Connect with us

Attualità

Ospitalità diffusa: il modello che fa scuola

Ospiti del GAL Capo Santa Maria di Leuca rappresentanti dei territori rumeni e calabresi per apprendere buone prassi

Pubblicato

il

Il territorio del Capo di Leuca fa scuola: in questi giorni sono ospiti del Gruppo d’Azione Locale Capo S.M. di Leuca, i Gal calabrese “Valle del Crocchio” e rumeno “Tintul Barsei”  per apprendere le buone prassi che hanno trasformato piccole realtà locali in aziende d’eccellenza.

galleucaGrazie ad uno stage per “Operatori Agrituristici” , i 16 rappresentanti  della vicina Calabria, hanno potuto conoscere le modalità con le quali opera il Gal Capo Santa Maria di Leuca e le Aziende da quest’ultimo finanziate: piccoli gioielli di architettura riportati a nuovo e aperti all’ospitalità turistica, da considerare esempi da “esportare”. Ancora sino a venerdì 6 giugno rimarranno invece i 7 rappresentanti rumeni del territorio di Barsa, arrivati da noi grazie al Programma Europeo “Leonardo da Vinci” che si protrarrà con l’avvicendamento di un’altra delegazione sino al 6 Luglio. Il loro territorio, che vanta uno straordinario potenziale turistico e naturalistico, potrà avvalersi del modello consolidato dell’Albergo diffuso di Specchia concepito come una messa a sistema di  servizi collegati all’identità culturale della comunità. “Un approccio quello dell’ospitalità diffusa, vero vanto del territorio, che ha suscitato l’interesse anche in Paesi come la Croazia, la Svizzera e la Corsica” conclude il Presidente del GAL  Rinaldo Rizzo, obiettivo di tutto il progetto è quello di promuovere, grazie a workshop, casi studio e visite in loco, la formazione professionale continua degli ospiti del Gal Capo di Leuca, apprendere gli strumenti utilizzati nell’albergo diffuso e incrementare la loro competitività sul mercato,oltre a quello di far conoscere quanto più possibile il nostro territorio”.

M.Maddalena Bitonti

Continua a Leggere

Attualità

Delfini nel mare di Leuca

La meraviglia al tramonto: il video che sta facendo il giro di chat e social

Pubblicato

il

La meraviglia nello spettacolo.

Nel mare di Leuca spuntano i delfini. Li ritrae un video amatoriale, sul già scenografico sfondo del tramonto. Mentre il sole scende verso il mare, loro spuntano sinuosi nelle acque blu a poche centinaia di metri dalla costa.

Ecco il video.

Continua a Leggere

Attualità

Addio al Guendalina: “Esperienza al capolinea”

Discoteca pronta a chiudere. Il direttore artistico: “Ci hanno lasciati soli, meglio Riccione o una capitale europea”

Pubblicato

il

guendalina

Dopo una estate travagliata, la dichiarazione che lascia di sasso tanti appassionati frequentatori: il Guendalina fa le valigie.

La discoteca di Santa Cesarea potrebbe chiudere definitivamente. Lo si apprende dalle dichiarazioni di Vincenzo De Robertis, riportare da Il Messaggero. De Robertis, direttore artistico del locale da 15 anni, avrebbe affermato: “Abbiamo sognato di trasformare il Salento in Ibiza o Mykonos ma il nostro sogno si è infranto: ci hanno lasciati soli. Meglio Riccione o una capitale europea. Abbiamo fatto il possibile per mantenere il Guendalina qui dove è nato ma penso che l’esperienza sia giunta al capolinea”.

Chiaro tra le righe il riferimento a quanto accaduto dopo le varie vicende di cronaca registrate nel locale negli ultimi anni. L’ultima, quella che avrebbe fatto traboccare il vaso, quella del 28 luglio scorso. Dopo una rissa all’interno della discoteca, il questore aveva deciso di imporne la chiusura per due settimane.

Continua a Leggere

Attualità

“Visto lo schifo che causano” locale chiude bagno donne: è polemica

La foto di una cliente ritrae il messaggio sulla porta del wc di un locale: accuse di sessismo sui social

Pubblicato

il

Impazza su Facebook la polemica attorno al post di una studentessa che ha ritratto, in una foto, un cartello apposto sulla porta di un locale.

Sul biglietto si legge che “visto lo schifo che le donne causano tra assorbenti, tampax e salviettine che bloccano l’impianto fognario (…) il bagno delle donne resterà chiuso fino a data da destinarsi”.

Un messaggio inequivocabile che ha fatto esplodere la rabbia di molti, ad appena poche ore dall’ultima polemica, montata ieri attorno al costo di un pasto a base di frise in un lido nostrano. Il titolare del locale, accusato di offese sessiste, ha prontamente risposto sui social postando gli scatti del wc lasciato in pessime condizioni dai clienti.
A margine del messaggio apposto sulla porta del bagno, una battuta: “È ferragosto anche per il nostro idraulico”.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus