Connect with us

Alessano

Benvenuto Santo Padre

Papa Francesco ad Alessano paese natio di Don Tonino Bello. Arrivo in elicottero alle 8,30

Pubblicato

il

È arrivato il momento: questa mattina, nel giorno dell’anniversario dei 25 anni della morte di don Tonino Bello (20 aprile 1993) Papa Francesco arriverà in Puglia per onorare il vescovo della “Chiesa del grembiule”, oggi servo di Dio, ma già acclamato santo dal suo popolo, recandosi prima ad Alessano, suo paese natale, e poi a Molfetta dove per tutti è ancora “Il Vescovo”.

Il Papa arriverà ad Alessano alle 8,30 ed atterrerà nel parcheggio adiacente il cimitero, dove sarà accolto da monsignor Vito Angiuli, vescovo della Diocesi di Ugento – S. Maria di Leuca e dal sindaco Francesca Torsello.

L’attesa per la visita del Santo Padre nel Salento è spasmodica. Come ha dichiarato Mons. Angiuli a Vatican News, “c’era attesa già da diverso tempo: tutti parlavano, si diceva, si auspicava, si desiderava la venuta del Papa ad Alessano”.

Sollecitato sulla figura di don Tonino, il vescovo ha aggiunto: “I riferimenti a don Tonino sono continui e sono non soltanto nella nostra Chiesa; il suo pensiero è continuamente presente, questo per quanto riguarda la realtà più generale. Per quello che riguarda la nostra Chiesa, noi abbiamo messo in campo una iniziativa che abbiamo chiamato “la Carta di Leuca”, che celebriamo nel mese di agosto, si tratta di un meeting dei giovani del Mediterraneo appartenenti a diverse tradizioni culturali e religiose che desiderano riflettere insieme e operare nel solco della costruzione della pace nel Mediterraneo”.

Don Tonino era un prete di una Chiesa in uscita, e Mons. Angiuli evidenzia le affinità con il Magistero di Papa Francesco: “Molte idee, molti gesti, direi anche molte parole, sono quasi da mettere in sovrapposizione l’una con l’altra”.

Su cosa lascerà la visita di Papa Francesco alla Chiesa che custodisce la memoria di Tonino Bello, il vescovo non ha dubbi: “La presenza di un Pontefice con questa sintonia spirituale con don Tonino; ma lascerà anche una responsabilità, cioè quella di essere non soltanto persone che così, sentimentalmente si rifanno al pensiero di don Tonino, ma persone che operativamente e praticamente cercano di continuare nel tempo il suo impegno e la sua testimonianza”.

Mons. Angiuli poi ricorda il suo rapporto personale con don Tonino: “Ho avuto la fortuna di essere a Molfetta come educatore nel Seminario regionale negli 11 anni della presenza di don Tonino come vescovo, quindi ricordo benissimo da quando lui è stato ordinato fino alla sua morte: ricordo molto bene i diversi momenti della sua vita. Ero lì, ero presente, per cui ovviamente ho moltissimi ricordi. Ho scritto anche dei libri in questo senso; anzi, don Tonino mi ha anche scritto una prefazione a un mio libro di poesie”.

Quel che più ha colpito il vescovo di Ugento è stato “il modo con cui don Tonino ha vissuto la morte e la sofferenza, cioè gli ultimi anni: una modalità dalla tonalità pasquale. Nel momento della sofferenza ha invitato a vivere il senso di una speranza e il senso di una risurrezione che non era soltanto sua personale, ma anche dell’umanità”.

Alessano

Scintille di Neve e Canti Natalizi

Doppio appuntamento. Sabato 21 dicembre, al teatro Benedetto XVI di Alessano e domenica 22 nella Chiesa Regina Pace di Gemini fantasia di canti natalizi, rigorosamente dal vivo

Pubblicato

il

Nell’ambito delle Associazioni di volontariato, la Pro Loco di Alessano si è sempre distinta per impegno, serietà e spirito di collaborazione. Anche il nuovo Direttivo della Pro Loco, insediato da pochi mesi e capitanato dal neo presidente Gabriele Marasco è ben lieto di portare avanti i valori della solidarietà e dell’impegno sociale. Tra i diversi concerti svolti nel corso di diversi anni, spicca la partecipazione insieme agli altri cori di Alessano, (Parrocchia e Convento Cappuccini) all’evento più importante: cantare alla presenza del Santo Padre il 20 aprile 2018 durante la sua visita sulla tomba di don Tonino Bello. Il 1° dicembre dello stesso anno la due Diocesi, quella di Ugento-Santa Maria di Leuca e di Molfetta hanno ricambiato la visita del Santo Padre recandosi a Roma per una Udienza Speciale. Anche in questa occasione il “coro di Alessano per don Tonino” ha cantato insieme al coro polifonico di Molfetta all’interno della Sala Paolo VI, gremita di gente, in diretta su TV2000, sempre alla presenza del Santo Padre.

Ultimamente il coro è stato ospite della trasmissione Linea Verde in prima serata su Rai 1 condotto da Lorella Cuccarini.

In quell’occasione il coro è stato protagonista insieme alla Cuccarini presso la cascata monumentale di Santa Maria di Leuca proponendo il canto Freedom.

Il coro della Pro Loco “Ala di Riserva” è formato da circa 50 elementi, magistralmente diretto dal Maestro Sergio Filippo e rappresenta un vero spaccato della società: artigiani e commercianti, professionisti e casalinghe, tante voci che diventano un unico sentimento e una voce per donare.

Dopo i grandi successi ottenuti con le precedenti edizioni del concerto di Natale “Scintille di Neve”, anche quest’anno darà vita ad una serata carica di magia, sabato 21 dicembre alle ore 20 presso il teatro Benedetto XVI in Alessano, proponendo una fantasia di canti natalizi, eseguiti rigorosamente dal vivo. Voci soliste della serata Francesca Profico, Marco Casciaro, Marco Platì. Tanti altri ospiti arricchiranno la serata.

Domenica 22, alle ore 18,30, invece, replica nella Chiesa Regina della Pace a Gemini di Ugento con lo spettacolo organizzato dalla locale proloco e dalla Parrocchia.

Nel corso di questi anni, i diversi concerti di Natale hanno sempre avuto come scopo quello della solidarietà. Il ricavato ottenuto è stato interamente devoluto alle Associazioni del nostro territorio impegnate nella ricerca e nel sociale. Gli enti che hanno beneficiato della nostra solidarietà sono stati la LILT, Cuore Amico, L’Associazione “Insieme per i Disabili” e il Convento dei Frati Cappuccini di Alessano per il ripristino della Pala d’Altare e Telethon.

Quest’anno lo scopo principale di questo concerto Natalizio è quello di raccogliere fondi da destinare alle famiglie bisognose di Alessano.

Continua a Leggere

Alessano

Tamponata al semaforo: donna incinta in ospedale

Fiat Punto finisce su auto ferma al rosso sulla SS275: controlli per scongiurare conseguenze sulla gravidanza

Pubblicato

il

Un tamponamento al semaforo e tanta paura stamattina per una donna alla guida della sua Ford Kuga sulla SS275.

La malcapitata era ferma al “rosso” nel tratto che collega la frazione tricasina di Lucugnano al centro abitato di Alessano quando una Fiat Punto l’ha tamponata.

Un impatto violento ma nessuna grave ferita per i coinvolti. La donna nella Ford però, essendo incinta, è stata immediatamente accompagnata in ospedale per essere sottoposta ad accertamenti e scongiurare conseguenze sulla gravidanza.

Sul posto polizia locale di Alessano e carro attrezzi per rimuovere la Punto, molto danneggiata dall’impatto.

Continua a Leggere

Alessano

Cittadini Attivi d’Europa, cartolina dalla Turchia

Studenti del “Don Tonino Bello ” di Tricase, accompagnati da alcuni loro insegnanti, sono ad Isparta nella Turchia occidentale per partecipare al primo workshop del progetto europeo

Pubblicato

il

Una delegazione dell’Istituto “Don Tonino Bello” di Tricase-Alessano è ad Isparta città della Turchia occidentale.

Gli studenti del “Don Tonino”, accompagnati da alcuni loro insegnanti, si sono uniti ai coetanei europei per svolgere le attività legate al primo workshop del progetto europeo Active Citizens Of Europe, in corso di svolgimento fino a sabato 14 dicembre proprio nel capoluogo di provincia turco noto come la Città dei fiori (l’attività produttiva principale di Isparta è quella della produzione dell’acqua di rose oltre alla produzione di tappeti artigianali).

Gli studenti selezionati partecipano al primo gruppo di lavoro che li vede ospiti della scuola turca Isparta Anadolu Lisesi.

«Tra gli obiettivi principali dell’intero progetto», ha detto dalla Turchia, la dirigente scolastica del “Don Tonino Bello”, Anna Lena Manca, «ci sono quelli di aiutare i nostri studenti a imparare come interagire efficacemente, come agire in modo  socialmente responsabile; sviluppare il pensiero critico; guidarli nel prendersi cura della comunità, assumendosi la responsabilità di migliorare il loro ambiente; sviluppare in loro il rispetto dell’autorità quali le figure genitoriali, gli insegnanti, le autorità in genere; aiutare i nostri studenti a comportarsi responsabilmente online».

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus