Connect with us

Casarano

Casarano Calcio in lutto: è morto Salvatore Mazzarano

Ha lasciato un gran ricordo nel tifo dei rossoazzurri, pur avendoci giocato solo nella stagione 1990-91. In foto è il primo da sinistra

Pubblicato

il

Lutto improvviso nel calcio casaranese e non solo.


Si è spento a 58 anni l’ex calciatore rossoazzurro Salvatore Mazzarano, che ha lasciato un gran ricordo nel tifo delle Serpi, pur avendo giocato una sola stagione nel 1990-91.


La formazione guidata da Gianni Balugani concluse il campionato al terzo posto, schierando elementi di valore già noti o di sicuro successo, come nel caso di Mazzarano che finì in serie A con l’Ancona.

Nella foto in alto, Mazzarano, Pinna, Dondoni, Landonio, Di Battista, De Solda, Meluso; Di Baia, Paliano, Pettinicchio, Toti.


Giuseppe Lagna


Attualità

Turismo, aziende ancora a caccia di lavoratori

Arpal, 740 posti nel Leccese. Tra le nuove offerte di lavoro: cercasi tre baby sitter per società cooperativa a Scorrano, tre addetti alle pulizie e tre camerieri di sala per hotel a Porto Cesareo, camerieri, pizzaiolo e aiuto pizzaiolo, banconisti per pizzeria di San Donato. Il 21° Report settimanale Arpal dell’Ambito di Lecce

Pubblicato

il

 Segui il Gallo  Live News su WhatsApp: clicca qui

Cresce ancora il settore del turismo e della ristorazione che conta 329 posizioni disponibili.

La stagione turistica è già partita, ma le aziende sono ancora alla ricerca di alcune figure professionali.

Tra le nuove offerte di questa settimana: a Porto CesareoHotel Posidonia” assume tre addetti alle pulizie e tre camerieri di sala; a San DonatoPizzeria Aromi” ricerca otto risorse tra camerieri, pizzaiolo e aiuto pizzaiolo, banconisti; a Scorrano, società cooperativa seleziona due baby sitter per l’intrattenimento di bambini durante cerimonie e matrimoni, richiedendo la conoscenza della lingua tedesca.

Nel complesso, nel 21° Report settimanale dell’Ambito di Lecce si contano 244 annunci per un totale di 740 posizioni lavorative.

Il settore maggiormente in crescita, quindi, resta quello del turismo e della ristorazione. Bene anche il settore edile con 113 figure professionali ricercate, mentre nei trasporti e nella riparazione dei veicoli ci sono 27 opportunità.

Il settore del commercio offre 54 posizioni.

Il settore amministrativo e informatico ne registra 22, il comparto dello spettacolo e organizzazione eventi 5.

Nel settore della sanità e dei servizi alla persona sono disponibili 28 posizioni. Tra quelle da segnalare, vi è quella dello studio dentistico “WeSmile” di Vignacastrisi, che ricerca una risorsa da inserire in supporto alle attività di segreteria e un assistente alla poltrona anche senza esperienza nella mansione.

Nel settore dell’agricoltura, agroalimentare e ambientale sono ricercati 40 lavoratori, mentre nel settore delle telecomunicazioni 30.

Il comparto Tessile-Abbigliamento-Calzaturiero (Tac) conta 31 offerte.

Tra le altre, a Melissano, un’azienda tessile specializzata nell’arte funeraria ricerca operaio con conoscenza delle macchine da cucire industriali.

Bene anche l’industria del legno con 17 posizioni per falegnami in aziende di arredamento del territorio e per allestimenti di cantieri civili e navali.

Sono, poi, 37 le offerte per il settore metalmeccanico, quattro nel settore bellezza e benessere. La sezione dei tirocini contiene 12 opportunità, mentre la rete europea dei servizi per l’impiego Eures offre numerose occasione oltre i confini della Penisola. Sono presenti, poi, tre annunci per tre posizioni riservate a persone con disabilità e due annunci per due posizioni destinate a categorie protette.

Interessanti, infine, le opportunità di formazione e apprendistato offerte a Bari da Arpal Puglia, con il coinvolgimento di diverse aziende.

A partire dal settore informatico: Arpal seleziona candidati per un percorso lavorativo e formativo per sistemista reti informatiche e per programmatore sviluppatore software, rivolto a giovani disoccupati di età compresa tra 18 e 25 anni non compiuti.

Le persone selezionate saranno assunte con contratto di lavoro di apprendistato di primo livello e inserite in un percorso gratuito IFTS di alternanza formazione e lavoro che permetterà loro di conseguire una specializzazione post diploma, spendibile su tutto il territorio europeo.

Il percorso formativo avrà una durata totale di 800 ore (350 ore di teoria in aula + 450 ore di apprendimento in ambito lavorativo/training on the job). Per accedere è richiesto un diploma ad indirizzo tecnico e/o informatico. È possibile candidarsi, entro il 24 giugno 2024,cliccando sull’offerta 8770/2024 o sull’offerta 8768/2024.

Anche nel settore agro-alimentare, Arpal Puglia individua profili da avviare in un percorso lavorativo e formativo come apprendista casaro, rivolto sempre a giovani disoccupati di età compresa tra 18 e 25 anni non compiuti. I selezionati saranno assunti con contratto di lavoro di apprendistato di primo livello e inseriti in un percorso IFTS di alternanza formazione e lavoro che permetterà loro di conseguire una specializzazione post diploma, spendibile su tutto il territorio europeo.  Il percorso formativo avrà una durata di totale di 800 ore (300 ore di teoria in aula + 500 ore di apprendimento in ambito lavorativo/training on the job). Richiesto assolvimento obbligo formativo e/o conseguimento diploma (preferibilmente indirizzo alberghiero).

Il percorso prevede l’apprendimento di tecniche di progettazione e realizzazione di processi artigianali di trasformazione agroalimentare con produzioni tipiche del territorio e della tradizione enogastronomica. L’azienda coinvolta è Delizia SPA.

Sede di lavoro: Noci. Per candidarsi, entro il 24 giugno 2024 bisogna rispondere all’offerta 8766/2024.

Si ricorda, infine, che le offerte, parimenti rivolte ad entrambi i sessi, sono pubblicate quotidianamente sul portale lavoroperte.regione.puglia.it e sono diffuse anche sulla pagina Facebook “Centri Impiego Lecce e Provincia”, sul portale Sintesi Lecce e sui profili Google di ogni centro per l’impiego.

Le candidature possono essere trasmesse tramite Spid, via mail o direttamente allo sportello presso gli uffici, aperti dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 11.30, il martedì anche nel pomeriggio dalle 15 alle 16.30 e il giovedì pomeriggio su appuntamento.

PER CONSULTARE NELAL SUA VERSIONE INTEGRALE IL 21° REPORT ARPAL – AMBITO DI LECCE CLICCA QUI

Continua a Leggere

Attualità

Rotundo della Aldo Colombo: “Mai più poliestere sulla pelle”

La battaglia. Clamorosa iniziativa: imprenditore salentino regala le sue maglie in filati pregiati e scrive una lettera di denuncia ai più grandi marchi della Moda italiana…

Pubblicato

il

 Segui il Gallo  Live News su WhatsApp: clicca qui

È proprio vero, quando la protesta parte dal basso e, come una valanga si ingrossa fino ad arrivare a valle, è indiscutibilmente più vera e più forte.

E così, Salvatore Rotundo, amministratore della Aldo Colombo, maglieria in filati naturali, di Castrignano dei Greci, consapevole della immane lotta che tutti combattiamo contro i cambiamenti climatici, ha preso carta, penna e pec, ed ha scritto alle quindici più importanti griffe della Moda Italiana come Armani, Versace, Ferragamo, Moschino, Missoni, Fendi, Prada, Dolce & Gabbana, Trussardi, Etro, Valentino, Bottega Veneta per manifestare tutta la sua preoccupazione e invitare tutti ad un doveroso cambiamento.
Scopo della clamorosa iniziativa è quello di diffondere una maggiore consapevolezza presso i consumatori dei rischi per la salute e per l’ambiente legati all’uso dei vestiti in poliestere.

La lettera, che pubblichiamo di seguito integralmente, dai toni cordiali ma severi, è un auspicio affinché tutti prendano coscienza, affrontino di petto il problema e denuncino tutti quei prodotti che si dichiarano “green” ma che non lo sono; e recita così:

«Egregi Signori, ci rivolgiamo al mondo della moda nel suo complesso. In questo periodo, le aziende di abbigliamento stanno iniziando a progettare le collezioni per la prossima Primavera/Estate 2025.

Il mondo della moda ha una grande responsabilità nei riguardi del tema della sostenibilità dal punto di vista ambientale e della salute. Auspichiamo un impegno più concreto e leale nei riguardi dei consumatori. Siamo invasi da prodotti venduti come «green» ma che non lo sono affatto.

Crediamo che non sia più tollerabile che anche brand di alta gamma, continuino ad utilizzare il poliestere in misura cosi rilevante allo scopo di ridurre i costi di produzione.

Altrettanto intollerabile, è la loro strategia di comunicazione basata sul messaggio altamente ingannevole del poliestere riciclato allo scopo di farlo apparire sostenibile per la salute e per l’ambiente, ma che non è meno dannoso e pericoloso del poliestere vergine.

Noi di Aldo Colombo stiamo facendo la nostra parte, prima di tutto privilegiando l’uso di filati e tessuti in fibre naturali come lana, seta, cachemire ecc.

In questa ottica produciamo un nuovo jeans in attesa di brevetto. Si tratta di un jeans termico in cui abbiamo sostituito il poliestere del pile con una lana merinos extrafine traspirante e non irritante per la pelle.

Inoltre, ci assumiamo l’impegno che, quando per ragioni strettamente tecniche e non economiche, si ritiene di utilizzare il poliestere, facciamo in modo che esso venga adoperato solo nella parte esterna dei tessuti in maniera che non venga mai a contatto diretto con pelle».

Per dare maggiore forza e spinta a questa sacrosanta battaglia, inoltre, la Aldo Colombo ha pensato bene di promuovere questa iniziativa regalando le sue maglie in filati pregiati a tutti coloro che vorranno condividere sulla loro pagina social la battaglia contro il poliestere sulla pelle.

Le maglie, in pura lana vergine o in puro cotone, che verranno donate, avranno la seguente scritta: «Mai più poliestere sulla pelle”, ed è realizzata con cristalli Swarovski.

Continua a Leggere

Appuntamenti

La settimana del “Ferrari”

Oltre 2mila persone da Casarano, Alliste, Collepasso, Maglie, Matino, Melissano, Morciano di Leuca, Parabita, Patù, Presicce-Acquarica, Racale, Ruffano, Supersano, Salve, Taurisano, Taviano e Ugento: una grande catena umana per l’ospedale di Casarano

Pubblicato

il

 Segui il Gallo  Live News su WhatsApp: clicca qui

È stato presentato il calendario degli eventi che si terranno dal 14 al 20 giugno per sensibilizzare tutta la popolazione contro il demansionamento dell’ospedale “Francesco Ferrari” di Casarano.

Alla conferenza hanno partecipato: Marco Mastroleo, consigliere comunale ed esponente della Tenda dei Diritti; Claudio Casciaro, presidente del comitato Civico Pro Ospedale Francesco Ferrari; Emanuele Legittimo, assessore di Casarano.

Gli organizzatori delle attività sono “La Tenda Dei Diritti” e “Comitato Civico Pro Ospedale Francesco Ferrari” che hanno pensato anche ad un evento nell’evento, un flash mob “Il Grande Abbraccio!” sabato 15 giugno a partire dalle 17, per chiedere il ripotenziamento dell’Ospedale Ferrari.

E si chiameranno a raccolta oltre 2mila cittadini/volontari da Casarano, Alliste, Collepasso, Maglie, Matino, Melissano, Morciano di Leuca, Parabita, Patù, PresicceAcquarica, Racale, Ruffano, Salve, Supersano, Taurisano, Taviano e Ugento e di tutti i paesi vicini per realizzare insieme la grande catena umana che abbraccerà il Ferrari.

IL CALENDARIO DELLA SETTIMANA

Venerdì 14 giugno: in piazza Indipendenza, alle 21,30, con l’A.DO.VO.S. Messapica per la Giornata Mondiale del Donatore di Sangue; in piazza Giovanni XXIII (davanti l’ospedale), alle 23, Ura Teatro con Fabrizio Saccomanno, alle 23,30, intervento musicale unplugged, a mezzanotte, Una notte tutti in Tenda. Ci addormenteremocu lli cunti ta Maria”.

Sabato 15: in piazza Giovanni XXIII (davanti l’ospedale), alle 9,30, Colazione per il Ferrari, con tutti coloro che hanno trascorso la notte in tenda; alle 16,30, la Serrata dei commercianti, con ogni esercizio commerciale aderente all’iniziativa che tarderà nell’apertura; alle 17, l’evento clou con “Il Grande Abbraccio”.

Domenica 16: in piazza Giovanni XXIII (davanti l’ospedale), alle 18, Raccolta dei mozziconi a cura dell’associazione Plasticfree.

Martedì 18: in piazza Giovanni XXIII (davanti l’ospedale), dalle 19,30, approfondimenti sulla sanità del sud Salento.

Giovedì 20: in piazza Giovanni XXIII (davanti l’ospedale), dalle 19,30, assemblea pubblica del “Comitato Civico Pro Ospedale F. Ferrari”.

LA TENDA DEI DIRITTI

Il rischio di un ridimensionamento dell’ospedale di Casarano è molto forte e, per evitare che si perdano professionalità e reparti, il consigliere di minoranza di Casarano Marco Mastroleo ha deciso di piantare una tenda davanti l’ospedale per sensibilizzare sulla tutela della salute e del presidio ospedaliero.

La sua “Tenda dei diritti” ha subito raccolto il sostegno di tanti cittadini di tutto il territorio.

Non Dormiamo sui Diritti, la Salute Non Aspetta” è lo slogan.

«Oggi esiste una grave riduzione di personale e il rischio di chiusura di reparti e per sensibilizzare ho scelto di attuare una protesta pacifica e simbolica: dormire in tenda davanti l’ospedale, fino a quando non verranno prese misure concrete per rafforzare il nostro sistema sanitario e proteggere l’ospedale di Casarano», ha affermato Marco Mastroleo, «i nostri ospedali, fulcro della salute per noi tutti, sono in crisi. È tempo di unirci e lottare per assicurarne la continuità operativa e l’incremento delle capacità. È essenziale comprendere definitivamente quale sarà il futuro delle nostre strutture».

L’OSPEDALE È DI TUTTI

Gli organizzatori hanno allargato la richiesta di sostegno alla causa invitando a prendere parte alle attività amministratori del Salento, la società civile e imprenditoriale perché l’ospedale è di tutti.

«Abbiamo inviato una proposta di ordine del giorno ai comuni limitrofi, », fanno sapere gli organizzatori, «affinché discutano e approvino un documento che impegni le amministrazioni locali a sostenere attivamente il potenziamento dell’ospedale F. Ferrari».

SI PUNTA A…

  • Gli obiettivi della manifestazione proposti dalla Tenda dei Diritti sono:
  • Sostenere concretamente il rafforzamento del personale;
  • Fornire una spiegazione chiara e accessibile delle strutture e delle funzioni del nostro ospedale, demistificando le sue complesse articolazioni.
  • Ottenere chiarezza e assicurazioni concrete sul futuro dell’ospedale di Casarano, la nostra proposta operativa è quella degli ospedali riuniti Casarano-Gallipoli.
Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus