Connect with us

News & Salento

Tutti il Salento provincia di Taranto? Gli strali di Vadrucci

Il Consigliere regionale Mario Vadrucci: “Il territorio leccese resterebbe lontanissima periferia di una città a distanza di 180 chilometri, tanto separa Taranto dal Sud Salento

Pubblicato

il

Tutto il Salento provincia di Taranto? Il Consigliere regionale Mario Vadrucci si scaglia contro il PD: “Il Salento tutto, il mondo produttivo in particolare, farebbe bene ad alzare poderose barricate, davanti alla scriteriata proposta del Partito Democratico di “cedere”, anzi “regalare” lo status di capoluogo di provincia a Taranto, solo per meri tornaconti politici o per il gusto di veder tolta al centrodestra la presidenza della provincia ora ben diretta da Antonio Gabellone, che ha dato un’impronta di serietà e trasparenza a una nave in passato in acque spesso troppo oscure”. Secondo il Consigliere regionale “è davvero senza senso, senza giovamento, la proposta del PD di affidare a Taranto il ruolo di capoluogo di una maxi-provincia dove tutto il territorio leccese resterebbe lontanissima periferia di una città a distanza di 180 chilometri, tanto separa Taranto dal Sud Salento. Insomma il PD vuole allontanare il capoluogo di provincia ai livelli del capoluogo regionale, Bari, che già dista 150 chilometri da Lecce e non solo per questo condanna la periferia dell’Impero a vivere di luce riflessa rispetto al capoluogo”. Ironicamente poi Vadrucci si chiede: “Hanno mai, gli illustri colleghi del Partito Democratico, condotto un’azienda o fatto i conti con le distanze, con le incombenze della burocrazia? Hanno calcolato le perdite gravissime di Camera di Commercio, uffici previdenziali, ASL, tribunali, sindacati, organizzazioni professionali e quant’altro sarà costretto a emigrare in un’altra città se Lecce sarà retrocessa al triste ruolo di paese?


Vengono i brividi solo a pensarci, a immaginare che per avviare un’azienda, richiedere una pratica, portarla avanti, pagare le tasse, registrare i contratti si debba pensare di fare avanti e indietro da Taranto o dalle sue articolazioni secondarie, che magari resterebbero dislocate in tutta la maxi-provincia”.

Una proposta, secondo Vadrucci, “fuori dal tempo, dalla modernità che vuole tutto svolgersi in tempo reale e fuori dalla logica, che vede già migliaia di imprenditori salentini alle prese con i problemi della sopravvivenza alla crisi. E il PD in tutto questo che fa? Vuole fare il “dispetto” al centrodestra proponendo l’emigrazione della provincia, cancellando secoli di storia. No, tutti”, conclude Mario Vadrucci, “ dobbiamo respingere al mittente questa scellerata ipotesi, difendendo il nostro territorio da quella che sembra solo una squallida mercificazione politica”.


Alezio

Alezio, dal 18 al 20 giugno le giornate europee dell’archeologia

Nel museo civico Messapico di Palazzo Tafuri e nella necropoli di Monte D’Elia

Pubblicato

il

In occasione delle Giornate Europee dell’Archeologia, dal 18 al 20 giugno 2021 sono in programma visite alla Necropoli Messapica di Monte d’Elia e al Museo Civico Messapico di Palazzo Tafuri, organizzate dal Comune di Alezio (Lecce) d’intesa con la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Brindisi e Lecce e in collaborazione con il Dipartimento di Beni Culturali dell’Università del Salento, cui è in capo la direzione scientifica delle attività di ricerca nella necropoli. Sarà inoltre presente l’associazione Archès.

Gli appuntamenti si apriranno venerdì 18 giugno, alle ore 18, nella sala conferenze del Museo Civico Messapico di Palazzo Tafuri, dove si terrà una conferenza di presentazione e l’apertura alle attività; presiederà i lavori il Sindaco Andrea Barone; parteciperà il direttore degli scavi Giovanni Mastronuzzi, professore di Archeologia classica all’Università del Salento. Al termine sarà possibile visitare, con una guida, il museo e l’area della necropoli.

Sabato 19 giugno, dalle ore 17 alle ore 19, presso la Necropoli di Monte d’Elia, in programma “A spasso nell’antichità”: il pubblico, organizzato in gruppi, verrà accompagnato da guide e potrà assistere a performance rievocative storiche che includeranno la ricostruzione di una fornace per la produzione di manufatti in ferro secondo le tecniche e tecnologie utilizzate dai Messapi, la simulazione di uno scontro armato tra opliti greci e messapi, l’illustrazione della tessitura antica, la scrittura dei Messapi, modi e forme di sepoltura presso gli antichi abitanti di Alezio con il racconto della città dei morti e il culto degli antenati.

Domenica 20 giugno in programma “Piccoli archeologi”: dalle ore 17 alle ore 19, presso il Museo Civico Messapico Palazzo Tafuri, si terranno laboratori di argilla per i più piccoli; si potrà imparare a costruire manufatti come vasi, piccole statuine e tavolette scrittorie, su cui incidere il nome in alfabeto messapico. I bambini saranno organizzati nel rispetto delle norme anti-Covid e guidati da esperti.

Informazioni e prenotazioni telefonando al numero 335 7670971, dalle ore 9 alle ore 12.
Le Giornate sono supportate e gestite dall’INRAP – Istituto nazionale di ricerca archeologica preventiva di Francia e organizzate per l’Italia dal Ministero della Cultura – Direzione generale Musei.
Continua a Leggere

Appuntamenti

UniSalento, laurea honoris causa al professor Laffi

Dopo l’intervento del Rettore Pollice la laudatio è stata affidata alla professoressa Francesca Lamberti, ordinaria di Diritto romano e diritti dell’antichità

Pubblicato

il

Si è tenuta questa mattina all’Università del Salento la cerimonia di conferimento della laurea honoris causa in Giurisprudenza al professor Umberto Laffi, Emerito dell’Università di Pisa e Accademico dei Lincei.

La cerimonia si è svolta online, in diretta dalla sala conferenze del Rettorato a Lecce; la registrazione è visibile su https://unisalento.it/honoriscausa.

Dopo l’intervento di apertura del Rettore Fabio Pollice e i saluti del Direttore del Dipartimento di Scienze giuridiche Luigi Melica e del Delegato alla Comunicazione Stefano Cristante, il professor Stefano Polidori, Presidente del consiglio didattico del corso di laurea magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza, ha dato lettura della motivazione. La laudatio è stata affidata alla professoressa Francesca Lamberti, ordinaria di Diritto romano e diritti dell’antichità.

Il professor Laffi ha tenuto una lectio magistralis sul tema “Italia romana: potere centrale e autonomie locali, dall’età mediorepubblicana all’età augustea”. Il Direttore generale Donato De Benedetto ha simbolicamente consegnato al professore la medaglia dell’Università del Salento.
Il profilo biografico del professor Laffi
Nato a Belluno nel 1939, Umberto Laffi si è formato, a Pisa, all’insegnamento di Emilio Gabba ed è l’ultimo allievo della scuola di Plinio Fraccaro. Le sue ricerche si snodano lungo diversi filoni della storia e del diritto pubblico antico, con particolare interesse verso i problemi politico-amministrativi dello stato romano, sia in età repubblicana sia in età imperiale.
Tra i campi di ricerca coltivati: l’organizzazione romana della conquista in Italia e fuori d’Italia fra età medio-repubblicana e primo principato; la Gallia Cisalpina e le province alpine; la storiografia e la vita politica del I secolo a.C. a Roma; documenti bilingui greco-latini d’Asia Minore; senatoconsulti e leggi pubbliche del popolo romano; rapporti tra Roma e gli alleati; trattati interstatali. Ha dedicato vari studi anche al diritto e al processo penale romani.
Continua a Leggere

Cronaca

Tricase e le case popolari: ‘Cronaca di abusi annunciati’

E l’Amministrazione locale? … quando non si rende complice nelle “assegnazioni”, volge lo sguardo, chiude gli occhi, copre le orecchie!

Pubblicato

il

Quello che riceviamo e pubblichiamo di seguito è l’ennesimo grido di dolore che urla giustizia. Giustizia sì, perché chi è già stato condannato dalla vita a sopportare rinunce e privazioni, a lottare quotidianamente per un tozzo di pane, chi, diligentemente, ha atteso che una folata di vento buono gli recapitasse un alito di serenità, oltre al danno non merita di subire la beffa.

Perché questa ‘didascalia’?, perché se è vero quello che leggiamo, e vi invitiamo a leggere nella missiva che abbiamo ricevuto in redazione, gli abusi e i soprusi sono tanti e tali da far rabbrividire; perché situazioni che sappiamo meritano attenzione continua, vengono spesso abbandonate al loro destino: un po’ come chi decide di educare i propri figli parcheggiandoli davanti alla TV perché si ha altro da fare, invece di seguire, comprendere, correggere e tutelare chi, secondo il metro della nostra secolarizzata società, bisognerebbe ‘formare, crescere ed inserire’.

Ed è allora che, dopo aver silenziato i bisogni della coscienza dell’anima, parte il liberi tutti!

Il film delle case popolari di Tricase non è un unicum, anzi. E’ una condanna allo spiedo che brucia sulla graticola delle colpe della ‘società civile’ e che, frequentemente, tutti, nessuno escluso (anche noi giornali), vedono, soppesano e dimenticano in un amen.

Quando si parla di alloggi occupati, di fittizie separazioni, di residenti non residenti, impianti volutamente danneggiati, di furti d’acqua, di vetri rotti, ed altre scorrerie, se si conoscono quanti ‘gestiscono allegramente’ e con poca coscienza il bene pubblico, perché non si interviene?

Cosa ci impedisce di accendere un faro sui ‘furbetti del mattone’ intervenendo e risolvendo senza indugio il problema?

Mi auguro che stavolta questa denuncia riceva il sostegno agognato, che chi preposto al controllo di tali urgenze, trovi il tempo ed il modo di intervenire, che non si debba, per l’ennesima volta, dare ragione alla saggezza popolare di mio nonno che davanti a questi scempi, bofonchiava: “Dopo ca ‘mprenene e monache mintene i purtuni te fierru!

Luigi Zito

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Tricase case popolari = abusi!?

Il 01 dicembre 2020 sono stati consegnati a Tricase i primi 27 alloggi di edilizia residenziale popolare ai nuclei familiari risultati beneficiari della graduatoria approvata con determinazione n. 32 del 16 febbraio 2016.

Una delle assegnatarie, commossa, avrebbe esclamato: “Per la mia famiglia oggi è veramente una giornata di sole; abbiamo, finalmente, una casa!”.

Ad oscurare lo splendore solare, in men che non si dica, sono presto calate le tenebre: illuminazione esterna distrutta, pozzetti divelti, vetrate frantumate e muri imbrattati!

La nobiltà d’animo di chi gioisce per aver dato un tetto sotto cui dormire ai propri figli viene offuscata dalla persistente inciviltà di chi, oltreché abusivo, disprezza il bene comune.

Le occupazioni abusive, quando non sono state già sanate, vengono comunque ignorate da chi è deputato a compiere le opportune verifiche. E, quindi:

piuttosto che chiedere ed aspettare di essere inseriti in una graduatoria, meglio occuparli abusivamente gli alloggi perché standoci già dentro si hanno maggiori chances di rimanerci;

coniugi che inscenano fittizie separazioni personali per accrescere le possibilità di assegnazione, spesse volte, non di un solo alloggio bensì di due;

– assegnazioni effettuate a soggetti residenti da svariati anni all’estero e che ne traggono profitto dalla locazione a terzi;

– occupanti abusivi che deliberatamente e periodicamente danneggiano gli impianti sanitari per costringere l’Istituto ad intervenire ristrutturandoli (rectius, ammodernandoli)

– assegnatari i cui componenti del nucleo famigliare sono ormai percettori di reddito, ma morosi nel pagamento dell’utenza idrica (a danno degli altri assegnatari “diligenti”).

E l’Amministrazione locale? … quando non si rende complice nelle “assegnazioni”, volge lo sguardo, chiude gli occhi, copre le orecchie!

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus