Connect with us

Sport

Calcio: Lecce verso la meta, il Gallipoli spera

La 38^ giornata del torneo cadetto può lanciare ancor di più la capolista di De Canio (impegnata in casa contro l’Albinoleffe) verso il salto di categoria, mentre il Gallipoli prova a far punti nella tana d’un Torino ferito.

Pubblicato

il

Gigi De Canio Lecce Albino Leffe

Gigi De Canio Lecce Albino LeffeLa 38^ giornata del torneo cadetto può lanciare ancor di più la capolista di De Canio (impegnata in casa contro l’Albinoleffe) verso il salto di categoria, mentre il Gallipoli prova a far punti nella tana d’un Torino ferito. Si gioca sabato 1° maggio, alle ore 15,30.

Qui Lecce. Un altro passo da compiere verso la A, in occasione della sfida contro l’Albinoleffe. Proprio contro i seriani, che richiamano alla mente la magica notte del 15 giugno 2008, quando i giallorossi ottennero (in finale play off) quel pareggio che valse l’ultima promozione in massima serie. La storia starebbe per ripetersi, l’ipoteca messa dai giallorossi è alquanto forte, ben nitida e visibile agli occhi della concorrenza. Dirette rivali che Giacomazzi e compagni hanno provveduto a seminare con una spaventosa continuità di risultati utili (l’attuale striscia è a quota 8), relegando il Sassuolo, secondo, a 6 lunghezze di distanza e il terzo posto (che vale i play off) addirittura a 7. Le tabelle di marcia, in casa salentina, sono già stilate ed ovviamente non si può fallire, fra le mura amiche, contro la compagine di Mondonico, relativamente tranquilla e quasi certa della permanenza fra i cadetti. Un altro successo renderebbe ancor più solido il primato del Lecce, nella giornata in cui il Sassuolo va a Padova e il Brescia si reca ad Empoli. Pochissimi grattacapi di formazione per Gigi De Canio, che ha dovuto rinunciare solamente agli infortunati Giuliatto e Lepore e anche al giovane Mazzotta, convocato nella selezione Under 20. Si va verso la riconferma, in blocco, dell’undici che ha sempre ben figurato nelle ultime uscite, proiettando i giallorossi sempre più vicini all’agognata meta. La probabile formazione: Rosati, Angelo, Ferrario, Fabiano, Mesbah, Munari, Vives, Giacomazzi, Di Michele, Corvia, Marilungo. Arbitro sarà Baracani di Firenze.

Qui Gallipoli. Crederci è un obbligo, specialmente dopo aver visto la luce (anche se fioca) in fondo al tunnel. Il successo sulla Salernitana di sabato scorso, arrivato in seguito a cinque sconfitte consecutive, ha quantomeno tirato su il morale della banda di Ezio Rossi, rilanciando anche le quotazioni in ottica salvezza (o almeno play out). La situazione resta piuttosto critica, la bagarre è accesissima nei bassifondi della classifica e le dirette concorrenti non se la passano certo bene: basti pensare alle balbettanti Padova e Triestina, ma soprattutto al Mantova (nell’ultimo turno ne ha incassate 6 a Cittadella) e al Frosinone, che ha appena mandato via il leccese Moriero. Nell’ennesima giornata decisiva, gli ionici saranno di scena sul difficile campo del Torino: i granata sono in corsa per un posto in A, ma hanno conquistato solamente 2 punti nelle ultime 4 uscite. In chiave formazione, il tecnico Rossi recupera Mounard, che partirà molto probabilmente titolare alle spalle del tandem d’attacco Artistico-Di Carmine. Gli ionici dovrebbero schierarsi con un 4-3-1-2 visti anche i rientri di Pallante e Scaglia, mentre resta un forte dubbio circa le condizioni di Paez. La probabile formazione: Koprivec, Daino, Sosa, Tagliani, Scaglia, Filkor, Pederzoli, Viana, Mounard, Artistico, Di Carmine. Arbitro sarà Peruzzo di Schio.


Giorgio Coluccia


Il programma della 38^ giornata, sabato 1° maggio, ore 15,30:


Lecce-Albinoleffe

Reggina-Ascoli

Empoli-Brescia (lunedì 3 maggio, ore 20,45)

Frosinone-Cesena

Modena-Cittadella

Torino-Gallipoli

Ancona-Grosseto (venerdì 30, ore 20,45)

Salernitana-Mantova

Padova-Sassuolo

Crotone-Triestina

Piacenza-Vicenza


Classifica: Lecce 67; Sassuolo 61; Cittadella, Brescia 60; Cesena 59; Grosseto 57; Torino, Empoli 55; Crotone 53; Ascoli 51; Ancona 50; Albinoleffe 49; Piacenza, Reggina, Modena 47; Vicenza 45; Frosinone, Triestina 43; Mantova, Padova 41; Gallipoli 40; Salernitana 17.

*Ancona e Crotone penalizzati di 2 punti. **Salernitana penalizzata di 6 punti e già retrocessa in Prima Divisione.


Appuntamenti

Nuoto in acque libere: la prima gara a Castro

Sabato 1° giugno dalla Zinzulusa prende il via la nuova stagione. Partenza alle 16

Pubblicato

il

  Segui il Gallo  Live News su WhatsApp: clicca qui

Tutto è pronto per la nuova stagione del nuoto in acque libere, Snalsea affiliata ad Aics, annuncia la prima tappa dell’open water, la 2,5 km, gara di mezzo fondo, per sabato 1 giugno, alla Zinzulusa di Castro.

Il luogo di ritrovo degli atleti, sarà presso la Piscina della grotta Zinzulusa alle ore 14, dove lo staff della Snalsea eseguirà la punzonatura degli iscritti; la gara è valevole per i soli tesserati Aics provvisti di certificato medico sportivo agonistico.

La partenza della gara sarà le 16, l’arrivo è previsto per le ore 18; alle 18,30 la premiazione.

La Snalsea ha designato il percorso di 2,5 km pari ad un unico giro.

Della messa in sicurezza in mare, si occuperanno lo staff della Snalsea con gommoni ed il 118 munito di personale medico.

Il motto della Snalsea è divertirsi bracciata dopo bracciata in un mare cristallino, affrontando ogni difficoltà che a loro preserva.

 

Continua a Leggere

Attualità

Giocatori con basso valore di mercato da tenere d’occhio in Coppa America per il Lecce

Pubblicato

il

Chi l’ha detto che il Lecce non possa mettere a segno un colpo di mercato di valore? Il calciomercato è grande e ricco di opportunità da sfruttare. E se i prezzi degli ingaggi in Europa sono troppo alti, si può sempre guardare ad altri Paesi, continenti e gironi competitivi per individuare dei talenti nascosti che ancora valgono poco. 

In vista della Coppa America che si terrà tra giugno e luglio , vediamo insieme alcuni giocatori con basso valore di mercato che sono da tenere d’occhio per mettere a segno qualche colpo. E anche se forse gli ingaggi sono comunque troppo alti per una squadra come il Lecce, sarà comunque bello vedere se questi giocatori cresceranno di valore.

La top 5 dei giocatori con minor valore di mercato

Minor valore di mercato si fa comunque per dire: le somme degli ingaggi partono da 1,5 milioni di euro. Queste cifre sono soggette a possibili cambiamenti nel corso della stagione, in particolare a seguito di performance di successo che possono portare questi talenti sotto i riflettori. Molti appassionati seguono le quote Coppa America per restare aggiornati sugli andamenti dei valori dei calciatori in corso d’opera, dato che possono fornire ulteriori indicazioni su come gli esperti del settore vedono questi nomi dal piede magico. 

Vediamo la lista dei 5 giocatori in questione:

  • il Puma: pseudonimo di José Luis Rodríguez, il classe ‘98 originario del Panama gioca nel ruolo di ala sinistra. Il suo valore di mercato è di 1 milione e mezzo di euro, una cifra comunque elevata ma che è la più bassa di questa lista. Attualmente gioca in Liga portoghese nella squadra del FC Famalicão;
  • Pedro Gallese: alla stessa cifra del Puma troviamo Gallese, che gioca nella Orlando City FC della MLS nel ruolo di portiere. Il peruviano nato nel 1990 ha visto quotazioni superiori nel corso del tempo, pertanto sarà interessante vedere se riuscirà a riguadagnare terreno;
  • Nahuel Ferraresi: il venezuelano classe ‘98 di origini italiane gioca attualmente nella Serie A come difensore centrale. Il suo valore è di 1,50 milioni come per gli altri due appena visti, con la differenza che si trova al picco del suo valore. Continuerà a crescere? Staremo a vedere;
  • Gustavo Velázquez: il giocatore paraguaiano nato nel 1991 e attivo col ruolo di difensore centrale per il CA Newell’s Old Boys sale leggermente, con una quotazione di 1,7 milioni di euro. Con i suoi oltre 30 anni di età sarà forse difficile vedere un incremento di valore, ma non si può mai sapere se con l’esperienza possano arrivare anche nuove opportunità;
  • Guillermo Varela: difensore laterale destro nato in Uruguay ma con origini italiane, gioca nel CR Flamengo e ha una quotazione di mercato di 1,7 milioni. Il suo valore massimo è stato di 2,5 milioni, una somma che non si allontana troppo dal suo attuale prezzo. Nato nel ‘93, si avvia verso la fine della sua carriera? Non possiamo saperlo, perciò occhi aperti su di lui e sull’opportunità che rappresenta.

Altri giocatori interessanti

La squadra del Lecce vedrà mai questi giocatori? Forse no, dato che è più probabile che dal Lecce passino al Monza. Tuttavia, chi ha la fortuna di girare i campi da calcio delle squadre giovanili potrebbe individuare dei possibili talenti che dall’America potrebbero arrivare fino in Italia o, più in generale, nei gironi europei. 

Ma quali altri giocatori dei gironi della Coppa America potrebbe valere la pena di tenere d’occhio? Ebbene, ci sono alcuni nomi ancora che potrebbero finire sotto i riflettori. Raggruppiamoli per prezzo:

  • 1,8 milioni: Miguel Trauco, Jhonder Cádiz, Yordan Osorio, Piero Quispe, Carlos Palacios, Andrés Hurtado, Sergio Córdova, Diego Valencia;
  • 2 milioni: Thomas Galdames, Santiago Mele, Matías Catalán, Julio Cascante, Joao Ortiz, Darwin Machís, Jon Aramburu, Gustavo Puerta, Vicente Pizarro, Gianluca Lapadula, Dayne St. Clair, Juan Pablo Vargas, e altri.

Facendo un salto di svariati milioni di euro, ai massimi prezzi per gli ingaggi troviamo Manuel Ugarte del Paris Saint German a 60 milioni, Lucas Paquetá del West Ham a 65 milioni, Douglas Luiz dell’Aston Villa a 70 milioni, Federico Valverde del Real Madrid a 100 milioni tondi tondi e… non poteva mancare Lautaro Martínez dell’Inter dal valore stratosferico di 110 milioni di euro. Ma sorpresa, non è affatto il giocatore più costoso!

Gioca, infatti, nel Real Madrid il calciatore sudamericano con l’ingaggio più alto: a 150 milioni di euro troviamo Vinicius Junior, nel suo ruolo di ala sinistra. Cifre da capogiro veramente.

Continua a Leggere

Lecce

Rally del Salento, ecco come è andata

Vincitori, classifiche e andamento dell’appassionante gara sulle strade del Salento

Pubblicato

il

  Segui il Gallo  Live News su WhatsApp: clicca qui

Il 56esimo Rally del Salento, organizzato dall’Automobile Club di Lecce e terzo round del Trofeo Italiano Rally, è andato al fotofinish a Luca Pedersoli e Corrado Bonato (nella foto in alto di M. Bettiol), su Citroen DS3 Wrc.

Quella del pilota bresciano di Gavardo è stata una gara entusiasmante, combattuta sul filo dei decimi di secondo con Giuseppe Testa e Gino Abatecola, secondi al termine.

ll molisano ed il frusinate, portacolori della Ro Racing, hanno risposto sempre egregiamente agli attacchi dei propri avversari, ma, dopo aver ceduto il testimone ai vincitori nella seconda tornata di prove di sabato, non sono riusciti a tornare in vetta per un solo secondo e cinque decimi, nonostante due scratch consecutivi nei due tratti conclusivi.

Il forte pilota di Cercemaggiore, grazie alla piazza d’onore ha incrementato il proprio vantaggio in classifica di campionato e ha staccato la concorrenza.

Il Podio è stato completato da Luca Rossetti e Nicolò Gonella.

I due alfieri della Bluthunder Racing, che hanno iniziato la loro esperienza nella nuova serie ideata da Acisport proprio sulle strade salentine, hanno dovuto togliersi di dosso un po’ di ruggine dovuta a diversi mesi di inattività e hanno poi preferito condurre la loro Skoda Fabia R5 Evo all’arrivo, senza prendere rischi inutili.

Il “Salento”, che vanta il coefficiente 1,5 ai fini dell’attribuzione dei punteggi in campionato, ha regalato, come di consueto colpi, di scena.

A saperne qualcosa sono stati Corrado Pinzano e Mauro Turati che, mentre erano in lotta per le posizioni di vertice, sono incappati in una doppia foratura e sono precipitati nelle retrovie.

Il piemontese della New Driver’s Team ha poi dato vita a una splendida rimonta che lo ha condotto al quarto posto finale.

Ottima quinta posizione assoluta, e primo tra i pugliesi, per l’equipaggio formato dal ruffanese Francesco Rizzello e dal casaranese Fernando Sorano, in gara con una Skoda Fabia R5 con i colori della Scuderia “SalentoMotori” di Tricase.

Da sottolineare anche la prestazione di salentini Maurizio Di Gesù e Cristian Quarta che hanno posizionato la loro Skoda Fabia R5 in decima posizione assoluta classificandosi contemporaneamente terzi della Over 55.

La sesta edizione del Rally Storico del Salento, valido per il Trofeo Rally di Zona e abbinato dal 2018 alla manifestazione riservata alle vetture moderne, ha invece visto la vittoria dei portacolori della scuderia RO racing, Toti Mannino e Giacomo Giannone, in gara con una Bmw 2002 del Secondo Raggruppamento.

I due siciliani hanno preso il comando delle operazioni sul primo tratto cronometrato e hanno poi resistito agli attacchi della Ford Escort Rs MK di Alessandro Oliveri e Marianna Ambrogi.

Il podio è stato completato dai vincitori del Terzo Raggruppamento, Pippo Savoca e Francesco La Franca, in gara con una Fiat Ritmo 75.

Il Salento Historic Regularity Rally gara di velocità a media che da quest’anno è entrata a far parte nel novero delle manifestazioni della kermesse salentina, ha visto il successo, tra i concorrenti della velocità a media 60, di Ermanno Keller e Nicola Manzini, su Audi Quattro e tra quelli della velocità a media 50, di Vittorio Catanzaro e Anna Maria Beneduce, su Mazda 323.

Soddisfazione per Automobile Club Lecce, organizzatore del “Rally del Salento”, che dopo aver fatto registrare il record di iscritti, ben 105 tra le tre gare in programma, ha fatto registrare anche il tutto esaurito in termini di pubblico, non solo lungo il tracciato di gara ma anche nella splendida cornice di Piazza Mazzini a Lecce dove una altrettanto splendida galleria di luminarie salentine ha preso il posto della pedana di Partenza e Arrivo della gara.

56° Rally del Salento, Classifica Finale Assoluta (top ten)

1. Pedersoli-Bonato (Citroen Ds3 Wrc) in 49’55”,5
2. Testa-Abatecola (Skoda Fabia Evo RS) a 1”,5
3. Rossetti-Gonella (Skoda Fabia R5 Evo) a 51”,9
4. Pinzano-Turati (Volkswagen Polo R5 GTI) a 1’,10”,5
5. Rizzello-Sorano (Skoda Fabia R5) a 1’10”,8
6. Miele-Paganoni (Skoda Fabia Evo RS) a 1’25”,3
7.Menegatti-Rutigliano (Skoda Fabia Evo RS) a 1’56”
8. Silva-Pina (Skoda Fabia Evo RS) a 2’05”,7
9. Nodari-Nodari (Skoda Fabia Evo RS5) a 3’24”,9
10. Di Gesù-Quarta (Skoda Fabia R5) a 4’05”,6

Trofeo Italiano Rally Asfalto – Classifica assoluta

1.Testa pt 52,5

2.Pinzano pt 45

3.Pedersoli pt 37,5

5.Miele pt 29,5.

Gianluca Eremita

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus