Connect with us

Casarano

Coppa Italia, passa il Casarano

Buon Nardó fino al gran goal di Citro. Poi i rosso azzurri legittimano il vantaggio e passano meritatamente il turno. Alla prossima il Fasano?

Pubblicato

il

CASARANO-NARDÒ 2-0


Marcatori: 42’pt Citro, 28’st Falcone


A distanza di sette giorni dal preliminare contro il Gallipoli, il Casarano rifila un altro 2 a 0 al Nardò e si qualifica al turno successivo di Coppa Italia, in cui affronterà presumibilmente il Fasano, vincente contro l’Altamura.


Nel post-gara mister Nicola Ragno mostra di non accettare affatto il risultato, allorquando sostiene come “il 2 a 0 sia un risultato bugiardo”.


L’incontro ha avuto due tempi diversi, di cui il primo con una costante, ma infruttuosa supremazia territoriale del Toro.


Dopo la spettacolare rete di capitan Nicola Citro al quarantaduesimo, il Casarano ha cambiato decisamente volto e nella ripresa ha combattuto con veemenza e lucidità, assicurandosi alla mezz’ora la vittoria con il gol del subentrato Luigi Falcone.

Insomma, le due compagini salentine hanno dimostrato, ad ambedue le tifoserie e agli addetti ai lavori, impegno e capacità di ben figurare nel campionato ostico e imprevedibile del girone H, che prenderà avvio domenica prossima.

“Ad horas” sarà finalmente diramato il tanto atteso calendario, a lungo rinviato per vicende legate a diversi ricorsi societari.


Nella foto in alto (di Gigi Garofalo), l’esultanza di capitan Citro al gol dell’uno a zero.


Giuseppe Lagna


Casarano

Omicidio a Casarano, il messaggio di Anci Puglia

“Fondamentale azione di forze dell’ordine e istituzioni anche attraverso pronta reazione della cittadinanza”

Pubblicato

il

La presidente di Anci Puglia, Fiorenza Pascazio, con il vice presidente vicario Michele Sperti (sindaco di Miggiano), a nome dei sindaci della regione, esprimono vicinanza e solidarietà al primo cittadino Ottavio De Nuzzo e alla comunità di Casarano per il grave atto di criminalità verificatosi ieri, in pieno centro cittadino, a pochi metri da un parco frequentato da famiglie.

È fondamentale, da parte delle forze dell’ordine e delle istituzioni competenti, intensificare il livello di attenzione e controllo sul territorio, in modo da garantire, in stretta collaborazione con il sindaco, ma soprattutto, attraverso la pronta reazione della cittadinanza, condizioni di serenità, massima sicurezza e legalità”.

Continua a Leggere

Casarano

Un fermo per l’omicidio di Casarano: “Non ci ho visto più e ho sparato”

Si è costituito il presunto killer di Antonio Amin Afendi, ucciso ieri in pieno centro. Avrebbe raccontato: “Aveva seguito mia moglie per spaventarla, gli ho sparato”

Pubblicato

il

C’è un fermo per l’omicidio di ieri mattina a Casarano.

A sparare ad Antonio Amin Afendi, 32 anni, freddato in pieno centro da tre colpi di pistola, sarebbe stato Lucio Sarcinella, 27 anni, di Casarano.

Lo stesso Sarcinella nella giornata di ieri si è costituito presso i carabinieri. Avrebbe confermato quanto visto dai diversi testimoni presenti sul luogo del delitto, ossia di aver raggiunto Afendi a bordo di un’Audi A3 di colore scuro, condotta da un suo amico, e di esser fuggito a bordo di questo stesso mezzo dopo aver esploso i tre colpi di pistola in via Lupo.

Le motivazioni

A motivare il gesto, secondo quanto lo stesso avrebbe riferito, le recenti continue pressioni che Sarcinella e sua moglie avrebbero subito da parte di Afendi.

Pressioni culminate proprio ieri in un episodio, un presunto pedinamento ad opera di Afendi ed all’indirizzo della moglie del 27enne.

Pochi minuti dopo sarebbe quindi arrivato il gesto di Sarcinella che, per porre fine una volta per tutte a questa situazione, avrebbe sparato al presunto successore del boss mafioso Augustino Potenza.

Al momento Sarcinella è l’unico sottoposto a fermo. Risponde di omicidio volontario con l’aggravante della premeditazione. Non è stato fermato invece l’amico alla guida dell’auto usata per raggiungere la vittima e poi allontanarsi dal luogo del delitto.

Sarcinella è un soggetto considerato vicino al clan di Damiano Autunno, in stretta rivalità con il clan di Afendi, lo stesso di Augustino Potenza, ucciso nel 2016. Al momento, tuttavia, non è contestata l’aggravante del favoreggiamento dell’associazione mafiosa.

Il presidio

Un presidio antimafia è stato indetto da Libera e dal Comitato Intercomunale per la Legalità per questa mattina a Casarano. Alle 11 sul luogo del delitto il ritrovo di cittadini, associazioni ed amministratori.

Continua a Leggere

Casarano

Omicidio in piazza in pieno giorno a Casarano

Tre spari freddano il 32enne Antonio Amin Afendi, pregiudicato, ritenuto potenziale successore del precedente boss mafioso Augustino Potenza

Pubblicato

il

di Lorenzo Zito

Un uomo è stato ucciso questa mattina a Casarano in pieno centro a colpi di arma da fuoco.

Si tratta di Antonio Amin Afendi, 32 anni, scampato nel 2019 ad un tentato omicidio.

Afendi era nella zona nota come “i portici”, in via Lupo, a ridosso di piazza Petracca. Erano da poco passate le 11 quando, tra bar ed attività aperte, sono stati esplosi tre colpi di pistola da distanza ravvicinata. Sarebbero partiti da una vettura di colore scuro in transito, che si sarebbe immediatamente allontanata facendo perdere le sue tracce.

Sul posto il 118 accorso da Tricase, che non ha potuto che constatare il decesso dell’uomo. Sono già in corso indagini per ricostruire l’accaduto e individuare i responsabili. Intervenuto personale del commissariato di Polizia di Taurisano e Carabinieri della locale Compagnia, col supporto della polizia locale per l’interdizione dell’area al traffico, anche pedonale.

Tutto lascia intendere che possa trattarsi di un regolamento di conti, un omicidio legato al mondo della malavita: la vittima, oltre ad essere sfuggita a precedenti agguati, era pregiudicata e ritenuta, negli scorsi anni dagli inquirenti, potenziale successore del boss Augustino Potenza, ucciso nel 2016 a colpi di kalashnikov nel parcheggio di un centro commerciale casaranese.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus