico percorso, tutte le varie funzioni dell’ambito, dal teatrino, al largo fiera, al chiosco esistente e il tutto verrà realizzato con apporto di stabilizzato naturale. L’intervento da realizzare nel largo del campo sportivo riguarda la realizzazione di parcheggi in pavimentazione carrabile comprensivi di percorsi pedonali. L’area sarà attrezzata anche di idoneo arredo urbano con panchine, tavoli pic-nic e portabiciclette.

d.v.


Cronaca

Tromba d’aria: conta dei danni a Montesano e Castiglione

Fortunatamente nessuno è rimasto ferito ma le conseguenze del passaggio della tromba d’aria sono evidenti

Pubblicato

il

La tromba d’aria che questo pomeriggio ha interessato il basso Salento ha provocato danni soprattutto nella piccola comunità di Montesano Salentino, ma anche a Castiglione d’Otranto (Andrano)

Divelte tettoie, danneggiate automobili, alberi scaraventati a terra, lampioni spezzati in due nel primo centro. Un pannello pubblicitario 6×3 ed un albero abbattuti, nel secondo.

Fortunatamente nessuno è rimasto ferito ma le conseguenze del passaggio della tromba d’aria sono ben visibili.

A Montesano anche il sindaco Giuseppe Maglie è sceso in strada per cercare di quantificare i danni.

“A seguito della tromba d’aria avvenuta qualche ora fa”, ha postato il sindaco Giuseppe Maglie, “sono stati allertati i Vigili del Fuoco, Carabinieri e Protezione Civile che stanno operando per mettere in sicurezza le aree colpite.
In attesa della dichiarazione di calamità naturale per la quantificazione dei danni, si invitano i cittadini a segnalare tutte le criticità all’Ufficio di Polizia Municipale.
Eventuali aggiornamenti verranno comunicati in tempo reale”.

Ben 3 mezzi del 115 si sono recati in paese dove i danni maggiori sono stati registrati su via Ruffano.

Le immagini da Castiglione

Continua a Leggere

Appuntamenti

Terra infelice: Montesano nel ‘68, stasera proiezione inedito

Il cortometraggio, girato a Montesano nel 1968, fa vedere uno spaccato della società rurale dell’ epoca con un occhio particolare sulle festività di San Donato di quel periodo e sul fenomeno del Male di San Donato

Pubblicato

il

Serata imperdibile stasera per la comunità di Montesano.
In serata, infatti, in Piazza IV Novembre alle ore 21, verrà proiettato un Docufilm inedito di Alexander Doreen dal titolo ” Terra Infelice”.
Il cortometraggio, girato a Montesano nel 1968, fa vedere uno spaccato della società rurale dell’ epoca con un occhio particolare sulle festività di San Donato di quel periodo e sul fenomeno del Male di San Donato, fenomeno ampiamente conosciuto in tutto il Salento e da sempre oggetto di studio e di ricerca di tantissimi studiosi di antropologia e di etnografia. A seguire ci sarà un dibattito sul tema in cui interverranno, oltre al sindaco dr. Giuseppe Maglie, i docenti dell’Università del Salento prof. Eugenio Imbriani e prof. ssa Immacolata Tempesta, il prof. Donato Margarito e l’arch. Venanzio Marra, che è lo scopritore di questo straordinario documento storico che era conservato presso l’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico (AAMOD) di Roma.

Continua a Leggere

Cronaca

Uomo dà in escandescenze: tensione a Montesano

Da una decina di giorni teneva sotto scacco il paese. Questa notte è andato in escandescenze fino all’arrivo dei carabinieri…

Pubblicato

il

Momenti di tensione nella notte a Montesano Salentino.

Un uomo di nazionalità straniera ha dato in escandescenze, sporgendosi pericolosamente da un balcone e dal tetto di una abitazione.

Già da alcuni giorni il giovane aveva fatto preoccupare molti, esplodendo in improvvisi scatti d’ira.

I presenti hanno contattato i numeri d’emergenza e sul posto sono accorsi i vigili del fuoco del Distaccamento di Tricase con i carabinieri.

L’uomo non ha ben reagito alla loro presenza, tirando pietre contro i carabinieri e intimando loro di allontanarsi ha anche sottratto la scala ai pompieri.

Camminando sul tetto di una abitazione, in prossimità della rotatoria di via Ruffano, si è messo più volte in pericolo fino a quando, fortunatamente, la situazione non è rientrata senza gravi conseguenze.

La violenza in cui è sfociata la rabbia dell’uomo ha però fatto sì che fosse portato via dai carabinieri.

Dopo una notte difficile e carica di tensioni per alcuni cittadini anche di paura, dunque, le forze dell’ordine sono riusciti a neutralizzare l’uomo è a portarlo via con l’aiuto di un equipe di sanitari.

L’uomo, che a quanto è dato di sapere è in possesso del permesso di soggiorno ed è residente nel Tarantino, ora rischia il fermo.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus