Connect with us

Casarano

“Niente soldi!”. E giù botte

L’episodio avvenuto a Casarano nei pressi del parcheggio di un supermercato dove un uomo reo di aver rifiutato di dare dei soldi è stato picchiato davanti la moglie. Arrestato 34enne

Pubblicato

il

Dopo il diniego ad una richiesta di denaro lo avrebbe picchiato davanti alla moglie e poi gli avrebbe scagliato addosso una grossa pietra.

A Casarano i carabinieri hanno arrestato con l’accusa di tentata estorsione e lesioni personali, David Kevin, 34 anni, nigeriano.

Secondo le accuse, nei pressi del parcheggio di un supermercato il 34enne avrebbe richiesto ad un avventore il pagamento di una somma di denaro.

Al suo rifiuto, però, lo avrebbe dapprima malmenato, alla presenza della moglie, per poi scagliargli contro un masso che lo avrebbe colpito ad una mano, provocandogli delle lesioni curate dal pronto soccorso dell’ospedale “Ferrari”.

Per l’arrestato, dopo le formalità di rito, di sono aperte le porte del carcere di Lecce.

Attualità

Vince 130mln di Euro al lotto, ma resta a fare la cameriera

La donna, identificata dopo che il piccolo comune in cui abita ha presentato un gettito straordinario di imposta di circa 20 milioni di euro…

Pubblicato

il

Quando i soldi non cambiano la vita: vince 184 milioni di franchi svizzeri, poco più di 170 milioni di euro non lascia il suo lavoro da cameriera.

Una vincita straordinaria al lotto che non è bastata a cambiarle la vita.

Dopo aver sbancato il Superenalotto elvetico, Euro Millions, con un jackpot di 184 milioni di franchi, pari a poco più di 170 milioni di euro, una donna svizzera, Olivia K. (48 anni), non solo ha continuato a vivere nel paese in cui abitava ma non ha neanche lasciato il posto di cameriera: la vicenda che ha quasi del paradossale è apparsa sulle colonne del popolare quotidiano Blick, che ha intervistato la fortunata di 48 anni d’eta.

Quella che poteva essere la sua nuova vita è iniziata il 2 ottobre 2018 quando aveva azzeccato la combinazione giusta con una schedina costata 24,50 franchi, circa 22,50 euro, e si era aggiudicata la decima vincita più importante nella storia delle lotterie europee.

Di cittadinanza tedesca, la fortunata vincitrice è sposata e senza figli. Ma, di fatto, se non per una BMW a testa per lei e per il marito, poco o nulla appare cambiato nella sua vita a parte la decisione di realizzare una bella casa.

Nel frattempo però la donna – identificata lo scorso ottobre dopo che il piccolo comune in cui abita ha presentato un gettito straordinario di imposta di circa 24 milioni di franchi – non ha lasciato il lavoro part time presso un ristorante del canton Argovia. Gli avventori abituali del locale sanno che è ormai straricca: ma non si tirano indietro a darle la mancia, come riporta il giornale il “Blick”.

Una storia singolare che dimostra che i soldi non sono tutto nella vita.

Giovanni D’Agata

Continua a Leggere

Attualità

Prenotare una visita in ospedale a Tricase? Una odissea!

Dopo 20 minuti di attesa, per non far perdere la pazienza a chi aspetta, mi ha risposto un assonnato operatore

Pubblicato

il

Stamane, armato di santa pazienza, ho cercato di prenotare una visita cardiologica, telefonicamente, presso il nosocomio Cardinale Panico di Tricase.

Si sa, siamo nell’era tecnologica, epoca in cui con un click e pochi attimi possiamo ordinare del salmone dalla Svezia, o una riproduzione della Tour Eiffel, in miniatura, e farcela arrivare dalla Francia. Beato progresso!

Eppure, nel gennaio 2020, nonostante la buona volontà dell’ASL e dell’efficienza dell’ospedale tricasino (noto per il suo stacanovismo), dopo aver effettuato diverse telefonate, dapprima all’ASL di Lecce, al CUP telefonico, al numero che campeggia sulla loro pagina web, lo 0832/1979911, dove nessuno mi ha riposto e, subito dopo, al numero telefonico che domina la pagina web dell’ASL con un numero di telefono dell’ospedale di Tricase, lo 0833/773602, dove, dopo mezz’ora di attesa, trastullato dal sound onirico di George Benson, in tema per non far perdere la pazienza a chi aspetta, mi ha risposto un assonnato operatore che non fare scocciato, quasi mi stesse facendo una cortesia, ha sentenziato che non avevo composto il numero giusto e che… dovevo riascoltare My Heart Is Dancing (canzone a tema) di George Benson. Santa Pazienza!

Oddio, adoro Geoge Benson, scevro da colpe, ha solo ideato il sottofondo che mi ha tenuto compagnia per i successivi 37 minuti (avete capito bene, 37 altri minuti che con le attese delle due prime telefonate è divenuta un’ora) per sentirmi dire che se volevo accettare la prenotazione della visita cardiologica la prima disponibile era fissata al 26 maggio 2020, fra 5 mesi e mezzo!

In attesa che da febbraio prenda piede e che funzioni il Cup integrato (entro aprile entreranno nella sperimentazione anche i tre ospedali ecclesiastici), tradotto significa che Asl e ospedali continueranno ad avere il proprio centro di prenotazione, ma si collegheranno a un server regionale «orchestratore» che metterà in comune le agende in modo che Lecce possa vedere Brindisi (e viceversa), e quindi una vista che non è prenotabile in un ospedale potrà essere effettuata, con meno attesa, in un altro nosocomio, questa è la situazione delle prenotazioni di esami e visite mediche nel Salento ad oggi.

La speranza è che le peregrine figure trasmesse da Striscia, due giorni fa, servano da sprone per migliorare, oltre che le visite, anche le liste di attesa per le prenotazioni e visite mediche e che, oltre ad accorciare i tempi, possano ridurre anche gli ascolti delle colonne sonore di attesa.

Magari, suggerirei, considerato il tempo d’ascolto, aiuterebbe un abbonamento a Spotify, si potrebbe così scegliere una playlist personale da ascoltare nell’attesa per non far perdere le proverbiali pazienze di Giobbe e non dover pensare: “Beata tecnologia, porta pazienza!”

Luigi Zito

Continua a Leggere

Attualità

Fulminata dal telefonino mentre fa il bagno

In arresto cardiaco, la donna di 45 anni è stata portata all’ospedale…

Pubblicato

il

Usa il cellulare mentre fa il bagno: 45enne muore folgorata. A trovare il corpo senza vita della donna sono stati il compagno e il figlio della vittima

Morire folgorati mentre si utilizza lo smartphone in carica durante un bagno nella vasca. E’ l’ennesima tragedia riportata da diversi fonti francesi. Una donna sarebbe stata trovata morta compagno e il figlio della vittima nel bagno della sua abitazione a Dole, un comune francese situato nel dipartimento del Giura nella regione della Borgogna-Franca Contea.

In arresto cardiaco, la donna di 45 anni è stata portata all’ospedale di Besançon. È morta questa mattina, venerdì 10 gennaio, per le sue ferite. Nonostante le indagini siano ancora in corso, come si legge, il motivo principale pare essere «folgorazione», ovvero il passaggio di elettricità da un agente esterno al corpo, tramite un conduttore, in questo caso l’acqua.

Secondo le ricostruzioni, la donna avrebbe piazzato il suo cellulare a caricare vicino alla vasca nella quale era immersa. Sarà stato un caso o forse un gesto imprudente ma il cellulare, finendo in acqua dove è stato ritrovato, ha causato un corto circuito fatale. A spiegarlo, è stato un esperto, interpellato dai giornalisti francesi: «L’acqua è un conduttore di corrente ed è il motivo che ha scatenato la tragedia.

Se il telefono non fosse stato collegato a una fonte di energia da 220 volt non sarebbe successo nulla». La spiegazione è corretta, almeno in parte. All’interno dei telefonini odierni c’è una batteria che non rilascia corrente verso l’esterno anche quando il dispositivo è acceso.

Non a caso, cresce sempre più il numero di smartphone con certificazione IP67 o IP68, capaci di resistere a cadute accidentali in acqua o a immersioni più profonde e durature, fino a 3 metri e a 60 minuti. Il problema qui è la connessione del cellulare ad una sorgente elettrica, che porterebbe a seri incidenti solo in determinate situazioni.

C’è un però: la potenza da 220 volt di cui parla l’esperto non viene trasferita, totalmente, al cellulare perché ridotta e canalizzata dal trasformatore inserito nel caricabatterie. Al contrario, avremmo smartphone bruciati al primo caricamento. Le cause vanno allora ricercate altrove.

Lo smartphone di per sé non veicola elettricità. Anche se fosse agganciato alla presa a muro e da questa si staccasse per finire in acqua, la quantità di corrente che dalla porta di alimentazione passa per il cavetto non sarebbe tale da causare una folgorazione (si parla di 3 volt).

Certo, porte difettose o cavi sbucciati con parti scoperte indurrebbero esiti fatali ma sono solo congetture che le indagini dovranno chiarire. Una possibilità, la principale da vagliare, è quella della caduta in acqua di tutto il caricatore, i cui “dentini” potrebbero essere il presupposto del passaggio di corrente da una fonte primaria attraverso il conduttore, e da qui alla persona immersa.

Una potenza sicuramente minore di 220 volt ma resa rischiosa da alcune condizioni, come l’assenza di un salvavita.

Ed è quanto successo nel 2017 ad una ragazza di Crotone, folgorata da una ciabatta caduta nella vasca, alla quale era attaccato un telefonino in ricarica.

Proprio per questo, è necessario che le case produttrici adottino maggiori accorgimenti, anche in termini d’informazione ai consumatori per evitare che si ripetano casi analoghi.

Giovanni D’Agata

Continua a Leggere
Pubblicità

Più Letti

Copyright © 2019 Gieffeplus