Connect with us

News & Salento

Otranto: l’estate al Villaggio Santo Stefano si fa!

Si è conclusa positivamente la preoccupante vicenda relativa al villaggio turistico “mollato” da Club Med ed ora passato alla Bestar

Pubblicato

il

Sospiro di sollievo ad Otranto per la positiva conclusione della preoccupante vicenda relativa al villaggio turistico di Otranto gestito da Club Med. La società ha sottoscritto un accordo di subgestione con la società Bestar, la quale dovrà garantire l’apertura del villaggio Santo Stefano per la stagione turistica 2013.


Dalle condizioni contrattuali accordate tra le parti, risulterebbe l’impegno della nuova società di gestione a garantire l’assunzione del personale dipendente già di Club Med e parrebbe sia stato anche accordato dalla stessa un impegno di massima a venire incontro alle richieste avanzate dal sindaco Luciano Cariddi nell’ultima riunione della task force occupazionale, riguardo alla possibilità di assicurare un minimo numero di giornate per i dipendenti assunti.


La nuova società di gestione sembrerebbe avere inoltre l’intenzione di impegnarsi a garantire una maggiore apertura del villaggio durante la stagione, comunque ben oltre le 10 settimane che in media garantiva Club Med.


Dispiace”, ha commentato il sindaco Cariddi, “constatare in modo definitivo l’andar via della società Club Med con la quale la Città ha avuto sempre buoni rapporti di collaborazione, sin dal lontano 1970, anno in cui fu inaugurato il villaggio.

Resta in ogni caso la soddisfazione per aver raggiunto l’obiettivo di garantire che il villaggio non venga chiuso neanche per una stagione e soprattutto per aver assicurato gli attuali livelli occupazionali relativi al personale direttamente alle dipendenze di Club Med, ma relativi anche all’indotto degli appalti di esternalizzazione che il villaggio di Otranto garantiva”.


Come Amministrazione”, continua il Sindaco, “siamo attenti a seguire l’evoluzione della vicenda e ringraziamo quanti hanno collaborato per il buon esito delle trattative. Speriamo che, superato l’impellente problema della stagione turistica alle porte”, conclude il primo cittadino, “si possa tutti insieme iniziare a discutere seriamente del futuro del nostro villaggio per trovarci preparati in tempo utile una volta che sarà terminata quest’ultima annualità di contratto che era in capo a Club Med”.


News & Salento

Uomo di Sannicola colpito da fulmine in riva al mare

Pubblicato

il

È apprensione per un uomo di Sannicola (e non di Supersano come inizialmente riportato) trasportato all’ospedale di Tricase nella tarda mattinata di oggi.

L’uomo, 33 anni, era in riva al mare a Lido Marini (Ugento) in compagnia di alcuni amici. Improvvisamente è stato colpito da un fulmine.

Gli amici che hanno assistito alla scena hanno chiesto l’intervento del 118.

Il personale medico ha preso in carico il 33enne e lo ha condotto a Tricase in codice rosso. Le sue condizioni preoccupano ma non sono al momento meglio specificate.

Sul posto anche i vigili del fuoco unità cinofili e la croce rossa.

Continua a Leggere

Attualità

“La Tiggiano-Tricase è trafficata e pericolosa? C’è un bel piano B”

Riceviamo e pubblichiamo

Pubblicato

il

Riceviamo e pubblichiamo una suggestione di Salvatore Alessio, nostro lettore da Tiggiano

“La sp81 è un’arteria che collega Tiggiano a Tricase, e viceversa: assai trafficata e pericolosa. Centinaia di persone ogni giorno attraversano quella strada con biciclette e a piedi. Spesso anche mamme con bambini. Mettendo a repentaglio la propria incolumità e quella degli altri. Da qui l’idea di sensibilizzare con un cartello stradale, un’antica strada Messapica, che congiungeva già i due paesi.
Vi consiglio di percorrerla. Ci si trova improvvisamente immersi nella natura. Tra muretti a secco, pajare e macchia mediterranea”.

Continua a Leggere

News & Salento

“La Tiggiano-Tricase è trafficata e pericolosa? C’è un bel piano B”

Riceviamo e pubblichiamo

Pubblicato

il

Riceviamo e pubblichiamo una suggestione di Salvatore Alessio, nostro lettore da Tiggiano

“La sp81 è un’arteria che collega Tiggiano a Tricase, e viceversa: assai trafficata e pericolosa. Centinaia di persone ogni giorno attraversano quella strada con biciclette e a piedi. Spesso anche mamme con bambini. Mettendo a repentaglio la propria incolumità e quella degli altri. Da qui l’idea di sensibilizzare con un cartello stradale, un’antica strada Messapica, che congiungeva già i due paesi.
Vi consiglio di percorrerla. Ci si trova improvvisamente immersi nella natura. Tra muretti a secco, pajare e macchia mediterranea”.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus