Connect with us

Cronaca

Da Scampia al Salento per rubare nelle case

Sgominata banda dedita ai furti nelle abitazioni. Arrestati due uomini nel campo nomadi di Scampia

Pubblicato

il

I carabinieri della task force contro i reati predatori istituita dalla Compagnia di Lecce, con l’ausilio dei Carabinieri della Compagnia di Napoli Vomero e del 10° Reggimento Carabinieri Campania hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di Vladan Radosavljevic, 35 anni e Elvis Radosavljevic di 19.

I due appartenevano ad un gruppo criminale che tra il marzo e l’aprile scorso, utilizzando un’autovettura Alfa Romeo Giulietta di colore bianco con targa rubata, aveva messo a segno una serie di furti a tra Vernole e Melendugno.

Proprio lo scorso aprile, a seguito di un tentato furto posto in essere dai malviventi a Vernole,fu arrestato Daniel Milanov, uno dei membri della banda, mentre gli altri riuscivano a darsi alla fuga facendo perdere le loro tracce.

Al termine di una complessa attività d’indagine, basata su identificazioni fotografiche e sull’analisi dei filmati degli impianti di videosorveglianza posti nei pressi delle abitazioni dove erano stati consumati i furti, i carabinieri della task force “Reati predatori” (composta da militari del nucleo operativo e radiomobile di Lecce e della Stazione di Lecce Santa Rosa) sono riusciti ad identificare tutti i membri del sodalizio criminale e a localizzarli presso il campo nomadi di Scampia a Napoli (foto grande in alto) dove, nella mattinata di ieri, è stato tratto in arresto Elvis Radosavljevic, ora in  carcere a Poggioreale, Napoli.

L’ordinanza di custodia cautelare veniva notificata anche nei confronti di Vladan Radosavljevic, già detenuto presso lo stesso carcere.

Continua a Leggere

Castrì

Casa distrutta da esplosione: arrestato 65enne

Fermato 65enne reo di aver preparato fuochi artificiali illegalmente nella proprio abitazione facendola accidentalmente saltare in aria

Pubblicato

il

È finito in arresto l’uomo che ieri, a Castrì di Lecce, ha messo repentaglio la sua vita e quella dei suoi vicini di casa provocando delle esplosioni a catena nella sua abitazione all’ora di pranzo (qui tutte le foto).

Luigi Don Francesco, 65enne del posto, è accusato di aver maneggiato in casa, in assenza di autorizzazioni di pubblica sicurezza, polvere pirica illegalmente acquisita, allo scopo di fabbricare illegalmente artifizi pirotecnici.

L’esplosione, accidentalmente provocata, ha causato il crollo del solaio dell’abitazione del 65enne, compromettendo gravemente la stabilità di due abitazioni adiacenti e lesionando arredi esterni dell’abitazione sul lato opposto strada.

Danni anche a due autovetture parcheggiate in strada.

A causa dell’evento è stato disposto anche il forzato trasferimento dei nuclei familiari delle abitazioni adiacenti. Una donna anziana e una coppia di coniugi hanno dovuto lasciare le loro case.

L’immobile dal quale è partita l’esplosione è stato sequestrato in attesa di verifiche strutturali a cura ufficio tecnico comunale.

La strada, sottoposta a limitazione traffico su sola carreggiata opposta al crollo.

I carabinieri hanno poi rinvenuto sul posto, e sequestrato, 7 kg di polvere pirica, 5 barattoli contenti circa 200 inneschi per cartucce da fucile da caccia, 21 cartucce cal. 20, 25 metri di artifizi pirotecnici privi di riferimenti produttivi, verosimilmente confezionati in modo artigianale, illegalmente detenuti.

Il 65enne finito in arresto è stato anche sottoposto a medicazione per le ferite riportate, ritenute guaribili in 10 giorni.

Continua a Leggere

Cronaca

Spongano: rifacimento estramurale e deviazioni al traffico

Pubblicato

il

È iniziato questa mattina l’intervento di rifacimento del manto stradale di una delle principali vie di Spongano.

Sulla via Estramurale, interessata quotidianamente non solo da traffico locale ma anche da traffico extraurbano, e che convoglia in Spongano anche vetture dirette in paesi limitrofi, da stamattina, come comunica il Comune, è iniziato il lavoro di fresatura del fondo stradale.

Per consentire l’opera, la viabilità verrà monitorata dalla Polizia Municipale e dalla locale Protezione Civile, pertanto il traffico sulla strada sarà ridotto,e in parte deviato.

Continua a Leggere

Castrì

Boato a mezzogiorno: esplosione e casa distrutta

Pubblicato

il

Un forte boato, e poi un altro ancora, all’ora di pranzo hanno scosso la quiete domenicale di Castrì di Lecce.

Delle esplosioni in Vernazza, alle 12:35, hanno provocato ingenti danni ad una abitazione privata ed anche a delle case limitrofe.

Necessario l’intervento dei vigili del fuoco con gli artificieri, della protezione civile e dei carabinieri.

La causa che nell’immediato sembrava essere la più plausibile, ossia l’esplosione di una bombola, è stata presto smentita.

Gli scoppi provenienti dall’abitazione di un 65enne del posto sono stati provocati dallo stesso uomo che, involontariamente, mentre maneggiava della polvere pirica, ha provocato delle esplosioni a catena.

Mentre sono state avviate indagini per ricostruire dettagliatamente l’accaduto, il responsabile è stato soccorso e medicato dal 118. Fortunatamente non gravi le ferite. Un miracolo che nessuno sia rimasto colpito gravemente.

L’abitazione è stata invece letteralmente divelta dalle esplosioni. E ingenti sono anche i danni alle case confinanti, nonché ad alcune vetture in strada.

Elementi che potrebbero complicare la posizione del 65enne, visto che il materiale pirotecnico in suo possesso non sarebbe legalmente detenuto.

Foto della Protezione Civile di Castrì.

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus