Morte psicologa Diso: si affievoliscono sospetti su indagato

Le indagini sulla morte della psicologa di Diso, Virginia Quaranta, trovata senza vita nella sua camera da letto a Lecce, potrebbero chiudersi senza risposte.

L’unico iscritto nel registro degli indagati per omicidio volontario, P.R.M., uomo di mezza età residente nel sud Salento, amico della vittima, sembra non avere scheletri nell’armadio. Gli accertamenti degli agenti della polizia, che hanno condotto le indagini scandagliando telefoni e messaggi, non hanno rivelato tensioni tra i due tali da far credere che, quella mattina, o quella notte di giugno, Virginia possa esser stata aggredita dal suo amico.

Le indagini avevano puntato dritto su di lui perchè unico tra quelli in contatto con la donna, nel periodo antecedente il ritrovamento del corpo, a poter aver intrattenuto una relazione dai contorni pochi chiari. Ma l’ascolto dei familiari ha spento i sospetti sorti attorno all’indagato, e anche pc e dispositivi mobili non han restituito materiale delicato a suo carico.

Resta quindi il mistero del disordine trovato nell’abitazione della vittima che, all’arrivo di suoi colleghi, che la attendevano ad una conferenza, era nel letto priva di vita. La pista che si delinea al momento ha sempre di più i contorni del decesso per causa naturale.

Tags:


Commenti

commenti