Connect with us

Cavallino

Raid incendiario al bar che avrebbe aperto a giorni

L’atto intimidatorio, con modalità mafiose, è avvenuto nella serata di ieri,

Pubblicato

il

Piromani appiccano un incendio all’interno di un locale a Cavallino, nel piazzale della stazione di servizio: una nuova attività, un bar, che sarebbe stato inaugurato tra quattro giorni, è andato a fuoco.

L’atto intimidatorio, con modalità mafiose, è avvenuto nella serata di ieri, nel mirino il distributore “Esso” nei pressi dello svincolo.

I malviventi sono entrati dalla porta antipanico del retro ed hanno appiccato le fiamme. I danni sono ben evidenti e si parla di decine di migliaia di euro.

Sul posto, i vigili del fuoco del comando provinciale e gli agenti di polizia, che ora, assieme ai colleghi della squadra mobile di Lecce, hanno dato il via alle indagini.

Gli investigatori stanno visionando tutti i filmati disponibili compresi quelli delle telecamere installate lungo le stazioni di servizio della vicina tangenziale.

Continua a Leggere

Campi Salentina

Controlli sugli spostamenti: oltre 100 deferiti in due giorni

Fuori da casa senza comprovate esigenze come da decreti su coronavirus: centinaia di veicoli fermati dai carabinieri, chiuso un ristorante

Pubblicato

il

I carabinieri, nella giornata di ieri ed in quella di venerdì, han continuato a mettere in atto sul territorio provinciale specifici servizi finalizzati al rispetto delle disposizioni del d.p.c.m. 8, 9 e 11 marzo 2020.

Nel magliese

I militari di Maglie han proceduto al controllo di 85 persone e di 37 veicoli all’esito dei quali, nei comuni di Maglie, Poggiardo, Soleto, Martano e Corgliano d’Otranto, hanno deferito in stato di libertà 13 individui che circolavano in assenza di valida motivazione dettata da stato di necessità, in violazione delle misure per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da covid-19.

Lecce e dintorni

I controlli effettuati nella giornata di sabato dai militari di Lecce hanno interessato invece 71 persone e 38 veicoli controllati.

Deferimenti nei comuni di Lecce, San Cesario, Lizzanello, San Pietro in Lama, Cavallino, Melendugno, Monteroni di Lecce e Surbo. Sono 28 le persone che circolavano in assenza di valida motivazione dettata da stato di necessità, in violazione delle misure per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da covid-19: tutti deferiti.

Zona Campi

Altre 143 persone controllate e 100 veicoli invece grazie all’operato dei carabinieri di Campi. In 19 sono stati deferiti in stato libertà per gli stessi motivi.

Il gallipolino

I militari di Gallipoli hanno verificato invece 71 veicoli e 92 soggetti, deferendo in stato libertà 36 persone che circolavano in assenza di valida motivazione dettata da stato di necessità.

Nel Capo di Leuca

I carabinieri della compagnia di Tricase, nell’ambito di medesimi servizi preventivi, hanno controllato 87 soggetti e 72 veicoli, deferendo in stato di libertà 7 individui in quanto controllati fuori rispettive abitazioni in mancanza di lecite comprovate esigenze.

Inoltre a Corsano hanno eseguito un provvedimento di sospensione per giorni 30 di attività commerciale. Il provvedimento, emesso dalla Prefettura, era a carico di una attività ristorativa del posto che, in un controllo precedente, era stato sorpreso violare la norma sull’orario di chiusura.

Continua a Leggere

Cavallino

Vola giù dalla tangenziale: incidente schok per 41enne

Pubblicato

il

Incidente spaventoso in mattinata sulla tangenziale est.

Una donna di 41 anni è volata giù dalla carreggiata a bordo della sua Fiat Croma.
Dopo aver perso il controllo del mezzo all’altezza di Cavallino, è finita oltre il guardrail cappottandosi.

Sconvolta per l’accaduto, la malcapitata è stata soccorsa tempestivamente dal 118, contattato a sua volta da automobilisti che avevano assistito al sinistro. Fortunatamente al grande spavento non son corrisposte gravi ferite.

Accorse anche le forze dell’ordine per rilievi e messa in sicurezza della zona.

Foto da Leccesette

Continua a Leggere

Cavallino

“Per la tranquillità dei clienti, lasciamo gestione a personale italiano”

L’incredibile decisione dei proprietari del Mio Market di Cavallino, dettata dalla psicosi Coronavirus

Pubblicato

il

Da giorni non si parla d’altro che di coronavirus. Argomento che ha avuto concrete ripercussioni sulla vita quotidiana di pochi ma che ha indotto tanti, tantissimi a cambiare alcune abitudini quotidiane, in maniera del tutto inutile e approssimativa.

La psicosi nata con la diffusione del virus ha infatti sconvolto la vita della comunità cinese che vive in Italia. Nel giro di pochi giorni il clima attorno alle persone ed alle attività di provenienza cinese è cambiato. La paura ha portato milioni di persone a temere di poter contrarre il virus anche solo entrando in contatto con prodotti di provenienza cinese, cosa in realtà priva di fondamento scientifico.

Tutto ciò ha senz’altro influito sulla clamorosa decisione dei gestori del Mio Market di Cavallino che hanno scelto di lasciare temporaneamente la loro attività nelle mani del personale italiano.

Sulle porte del negozio lo staff ha lasciato questo messaggio: “Ogni nazione è in grado di occuparsi dei problemi… Non importa quanto faticosamente… Vista la paura del Coronavirus lasciamo la totale gestione al nostro personale italiano“.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus